Una delle cose che più spesso mi accadeva negli appuntamenti era di voler fare colpo e incuriosire la ragazza che avevo di fronte. Addirittura prima di incontrarla mi preparavo una serie di argomenti da utilizzare e come proprorli per essere il più intrigante possibile.

In pratica era come prepararsi per una interrogazione a scuola! Per cui mi ero studiato su internet e siti vari una serie di argomenti che fossero di maggiore o minore interesse e soprattutto quelli da evitare totalmente:

  • Religione.
  • Politica.
  • Mafia.
  • Etica, valori personali ecc.
  • Ex.
  • Sesso.
  • Calcio.
  • Playstation e simili.
  • Fumetti e roba da “nerd”.
  • … (ed altri che non mi ricordo).

E poi facevo il processo contrario e cercavo invece cosa dire, gli argomenti più validi per capire come intrattenere una ragazza e farla stare bene con me, senza farla annoiare.

Come intrattenere una ragazza: il giullare.

Agli appuntamenti, quindi, mi presentavo pronto e teso come una corda di violino. Sicuro di tutte le informazioni che meticolosamente avevo preso e studiato da tutti i fenomeni della seduzione che si trovano in giro (anche qualche amico).

renzi_giullareQuesto che avevo era il tipico comportamento da imbonitore, da giullare di corte che fa l’incredibile errore di intrattenere una ragazza anzichè conoscerla davvero e soprattutto farsi conoscere per quello che si è. Si ha la malsana convinzione che un primo appuntamento debba essere eccezionale, memorabile, mitico.

Quando in realtà basta che lei sia stata a suo agio, se poi sei stato in grado anche di sedurla in base ai suoi tempi, e i tuoi, allora è ancora meglio. Ma lei non è uscita con te per farsi intrattenere, è uscita con te per conoscerti e sapere in fin dei conti come sei e se vai o potresti andare bene per qualche genere di rapporto.

Questo voler intrattenere una ragazza è figlio, come quasi tutti gli errori della seduzione che commetti, della paura, della bassa autostima e dell’idea SBAGLIATA della seduzione che il nostro sistema sociale ci ha obbligato ad accettare quando in realtà la seduzione è una cosa così semplice.

Può bastare uno sguardo, una carezza o anche solo il fatto che tu abbia un hobby un po’ scemo a far scattare quella scintilla che la spingerà a volerti rivedere per sapere chi sei!

Forse non te ne sei mai reso conto ma inizi a intrattenere una ragazza nel momento in cui la metti sul piedistallo e tenti di compiacerla, se dice una cazzata faglielo notare. Se palesa un concetto del quale tu non sei daccordo, diglielo con garbo.

I rapporti, anche il solo scopare, nascono anche e sorpattutto da una sorta di sano conflitto. Se ci pensi l’atto sessuale è simile ad una lotta, è la keynatura delle cose ad essere sanamente conflittuale perchè è la nostra animalità, il nostro istinto ancestrale la chiave della seduzione.

Se invece parli tutta la serata di quello che lei pensi possa desiderare, le dici sempre di si e accetti ogni sua considerazione come fosse una verità data sul Sinai allora stai pur certo che lei vorrà rivederti, ma solo come amico, non di certo come qualcosa di più. Una donna vuole il confronto per crescere e sentirsi viva.

In tutto questo non voglio dire che non c’è un “metodo” nella seduzione, ma che deve essere sano e senza dimenticare la tua dignità che vai a ledere nel momento in cui esci con una ragazza solo per dirle di sì e appunto intrattenerla. Sapere alcuni “trucchi” è utile se non sei così avvezzo alla seduzione, ma non fare l’errore di intrattenerla, impara la sottile arte del “no“.

In questo l’ironia diviene uno strumento fantastico, con essa puoi dirle quei famosi “no” ma in modo leggero, divertente e senza offenderla troppo. E’ un modo elegante per uscire da situazioni complicate.

Non devi focalizzarti su come intrattenere una ragazza o ti ritroverai a farle da giullare qualche sera mentre lei messaggia e si vede con qualche uomo che è in grado di dirle “no” e che non esce con lei per farle un favore, ma per stare bene insieme.

11 Commenti

  1. Secondo te è esagerato rispondere ad una ragazza che se la tira molto e fa spesso delle uscite poco felici “fai sempre commenti così maleducati sugli altri, oppure solo in questo momento perché sei in un periodo particolare del mese?”. E’ esagerato? Vorrei farle capire che non può comportarsi come vuole mancando di rispetto alle altre persone solo perché in quel momento è di cattivo umore!

  2. Caro sensei, innanzitutto volevo ringraziarti per i tuoi preziosi consigli! Leggendo i tuoi articoli ho capito molti miei errori del passato (ad esempio, quando volevo provarci con qualcuna in genere lo facevo dichiarandomi apertamente… non serve che ti dica come finiva puntualmente), e credo di esser migliorato molto grazie a te!
    Ti scrivo anche per chiederti un parere.
    C’è questa ragazza che ho conosciuto online qualche anno fa. All’inizio c’era un reciproco interesse, ma lei viveva in una regione molto distante da me e quindi siamo rimasti solo amici. Nel frattempo ha conosciuto un ragazzo, che però la usa solo per il sesso. Lei si lamentava spesso con me, dicendomi che lui era dolce solo quando voleva altro da lei, e poi per il resto del tempo non la filava per niente; io le dicevo di lasciarlo perdere, ma non mi ascoltava. Il caso ha voluto che qualche tempo fa si sia trasferita nella mia città, avevamo pensato di vederci, ma quando ho visto che ancora era molto presa da questo tipo ho deciso di lasciar perdere, e ho smesso di farmi sentire del tutto per qualche mese. Pochi giorni fa ho visto che ha postato su facebook una foto della mia città, e al che ho deciso di contattarla per chiederle di prenderci un caffè assieme, lei accetta subito dicendomi che stava pensando da qualche giorno di chiedermi la stessa cosa.
    L’appuntamento (si può definire appuntamento, vedersi due ore per un caffè? xD) credo sia andato bene, ma non ne sono sicuro. Ti spiego: quando è arrivata, ammetto di aver avuto varie occasioni per fare del contatto fisico, ma preso dall’imbarazzo del momento non ho saputo cogliere le occasioni; prima di fermarci al bar, però, abbiamo fatto una passeggiata abbastanza lunga, e ho camminato molto vicino a lei, in modo che le nostre spalle si sfiorassero di tanto in tanto, e lei non si è mai scansata. Come dai tuoi consigli, non ho “preparato argomenti” per intrattenerla, ma ho lasciato che parlasse soprattutto lei, facendole domande mirate su quello che mi diceva per dimostrare interesse. Quando ci siamo seduti al bar, mi è sembrato che in qualche momento facesse anche del mirroring, ma… dopo tre volte che nominava il tizio che la usava solo per il sesso, ho fatto l’errore di chiederle come andava con lui, e lei ha cominciato a raccontarmi tutto quello che le aveva fatto passare in quei mesi, dichiarandomi che anche se non si sentivano da un po’, voleva rivederlo per parlargli e chiarire le cose – il che, dopo un po’ ho capito voleva dire che voleva tornare con lui. Dopo più di mezz’ora che mi parlava di questo essere mi sono stancato, ho comunque cercato di mantenere la leggerezza di cui parli sempre, quindi invece di dirle di smetterla di andare appresso a uno che non la vuole e di parlarne con me, ho cominciato a prenderla in giro, facendole un po’ il verso (tipo “oh, lui è così dolce con me… certo, solo quando si conclude, ma è così impegnato, poooveriiinooo… e poi si è lasciato da sooolooo 9 mesi con la sua ex!”), e lei un paio di volte ha anche riso, dandomi ragione.
    Fatto sta che a un certo punto mi ha detto che anche se ora non ci riesce, forse dovrebbe solo cercare di concentrarsi sul lavoro e dimenticarlo… e poi ha aggiunto una cosa che mi ha colpito: ha detto che sarebbe bellissimo riuscire a non pensarci più e trovare un altro che le fa perdere la testa, che la faccia innamorare così tanto da non pensare più a lui, e magari se lui tornerà in futuro potergli dire “no guarda, ora sto con tizio e sto mille volte meglio con lui che non con te”.
    Forse ci sto rimuginando troppo ma… poteva essere rivolta a me, questa frase? mi stava dando una sorta di “permesso” di provarci? o era solo una considerazione in generale?
    forse avrei dovuto osare di più, invece le ho solo detto che sì, sarebbe davvero una soddisfazione enorme, e che secondo me lei merita qualcuno di molto meglio.
    Dopodiché l’ho salutata, un po’ a malincuore, ma avevo organizzando (forse sbagliando) l’appuntamento in modo che durasse un paio di ore, in modo da evitare imbarazzi da parte di entrambi in caso non fosse andata bene, e non potevo trattenermi.
    Una decina di minuti dopo esserci salutati (stavolta con un bacio sulla guancia, che non sarà granché ma è meglio di niente…) le ho mandato un messaggio ringraziandola del bel pomeriggio, che spero sia seguito da altri, facendole dei complimenti sul suo aspetto fisico (meritatissimi, tra l’altro) e usando un nomignolo-battutina su una cosa che le aveva detto “quell’altro”. Lei ha totalmente ignorato la battutina, ma mi ha ringraziato dei complimenti e mi ha detto che sicuramente ci rivedremo, dopodiché ha smesso di rispondermi.
    Sarà un buon segno? mi sono comportato nel modo giusto?
    Per ora ho smesso di risponderle, e pensavo di invitarla di nuovo a uscire tra un paio di giorni. O forse devo aspettare che mi richiami lei?
    Inoltre, se tira di nuovo fuori l’argomento “l’altro” cosa devo fare? Se le dico che mi infastidisce potrei essere quello insensibile e permaloso, ma se la lascio parlare rischio di finire per essere l’orsetto del cuore…

  3. Sensei, se è possibile avrei bisogno di un consiglio più specifico con questa collega. Ho provato a non fare più il suo gioco..però quando lei fa la battuta allusiva sul fatto di essere una coppia o altro ora non so più che dire per impedire che il gioco vada avanti..e magari o sorrido o sto serio per non far continuare il gioco (anche se penso che ormai mi vede come un amico-collega con cui scherza) per dire gli ho detto..se vuoi vieni a fare il corso di salsa che sto facendo io..lei mi fa ..”beh, potrei venire a fare la prima prova gratuita…così almeno siamo una coppia di ballo se non una coppia nella vita reale!”
    Poi non so se verrebbe sul serio..perché appunto siamo sempre in tono leggero e scherzoso.
    So che probabilmente è una cosa stupida quello che ti sto chiedendo ma non riesco ad uscire da questo gioco e provare a farlo diventare una cosa seria. Ho cominciato ad aumentare il contatto fisico però rimane sempre il tono scherzoso e ormai da colleghi-amici.
    Tipo aveva le ginocchia esposte (per i pantaloni stracciati) e ho cominciato ad accarezzargli un ginocchio visto che lei mi toccava e abbracciava spesso (del tipo tu mi provochi ed ora ti provoco io) e li diceva che erano una sua zona erogena… e allora si ritirava..l’ho fatto più volte e sembrava un po’ imbarazzata..era diventata un po’rossa e diceva che gli avevo fatto venire caldo perché era veramente una sua zona erogena.

    Un’altra cosa volevo dirti, in passato quando mi avevi risposto avevi notato come in alcuni commenti io fossi un po’ pesante e dimostrassi un po’ di insicurezza. Così in questo periodo mi sto concentrando molto sulla leggerezza (non solo con le ragazze ma proprio in generale)..forse anche per questo non so bene come comportarmi ora con questa ragazza..

    • Spingi più che puoi sul contatto fisico e non ti ritirare se lei è imbarazzata, se effettivamente c’è interesse da parte sua la spinta sessuale che le darai potrebbe stravolgerla. Esagera (nel lmite del legale sia chiaro)!

  4. Si, ma secondo me il problema è che fra i due ti posso assicurare che è lei la buffona o la giullare.
    Una volta mi ha anche chiesto scusa perchè si era resa conto di aver esagerato e di ammettere di essere una rompipalle.
    Poi per il gioco di coppia lo faccio anche perchè avevo letto che c’era un modo di flirtare che consisteva nel giocare a fare la coppia.
    Quindi vuoi dirmi che devo proprio uscire da questo gioco per sedurla veramente (ormai mi ha associato in quell’idea in questo gioco) ?

    • Si ma si flirta fino a un certo punto, poi il gioco va cambiato o diventa una noiosa routine e non si conquista una ragazza con la noia e le abitudini!

  5. Il mio umile contributo a integrazione dell’articolo. A un aperitivo conosco una ragazza bella, intelligente, socievole, con un buon lavoro e tante altre belle cose (per capirci, una di quelle a cui fino a un paio di anni fa non mi sarei neanche avvicinato). Ho applicato i consigli del Sensei da subito e in modo sistematico (contatto fisico, inviti a voce, telefonare invece che nascondersi dietro messaggini ecc…), lottando contro il mio cervello che continuava a consigliarmi di lasciar perdere perchè non ero all’altezza. Inoltre ho deciso di non compiacerla, anzi, l’ho provocata intellettualmente in alcuni discorsi, fino ad arrivare anche a discussioni accese in cui lei si mostrava interessata ma quasi offesa. Inutile dire che, in quell’ambiente, è anche circondata da zerbini e sfigati di ogni tipo che cercano di invitarla e compiacerla. In particolare uno scemo patentato, dopo averla riempita di complimenti fisici e altre scene raccapriccianti di zerbinaggio spinto che mi hanno dato la nausea riesce a portarsela in una serie di serate in discoteca e a una cena. Al momento ci sono rimasto molto, molto, molto male. Ma piuttosto che fare o dire cazzate decido per un reset totale. Mi ero sbagliato sul suo conto? Il Maestro Sensei racconta palle? No, in realtà durante la cena con il tizio, mentre io me li immaginavo a limonare, lei trova il tempo di mandarmi messaggi in cui mi chiede “Ma dove sei finito? Sei sparito!” a cui rispondo in modo molto leggero dicendo che sto benissimo e che sto facendo troppe cose per cui ho avuto poco tempo. Inizio a credere che, essendo nuova della zona, stia in qualche modo usando quel tizio solo per farsi invitare in alcuni locali e per svagarsi un po’. Ora, non dico che ce la farò, non dico che non devo stare attento, non dico che ho vinto la guerra, ma sicuramente ho vinto una piccola battaglia. Il mio comportamento si è discostato dalla massa informe degli zerbini. Sembra proprio che io le abbia suscitato qualche emozione vera, di cui ora sente il bisogno anche MENTRE esce con l’altro (esattamente come ha descritto il Maestro nell’articolo).

    • Non so come andrà a finire con lei ma ne uscirai davvero come vincitore, stai liberando l’animale che è in te, te ne rendi conto? 😀

  6. Ciao Sensei,
    vorrei chiederti un consiglio su una situazione.
    A lavoro da qualche mese c’è una nuova collega. Nelle ultime 2-3 settimane complice un collega che ha detto che avevamo i gusti musicali in comune e allora dovevamo metterci insieme questa fa “dai, facciamo un po’ di gossip in azienda..” Così da quella lei ha fatto finta di corrermi dietro e io per assecondarla faccio finta di essere suo marito. Dopo un po’ che va avanti questa pantomima 😉 che per essere un po’ più chiari..all’inizio lei faceva finta di farmi le avances con mille messaggi del linguaggio del corpo e verbale accusandomi di non vedere questi chiari messaggi subliminali (ma in realtà mi da pacche sul fondoschiena (a cui delle volte rispondo anche io perchè è proprio una rompiscatole a volte), quando mi aspetta fa sempre per aspettarsi un bacio, una volta addirittura ha fatto finta di farmi un rapporto orale quando eravamo a pranzo , un’altra volta mi è saltata proprio in braccio,ecc.. ) tutti tiri da pazza tipo che fanno morire dal ridere oltre a me anche tutti gli altri colleghi presenti nella pausa pranzo. Sempre a lavoro poi ci mandiamo mail aziendali prendendoci un po’ per il culo a vicenda e facendo sempre finta di essere sposati, ecc..tipo che lei mi aspetta per una sveltina ad una certa ora in azienda ma per ben 3 volte mi sono rifiutato!! e devo soddisfarla in quanto moglie..

    In questa fase in cui praticamente tutti e 2 stiamo un po’ recitando la parte ridendo e scherzando mi sta venendo il dubbio che non possa piacergli sul serio..questo perchè prima che iniziasse tutta sta pantomima mi aveva dato qualche piccolo segnale di interesse (aveva chiesto ad uno se avevo la fidanzata, e un’altra volta anche del contatto fisico normale ma mi stava vicino molto ad un meeting mentre gli spiegavo un po’ di cose lavorative).
    La mia difficoltà principale sta che non sono veramente abituato ad una persona del genere.. diciamo scatenata, molto energica..ecc..per dire so che fuma ogni tanto anche droghe leggere e addirittura è andata a letto con un diciasettenne quando lei ora ne ha tipo venticinque e ormai lo sanno un po’ tutti li…quindi in tutto questo contesto non so bene come inquadrarla.
    Secondo te dovrei provare ad invitarla fuori dal lavoro per magari un occasione (tipo il cinema..visto che una volta mi aveva chiesto di vedere un film o altro..) come fosse una cosa naturale tra marito e moglie?
    Poi che idea ti sei fatto di questa ragazza.. hai conosciuto ragazze che fanno finta di correrti dietro e come fai a capire se gli piaci veramente?

    • Sei finito in una sorta di zona amicizia dalla quale devi uscire al più presto, smettendo di fare il giullare (vedi articolo a riguardo). inizia a sedurla non da buffone di corte ma da maschio, perchè stai nascondendo le tue paure dietro finti giochi coniugali e battute sceme.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here