Tra le decine di migliaia di commenti che ricevo ogni anno c’è un comun denominatore che unisce una buona parte di chi scrive, per la maggior parte ragazzi che cercano come rinconquistare la ex o di innamorati di una tipa che li manda ai pazzi: sto parlando di come conquistare una donna confusa.

Incredibilemente sembra che tutte le ragazze hanno determinate caratteristiche, confuse come detto, ma spesso anche strane, orgogliose, chiuse, timide e tanto altro. Quando poi il più delle volte, non sempre a dire il vero, si tratta semplicemente di ragazze che non sono state sedotte.

Cosa starà pensando?
Cosa starà pensando?

Per cui prima di pensare a come conquistare una donna confusa è il caso di capire se effettivamente si è fatto qualcosa per sedurla e poi capire le ragioni della sua follia femminile. Per capire se hai almeno tentato di sedurla vediamo questa semplice chek-list di azioni che devi aver fatto:

  1. Contatto fisico, esso è la base della seduzione, senza il CF è come giocare a tennis senza racchetta!
  2. Ironia, leggerezza e gioco, e non intendo farla ridere, ma farla stare bene senza impegno e senza fare il giullare di corte.
  3. Esserci ma non sempre, spesso si confonde la seduzione con la presenza. Seduzione significa anche sapersi levare di torno per farle sentire la tua mancanza.
  4. Sesso, e non parlo di scopare, ma di stimolarla anche dal punto di vista sensuale attraverso in primis il contatto fisico e poi anche con battutine maliziose e allusioni intriganti.

Visto che devi riconquistarla significa che almeno alcune di queste cose, in teoria, le hai fatte e finalmente sei riuscito a farla tua. Ma stare con una ragazza non significa sedurla prima e poi darla per scontata, va sedotta giorno per giorno, e tu? L’hai sedotta ogni giorno?

Ecco un elemento che può già fare un po’ di luce sul perchè lei è così confusa: la tua mancanza di coerenza

Come riconquistare una donna confusa, la loro vera natura.

Di base una ragazza è confusa per sua natura a livello sentimentale, sembra non sapere cosa e chi vuole e qualsiasi cosa dici o fai appare il contrario di quello che lei vorrebbe, ma non è sempre così. Molte volte sembrano non gradire cose che invece sono proprio quello che vogliono davvero, perchè?

Perchè il problema non è l’azione, ma chi la fa. Quindi il problema sei tu. E già qui abbiamo un altro tassello dell’intricato modo per capire come riconquistare una donna confusa. Perchè lei di sicuro prova qualcosa per te però per qualche ragione non è convinta e questo la fa agire nel modo più caotico e casuale possibile.

aramaico antico
Sai leggere l’aramaico antico?

In realtà, a dirla tutta, c’è una sorta di logica nel suo modo di agire. Lei, magari nel modo sbagliato, ti sta urlando delle direttive precise che vorrebbe da te, il problema è che te le dice in aramaico antico pur conoscendo perfettamente l’italiano!

Perchè fa così? Non ci interessa saperlo, o almeno su internet una risposta a questa domanda non solo non la troverai mai, ma ti cosniglio con tutto il cuore di non cercarla. Perchè devi essere tu e soltanto tu a comprendere le ragioni, quelle vere, della sua confusione. Lo so che costa fatica, ma se non sei in grado di capirlo forse è giusto che fra di voi sia finita.

Conoscere qualcuno significa amarlo, se non sei in grado di farlo non è un dramma, ma una parte integrante del nostro percorso di vita.

Come riconquistare una donna confusa: una volta che hai capito il perchè.

Diciamo che ti sei reso conto delle ragioni della sua confusione, come agire? Parlaci, lo so che vorresti che ti dicessi cosa dirle, le frasi ad effetto stile film o altre caxxate di questo basso livello emotivo, ma non te le dirò mai!

Se sei arrivato fino a capirla allora apri il tuo cuore e parla con lei, lasciati andare, dimostrale che tu tieni a lei a tal punto da esserti addentrato nei meandri più oscuri del vostro rapporto, che hai analizzato con ferocia i tuoi errori.

Non le dire, questo te lo posso consigliare, che cambierai perchè non averbbe alcun valore, ne ha molto di più il fatto che tu abbia messo da parte orgoglio e ragione per arrivare fino al suo vero io. Una volta arrivato a questo punto è il momento di aspettare, lasciarla tranquilla e seguire la tua vita. Leggi gli articoli sul Come riconquistare la ex.

102 Commenti

  1. ciao sensei
    La mia ragazza mi ha lasciato dicendomi che aveva bisogno di tempo per decidere se ero la persona giusta e se era in grado di andare avanti con me o se doveva andare avanti da sola. In passato mi ha perdonato diversi sbagli . bugie ed tradimento e la relazione era diventata del tipo tira-molla , dopo l ultima volta che ci siamo avvicinati ho visto che era confusa appena mi allontanavo un po appunto perché mi ama pero è stanca delle delusione e non ha più forze per andare avanti e quindi questo ha creato un confronto dentro di lei . si sente confusa e mi ha chiesto del tempo senza vederci per capire cosa vuole e per capire quale delle due parti che dentro di lei si scontrano ha ragione , ho paura che il tempo sia mio nemico, e che per la prima volta che sono disposto a lottare per il rapporto la perda .Solo che mi ha detto che non dipende da me stavolta .Lei in se non ha sbagliato niente ma ogni volta facevo qualcosa io e anche se diverse volte mi ha detto di allontanarmi non l ho mai fatto e l ho sempre recuperata solo che sta volta non mi ha detto di allontanarmi o di dimenticare ed andare avanti , mi ha soltanto chiesto del tempo per chiarire le sue idee e dopo tutto quello che ho fatto ho paura che in questo tempo non voglia tornare pur se mi ama ancora, me l ha detto , me lo dimostra e lo so.

  2. Ciao Sensei
    La mia ragazza mi ha lasciato dopo due mesi da quando eravamo ritornati insieme dopo tre anni dopo essere stati fidanzati per due anni, ma stavolta non mi ha lasciato perchè ho fatto i classici errori che commettono i ragazzi fidanzati, nei tre anni che siamo stati lontani ho lavorato molto su di me per corregere i miei difetti. Ed in effetti lei mi disse che era tornata con me perchè aveva lasciato un bambino ma aveva ritrovato un uomo vero.
    Ci siamo rifrequentati per 4 mesi di nascosto del suo ex (lei stava male perchè il suo ex la trascurava e la sera si fermava a fumare una sigaretta con me e ci raccontavamo come due amici di vecchia data), poi è riscoccata la scintilla che l’ha riportata tra le mie braccia. In questi due mesi ufficiali che eravamo tornati insieme tutto sembrava anzi erà più bello della prima volta, tutto perfetto fino a una settimana fa, quando mi dice di dovermi parlare e tra le lacrime mi dice che ha ricevuto una telefonata dal padre dell’ex in cui le dice che il figlio ha ricevuto una brutta notizia (problema di salute) e mi dice che nn se la sente di stare con me mentre lui sta male e mi molla.
    A volte la natura umana è strana, lei ha ammesso di lasciare una persona che la rendeva felice per tornare tra le braccia di chi l’ha sempre fatta soffrire. Questo piccolo uomo (cosi merita di essere chiamato chi a 40 anni si rivolge al padre per essere aiutato), è nella vita della mia ex da sempre quando erano ragazzi ebbero una relazione ma lui tronco nel momento più delicato della vita della donna contesa (perse un fratello) e dopo un po si sposò ed ebbe un figlio. Poi quando venne a sapere che si era lasciata con me è tornato alla carica ed in un anno e mezzo l’ha fatta soffrire molte e molte volte accusandola di tutto buttando addosso a lei tutti i suoi problemi e trascurandola.
    Ma nonostante lei mi ha lasciato per la seconda volta, nonostante tutti mi dicono di dimenticarla io non riesco perchè sono innamoratissimo di lei e lei lo sa che provo per lei.
    Io la rivoglio e farei di tutto per riprendermela

    • Chiami “piccolo uomo” un altro, con tutta questa facilità, solo per il tuo punto di vista? Focalizzarsi su di lui è da immaturo, per quanto tu desideri mostrarti un vero uomo con questa frase mi hai dimostrato il contrario (e non te ne uscire con inutili giustificazioni). E in più non sei in grado di gestire una situazione del genere quando, una persona matura (anche priva di esperienze seduttive) saprebbe cosa fare. Ma non ti viene da riflettere? Posso pure dirti cosa, secondo me, dovresti fare, ma non sei pronto.

  3. Ciao sensei,
    parlando un pò della mia storia vorrei sapere qualche consiglio, la mia ragazza mi ha lasciato 4 mesi fa dopo una storia durata 4 anni, all inizio stavamo bene insieme, lei mi amava e diceva che io ero tutto per lei, poi da un anno a questa parte io per lavoro sono dovuto partire e quindi inizia la relazione a distanza, io cerco sempre di scendere ed essere presente, però lavorando non è facile, lei soffre un pò questa cosa.
    passa un anno, inizia l estate e lei si lascia andare, scendo giù con la voglia di vederla facciamo l amore e l ultimo giorno prima di partire dice di non amarmi più ovvero che è confusa e che la distanza la faceva stare male. durante l estate sono sceso di nuovo e lei ha voluto vedermi per riprovare, ma stando solo una settimana, quando sono ripartito, mi ha lasciato di nuovo e mi dice che è troppo confusa! lei mi accusa del fatto che io abbia potuto fare qualcosa senza che lei lo sapesse perchè vivendo fuori tutto poteva succedere, ma non è stato cosi, non l ho mai tradita! ora è da un mese che non ci sentiamo più lei mi dice che se dovessi mancargli molto sarà lei stessa a salire per stare con me, ma adesso, nonostante, gli ho proposto di vivere insieme lei non vuole! ora mi chiedo, è una cosa che devo aspettare, oppure continuare a scendere e vederla, sinceramente sono anche un pò stanco di rincorrerla,però ci tengo tantissimo a lei! qualche giorno fa sono andato a ballare con degli amici perche avevo bisogno di distrarmi e lei il giorno dopo mi scrive dicendo “ecco ho avuto la prova del fatto che ora rendi solo pubblico quello che facevi di nascosto”

    • L’amore finisce e la distanza non aiuta di certo, mette in evidenza lacune e paure. Lei mi sembra una ragazza insicura che necessita di certezze e rassicurazioni costanti che, forse, tu non le hai dato (anche a causa della distanza). Ora puoi solo lasciarle tempo.

  4. Ciao Sensei.

    Da qualche settimana mi sto sentendo con una ragazza che vedevo già ai tempi poiché era la tipa di un mio amico..
    Mi ha sempre attratto e percepivo che la cosa era reciproca, ma bloccata dal fatto che fosse fidanzata..
    Adesso che si sono lasciati ci stiamo sentendo un po’, la maggior parte delle volte messaggiamo su whats app.. e di incontrarla è successo una volta..
    Ammetto che sono uno che si fa prendere dai messaggi, quindi stavo anche tutto il giorno a sentirla e lei ricambiava subito, delle volte se non rispondevo mi mandava dei messaggi lei.. Dopo che ci siamo visti tutto normale.. poi ha incominciato a oscillare tra il scrivere come sempre e l’essere distaccata..
    siccome ho capito che magari scrivendole sempre risultavo molto presente (anche se la cosa non era solo da parte mia) ho deciso di non farmi sentire per un giorno.. e nulla , silenzio totale.. è vero che un giorno è troppo poco per arrivare ad una conclusione, ma il silenzio così mi preoccupa.
    Ho sbagliato in qualcosa? magari nell’essere troppo presente? Io sono convinto che quando due persone si interessano non c’è un limite nel sentirsi.

    • Prima di tutto devi capire cosa vuoi da lei, perché non me lo hai detto. Secondo, a mio parre, ragioni un po’ da adolescente romanticone dei filmacci di serie z. Dici: “Non c’è limite al sentirsi”, hai idea di cos’è un rapporto con una persona? Degli equilibri che debba avere per durare? Del bisogno dei propri spazi? Della necessità di sentire la mancanza dell’altra persona?
      In più non ti fai sentire con lei per un giorno senza una ragione valida e pretendi che accada qualcosa, ma cosa ti aspettavi? Che ti scriveva di amarti? Devi darti una svegliata e agire.

  5. salve sensei avrei bisogno di un consiglio,mi sento con una ragazza piu piccola di me abbastanza piu piccola..nei messaggi tutto va bene ci sentiamo da circa due mesi,non ci frequentiamo ancora,ha sofferto da poco per una storia …praticamente a me ha detto che le piacio, che a me ci tiene tantissimo, pero’ che e’ confusa,inoltre ha smesso di rispondere come faceva prima ai miei messaggi, 1 per la precisione ed io ho smesso di scriverle..cosa mi consiglia di fare? grazie.

  6. Ciao ho da chiedere un parere.. è da un po’ di tempo che con una ragazza ho un rapporto molto stretto.. iniziato due anni fa quando lei mi contatto’ dopo aver capito che io da poco mi fossi lasciato..ci siamo visti e frequentati..io non ero completamente pronto poiché usvivo da una storia ma ero abbastanza preso..quando sembrava che le cose andassero bene lei non ne volle più sapere poiché c’era un altro di mezxo(cosa che ho scoperto dopo)anche se lei all’ inizio lo associo’ al fatto che io fossi poco aperto con lei… con questo ragazzo fini’ dopo pochissimo perché aveva una doppia storia..neanche un mese..cmq poi a distanza di un anno ci siamo riavvicinati e dopo diversi messaggi lei cmq accettò di vedermi..salvo poi dire di no poiché io lavoro fuori dalla mia regione e non ci sono sempre.. quando sono fuori le scrivo ogni tanto anche se non sempre tipo ogni 7-10 giorni. Lei è particolare… alcune volte mi fa sembrare importante…che mi vuole vedere ecc..altre che non le interesso . non so. Lei mi ha detto recentemente che una volta finita l’uni a Dicembre vorrebbe entrare a vedere più a fondo il nostro rapporto in modo da vederci pure più spesso e venirci più incontro…altre volte complice forse pure lo stress d’esame mi risponde così così.. secondo te come mi devo comportare?lei sa che ci tengo.. grazie

    • Non è come ti devi comportare con lei, ma fare due conti e capire che persona hai di fronte, perché mi sembra che tu non l’abbia minimamente capito. Credo che tu abbia anche poca esperienza con le ragazze, perché il discorso che fa è assolutamente insensato: finisco l’uni e poi ne parliamo, ma scherza??? Si parla di sentimenti non di una gita fuori porta che organizzerà a tempo debito… Vuoi vedere se tiene a te? Reset.

  7. ciao sensei
    Volevo chiedere un consiglio in merito ad una situazione molto anomala che mi si è venuta a creare con un a donna(40),abbiamo la stessa età,l ho conosciuta 1anno e mezzo fà,uscivo da una storia dove sono stato profandamente feito e devastato sul piano mentale,dopo qualche battuta ci siamo scambiati i numeri di telefono e da li è iniziata una sorta di conoscenza basata soprattutto sui messaggi,un po perchè io ero ancora molto scosso e quindi avevo paura di intraprendere una nuova storia,un po perchè lei tra impegni di lavoro e scuola di ballo e qualche blocco,siamo riusciti a vederci una sola volta,dopo appunto esserci visti io ho continuato a messaggiarla per quanche giorno fino a quando lei ha sbottato e mi ha detto che si sarebbe aspettata di piu di semplici messaggi,quindi mi sono allontanato diversi giorni senza cercala,ma poi l’ho ricercata,le ho spiegato tutte le mie paure e insicurezze,che lei mi piaceva ma non era un problema legato a lei ma a me, e da li abbiamo ripreso a scriverci,fin quando una sera(31 luglio)mi ha chiesto di vederci dopo un suo impegno,anche quella sera lei ha continuato a ripetermi di sbloccarmi e di non pensare piu al passato ma al presente,e l’ho baciata!Ho provato qualcosa di bello,anche lei sembrava molto presa da quel bacio….l’ho rivista dopo un giorno per un caffe rubato nel pomeriggio,e mi sembrava molto tranquilla,qualche coccolina,baci,e quando ci siamo salutati era tutto normale,Da li qualcosa è cambiato,ha rifiutato ogni mia offerta ad uscire con la scusa che doveva prepararsi per e ferie di cui aveva bisogno per staccare la spina da tutto,era piu fredda nei messaggi,e mi rispondeva molto a stento dopo averli letto e facendo passare anche mezz’ora prima di rispondere,si arriva al sabato,sapevo non lavorava e le chiedo di uscire,anche li mi da buca dicendomi che aveva un impegno…ci sono rimasto un po male e ho chiesto cosa stava succedendo visto quest’allontanamento e lei si rifugiava nella storia delle ferie.Molto infastidito e preso dallo sconforto ho publicato un aforismo su fb,(ho sbagliato)al quale lei ha reagito dicendomi che la dovevo smettere di postare queste cose,abbiamo avuto una mezza discussione per sta cosa e dopo mi ha bloccato su fb,su
    WhatsApp!!!il lunedi parte per le ferie e a mente serena ho capito di aver esagerato e le ho mandato un
    messaggio su messanger chiedendo scusa per il mio atteggiamento,scusa accettate!decido di farle passare le ferie se discussioni e non le scrivo(credevo di disturbare)il venerdi le mando un messaggio su messenger(unico posto dove potevo scriverle ero bloccato ovunque)e chiedo ”ciao come vanno le vacanze?”intorno alle 15,lo legge subito ma non risponde,verso le 20 irritato le scrivo ok non importa che tu risponda,a quel punto mi sblocca su WhatsApp e mi dice cazzo stavo guidando!altra discussione!!torna a ferragosto, mi manda un messaggio di prima mattina con scritto sono al bar vieni?vado…..chiariamo…abbracci….baci…sembra tutto passato, nel pomeriggio non ci siamo sentiti e a sera mi manda un messaggio e mi dice che fai stasera?io nulla, e lei mi dice che va ad una gara ippica e che se volevo potevamo vederci dopo,accetto!messaggiamo un po durante sta gara,verso le una e 20 le dico quanto ti manca(l’indomani io sarei dovuto andare a lavorare alle 6)e lei mi dice stiamo andando a prendere la macchina non lo so…da quel messaggio non risponde piu ai miei la vedevo entrare ed uscire da WhatsApp ..vado a letto!l’indomani mi manda un messaggio con scritto mi hanno rubato il telefono e poi l ho recuperato(che sia vero o no non posso dirlo)ti chiamo dopo,e dopo l ennesima chiarita le chiedo ci vediamo stasera? e lei avrei un mezzo impegno…rimango male ma non dico nulla…in settimana per vederla vado al lavoro da lei(lavora in una sala slot)e faccio le 3 di notte per starle vicino,arriviamo al venerdi,finalmente si dovrebbe uscire insieme!!!!preparo tutto,rosa,spumante,telo da mare…non le dico nulla per farle una sorpresa,appuntamento ore 21e30….21e15 mi manda un messaggio con scritto scusa ma la gamba mi fa troppo male non te la prendere….MI SONO INCAZZATO!!!Chiedo a mio fratello di accompagnarmi a fare una bevuta,posto la foto delle birre su fb…lei è la prima a commentare..io ovviamente non la caco di striscio per la forte delusione…passa qualche ora è mette un post che era in un locale,(ma non le faceva male la gamba?)la domenica posta che va dalla guardia medica per fortissimo mal di testa(ma non era la gamba?)ovviamente altra litigata dove ESAGERANDO le ho detto quello che pensavo,che è stata lei ad aver rotto le palle un anno e mezzo e adesso perche fai cosi???lei mi dice che ha bisogno di tempo per capire se può sopportare alcune cose del mio carattere!!preciso che i litigi avvenivano perche in 27 giorni lei non è voluta mai uscire di sera e che io le chiedevo di vedersi un po di piu!Mi sono rotto e non la cerco piu…tornerà?
    grazie e ciao!

    • Sicuro di essere maggiorenne? Lei è donna: ti testa in continuazione anche senza saperlo ed è confusa di base. Ti dovrebbe bastare questo per comprendere come tu ti sia comportato da adolescente. Se torna o non torna come puoi pretendere che io lo sappia (altro comportamento infantile)? Che sia stata poco chiara e sincera è vero, come è vero che sei stato al gioco e cascato in ogni sua trappola. Se una persona confusa fa casini tu ti devi mantenere saldo e sicuro, non scrivere cazzate su fb o litigarci per ogni cosa. Se ti manca di rispetto non lo fai notare con messaggi e simili, aspetti di vederla e glielo dici con calma, spiegandole le tue ragioni. SE poi non ti piace quello che dice, o in generale i suoi comportamenti, la lasci andare. Dignità e maturità per la miseria! Hai fatto talmente tanti danni (lei ha le sue colpe, questo è chiaro, ma tu hai un livello di immaturità impressionante, almeno in questo caso sembrerebbe così) che sarà dura. Però credo che ancora ti voglia, forse. Aspetta almeno un paio di settimane, prenditi del tempo per riflettere e poi, eventualmente, agisci.

      • IN EFFETTI HO SBAGLIATO TUTTO!GRAZIE PER AVER RISPOSTO NE PRENDO ATTO E LA LASCERò ANDARE…è UNA STORIA INIZIATA MALE FIN DA SUBITO,NON SI POTRà MAI RIMETTERE NEL BINARIO GIUSTO!GRAZIE…

          • ciao sensei,dopo aver chiuso come avevo anticipato,un paio di giorni fà si è ripresentata con un messaggio con il quale metteva LEI le mani avanti dicendo che non mi stava contattando perchè ha avuto ripensamenti ne perchè avesse LEI cambiato idea ma solo perchè visto che ho fatto parte della sua quotidianietà ha sempre avuto il pensiero su come sto!…non sò come interpretare il suo messaggio ma di sicuro se la stavo dimenticando adesso sono tornato nel pallone…che ne pensi?grazie

  8. Ciao Sensei, ogni tanto mi ritrovo a scriverti un messaggio, anzi ce n’è uno un po’ più in basso e rileggendolo ora mi sembro il primo degli imbecilli ahah.
    Questa volta ti scrivo avendo fatto passi in avanti, tre mesi fa ho conosciuto una ragazza tramite amici, è nata un po’ così ma dopo qualche uscita mi ha preso completamente e abbiamo iniziato a vederci sentirci ecc.
    Dei punti che hai elencato mi sento di dirti che li ho centrati tutti tranne il terzo.
    In sostanza oltre ad aver passato molto tempo insieme e dopo una scappatella alle terme (ci ha legati ancora di più) mi ha presentato alla mamma, agli amici più stretti, insomma mi ha accolto nella sua vita al 100%. Il problema è che di punto in bianco (anzi dopo averle accennato qualcosa sui miei e su casa mia) ho iniziato a sentirla un po’ meno presa, ho pazientato anche perché la nostra vita è continuata ad essere la stessa ma ad un certo punto, anche se ogni tanto ho visto un ritorno, mi sono sentito di chiederle qualcosa. Lì per lì mi ha accennato qualcosa su una passata relazione finita male poi comunque ci siamo presi una sera per parlare e lì abbiamo dato fondo a tutte le nostre paure e preoccupazioni. In sostanza quello che mi ha detto è che è indecisa perché per il 99% del tempo lei sta da dio con me, e ti parlo di intesa, interessi, sesso ecc, ma quando le capita di pensare ad una relazione seria inizia a titubare perché comunque penso che mantenendo un rapporto “fuori giri” per un po’ di tempo, ci sia stato un calo di interesse.
    Lì io le ho esternato tutti i miei sentimenti e i miei dubbi, le ho detto che se sceglie di allontanarsi da me per capire io non l’avrei assecondata e che avrei preferito chiudere. al che lei è scoppiata a piangere e vedendomi distaccato mi è saltata addosso baciandomi e cercando le mie mani. Al che dopo qualche battuta mia un po’ fredda le ho detto che me ne sarei andato perché non era il caso. Mi ha seguito fino alla macchina e mi ha detto “ci sentiamo domani”.
    Il giorno dopo mi cerca con nomignoli e mi scrive che parlare con me le ha fatto provare grosse emozioni, anche perché sa che non sono il tipo che esterna certe cose.
    Le rispondo con tono medio, non freddo ma neanche con entusiasmo..ci sentiamo il giorno dopo e riprendiamo il discorso di qualche sera prima, mi dice che avendo sofferto dopo una storia lunga, quando pensa ad una storia le partono i pensieri e le vengono fuori fragilità che cerca sempre di nascondere con il suo carattere forte.
    Poi mi dice che vuole vedermi, ci vediamo coi nostri amici e prima di salutarci mi da un bacio. Da quando abbiamo parlato io ho iniziato a cercarla sempre meno e lascio che sia lei a cercarmi il più delle volte, le racconto cose che faccio (e che avrei potuto fare con lei) così da farle capire che ho una vita anche senza di lei e cerco sempre di metterle le cose (anche solo inviarle una foto) come una sfida. In sostanza sto cercando di ricreare attrazione, credo che accecato dai sentimenti io abbia smesso di corteggiarla e che quindi abbia perso un po’ la grinta dei primi momenti.
    Lei non ha smesso di cercarmi e allo stesso tempo ho avuto modo di pensare: mi ha detto che dopo una storia di 8 anni ha troncato malamente per problemi mai risolti, ha sofferto molto e si è fatta un anno e mezzo di esperienza all’estero per riprendersi se stessa e dopo due anni dalla rottura è uscita con un ragazzo, durata si e no una settimana, poi sono arrivato io e le ho stravolto la vita, si è sentita legata a me come se ci conoscessimo da una vita. Credo che complice il calo di attrazione e il sentirsi di nuovo vulnerabile dopo tanto tempo le abbia mandato il cervello in confusione o meglio sono stato io.
    Ora mi trovo nel limbo, diciamo che sto cercando di sentirla e vederla con leggerezza, senza farle pressione di alcun tipo e cercando solo di stuzzicarla.
    Nel messaggio in cui parla delle emozioni mi ha anche detto che apprezza tantissimo lo sforzo che faccio per andarle incontro.
    Non so se riuscirò a farle cambiare idea, però ci sto provando con tutto me stesso.
    Ti chiedo solo di darmi qualche dritta per non fare ulteriori danni.

    • Prima o poi farò un articolo intitolato “se non si fa sentire” o “si fa sentire ma sembra meno presa”. Perché ti assicuro che il 90% dei commenti di chi resetta vertono su questo aspetto, normale a dire il vero. Se ti piace una ragazza, cosa fai di solito? La cerchi. Se non ti piace una ragazza? Non la cerchi. Se non ti piace abbastanza oppure in quel momento non hai testa per una relazione? Non la cerchi? Sarebbe possibile farti cambiare idea? Non credo proprio. Di conseguenza, pare chiaro, che sei non si fa sentire avrà le sue buone ragioni (?) e tu, ahimé, non potrai fare nulla per farle cambiare idea perché hai già fatto tutto quello che era in tuo potere. Tutti noi dobbiamo imparare ad accettare i rifiuti, che non significa di farlo in modo neutro e senza dimostrare il proprio malessere per difendere la nostra dignità (es. ti ci ha fatto credere pur sapendo che non avevi chance).
      In conclusione, cosa puoi fare adesso? Avere pazienza, non pretendere nulla che sai che lei non potrà darti, per il momento, evita di scomparire troppo non avrebbe senso invece riaccendi la passione comportandoti come facevi all’inizio e come ti senti tu di fare. Non “cercare di stuzzicarla”, mi sembra una frase in questo momento davvero proprio appropriata, invece vivi il rapporto senza PRETESE.

      • Grazie della risposta Sensei però non ho ben capito quello che dici, non del tutto almeno.
        Quando mi ha detto che “non so se dovrei staccarmi o vivere le cose senza troppe paranoie” io le ho chiesto di vederci per parlare, le ho detto che se siamo persone mature e da quello che dice ci tiene molto a me, forse la soluzione è parlare, discutere e litigare anche ma allontanare una persona per capire secondo me non ha molto senso.
        Abbiamo due caratteri simili per certi versi, io sono riservato e lei anche, perciò abbiamo sempre fatto fatica ad aprirci, per questo mi ha scritto che dopo aver parlato le ho suscitato emozioni che non credeva di poter provare e che è stato bello aprirsi a vicenda.
        Detto questo non ho mai scritto che non mi cerca, anzi mi cerca molto spesso e quando lo fa noto anche un certo entusiasmo nel voler condividere con me quello che fa, l’unica cosa che è cambiata è che da una settimana non ho ancora sentito dirle “ci vediamo” inteso come io e lei. A volte mi fa anche battute sul mio coso facendomi capire che mi vuole, poi però nel concreto non ci vediamo. Diciamo che la differenza è che prima visto il suo essere riservata, anche quando eravamo tra amici non è mai stata particolarmente affettuosa, poi però alcune volte lo era e in generale quando eravamo soli lo era particolarmente. Invece adesso è venuto a mancare il tempo in cui siamo soli.
        Io ancora non gliel’ho neanche chiesto di vederci, anche se lei l’altra sera mi ha detto che sperava di vedermi (mi ha raggiunto da sola in un posto in cui ero con un mio amico e quando è andata via mi ha baciato) e penso che continuerò appunto come mi hai consigliato tu, pensando a riaccendere quel fuoco che ci bruciava dentro fino a poco tempo fa, ovviamente senza pretendere niente in cambio.

        • La mia era una considerazione “generica” su una forma mentis che non aiuta. Mi sembra che tu ti stia facendo veramente mille paranoie in base ai suoi personali cambi d’umore, non puoi essere così, devi mantenere tu la rotta se lei non è in grado di farlo in questo momento.

  9. Ciao Sen,
    Ho una relazione con mi moglie da 10 anni, lei cuando l’ho conosciuto era sola, abbandonata dalla famiglia e tutti, cosi nel lapso di pochi mesi decisi di proporle di venire a vivere con me. La risposta fu affermativa e da li a 10 anni, nel frattempo abbiamo avuto un figlio, comprato casa e tutte le cose che le famiglie normali fanno. Consto che avevo 22 anni all’epoca.
    Negli ultimi anni il rapporto, soprattutto sessuale, é andato scemando, fino ad arrivare al momento di tradirla con un altra. Mi sono sentito malissimo non lo nego. Premetto che del discorso ne avevamo anche parlato in molte occasioni peró non ci sono stati cambiamenti, la vita sessuale era molto piana.
    Agendo da codardo, non ho avuto il coraggio di dirglielo fino a circa un mese fa, dove, dopo alcuni gg di comportamenti strani (sull’orlo dell’esaurimento lei) mi confessa che mi tradiva da circa un anno con un altro (che peraltro conoscevo e del cuale in molte occasioni mi riferiva che era solo un amico), per lo che mi sono infuriato (lo so suona ipocrita) e gli ho rivelato tutto. In un primo momento le cose sembravano distrutte ma poi con il passare dei giorni si sono attenuate.
    Io la amo ancora e lei mi dice che contraccambia, peró necessita un periodo di tempo per poter prendere una decisione definitiva e vedere se puo cambiare. Da cuando é andata via, qualche giorno, con mio figlio e senza darmi l’indirizzo del luogo, non faccio altro che pensare a lei… e lei a volte mi scrive, a volte mi chiama, si preoccupa ma altre volte é molto fredda. Mi dice che é piacevole passare tempo con me e che probabilmente ritornerá. ?????? sará vero????
    Io davvero sono cambiato, non faró mai piú una cosa simile anche perché chi piú la paga é chi sbaglia, e vorrei riconquistarla, peró non so se faccio bene o se é tempo di cambiare….(spero ancora che dopo questo periodo davvero possano cambiare le cose, sará nella natura del maschio?)
    cerco in questo momento di fare le cose che mi sento di fare, mi preoccupo, mi faccio sentire (varie volte anche lei), peró a volte mi lancia segnali di volermi ancora e a volte di estrema freddezza. Ad esempio oggi ci siamo trovati per 20 minuti e non mi guardava negli occhi, peró perché ha accettato vedermi? e mai me lo ha negato….
    Secondo te come mi dovrei comportare? E faró bene a cercare di riconquistarla?

    • Non posso rispondere a nessuna delle tue domande, perché riguardano la tua sfera più personale, quello che tu desideri. In questi casi non ho esperienza diretta, per cui non saprei cosa dirti, quando rispondo a un commento lo faccio perché ho vissuto quel tipo di esperienza (o molto simili). Ti posso solo consigliare, ma potrei sbagliare, di essere sincero, darle il tempo di cui necessita per chiarirsi e farti tu una domanda: anche lei ti ha tradito, la vuoi comunque? Non si sbaglia mai da soli, in un rapporto, lei ha la sua parte di colpe che si deve prendere, non puoi addossartele tutte tu.

  10. Ciao! La mia ragazza mi ha lasciato un mese e mezzo così all’improvviso..dicendomi che si sentiva sotto pressione e che questo, unito al suo carattere molto lunatico, sia sfociato nel volermi lasciare! Io ho reagito con freddezza nel senso che non l’ho più cercata perché avevo bisogno di stare da solo per pensare e finire x litigare con lei non era la cosa ideale, cerco di farmi la mia vita anche se lei mi manca da morire…chiaramente appena successo ho cercato di capire le sue motivazioni spiegando anche le mie idee chiaramente ma senza voler impormi o cmq obbligarla a fare cose forzate! Dopo un mese ci siamo rivisti per caso. Le ho chiesto se le andava di prendere un caffè e alla fine siamo stati insieme x 4 ore…parlando di noi ma anche scherzando…lei chiaramente dice che non ha cambiato idea per ora e forse anche giustamente! C’è da aggiungere anche che lei è una delle classiche ragazze x cui, per principio, sembra che ricominciare una relazione con un ex sia qualcosa di terribile…io, tra le varie cose fi cui abbiamo parlato, le ho detto che secondo me come principio non è esatto per tutti i casi e nn si può fare di tutta l’erba un fascio…sta di fatto che dopo quel pomeriggio io ho di nuovo evitato di cercarla perché non voglio che pensi che io abbia bisogno di lei…tra qualche giorno la rivedrò quasi sicuramente e sono indeciso se provare a invitarla x un’uscita..nn di sera che potrebbe spaventarla ma di giorno…
    Sono confuso perché sotto certi aspetti sono convinto di avere la chiave giusta..ma per certi aspetti ho paura di bruciare tutto…nn sono sicuro se far passare altro tempo oppure no…
    Aiutoooo

      • Non ho ancora avuto l’occasione di vederla…però per il mio compleanno mi ha fatto gli auguri…in modo molto essenziale ma me li ha fatti! Devo essere onesto che ero dubbioso su questo..pensavo che x evitare qualsiasi problema evitasse di scrivermi!

        • L’ho invitata…lei ha accettato ed è stata una serata fantastica…veramente…non ci sono stati mai momenti di imbarazzo del tipo non so cosa dire/fare…ci siamo anche ritrovati in una situazione romantica…a contatto uno con l’altro per molto tempo durante la serata…seduti con le mani sulle cosce dell’altro…testa sulla spalla…! Io ho voluto evitare di parlare di quello che era successo anche se poi alla fine il discorso è uscito nel momento in cui abbiamo deciso di vederci di nuovo prossimamente…lei continua a pensare che ora come ora non ha cambiato idea però lei stessa ha apprezzato moltissimo la serata che le ho fatto passare…mi ha dato ragione quando le ho detto che il discorso delle sseconde opportunità è tendenzialmente vero ma che lo è nel momento in cui le storie finiscono x motivazioni vere ee concrete e non per quello che è successo a noi…
          Oltretutto io penso che continuare ad essere presente in modo discreto sia l’unico modo per dimostrarle che io ci sono sul pezzo…se quel minimo lume di speranza c’è devo tenerlo bene acceso…questo sicuramente mi costa fatica ora e in futuro ma spero che possa servire a farle capire quanto io ci tengo…credo che sia una buona dimostrazione di volontà e non una debolezza il mio comportamento..

  11. carissimo
    natale, lei, la piu bella del reame, fidanzatissima serissima in procinto di sposarsi, decide di sedurmi
    passiamo 3 mesi folli, con sintonia unica, chat serali di ore, sesso sfrenato, cinema, viaggi, motel, casa mia (sposato), casa sua (vive con i suoi in attesa di convivere), frasi sue del tipo “immagino come potrebbe essere se ti avessi conosciuto prima”, “anima gemella”; io, mille storie prima di lei, perdo la testa
    tutto a gonfie vele, poi lei fa weekend romantico col suo boy e torna dicendomi che è confusa, ha paura di mandare all’aria il suo progetto di matrimonio (giusto) e non sa cosa vuole
    rispondo da signore che capisco ed è giusto sia cosi (sostengo di poter continuare all’infinito la storia cosi, ma nulla di piu per il momento)
    quello che non mi torna è: possibile che una donna riesca venerdi ad essere innamorata di te e lunedi imporsi di smettere e riuscire a sparire di colpo?
    come dovrei comportarmi ? io egoisticamente vorrei continuare la storia cosi, senza impegnarsi di piu e senza che lei rinunci al suo matrimonio, quindi dovrei non cercarla piu e aspettare che lei si chiarisca o contiinuare a sedurla come fino ora (fiori,sorprese,bigliettini, viaggi)?
    grazie
    età di lei: 25-35; mia 30-40; suo boy: 35-45

    • Secondo me, visto che sin qui l’hai letteralmente corteggiata (cosa che personalmente apprezzo sempre se la si fa in modo equilibrato ed elegante), forse adesso è il momento di prendere un po’ le distanze e vedere la sua reazione. Per quanto riguarda i suoi comportamenti altalenanti ti posso solo consigliare di ignorarli: le donne non sanno cosa desiderano e a volte fanno di tutto per non ottenerlo (perché è il loro mistero).

  12. Buonasera.la mia storia é questa, 3 anni fa ho conosciuto una ragazza, a distanza visto che viviamo in due paesi diversi, dopo qualque mesi di contatto solo telefonico ci siamo incontrati, dopo un po ci siamo fidanzati, ancora qualque mesi abbiamo fatto l’atto di matrimonio, ma seccome io vivo all’estero dovevo fare la procedura per il ricongiungimento, ma quest’ultima si era allungata per problemi mie personali (avendo per un periodo perso il lavoro) ci vedevamo quando si poteva e poi si stava sempre in contatto telefonico, ma vista la distanza e la sotuazione del ricongiungimento in corso ma lenta, piano piano cominciavano le tensioni, i litigi ma solo da lontano, quando stiamo vicini tutto era diverso..ma a distanza la situazione peggiorava, ed era diventata una specie di tira e molla, finche lei un giorno mi chiede il divorzio.ora il divorzio é in corso ma nn riesco a farne una ragione, ho cercato di farla ragionare ma nn é piu lei, da una persona paziente timida comprensiva si é trasformata in un muro insormontabile,indifferente, mi evita, se ci scriviamo tutto quello che dice é lamentarsi del mio comportamento che per lei é la ragione per la quale ha preso questa decisione.la vedo strana confusa ma allo stesso momento sembra decisa.nn so cosa fare..sto cercando in tutti modi di farle cambiare idea.ma sembra irrimovibile.vorrei un consiglio.grazie.

    • In casi di questi genere non ci sono consigli validi, purtroppo. L’unico strumento che hai è il dialogo, ascoltando davvero cosa dice per comprendere cosa vuole e desidera da te. Sembra, da quel poco che mi scrivi, che tu voglia imputare a lei tutte le “decisioni” mentre tu sei solo una povera vittima che non ha fatto nulla di male: si litiga in due. Hai di certo commesso degli errori o avuto comportamenti che non l’hanno fatta stare bene, comprendi quali sono e confrontati con lei. Se poi è solo che è finito l’amore puoi provare a riconquistarla ma di solito si tratta di casi quasi impossibili in cui si può solo che accettare l’evidenza.

      • Grazie della risposta! Ma lei la vedo confusa e mi imputa completamente a me il tutto.io nn voglio elimosinare i sentimenti, ma é comunque ancora mia moglie, quindi verco do salvare il mio matrimonio.ma lei ha troppo rancore, a volte sembra che vorrebbe in qualque modo venirmi incontro, ma poi si contradice e diventa un muro.nn so piu che tipo di atteggiamento dovrei usare cn lei.grazie ancora.

  13. Ciao volevo spiegarti quello che mi è successo sperando di farmi capire…. sto lavorando in francia e 4 mesi fa conosco questa ragazza…. cominciamo a frequentarci per lo più io vado a casa sua e lei viene da me quindi non usciamo mai fuori dalla camera da letto e facciamo sempre l’amore… comunque lei mi cerca molto anzi prenota una camera d’albergo per stare come me prima che partivo per le vacanze… durante le vacanze ci sentiamo giusto qualche volta e mi dice che le manco… fatto sta che da come torno la sento un po diversa forse anche per colpa mia ma continuiamo a vederci una volta alla settimana e a fare l’amore fino a quando a San Valentino lei prenota una stanza ad un hotel a 5 stelle fin qua tutto bene ma la stessa notte mi dice che sarà difficile continuare a vedersi perché lei cambia città per lavoro”ma questo già lo sapevo” e si vede che ci rimango un po male… mi riporta a casa e come ci abbracciamo piange gli chiedo cosa ha ma dice niente ed io gli faccio non preoccuparti continuare a vederci… ma il giorno dopo come messaggiamo mi fa che forse non si sente pronta per avere una relazione… gli faccio ok però me lo devi diritto in faccia e ci vediamo la settimana dopo ma non ne parliamo e facciamo sesso ci siamo lasciati bene e mi fa fammi sapere tue notizie… qui forse ho sbagliato per colmare la distanza mi sono fatto sentire un po di più un po per paura di perderla e un po per farle capire che ci tengo e c’ero… dopo 3 settimane le dico che vado a trovarla e lei è contenta… come ci vediamo la porto fuori a mangiare chiacchieriamo ma mi rendo conto che sono troppo preso e non riesco a essere naturale come prima anzi cominciano ad innescare vecchie paure comunque andiamo a casa sua e facciamo l’amore la notte… ci salutiamo che ci saremo rivisti… ma la settimana seguente dopo che gli faccio che un martedì sarei venuto a trovarla mi fa preferisco di no… la mi sono fatto prendere dall’ansia e dopo aver parlato per un po mi fa amo passare il tempo con te ma al momento non riesco a progettarmi con un uomo non ho abbastanza sentimenti per continuare a vedersi come prima ma non voglio perderti di vista… la gli faccio fammi capire cosa vuol dire…. e mi fa perderti Completamente mi farebbe male al cuore… allora gli faccio ho sbagliato ad non averti dato i tuoi spazi sopratutto sapendo come era andato a finire con il suo ex e capisco che ha paura che qualcuno possa invadere i suoi spazi che la amo e sono sicuro che lo nostre strade si rincroceranno… lei mi risponde che sfortunatamente può essere così è che ci rincroceremo è sicuro… da li anche se ci sono rimasto un po male dico adesso la lascio in pace faccio la mia vita e si in futuro ci si rivedrà va bene e per vedere se il fatto che non le dia più attenzioni sortisce qualche effetto…. sinceramente volevo fare un reset ma dopo 2 giorni mi invia una foto con scritto spero che approfitti della primavera e che vada tutto bene… gli rispondo tutto bene finalmente domani prendo la macchina e che posso cominciare a visitare i bei paesi francesi e gli chiedo e a te come va? Mi risponde tutto bene le giornate passano in fretta,sono molto impegnata… dopo un po gli rispondo mi fa piacere e finito li… tu cosa faresti adesso?

    • Credo che lei ancora non sappia cosa vuole da te, ha bisogno di tempo per capirlo. A dire la verità sei entrato in una questione “di cuore” che io solitamente non tratto vista la delicatezza della situazione. Hai due opzioni, antitetiche per giunta:
      1. Reset vero e aggressivo.
      2. La corteggi con leggerezza, malizia e giocosità. La fai sentire importante ma libera e poi le proponi di vedervi (dopo alcune settimane).
      Non vedo molte alternative, sta a te scegliere in base a come la conosci e come hai vissuto fin’ora la vostra relazione.

      • Grazie per la risposta penso anche io che abbia bisogni di essere libera per capirlo anche perchè lei è una ragazza pratica è di successo adesso ancor di più visto che ha cambiato lavoro ed è più stressante non è bellissima ma sa essere una donna…unica cosa quando dici reset aggressivo cosa intendi…non rispondere nemmeno se mi cerca lei?

        • Significa che ti devi impegnare a migliorare: aspetto fisico, look, seduzione ecc ecc. Se lei si dovesse far sentire è meglio non risponderle oppure fallo dopo qualche ora con una risposta educata ma breve.

          • Sensei ho combinato un macello ho cercato di conquistarla con leggerezza fino a che un giorno parlando del lavoro che è stressata le dico che se vuole per rilassarsi io ci sono ma lei mi fa che non è una buona idea… io le dico come vuole ho pazienza e l’aspetterò ma lei che non la devo aspettare e sicura di lei e che troverò una ragazza che mi amerà… mai io continuo dicendo che non le credo e che vado a trovarla per parlarne… risponde di non andare e che ora dovrà prendere le distanze da me… ma gli faccio cos’è hai paura che davanti a me non riesci a dirmi le stesse cose… lei non ho niente da nascondere ma adesso non ho la testa per fare questo è molte cose da gestire ci vedremo ma più tardi per favore… ma preso dall’ansia le dico vedi che ho ragione l’unica cosa che non puoi gestire sono i tuoi sentimenti davanti a me ma dimmi quando vuoi… “qui ho finito a rovinare le cose perché bastava che le dicessi ok” ed infatti mi fa che non devi giustificarsi ancora sono io che non voglio vedere la realtà… dopo che mi sono raffreddato e ho capito di aver fatto una cazzata le dico scusami hai ragione sono io che non voglio vedere la realtà è se vorrà sparire dalla mia vita la capire anche se mi farebbe stare male… dopo mi risponde che è stata un po duna oggi ma che era necessario per farmi capire che le cose stanno così è sono definitive..che le ho portato molto e conserverà sempre i bei momenti passati insieme e che sarebbe incantata di mantenere i contatti..ma che ora è meglio mantenere le distanze e di non essere triste… le dico che è colpa mia e che la capisco ei fa piacere che vogliono mantenere i contatti e che giusto prendere le distanze adesso…ma il mattino dopo distrutto le invio una canzone che parla di una relazione finita e questo messaggio “Scusa se ti scrivo oggi anche se mi hai detto di tenere le distanze…È dura non pensare a te e non avere la possibilità di baciarti e stringerti tra le mie braccia perché niente mi ha scaldato il cuore così tanto, è stato come vivere in un sogno il tempo passato insieme… avrei voluto viverti ma devo rispettare la tua decisione se ti voglio bene e darti lo spazio che mi chiedi cosa che non ho fatto fino adesso anche se la mia voglia di vederti e tanta ma devo aspettare che tu mi dia il permesso di rientrare nella tua vita…e rifare l’amore”
            La sera mi risponde che è molto commossa da quello le dico ma non vuole darmi una falsa speranza che possa entrare nella sua vita perché sarebbe la cosa peggiore che potrebbe farmi… che con il tempo la sua figura si allontanerà dala mia mente e velocemente starò meglio e di prendermi cura di me… le risponde pensavo che saremmo rimasti in contatto e mi fa certo ma non come prima… non le ho risposto ma dentro di me sento che lei qualcosa per me prova ma essendo stato pesante l’ho fatto allontanare e mi ha risposto così perché se sentita pressata… adesso so che ancora più dura mi può dare un consiglio

          • Non ti posso dare alcun consiglio tranne uno: cresci. Ti ha detto cosa vuole e tu le hai sbiascicato contro le tue infinite paure e insicurezze, non si conquista qualcuno in questo modo, lo si allontana e basta, per favore lasciala in pace per un bel po’ di tempo…

          • Le ho scritto quel messaggio non perché superasse ci ripensasse dalla sera alla mattina so che è una ragazza che quando prende una decisione non torna indietro… ma mi sono fatto prendere dalle emozioni

  14. Ciao Sensei
    Ho (avuto) una storia con la mia compagna da 5 anni circa. Ci siamo sempre visti relativamente poco (1/2 volte a settimana quando non viaggiavamo per lavoro). Io sono papà anche di una bambina. Lei è single. L’ho sempre trattata con molto
    Rispettto e ho cercato di alta sentire importante per me, ma strada facendo, complici i miei impegni di lavoro, i suoi impegni di lavoro, e lo spazio che dedico a mia figlia, ci siamo allontanati e siamo finiti nella routine e nel darci per scontato. Ora lei mi ha detto che ha bisogno di una pausa, di stare da sola..ed io improvvisamente ho riattivato il mio sentimento per lei. Abbiamo analizzato i nostri sbagli chiacchierando per un giorno: quel giorno siamo stati bene come non stavamo da tempo. Ciononostante lei vuole comunque il suo tempo anche se ora dice di essere confusa e stanca..io la cerco evitando di essere insistente ma mostrandomi presente e attento (cosa che nell’ultimo periodo le ho fatto mancare)..rifletto sul fatto che forse dovrei smettere di cercarla per un po’ ma ovviamente non mi viene naturale e così faccio quello che mi sento, con moderazione e rispetto..dammi un tuo parere cortesemente..mi piacerebbe sapere cosa ne pensi. Io vorrei riconquistarla ma non so quanta forza ho per lasciarla andare ed attenderla..

    • Posso solo dirti cosa farei io e cosa ho fatto in passato, ma come ben sai ogni relazione è diversa: la lascerei stare. E’ difficile ma spesso l’unica strada che ti porta a un ricongiungimento, se il rapporto è solo “ferito” e non morto e sepolto, e lasciare spazio, lo apprezzerà. Soprattutto se è lei stessa ad avertelo chiesto. Puoi scriverle una lettera in cui le dici quello che provi e cos’hai capito, ad esempio, per poi darle tutto il tempo di cui ha bisogno per ricaricare le batterie e capire meglio cosa prova e vuole. In questi casi a te potrebbe sembrare di non essere insistente mentre per lei tutto il contrario, sei tu che la conosci, non io.

      • Ciao Sensei
        a distanza di 10 giorni circa, continuiamo a vederci e sentirci.
        Quando ci troviamo stiamo bene: la qualità del nostro tempo insieme è migliorata notevolmente.
        Ciononostante,di tanto in tanto lei torna a ricordarmi che una parte di se vorrebbe stare da sola, quasi a volermi (volerci) frenare, quasi a mettere un limite (dice che non vuole illudermi, che sente che le manca la “parte di pancia”)
        Quando mi ricorda questa “parte” di sua volontà io le chiedo se veramente non sia il caso di farci coraggio ed interrompere il contatto in maniera netta..e vedere cosa succeede..quando reagisco così lei si mostra consapevole che se ciò accadesse ci starebbe male anche lei..e così permane la confusione e questa situazione incerta che non so quanto possa durare..
        Ci siamo detti di andare Avanti alla giornata senza farci domande..
        Per quanto sopra, credi ancora sia meglio lasciare andare e vedere cosa ci succederà..oppure potrebbe aver senso mantenere il contatto e vedere se
        (ri)sboccia?
        Grazie in anticipo del tuo parere

        • Sei in un campo personale che non ha nulla a che vedere con la “seduzione”, di conseguenza evito di dare consigli perché su questi argomenti perché non faccio la posta del cuore. Al massimo posso solo dirti che ci sono, a mio personale avviso, due strade:
          1. Vivi alla giornata (che per un po’ mi sembra ragionevole).
          2. Reset/chiusura (dipende dalla tua pazienza).

  15. Ciao Sensei,
    Circa 5 mesi fa ho rivisto un amica che non vedevo da anni ma sapevo bene o male un po’ tutta la sua storia, dal essere lasciata a 3 mesi dall altare, ad altre relazioni andate male fino ad arrivare con il suo ex compagna con cui ha avuto un figlio, e alla nascita lei ha trovato la forza di mandare via il compagno xchè la trattava male mentalmente diceva sempre cose non belle nei suoi confronti…io so di lei x via del fratello che mi raccontava tutto, sarà forse x quello che quando l ho rivista ho provato a mandarle un messaggio e da li è iniziato il tutto, ci sentivamo ci scambiavamo messaggi, ma lei ha sempre detto che di relazioni non ne voleva sapere in quanto era stata delusa, voleva solo bei momenti e basta, anche xchè ha il figlio a cui badare ( 5 anni)…..io ho accettato di vederla quando era possibile ma ci sentivamo sempre era bello….non ho mai preteso cose strane lasciavo che lei quando aveva momento libero ci si incontrava, la vedevo che le faceva piacere io logico un po’ di attenzioni gliele davo ma mai pensato fare storia seria in quanto sapevo come la pensava. un mese e mezzo fa percepisco qualche cosa vedo che sorvola su certi messaggi….che svia su apprezzamenti e dice di no meritare, fino a una mattina dopo che ci sentivamo come al solito le chiedo che cosa fosse successo….ha iniziato a dire che le era caduto tutto che tutti le stavano addosso che lei deve decidere come a quando rispondere che ha un figlio piccolo a cui badare che se uno le sta addosso lei si chiude e riccio alza la corazza e ha paura. Da quel giorno ho cercato di spiegare che può parlare tranquillamente ma niente…mi diceva che ha problemi un po’ più seri con il figlio da risolvere che mi avrebbe fatto sapere e che non vuole condividere con nessuno, faccio passare qualche giorno provo a chiamarla ( dato che doveva farlo lei ) ma non risponde, le scrivo xchè volevo sapere come sta e come va col figlio….ma nessuna risposta. Aspetto qualche giorno le le scrivo dicendo che se fossi stato troppo invadente che poteva dirlo che io non ho mai preteso nulla di più degli spazi che mi dava, morale della risposta sua è stata——-mi spiace se ti ho dato modo di credere che ci fosse qualche cosa in più, ma non è così. Mi son detto…ma se ho scritto che non ho mai pensato a nulla di serio.Lascio passare qualche giorno cerco di nuovo un semplice contatto via mess. e fa fatica a rispondere x 2 volte risponde secca con un ciao finale da brivido, io rispondo dato che chiedevo del figlio. fino ad un giorno che le chiedo com è andata la giornata, lei sempre secca mi risponde al quel punto le scrivo….Non vuoi più che mi faccia sentire è così ? Il giorno dopo alla sera mi risponde dicendo che quando potrà mi chiamerà che le abitudini del figlio sono cambiate e che non le va di parlare con nessuno.. e se volevo giudicarla di farlo pure..( il problema è che siamo dello stesso paese e il figlio non ha nulla ). Io ho risposto che mi dispiaceva qualunque cosa abbia che ho sempre rispettato le sue decisioni e che non giudico ha i suoi motivi le ho detto….e che poteva chiamare quando voleve, ma di farlo. E inoltre le ho detto che da come mi scriveva mi sembrava molto infastidita che la contattassi. Sono 2 giorni che le mando solo 1 messaggio o 2….ma non è più come prima che si perdeva nel scrivere dicendomi di tutto. Chiedo a te una soluzione xchè ho ancora voglia di rivederla anche se sono solo dei momenti mi va bene di vederla come si faceva prima…senza relazione seria x il solito motivo, le vorrei scrivere se x caso ci pensa alla situazione e provare a ristabilire la cosa con calma ma la vedo dura.

    Grazie

    • Le hai rotto le palle. Questa è la realtà dei fatti perché purtroppo TU sei convinto di non esserle stato addosso e di non aver preteso nulla ma le hai manato valanghe si messaggi che NON dovevi inviare. Ti ha chiesto spazio? Lasciala in pace e falle sentire la tua mancanza, dovrà essere lei a chiamarti, come diavolo te lo deve far capire? In tutto questo tu non sei una vittima e lei la pazza, ma è una madre single con un figlio ha priorità diverse dalle tue che non sei in grado minimamente neanche di intuire. Se poi all’inizio ci poteva essere qualche interesse da parte sua è quasi del tutto morto e sepolto a causa del tuo essere pressante: lasciale tempo, ce la fai?

      • Sensei, scusa io avrò come dici tu mandato valanga di messaggi, ma era anche Lei a cercarmi e mandarmi messaggi, che dovevo fare non risponderle ?? io penso che questo suo spazio, sia solo un pretesto x poi non vederci più e non mandarle ogni tanto un messaggio anche solo del buongiorno mi fa venire i nervi.Lei ha sempre detto che di relazioni serie non ne voleva ha sempre voluto flirtare passare bei momenti e quando qualcuno si avvicinava più del dovuto lei si chiudeva, così diceva. Io ho accettato la cosa e a mi andava bene. Per il figlio so che ha priorità e conoscendo quello che ha passato non mi sono mai permesso di pretendere che lei lasciasse figlio dai suoi x vedersi…Sarà MOLTO dura rimanere in disparte senza scriverle anche xchè non so x quanto tempo ha intenzione di non farsi sentire.

  16. Ciao sensei, ti racconto la mia storia:
    Sono stato per due anni con una ragazza stupenda, pensavo fosse quella della mia vita. non litigavamo quasi mai e c’era il giusto livello di gelosia con una forte attrazione per entrambi.
    Era come vivere in una favola e cercavo di non farle mancare nulla poi lo stravolgimento: in un mese dal non poter vivere senza di me comincia a distaccarsi sempre di più fino a mollarmi con la scusa che non vuole prendermi in giro e che sente che non prova più quel che provava prima senza sapere il perchè.
    In seguito vengo a sapere da lei che c’è un altro che ci prova con lei ed a lei intriga però non vuole andarci perché è fidanzato e dice perché prova ancora qualcosa per me.
    Dopo due settimane ancora continuavo a farmi sentire perché proprio non riesco a voltare pagina e dopo 3 settimane ci rivediamo per parlare e lei mi bacia poi si mette a piangere. In seguito parliamo ancora e dice che vedermi la ha messa ancora più in confusione perché ora non è più sicura della sua scelta ma ha paura di farmi male e non vuole uscire con me perché alla fine le manco solo poche volte nella giornata e non ci sta abbastanza male per fare il passo di tornare….
    Io non so più che fare, sono un combattente e mi è dura mollare così specialmente per qualcuno in cui credevo così tanto ma la situazione mi ha deluso molto.
    Cosa dovrei fare? ha qualche consiglio? Non posso mollare ma non voglio nemmeno essere il suo zerbino…

    • Lottare per la propria donna non è lo stesso che essere zerbino, lo diventi quando metti sotto i piedi la tua dignità. Premesso questo riconquistare una ex, per di più confusa e che pensa anche a un altro è davvero complicato, forse per questo ti direi, invece di impazzirti, di prenderti TU alcune settimane per riflettere. Dimostra un po’ di carattere e mettila da parte.
      Capiamoci: lei ti lascia per un altro fidanzato, perché questa è la realtà, dopo due anni di storia e tu l accetti così passivamente? Almeno allontanati da lei, falle sentire la tua mancanza perché come stai facendo ora lei ha la certezza matematica che può sempre tornare da te quando vuole, ecco perché non le manchi sempre. Toglile questa certezza, falla sentire persa.

      • Intanto grazie mille della risposta. Sabato dovremmo vederci al compleanno di un amico in comune: dovrei evitare di andarci o posso andarci evitando di darle importanza? Ed ultima domanda, sono ancora in tempo? Ho sforato di ben due settimane l’inizio per la fase di non-rapporto ma ci siamo chiariti solo la settimana scorsa in quella occasione…

        • Reset è reset, non ci sono scappatoie o proroghe. Se invece non lo fai allora puoi andarci, un saluto, due chiacchiere e poi ignorala.

  17. Per 4 anni sono stato con Alma (timida, introversa, emotivissima, tenera, dolce e devota all’altro), ma non l’ho mai amata davvero. Mi ci misi insieme perché mi trovavo bene di persona ma non c’era attrazione sessuale e non avemmo rapporti. Mi ci affezionai tantissimo e non la lasciai e le diedi tutto. Poi incontro Elisa, capisco subito quanto sia diversa da tutte le altre e adatta a me, oltre a essere bellissima. Nonostante fossimo entrambi fidanzati, iniziamo una corrispondenza unica (70-80 righe di messaggi alla volta, ogni 2-3 giorni) vedendoci di tanto in tanto con grande feeling anche di persona. Questa situazione dura due anni. Nonostante questo non sospetto di piacerle e non colgo chiari segnali da parte sua. La scorsa estate decido di andare da solo in viaggio con Elisa, due settimane, lo dico ad Alma che mi dice “ok mi fido”. Parto, le dico che non sono fidanzato (per me era come se non lo fossi) ma so che lei sospetta, viaggio sensazionale, ci troviamo da dio, abbiamo rapporti, sono felice per la prima volta. Torno, provo a lasciare Alma ma non riesco per sensibilità e inesperienza perché mi chiede che le devo almeno un viaggio con lei già organizzato per Novembre e mi sento in dovere e in colpa nonostante non l’amassi. Quindi non lascio Alma e inizio ad avere i piedi in due scarpe. Rivelo a Elisa che ho ancora un viaggio all’estero con la “ex” in programma a Novembre e che intendo farlo perché abbiamo già pagato tutto e preso le ferie e che per me è un’amica. Decido di annullare il viaggio, glielo dico, ma all’ultimo momento cambio idea e parto senza dirglielo. Lo scopre e si arrabbia, ma io mi sento una vittima e finisce che è lei a consolarmi e saltarmi addosso quando mi vede. Così non mi rendo conto di quanto l’abbia fatta soffrire. Mi dice che le farebbe piacere se andassi a trovarla a Roma (lei è di Roma e io di Milan), ma non vadomai e non la chiamo mai al telefono.Non riesco a chiudere con Alma, sempre per debolezza. Elisa inizia a parlare sempre dell’ex, così io, che sono frustrato per la mia prigionia, le dico “che viaggio con chi mi pare e piace perché io e lei non siamo fidanzati ufficialmente, e mi serve più quotidianità per essere fidanzato, e che spero di averla a gennaio perché così vedendoci così poco mi sento poco coinvolto, e che mi manca la quotidianità con l’ex, non nel senso che mi manca l’ex, ma mi mancano le piccole cose che rendono più solido un rapporto”. Lei ovviamente, già ferita, prende malissimo le mie parole. Avendo i piedi in due scarpe, non introduco Elisa nella mia cerchia di amici. Un giorno che non ci vediamo da un po’ anziché accoglierla con amore provo ad aprirmi sulle mie difficoltà, dicendole che la sera prima ho rivisto Alma ed è stato come doverla rilasciare e sto male. La mia apertura, anziché portare comprensione, le fa scattare qualcosa. Ha una crisi di panico. Mi chiama, mi dice che piange tutti i giorni, che ha pensieri cupi, non ha più voglia di vivere e di niente. Prende farmaci e va psicoterapeuti. Mi allontana, dice che non vuole che la veda così perché mi faccio un’idea sbagliata su di lei. Provo a starle vicino, me lo impedisce. La vedo sempre meno, la vedo diversa. Non colgo segnali di bisogno d’affetto. Inizio a mettere in dubbio i miei sentimenti verso Elisa. Una sera, finita male e in silenzio, mi chiede se “vedi ancora la tua ragazza?” – aveva visto una foto del giorno prima – e di “dirle qualcosa, ti prego”. Decide di prendersi un periodo di pausa perché si è rotto qualcosa. La sera stessa riesco a lasciare Alma. Faccio arrivare un pensiero dolce a Elisa dicendole che voglio solo lei e di prendersi i suoi tempi. Ma nel frattempo soffro per l’assenza. E’ natale, mi ero ritagliato 2 settimane solo per lei dal lavoro. Dall’amore passo al rancore. Mi sento solo, torno a scrivere ad Alma che mi dava presenza. Vedo Elisa a Gennaio due volte, stiamo da dio, anche lei, davvero. Poi lei diventa molto fredda e inizio a risponderle anche male senza motivo, finché dopo alcune vicende mi dice che non ha più energie per avere una relazione. Per sms. Non le rispondo. Due settimane dopo ci vediamo di persona e mi lascia: “si è rotto qualcosa, punto di non ritorno, non provo più niente, non so cosa sia successo, non tivoglio più nella mia vita”. Reagisco male e scrivo cose brutte. Il giorno dopo la rivedo, ci parliamo, sono più calmo, non so perché le dico che è giusto così, che non era il momento adatto e che non ero maturo per la relazione, forse, poi le dico cose bellissime. Lei ribadisce il suo punto, dice che ha capito che non sono adatto a lei nonostante pensasse tantissimo che fossi la persona perfetta per lei prima di metterci insieme. A un certo punto provo a grattarle la testa, le bacio il collo e provo a baciarla, lei si lascia andare, poi si alza di scatto e dice tra se e sé ad alta voce, in modo spontaneo “no, no no devo essere coerente” quindi riprende a baciarmi. Mi dà l’idea che sia ancora combattuta dentro di sé e mi stia lasciando per auto-difesa o auto-convinzione. La lascio andare, mi dice che vuole distacco totale che si è esaurito tutto. Le scrivo in modo ossessivo e contraddittorio per tre giorni come un ragazzino, non risponde, poi mi acquieto, le chiedo di rivederla. Non accetto che tre settimane prima fosse così presa e ora niente: penso di doverle dimostrare che l’amo davvero e mi avesse visto troppo lunatico. Le dico che sono disposto a rinunciare a tutto e a trasferirmi giù a lavorare. Va in ansia, la vedo infastidita, inorridita, come se fossi un peso. Mi dice che sono egoista, che devo capire le sue esigenze, che vuole stare da sola e la farei sentire in colpa e che sì, preferisce perdermi del tutto. Le scrivo un ultimo messaggio in cui le dico che se mi avesse amato veramente avrebbe affrontato il problema insieme. Dopo quattro giorni mi scrive lei con un messaggio futilissimo. Del tipo “ehi ho visto un tuo sosia, so che non dovrei scriverti ma mi sei venuto in mente, allegando video de sosia (è vero, simile), come stai tral’altro?”. Io le rispondo freddamente dicendole che sto bene, ma al suo “ne sono felice, anche io meglio” sbotto dicendole che “non è possibile che io stia meglio dopo quattro giorni, ovviamente”. Ma non capisco perché mi ha scritto. Lo trovo incoerente, mi illudo ancora. Inizio a scriverle messaggi molto neutrali e brevi. Lei risponde, dopo 10 ore ma risponde. Fredda, ma risponde. Fa anche qualche domanda. Non capisco perché risponda. Questo rapporto di contatto freddo e distaccato prosegue quattro giorni, poi non risponde più e smetto di scriverle. Anche se potete pensare che l’abbia idealizzata o il mio sia un sentimento dettato dalla perdita, vi chiedo di credermi quando vi dico che l’amo infinitamente e di basarvi su questo presupposto, e che la presenza quotidiana di Alma e la distanza mi hanno fatto partire con la testa. So che le è crollato tutto e si è convinta che io sia inadatto a lei e mi ha vissuto in modo orribile durante il rapporto, vedendomi confuso, poco gentile, affettuoso, presente e turbato, e avendole creato insicurezze e poca presenza fisica. Ancor peggio, le ho causato una crisi personale che l’ha fatta stare male per mesi sotto farmaci e ora sta meglio. ed è in un’altra città. Come agire ora? Il mio problema è che so di non averle dato tutto, anzi il contrario, ho agito malissimo, ma mi ha lasciato non da arrabbiata ma da indifferente. Ora mi prenderò del tempo per me stesso. Ma, a parte questo, consigli sul da farsi? Mi sembra un’impresa impossibile.

    • Sarò molto diretto, come al solito: il problema non è riconquistarla, ma tu che devi crescere (e molto). Hai fatto danni nella vita di due ragazze come se nulla fosse, andando dove volevi tu senza mai tenere in conto i sentimenti altrui, sei un egoista presuntuoso che pensa che bastino “parole bellissime” (bellissime per chi? Per te?) per rimettere a posto danni più importanti e profondi. Tu non sei in grado di avere una relazione perché metti al centro solo te stesso e i tuoi ridicoli bisogni, ma come questa va giù di psicoterapia e tu che fai? Pensi ai tuoi comodi… Veramente ne ho sentite migliaia di storie e in tutte c’erano ragione e torto da ambo le parti, sicuramente anche tu avrai le tue giustificazioni ma dal commento che hai scritto ti posso solo consigliare di lasciar perdere queste due poverette. Prima realizzi come ti senti comportato, prima inizierà un cammino di maturazione e miglioramento necessario per far stare bene la persona amata, perché tu non sei capace di farlo. Così darai anche tempo a lei di riprendersi e forse un giorno vi ritroverete, pronti per conoscervi davvero.

  18. Ciao Sensei,

    Io ho un problema. Vivo in America da un anno, ma leggo sempre i tuoi articoli per darmi una dritta, utili come sempre. Da circa un mese ho conosciuto una bellissima ragazza messicana. Il punto e’ che fin dalla prima volta lei voleva baciarmi e l’ho notata quando le ho accarezzato il volto. Ma la seconda volta che ci siamo visti (Per san Valentino) non l’ho delusa e ci siamo baciati e l’ho pure portata in un ristorante di lusso (senza rendermene conto, non pensavo che fossi cosi lussuoso)
    Da allora ci ogni volta che vediamo (una volta a settimana, perche’ non ce modo di farlo tutti i giorni)
    ci facciamo foto come se fossimo fidanzati, ci diamo dei baci lunghi e passionali, ogni tanto mi guarda con dei sguardi fantastici mentre guido, la gente ci vede e crede che siamo insieme, ma in realta’ non lo siamo. Lei mi ha chiesto del tempo perche vorrebbe conoscermi di piu e fin qui nessun problema. Mi ha accennato che a giugno partira’ in Messico per finire gli studi, quindi non so cosa abbia in mente e quindi la richiesta di tempo potrebbe essere anche questa, per valutare se e’ possibile una relazione a distanza o no. Mi ha detto che prova dei sentimenti per me.
    Recentemente lei mi dice di essere impegnata col lavoro e mi ha gia’ tirato dei pacchi per uscire durante l’ultimo mese. Per due volte mi ha chiesto pure di riprogrammarlo e l’ultima volta l’ho riprogrammato io.
    Solo che per i messaggi sta diventando troppo fredda, nel senso che a volte ci mette ore e ore per rispondere. Ma quando risponde risponde come se nulla fosse successo. Capisco che e’ occupata, ma penso che potrebbe darmi anche un minimo di considerazione. Dopo tutto, tutti abbiamo una vita, ma nonostante cio un minimo di priorita’ gliela do sempre, anche quando studio o lavoro. A volte e’ online su facebook ma non mi risponde a dei messaggi che le ho mandato su whatsapp qualche ora prima. E personalmente lo trovo un po frustrante. Odio essere un telefono dipendente, ma essendo a distanza non ho scelta. Ho pensato di sparire e di non farmi sentire, ma non mi sembra la soluzione piu’ appropriata. Quando ci vediamo e’ tutto perfetto, ma per messaggi manca quel tipo di comunicazione che io reputo importante. Cosa puo essere questa situazione? Perche lei si comporta cosi e cosa potrei fare io per migliorare la situazione?

    • I messaggi sono importanti per te, e per lei? Magari li vive in maniera diversa dalla tua e forse è il caso che glielo chiedi anziché stare lì ad arrovellarti l’anima. Come pensi di poter stare a distanza con una ragazza quando non riesci a starci ora?

  19. Ciao Sensei,
    Ti illustro la mia storia, sono stato fidanzato per 4 anni e mezzo, sostanzialmente non abbiamo mai avuto problemi tranne i soliti dubbi che ritengo siano normali.
    Durante il nostro rapporto abbiamo rotto due volte( tutte e due sono state da parte mia) perchè ho sempre ritenuto di dover fare una sorta di crescita personale. Ora sono passati circa 5 mesi da quando abbiamo rotto mi sono ripresentato da lei, dicendole che mi dispiaceva ma che non ero pentito perchè era un processo personale che dovevo affrontare, le ho anche scritto una lettera (gesto che di solito non faccio ma era solo per dimostrarle che sono cambiato) dove le spiegavo le mie motivazioni e tutto quello che abbiamo passato e quello che ancora ci aspetta, rimarcando il fatto che la nostra storia non era finita, mi sono mostrato a lei con aria sicura guradandola negli occhi cercando di apparire come un uomo e dicendole che in questi mesi sono riuscito a capire che lei è la donna della mia vita.
    Lei come mi aspettavo mi ha detto di no ma ho visto che piangeva e che non era sicura del tutto di quello che mi stava dicendo poi mi ha detto che lei sa che non è finita ma che se ne è dovuta fare una ragione per andare avanti e che in questo periodo si è costruita una sorta di muro dentro di se.
    Mi ha chiesto di non vederci in queste circostanze(dove ho cercato di farle cambiare idea) perché ha sofferto troppo e mi ha detto “so che è per autodifesa ma non me la sento più”.
    Spero riesca a darmi qualche consiglio.
    Grazie

    • Mi dispiace ma sono della stessa idea della tua ex: fattene pure tu una ragione. Te lo dico perché io sono stato sia dalla tua parte che dalla sua e ti posso assicurare che se una persona ti fa soffrire molto, alla fine anche se le vuoi bene capisci che non puoi starci più insieme. E’ una difesa naturale e secondo me giusta, oltre che facilmente comprensibile. il fatto che fosse per una “tua crescita personale” mi sembra una scusa molto infantile per non prenderti le tue responsabilità su quanto accaduto e su quanto l’hai fatta soffrire, in più neanche ti scusi? L’unico consiglio che posso darti è di crescere, emotivamente, in fretta, perché le hai dimostrato l’empatia di una patata.

  20. Ciao Sensei, tempo fa ho conosciuto una ragazza tramite amici, giusto qualche battuta e basta. A distanza di un annetto mi capita di rivederla e due giorni dopo mi trovo una richiesta di amicizia su Facebook e un messaggio. È lei che vuole sapere come sto e tramite amici so che vorrebbe conoscermi.
    Le chiedo di uscire e conosco una persona con cui ho tantissime cose in comune. Nasce un gran bel feeling, al secondo appuntamento arriva il bacio e inizia un rapporto per cui ci sentiamo tutti i giorni, al mattino, a pranzo, a cena, quando usciamo si diverte, mi dice che le sue amiche vorrebbero conoscermi, mi presenta sua sorella, mi parla di questioni personali e profonde. Insomma tutto questo per dirti che in mezzo a problemi vari della sua vita (soprattutto familiari) stava nascendo qualcosa.
    Qui già ti dico il mio errore più grande che ho capito a distanza di tempo: ho allungato le mani si, ma non con decisione perché diciamo che quando una persona mi prende in profondità nasce la paura di perderla e di commettere errori. In sostanza non ho avuto le palle di farla mia. In mezzo a questo ci si è messo un periodo molto pesante per lei a causa di problemi di salute del padre e altre cose, è stata fuori città 5 giorni sentendoci sempre ma quando è tornata non era più lei. Ha iniziato a non cercarmi, a rispondere forzatamente, fino a quando non ci siamo rivisti una sera e dopo un po’ mi tira fuori che in questo periodo è molto stressata e non sa cosa fare, si sente fredda a causa di una brutta relazione finita da poco e che non riesce a viversi “noi” come faceva all’inizio.
    Insomma io ci parlo e le dico che in un mese di tempo ho visto una buona base ma che vorrei conoscerla molto di più. Lei mi sorride, mi bacia e poi se ne va dicevo “magari in un altro momento” e che se vogliamo continuare a sentirci o vederci ogni tanto per lei va bene.
    Detto questo io non la cerco più per una settimana al che mi cerca lei, mi chiede come sto, le chiedo come sta e le do una battuta sul fatto che il suo discorso mi aveva quasi convinto ma che ad avere la testa dura siamo in due. Lei mi dice che non serve essere convincenti ma sinceri, poi mi dice che se vado nel locale in cui lavora magari ci facciamo due chiacchiere. Alla fine visto che ero fuori città non sono riuscito ad andarci e mi trovo in questa situazione.
    La colpa è mia, non le addosso niente, se avessi pressato probabilmente visto che quelle con cui sono stato mi hanno detto che sono bravo a letto, le avrei fatto provare emozioni che avrebbero acceso la sua fiammella invece di farla rimanere al minimo.
    Ora io penso che fisicamente le piaccio, caratterialmente anche, l’unica cosa è che mi ci vuole più tempo per prendere in mano la situazione, mi sento potenzialmente alpha ma che deve cambiare qualcosa in me perché ho ricevuto tante illusioni in passato e di conseguenza sono sempre titubante con le persone.
    Diciamo che secondo me sto scivolando in zona amicizia, almeno se continuo così.
    Quindi avevo pensato di staccarmi da lei per un periodo, evitare di risponderle se mi cerca e non cercarla mai. Questo per farle nascere delle domande, intanto dedicarmi alle mie passioni, rimettermi in forma e magari saltare fuori dopo un mese se non mi cerca lei. A questo punto però io non so come muovermi, nel senso che se non le rispondo più magari lei perde tutto l’interesse che è rimasto e la perdo. Allo stesso tempo devo sistemare questa mia cosa, e cioè che devo prendere coscienza dei miei mezzi e sistemare alcune cose perché la mia forza in un rapporto nasce quando l’altra metà mi da sicurezza, senza questo vado nel pallone e sicuramente le ragazze lo percepiscono!

    Grazie Mille

    • Allora, anzitutto non è una questione di colpe, di farla tua prima e roba simile. Non è che se una volta facevate sesso lei si innamorava delle tue doti amorose. Se la vedi così hai di certo poco compreso l’universo femminile e l’amore. Stai tentando di razionalizzare un qualcosa che di logico ha poco o nulla: i suoi bisogni. Lei vuole stare per conto sua e avere spazio, cosa normale dopo una delusione, per cui qualsiasi cosa tu avessi fatto vi avrebbe portato a questo identico punto. Un reset, poi, è un errore gigantesco adesso: lei ti sta chiedendo solo spazio e leggerezza, perché non glieli dai? Se scappi lo genererai dubbi su di voi e non sentirà la mancanza, ma andrà ad auto convincersi per pensare che tu sei come tutti, che ha fatto bene ad allontanarti ecc ecc. Invece devi fare la cosa più difficile: starle accanto e passare del tempo con lei senza chiederle nulla o tornare su vecchi discorsi.

      • Ciao e grazie della risposta. Forse mi sono spiegato male e non vorrei che passasse questo modo di pensare che non fa parte di me. Non sto dicendo che se avessimo fatto sesso le cose sarebbero andate diversamente, non ho mai pressato perché ho visto che comunque c’era voglia di sentirsi da parte di entrambi quindi ho pensato “posso aspettare, le cose stanno andando bene e presto succederà”, però è anche vero che ci sono stati momenti in cui forse se avessi pressato sarebbe successo e io invece non ci ho provato fino in fondo mostrandomi “indeciso” o “timoroso”. Io ho intenzione di starle dietro ancora perché non ho mai trovato tante cose mie dentro una persona com’è successo con lei, però qua bisogna che mi dai qualche dritta. Ho letto tante volte su questo blog della pericolosità di fare “l’amico” con una donna, quindi quando parli di “starle accanto” e passare del tempo senza chiederle nulla che cosa intendi esattamente? Non che voglia la formula magica, ma giusto qualche consiglio per non finire in zona amicizia.
        Partiamo dal presupposto che non mi ha mai detto “ti vedo come un amico”, tant’è che l’ultima volta che ci siamo visti mi ha dato un bacio prima di salutarmi; seconda cosa nelle mie esperienze mi è già capitato di sentirmi dire “sono confusa ecc” però dopo la decisione di prendere tempo le ragazze in questione se la fugavano alla grande dimostrando che quella frase era solamente una frase fatta per scaricarmi, mentre lei mi ha cercato e quando mi risponde non mi da la rispostina giusto per, ma appunto scrive con un minimo di entusiasmo.
        Da quando mi ha cercato dopo la decisione, ho affrontato il discorso “sono confusa” con serenità, quando le ho risposto le ho detto semplicemente che anche io ho la testa dura (visto che lei mi diceva sempre di essere cocciuta) facendole capire che quello che mi ha detto lo rispetto ma non per questo mollo tutto.
        Detto questo mi sorgono dei dubbi:
        1- prima ci sentivamo tutti i giorni, da quando abbiamo parlato ci siamo sentiti dopo una settimana e oggi dopo il weekend.
        Non parlo di timing esatto, però vorrei sapere “quanto cercarla” visto che comunque devo lasciarle i suoi spazi.
        2- Quando le chiederò di vederci per fare due chiacchiere, poi che comportamento devo tenere? Cioè trattare l’uscita come se fosse un appuntamento o devo essere più distaccato? Questo per ricollegarmi al fatto della “zona amicizia”, cioè non vorrei finire col vederci, ascoltarla ascoltarla ascoltarla e diventare di conseguenza un suo amico.
        Ti chiedo questo per capire un po’ di cose, mettiamo il caso che flirtando si crei una bella situazione, devo baciarla? Perché io lo farei ma non vorrei poi rimetterla in confusione ecc.

        Grazie Sensei.

        • Mi stai mettendo in confusione a me! Chiedi formule magiche dicendo che non lo sono, tempistiche che però non devono essere precise… Già da qui dovresti aver iniziato a riflettere sul perché con lei le cose non vanno e la situazione è un po’ ingarbugliata. Purtroppo, almeno mi sembra, che tu sia più confuso che mai soprattutto su come sedurre e cosa fare. Per quanto riguarda la zona amicizia ci sono alcuni articoli, su tutti quelli riguardanti il contatto fisico che dovresti assolutamente leggere e applicarne i contenuti. Quando qualcuno mi fa molte domande, su così tanti concetti fondamentali riguardo alla seduzione mi rendo conto che non posso darti risposte precise perché non servirebbero a nulla, devi iniziare a lavorare su te stesso rendendoti conto che sei in una confusione totale che traspare in quello che scrivi e soprattutto nelle tue azioni. Di conseguenza generi ulteriore confusione in lei.

  21. Ciao sensei.
    Ho letto con curiosità i tuoi blog e le storie altrui.
    Ti racconto la mia, e se ci fosse un consiglio utile, mi farebbe comodo, specialmente da un’estraneo.

    Ci siamo conosciuti in chat ( entrambi sopra i 30 )
    La verità c’è stato un bel feeling, veramente tanto, entrambi ce non c’è lo aspettavamo.
    Subito mi fa presente, che è uscita da una relazione lunga, di cui ultimo periodo matrimonio
    Finito con le corna ricevute da parte sua. ( ma qua io conosco solo gli sbagli di lui )
    Lei è stata sincera, molto.
    Si è aperta completamente, forse troppo. Mi raccontò che in quest’ultimo periodo, si è divertita molto.
    Molti uomini, di cui molti innamorati e tutti in un vicolo senza senso.

    Ho cercato di allontanarla a me, per evitare delusioni da una persona incasinata.
    Comunque riesce per ben due volte, a tirarmi a lei.
    Che è un periodo, che ha un blocco, ma che si sta innamorando di me.

    Il rapporto è stato quasi sempre vedersi a casa sua.
    due o tre giorni assieme.

    Arrivano le feste di natale, e le dico visto che sarà in famiglia
    di sentirsi dopo le feste.. e lei No no.. sentiamoci.

    Risultato : io volevo sentirla, ma l’interesse che mi è arrivato è stato quasi sempre forzato.
    Gli piaci e mi piace fisicamente, ce chimica.

    Io di natura, sono molto gentile, amica o amico, o amore. Lo sono.
    So essere molto seduttivo, lo so, ma non basta se non c’è interesse profondo.

    Comunque in 5 giorni ci sentiamo pochissimo.
    La sera quando torna, avrei voluta vederla. Niente è uscita con le amiche e amici, perché stata male,
    L’ex si è rifatto una vita, e cosi via. E il natale porta questi ricordi.
    E’ una cosa molto fresca..

    Cmq in tutto il mese, non ha fatto che riempirmi di complimenti, di quanto c’era feeling, che solo io ho dormito a casa sua, dopo tanto tempo. Dopo tanto tempo è riuscita a dormire con un’uomo, e come è stato fantastico
    Insomma mi ha dato tutte le spinte per innamorarsi.

    Poi prima di natale qualche lettera, scritta di getto da parte sua, nel senso.. che non se la sente, che sta soffrendo, e cosi via. in quel momento la stavo mandando via da me, e lei.. cerca di ritrarre tutto.

    cmq fino a natale tutto Ok

    Per le feste.. è andata cosi, quasi mai sentiti.

    La mattina dopo che è tornata, vado a casa sua, per la voglia di vederla.
    9 del mattino, suono e mi apre.

    Mi dice che non potevo venire cosi, che dovevo aspettare lei e cosi via.
    Rimaniamo che il giorno dopo stiamo assieme,
    ma la sera mi dice che sta male e che ci sentiremo nei giorni dopo.

    Cmq ci siamo sentiti per messaggio, e cosi via

    Mi scrive.

    Non voglio farti del male, sono tanto confusa e infelice.

    c’è qualche rimedio?
    C’è qualche cosa che posso mettere in atto, non per conquistarla
    ma per portarla allo stadio iniziale, cioè goderci la storia.
    quello che vorrei io. Si è piu fatta film lei di me.. che io.

    • Nei commenti scrivo anche che IO non faccio quella che chiamo la “posta del cuore”, quindi c’entro poco con le storie d’amore o simili e invece aiuto a sedurre e migliorare (e a volte a riconquistare la ex). Tu stai in una situazione nella quale la seduzione non c’entra proprio nulla, quindi cosa potrei dirti di “tecnico”? Detto questo posso dirti, per esperienza personale e nulla di più, che hai solo due possibilità:
      1. Te ne vai (non è facile ma si deve imparare la difficile arte del lasciare).
      2. Resti, hai pazienza e le lasci il suo spazio per rompere i coglioni con i suoi problemi. E per questo devi assolutamente cambiare atteggiamento, se lei scassa per l’ex tu te ne vai fuori con amici/ex/amanti/cane e così via. Il mondo non può girare intorno alla sua vagina piagnucolante, chiaro?

  22. Ciao Sensei, mi sono avvicinato a questo sito una paio di anni fa…ho letto articoli,commenti, ho fatto le mie cazzate…ho cercato di seguire i consigli…e poi come scritto in un tuo articolo. Poi senza accorgermene ho dimenticato tutto ed ho rielaborato quanto letto…ho lentamente lavorato su di me smettendo di cercare soluzioni, leggendo molto e concentrandomi sul vivere la mia vita. Dopo questo percorso, un giorno decido di provarci (per gioco – e per me era una novità perché in passato ci provavo solo con ragazze cui ero interessato) con una ragazza e mi accorgo (dopo) che avevo fatto esattamente quanto appreso (creando le giuste occasioni, col contatto fisico, ironia, gioco)…ed infatti iniziamo subito a frequentarci…poi diventa qualcosa di travolgente…due mesi di passione (ed almeno per me dal gioco sono nati sentimenti)… Condividendo esperienze insieme, gite e sesso… Lei sembrava presa visti i suoi feedback. Poi di colpo, una sera mi dice che è confusa ma che se la farà passare…passando poi di lì a poco a che non voleva ferirmi coi suoi comportamenti confusi. Decido di non forzare…le lascio tempo. Dopo quasi un mese senza frequentarci, visto che mi ripeteva che era un problema suo che non riusciva ad aprirsi troppo e parlare di se, prima le scrivo una lettera (da lei molto gradita – era emozionata per quella novità- non una dichiarazione o complimenti stupidi), poi le propongo di vederci una sera dopo il lavoro. Vado a prenderla ma quando sono sotto casa sua e la chiamo, non mi risponde e mi manda un sms dicendomi che non le andava di uscire e che sperava che non me la prendessi. Ovviamente non le ho risposto ed ho girato sui tacchi. Purtroppo (si fa per dire) la ragazza mi piace e credo che potrebbe esserci qualcosa di più …la cosa più saggia mi è sembrata applicare il reset. Di norma a fronte di un simile comportamento in passato avrei reagito mandandola al diavolo o peggio dicendole di non preoccuparsi (zerbino/orsetto)…
    Il reset invece ora mi è sembrata la cosa migliore…io non avrei fatto stupidaggini prendendo tempo per riflettere (devo capire – se c’è qualcosa da capire – se ho sbagliato in qualcosa o se la spaventi che veniamo da mondi molto diversi) ed al tempo stesso lei può farsi chiarezza (se veramente il problema è questo). Ora me ne andrò tranquillamene in vacanza e poi ci penserò. Se vorrà avrà modo di aprirsi, avrà tempo per fare lei un’azione…diversamente andrò da lei a testa alta, con leggerezza ed ironia prendendola un po’ in giro…poi un po’ di caldo freddo…e speriamo bene.
    Quello che ora mi fa più male non so se siano i miei sentimenti od il mio ego ferito; mi ero fatto una idea di una persona che poi di colpo è svanita. Non è facile dover ammettere di essersi sbagliati su qualcuno (ecco perché ora trovo fondamentale fermarmi a riflettere).
    Da tutto ciò ho imparato che creando le giuste occasioni, poi sedurre non è impossibile; sedurre è molto più facile se non si ha un vero interesse (ecco perché è fondamentale l’esercizio); sedurre costa fatica a livello personale e richiede volontà. Va tenuto separata seduzione e sentimento: sedurre non vuol dire fare innamorare.
    Grazie per quello che insegni…ho trovato in questo sito una occasione di crescita (in generale).

    • Le idee che ci facciamo sugli altri sono spesso la proiezione di quello che noi vorremmo. Di conseguenza è normale rimanere a volte un po’ delusi, ma non per questo se ne deve fare un dramma, magari lei ha altre qualità che tu non hai ancora visto. Concordo sul reset.

      • Ciao Sensei, ho applicato il reset (totale). Ho lavorato su di me sotto vari aspetti in modo da cercare di presentare a lei il nuovo me.
        Il primo incontro è andato bene (avevo cercato di essere pronto ad eventuali test o tentativi di mettere in difficoltà): invece tutto tranquillo. Lei mi parlava con trasporto ed entusiasmo. Ho iniziato con un leggero contatto fisico…e poi dopo un po’ con una scusa me ne sono andato.
        Poco dopo mi scrisse che le aveva fatto piacere che avessi chiacchierato con lei. Passiamo alcuni giorni ed adotto il caldo freddo…dopo una settimana le propongo un’uscita. Mi dice sì. Poi dopo qualche giorno si inventa un impegno con una amica e mi chiede di rimandare. Passa qualche giorno, ci rivediamo…vado sempre di contatto fisico; si parla un po’ ed alla fine la invito ad uscire. Questa volta la vedo un po’ titubante ed allora la provoco ( le chiedo se per caso ha paura di me… Mi dice che ovviamente no …). Ci rivediamo qualche ora dopo per definire l’orario, ma anche questa volta, all’ultimo mi dice di essere impegnata…saluto con indifferenza, girò sui tacchi e me ne vado. Non so se ho sbagliato qualcosa ( forse sì o forse no). Mi dispiace molto perché ci tenevo, ma credo sia giusto tagliare per una questione di dignità (se non fosse per il rapporto intenso che c’era stato – seppur breve – avrei tagliato prima). Quello che ancora mi lascia stranito, è stato andarci a letto poco dopo che ci si frequentava (e non è una di quelle che si definirebbe ragazza facile) e poi da un giorno all’altro senza spiegazioni (se non un classico “non voglio ferirti coi miei comportamenti confusi”) trovarsi con un calcio nel sedere.

        • C’è un elemento del quale parlerò a breve in un articolo: la chimica. Quando scatta non c’è ragione o scusa che tenga e si finisce a fare dell’ottimo sesso. Purtroppo molte non la sanno vivere del modo giusto e si creano nella loro testa mille paranoie e, appunto, confusione. Ti sei comportato alla perfezione, da manuale direi, però nella sua mente c’è qualcosa che non va che esula la tua persona. Sarebbe come spiegare a un cieco che deve attraversare la strada quando “vede” il semaforo verde! Se lei è confusa come dica tu puoi solo lasciarla andare, e poi chissà…

          • Ciao Sensei, sono un ragazzo di 27 anni e premetto che non ho un problema di estrema gravità, avrei solo bisogno di qualche consiglio.
            Cercherò di essere conciso..più o meno due mesi fa ho iniziato ad uscire con una ragazza di dieci anni meno di me, è iniziato tutto in modo disinteressato vista la differenza di età e comunque il mio obiettivo era solo portare a casa qualcosa di fisico diciamo.
            Dopo poco tempo però tutti e due abbiamo visto che in realtà c’era molta intesa e la differenza di età non costituiva un problema, e comunque c’era un interesse reciproco a sviluppare una conoscenza..aggiungo che questa ragazza lavora a 20 metri da dove lavoro io, che ho la mia attività (un edicola) quindi parecchi tempi morti e lei veniva praticamente tutti i giorni a fare la pausa sigaretta..quindi ci vedevamo molto spesso durante la giornata..in sostanza abbiamo passato un bel mese dove sembrava che le cose si sviluppassero bene, c’era affetto e intesa sessuale (anche se abbiamo avuto pochissime occasioni per del buon sesso), ma nelle ultime due/tre settimane ho notato un calo del suo interesse e dell’affetto nei miei confronti, ne abbiamo parlato dopo poco che ho notato questa cosa e la spiegazione è stata che lei non sapeva bene cosa voleva ma che comunque stava bene con me..quindi ho deciso di distaccarmi un po’ per lasciarla tranquilla e non trasmetterle pressioni, anche perché in passato ho fatto spesso errori di questo tipo nelle mie storie quindi ho imparato bene la lezione, ma ho visto che non ha avuto grande effetto..io comunque ho cercato di mantenere una certa affettuosità e tranquillità anche perché non mi sembrava un problema così grave visto il poco tempo della frequentazione, e ho sempre mantenuto un atteggiamento positivo e solare ma non ha funzionato..quindi pochi giorni fa ho deciso di concludere la relazione visto che non c’erano dei miglioramenti (non avrei voluto farlo ma sinceramente mi sembrava l’unica cosa giusta e sensata da fare) e visto che stavo iniziando a starci un po’ male, e lei ha accettato la cosa, si vedeva che era dispiaciuta ma la pensava come me..il punto è che non c’è un vero motivo per cui la cosa sia andata così, lei non me l’ha saputo spiegare e credo che in realtà ci sia solo un po’ di confusione da parte sua dietro a questa cosa..il fatto che abbia qualcun altro non sussiste visto che ne abbiamo parlato e la sincerità non è mai stata un problema, e comunque ho percepito che mi diceva la verità quando abbiamo affrontato l’argomento..aggiungo che non abbiamo avuto tanto tempo per stare da soli nel periodo della frequentazione per diversi motivi come ad esempio il fatto che lei non abbia la patente o comunque essendo minorenne i genitori imponevano dei limiti di orario o cose del genere come è giusto che sia, ma queste cose hanno inciso nella sfera sessuale..loro mi conoscono ma non sapevano ci fosse qualcosa in atto..dopo che abbiamo chiuso, e parlo di tre giorni fa, io non mi sono fatto più sentire ne vedere e sto continuando la mia vita tranquillamente anche perché non possiamo parlare di amore quindi non sono distrutto o cose simili, però mi dispiace molto perché stavamo bene nel primo periodo e me lo ha ribadito anche lei, e comunque sono dell’idea che ci siano ancora molte strade aperte e la cosa non sia finita qui.
            Quindi, siccome alla fine della fiera avrei molto piacere se avvenisse una riconciliazione, vorrei chiederti un consiglio su come posso comportarmi a riguardo.
            Ti ringrazio da subito, spero di essermi spiegato bene e mi scuso per la lunghezza del racconto.

          • Purtroppo avresti dovuto leggere il regolamento prima di postare: non do consigli a/per minorenni.

  23. Buongiorno Sensei,
    vorrei raccontare la mia storia.
    Lo scorso Aprile decido di organizzare un viaggio per l’estate in compagnia di 3 ragazze sconosciute, nessuno di noi 4 si conosceva, ci siamo trovati su un forum.
    Ci incontriamo di persona per conoscerci, e fin da subito mi colpisce una in particolare.
    Nonostante lei sia di una città distante più di 100 km dalla mia, voglio provare a conoscerla meglio e cercare qualcosa con lei…abbiamo un gruppo comune su whatsapp, ma inizio a scriverle in provato manifestando il mio interesse, e dopo un paio di mesi in cui piano piano ci siamo avvicinati sempre più, accetta di vedermi una sera a metà strada.
    Lei mi aveva detto già al telefono che era circa un anno che stava da sola…usciva da una storia molto brutta con un ragazzo straniero di un paese anche abbastanza lontano, nella quale era stata costretta da lui a lasciare gli amici e aveva subito anche qualche offesa.
    Ci vediamo quella sera e c’è subito un gran feeling….ci abbracciamo, ci baciamo…e come la bacio, mi rivela subito di aver sciolto un blocco di ghiaccio, e che se io ero lì quella sera non era per una semplice avventura, ma che per lei significava di più.
    Questa cosa li per li mi ha bloccato. Anch’io ero reduce da storie travagliate, e mi sono spaventato. Così, dopo 2 giorni, le mando un messaggio con scritto che non avevo ancora la testa per una storia seria e che preferivo fare un passo indietro. Lei ci rimane molto male e accusa il colpo, ma rispetta la cosa. Io però capisco quasi subito di aver fatto una cazzata…e dopo una settimana circa la ricontatto,e piano piano riconquisto la fiducia. La notte prima della partenza per il viaggio, invitato da sua mamma, dormo a casa sua, visto che la loro città è molto più vicina della mia all’aeroporto di partenza. Conosco quindi i suoi, e subito penso di fare una bella impressione.
    Lei è dolcissima, e per tutto il viaggio(che dura 3 settimane) dormiamo quasi sempre in camera doppia(raramente in quadrupla con le altre 2), facciamo più volte l’amore, abbiamo un’intesa pazzesca su ogni cosa…ma lei ha 2-3 crisi che la portano ogni tanto a fare dei passi indietro, a isolarmi per un giorno intero, a diventare più fredda…sempre quando io mi sbilancio un po’ di più con parole troppo importanti secondo lei. Mi rimprovera che corro troppo insomma. Questi momenti però sono alternati da frasi del tipo “cosa succede se mi stessi innamorando di te?”, “dimmi che per te non sono solo attrazione fisica”, “ho paura sia di coinvolgermi troppo che di non coinvolgermi”, ” sei il primo che mi legge dentro”, “se mai avessi ancora paura vieni da me e con un abbraccio passa tutto” e via dicendo….sull’aereo per tornare in Italia mi dice che non sa come comportarsi, che forse si allontanerà un po’, ma in realtà all’inizio non lo fa per niente.
    Le faccio anche una sorpresa una sera facendomi trovare fuori casa sua, la apprezza molto ma mentre mi bacia mi dice “non pensavo potessi mancarmi cosi tanto” e anche “ti odio”….un ti odio che io interpretavo con “ti odio per farmi provare questi sentimenti e ho paura di soffrire”.
    Ora però si aggiunge un enorme problema….lei ha un ritardo del ciclo. Inizia a diventare difficile da gestire, a volte è dolce a volte è intrattabile. Questo per due settimane, finchè quando si decide a fare il test, scopre di essere incinta.
    Le crolla il mondo addosso. Inizia a diventare davvero intrattabile, mi accusa del fatto che spesso l’abbiamo fatto senza precauzioni nonostante lei mi chiedesse sempre di usarle(ahimè è vero), e per due settimane circa non sa cosa fare della situazione. a questi soventi momenti di ira, odio e frasi davvero dure da digerire(come ad esempio un “provo una repulsione totale, sia fisica che mentale per te) alterna ancora momenti “buoni”, come quando mi dice che nonostante tutto è fortunata ad avere me dall’altra parte, o come quando mi invita a cena fuori nella sua città, o che nonostante non voglia andare a vivere con me per non forzare un percorso ben preciso, non mi vuole tagliare fuori ma vuole che entro nella sua vita a piccoli passi perchè ha bisogno di un suo equilibrio.
    Alla fine, decide di abortire. Io le ero stato accanto in ogni modo, e le avevo detto che qualsiasi decisione avesse preso l’avrei supportata. Passano due settimane molto fredde, in cui si fa sentire molto poco, ma quando passo a trovare i suoi genitori(avvisandola, e ottenendo come risposta un “io non ci sarò”) per lasciare loro un regalo data l’ospitalità ricevuta, ed entrando nelle loro grazie per i miei modi di fare e per il fatto che sapessi parlare di qualsiasi argomento, lei mi cerca dopo un paio di giorni dicendo che sapeva di comportarsi male con me e che comunque sua madre aveva apprezzato tantissimo la mia visita. A 10 giorni dall’aborto, nel mezzo di questo periodo freddo, all’improvviso mi invita ancora a cenare fuori con lei nella sua città. Serata stupenda….mi chiede addirittura di stare in macchina da soli, sui sedili posteriori, e stiamo abbracciati per 40 minuti continuando a baciarti in un modo così dolce e intenso da far venire la pelle d’oca. Lei continua a dire “ti odio” e “non ti sopporto”, ma ormai so cosa significa…
    E io penso: “cavolo, se a 10 giorni dall’aborto, dopo che ha detto che prova repulsione totale per me, si comporta così…allora forse ci siamo…forse si sta davvero lasciando andare e ha capito cosa prova davvero per me!”.
    Niente poteva essere più sbagliato. Ci sentiamo il giorno dopo, poi il nulla per 5 giorni. Io ovviamente provo sempre a scrivere qualcosa, lei visualizza ma non risponde. Poi, qualche mattina fa, le mando il buongiorno, e dal nulla mi risponde “io non voglio più saperne di te e guai a te se ti fai vedere venerdì(all’aborto)”.
    Assurdo. Una bomba in una cristalleria. Io le scrivo che capisco quello che sta passando, con tutti i dolori e ciò che ne concerne, e che anche se mi sta odiando io sono qui per lei. Niente. Decido comunque di salire da lei per l’operazione. Le infermiere mi chiedono se ho il consenso della persona, poi entrano da lei in stanza e ovviamente lei risponde no. Non vuole farmi entrare. Sono costretto a tornare a casa, ma almeno sa che mi sono presentato. L’intervento è avvenuto venerdì e lei continua a non scrivere nulla, a visualizzare i miei pochi messaggi e a non rispondere.
    Non ha mai fatto così tanti giorni senza scrivere(se escludiamo il “non voglio più saperne di te” sono 10 giorni che non mi scrive nulla) e sono nel panico e nella sofferenza più totale.
    Cosa posso fare? Come posso comportarmi? Io penso sia evidente che prova qualcosa di forte, ma è così confusa….
    Scusami per esser stato così prolisso.

    • Mi dispiace della situazione molto complessa, che per esperienze personali conosco e condivido, però non è questa la sede adatta per parlare di argomenti così delicati e personali. Io non saprei che consigli darti e soprattutto non posso prendermi la responsabilità di offrirti qualche consigli: questo è un sito di seduzione, nulla di più. Al massimo posso dirti che sei troppo agitato, è normale, ma devi riuscire a controllarti di più, stare sereno e non portare troppi “drammi” e sempre parole “pesanti e profonde”. Tante volte è meglio una battuta stupida e leggera che una poesia di Prevert!

  24. Ciao, in vacanza ho conosciuto diverse ragazze, sono uscito con alcune e con una molto bella e giovanissima è nata una passione (sono andato anche a trovarla al suo Paese). Quella con cui uscivo prima di partire non l’ho più richiamata…

    Intanto però non ho proprio smesso del tutto di pensare a lei: a settembre dopo un silenzio di mesi (a parte il buon compleanno a giugno) ho deciso di rifarmi vivo e le ho scritto “Ciao, ***, come stai?” e lei ha risposto “Bene, ciao”, dopo una mia domanda generica sulle ferie ha scritto “cmq tengo a precisare che per me è finita e non intendo riprendere niente”. Io non ho detto niente, ho ignorato e continuato con un’altra domanda. Dopo questo lei mi manda questo messaggio scontroso: “non vedo perché continui ad insistere.non ne ho voglia. Non mi va. Non mi interessa. Basta.”
    Secondo te avrei potuto scriverle diversamente (seppure non ho detto niente di particolare nei messaggi)? E poi pensi che io abbia insistito veramente come dice lei? A leggere in giro si sente parlare di gente che fa molto molto di più e io per quattro messaggi… Non l’ho certo tempestata, non sono andato a cercarla, non le ho mai telefonato, sono stato 5 mesi senza farmi vivo, pensando che il brutto ricordo della fine si sarebbe stemperato, affiorando successivamente anche i momenti piacevoli dell’inizio, e invece… In più potrebbe aver pensato che non mi sono più interessato a lei, che mi son fatto le vacanze, mi son divertito e adesso a settembre mi rifaccio vivo solo per ricominciare a portarmela a letto.
    È evidente che ce l’ha ancora con me e ha eretto un muro, per cui se voglio andare avanti mi trovo per forza nella scomoda e paradossale posizione di insistere facendola innervosire. Mi sono fermato dopo un mio ultimo messaggio, nell’attesa di rifarmi vivo tra un paio di mesi, che ne pensi?

    Grazie.

  25. Buongiorno Sensei,
    Le descrivo brevemente il mio problema. La relazione con la mia ragazza non stava andando per il verso giusto. Da giugno eravamo entrati ufficialmente in crisi (i sentimenti da aprile in poi si erano un pò raffreddati, la sua mamma era in depressione e lei ha preferito rifugiarsi dall’amica forse perchè io avevo problemi ben più gravi in famiglia, lei non era soddisfatta della pratica che svolgeva, in più i rapporti non esistevano più perchè aveva un blocco psicologico dovuto alla cistite), e parlandone i problemi da lei riscontrati erano la monotonia, il fatto di non ricevere sorprese, assenza di coinvolgimento e di momenti per stare soli (in realtà li creavo anche ma lei non li recepiva), il non capire cosa provava per me. Comunque di comune accordo si decise di proseguire la relazione ma dopo la vacanza in agosto si è nuovamente presentata tale situazione. In questo caso lei era convinta di ciò che provava ma accennò ad una pausa di riflessione. Io non ero d’accordo perchè ero sempre dell’idea che i problemi in una relazione matura si risolvessero insieme (lei mi chiedeva di sentirci ugualmente in caso di pausa). Mentre me ne andavo lei non mi ha lasciato andare e mi ha detto che anche io avrò avuto momenti negativi e abbiamo proseguito. Il problema è che dopo l’enfasi iniziale lei si è rispenta, come ogni volta, mentre io sono sempre stato costante cercando di risolvere i problemi generati da me. A metà settembre lei se ne va a fare un week end con la sua amica che festeggiava il compleanno e mentre il primo giorno la sentivo serena, gli altri due era sfuggente, non ci cercavamo mai. addirittura siamo stati anche 7 ore senza sentirci cosa mai accaduto prima. Al suo ritorno per lei era tutto normale infatti mi ha baciato come fosse tutto apposto mentre io ho sottolineato la cosa e alla fine in realtà ha detto che c’era qualcosa che non andava.. Non riuscendo ad uscire da questo stato di crisi e dato che io sapevo quello che volevo mentre lei diceva che ci vedeva come coppia che stava facendo un percorso insieme ma poi non sapeva quello che provava…..ho preso la decisione di allontanarci perchè in un periodo in cui avevo bisogno di tranquillità anche lei riusciva a crearmi disagi. Purtroppo sto attraversando una fase delicata della mia vita (mio padre è gravemente malato, non so quanto altro tempo potrò godermelo). Lei aveva riconosciuto il suo essere egoista perchè ha voluto solo pensare a se stessa in quei giorni e che il problema era suo. Secondo lei ho preso la decisione più giusta?
    Dopo che le avevo comunicato la decisione presa non capiva perchè avessi cambiato modo di pensare. Però mentre le altre vole l’avevo vista emotivamente coinvolta quest’ultima l’ho vista più fredda.
    Dopo 4 giorni di silenzio le ho inviato un messaggio nel quale esprimevo il mio pensiero facendole capire di individuato gli errori commessi dovuti al fatto di essere lacerato dentro per via dei problemi famigliari e del lavoro, che mi è successo veramente una cosa importante (è vero) e ho terminato con il dirle che non vorrei rovinassimo tutto (per tenere una porta aperta) senza dirle che io la vorrei con me, anzi sono stato ambiguo. La sua risposta è stata che prova per me un sentimento molto forte ma che vuole continuare la sua riflessione su se stessa perchè non vuole commettere altri errori, vuole essere certa al 100% di questa cosa. Mi è vicina data la mia situazione e non le sono indifferente come sembra dall’esterno, ed il pensiero per me è sempre costante dentro di lei ma vuole fare chiarezza sui suoi sentimenti. Una risposta molto logica e che ci può stare ma l’unico dubbio è che ha iniziato con scrivere: “Caro Occhio4” mi sa tanto di distanza oppure di scocciata per via della mia decisione presa. Da quel giorno sono sparito, sono una decina di giorni che non la contatto e nè lo fà lei. Sebbene le dicevo le condizioni di mio padre (sa che sono peggiorate) a lei non le ho mai detto come mi sentivo dentro di me, ho sempre voluto darle serenità e tranquillità senza metterla in mezzo ai problemi miei personali per non sembrare un debole e darle certezza e per essere un alpha.
    Mi consiglia di continuare a fare il reset (tra un paio di giorni la vorrei richiamare dopo 14 di reset e 21 senza vederla). Io vorrei risentirla per andare a prendere un caffè, senza parlare dei nostri sentimenti….solo per ritornare a comunicare e capire come la butta senza dirle le mie sensazioni Cosa ne pensa?
    Le chiedo scusa se mi sono dilungato troppo ma era l’unico modo per farle capire a grandi linee la mia storia.
    Grazie

    • Prima di tutto scusami se ti rispondo solo ora, ma quando leggo email come la tua mi prendo sempre un po’ di tempo in più per riflettere e dare una risposta ancora più precisa e delicata del solito (come saprai mi manca un po’ di delicatezza con chi scrive!). Mi spiace davvero per i tuoi problemi personali, sono sfide che dobbiamo affrontare e superare, ma credo che tu questo già lo sappia e che sarai in grado di andare avanti, anche se con tanta tristezza nel cuore. Per quanto riguarda lei posso solo darti la mia visione parziale ed esterna, magari anche un po’ superficiale. Lei è una povera deficiente (magari sbaglio), ma tirare fuori ste’ menate da dodicenne nel momento in cui TU ti trovi è veramente da stronza di prima categoria. Tuo padre è malato e lei pensa a sé stessa? Ma per cortesia, tu non le devi dimostrare nulla, sta a lei diventare adulta e comportarsi da persona matura, prima si affrontano insieme i problemi così importanti e POI si pensa al proprio stare bene. Credo che se lei stesse nella medesima situazione tu faresti i salti mortali e avresti pazienza, e lei cosa fa? Ti crea casini? Non ti sta accanto? Non ha pazienza? Magari sono io sbagliato che cerco wonderwoman oppure quello che scrivi non è troppo vicino alla realtà, in ogni caso il problema è lei, non tu. Ormai molte ragazze sono viziate, insicure e incredibilmente immature, stai con tuo padre e continua a non sentirla, mai più! Se un giorno dovesse farsi sentire lei le spiegherei, se fossi in te, il tuo punto di vista e i tuoi sentimenti. Mi vuoi? combatti per me! Se non lo fa allora meglio perderla che trovarla una così. Questa è la mia visione persoanle su come mi hai descritto la relazione e come agirei io in base alla mia esperienza. Tu devi agire seguendo la tua.

  26. ciao sensei, mi trovo in un momento abbastanza delicato nel senso che da poche settimane abbiamo rotto una storia che sembrava potesse essere la storia della vita… facevano programmi futuri di un certo tipo e già si conviveva da un pò.
    Una serie di incomprensioni e situazioni hanno messo alla prova il rapporto, per quanto mi riguarda sono sempre state cose superabili con un pò di dialogo e di pazienza, sono molto sicuro dei miei sentimenti per lei… siamo 2 persone over 30 e con 2 caratteri direi abbastanza delineati. Ad ogni modo lei non ha retto e ha voluto rompere in modo netto e a mio avviso fin troppo frettoloso, apparendo anche fin troppo fredda e calcolatrice.
    I suoi status di FB e di whatsapp però tradivano questa sua risolutezza e mi hanno fatto credere che in realtà aspettava una mia reazione che c’è stata, ma il mio tentativo di riprendermela (senza dirle che cambierò, ma solo comprendendo ciò che lei cercava realmente in una relazione e rassicurandola che non era poi così differente da ciò che cercavo io) è andato a vuoto.
    Ora dopo appena 1 settimana lei mi manda un msg con una banale scusa per vederci, cosa totalmente incoerente con ciò che ha detto e fatto nei giorni scorsi… anche la tempistica mi lascia sorpreso!!!… tu come interpreti questo suo gesto e come gestiresti la cosa da parte mia?… chiaro che sono ancora molto preso da lei e il primo impulso sarebbe quello di rimettere a posto le cose qualora se ne presentasse l’opportunità…

  27. scusa riprendo….l’aveva annunciato l’altra volta, ma vorrebbe parlarne di persona, le rispondo che sicuramente avevo capito male io, ci salutiamo, a pasqua non si è fatta sentire e io nemmeno.
    Ti chiedo cosa sarebbe giusto fare adesso?(ammesso abbia voglia di riconquistarla) un reset? metodo socratico?
    Grazie mille e scusa il papiro

    • Vuole tempo, continuare a chiederle di uscire le mette pressione, prova invece a sentirla telefonicamente solo per fare due chiacchiere, per sapere come sta e cosa di questo tipo.

  28. Salve Sensei la leggo sempre con piacere! Le volevo raccontare quello che mi è successo.Conosco una ragazza circa un anno fà tramite interessi comuni, mi aggiunge lei su FB, in seguito ci siamo scambiati sporadici messaggi in chat sul più e sul meno e auguri per le feste,qualche incontro del tutto casuale dove si faceva due chiacchiere,scambiandoci i numeri del cell.Quest’anno a inizio febbraio dopo un saluto l’invito ad un caffè lei premette che ha poco tempo (un figlio di 7 anni che cresce da sola) ma troviamo un pò di tempo, per un disguido c’è anche il figlio ma nessun problema, si scusa e si dice contenta se ci rivediamo da soli, concordiamo un’altra uscita, tempo risicato (circa mezz’ora) causa impegni con suo figlio, facciamo una passeggiata , io faccio un pò di contatto fisico che sembra gradire, infatti mi saluta calorosamente.
    Mi manda poi in mess dove si scusa per il poco tempo e dice che vorrebbe conoscermi meglio.
    Ci rivediamo la settimana successiva dove dopo un caffè facciamo una passeggiata ed io continuo
    con il contatto fisico leggero, la riaccompagno a casa e ci baciamo.
    Ci rivediamo qualche giorno dopo e li mi fa un discorso dicendo che non vuole correre troppo in quanto uscita da pochi mesi da una storia dove il figlio si è mostrato geloso e indisposto verso l’altra persona. Le dico che capisco e che non ho alcuna fretta e che stiamo iniziando a conoscerci, la riaccompagno e ci baciamo nuovamente.
    I giorni successivi continuamo a sentirci tramite watsapp e le chiedo quando ci si può rivedere, lei dice di essere un pò incasinata e non insisto, passano due settimane, le chiedo se riusciamo a farci gli auguri di pasqua prima che parta ( deve andare al paese dei suoi) mi dice che non ha tempo, alchè le chiedo se i motivi non siano altri, mi risponde che è confusa e si è resa conto dopo che non vuole cambiare la sua vita (che le l’ha chiesto?) e che già me l’av

  29. Caro Sensei. Torno a scriverti dopo qualche tempo. La ragazza che sto frequentando continua a comportarsi davvero in modo altalenante. Dice che il problema è lei. Non riesce ad innamorarsi. Riconosce che sono un ragazzo che si sta comportando con lei come vorrebbe ma non riesce a sentire quello che provo io. Ho la sensazione che io sia respinto più per una sua paura interiore che non riesce a superare che per altro. Solo che la famosa pazienza da parte mia viene messa a dura prova. Eppure si fida di me, sa bene cosa voglio e riconosce che faccio ciò che devo senza avere esitazioni. Gli episodi dove però noto che lei si comporta non bene nei miei confronti stanno aumentando e appunto evito di discutere perché preferisco dimostrare maturità, ma ancora per quanto reggerò? Non so cosa fare. Reset non ha senso, mi cerca dopo un po’. Ne ho parlato con lei ma non ne vengo a capo. Suggerimenti?

  30. Io la voglio, ma le indecisioni mi innervosiscono, e onestamente non ho tutta questa gran pazienza. Però dicono sia una ragazza molto seria, è questo che mi spinge a non demordere. Tu che faresti? Devo darle spazio, senza mai contattarla e continuando a sedurla quelle poche volte che la vedo in gruppo?

  31. Tra l’altro sta notte mi ha scritto, mi ha detto ‘scusa, avrei voluto parlarti con più calma, il problema sono io’. Ma che cavolo significa? Io le ho risposto che mi piace il feeling che si era creato, che il problema sono io che ho accelerato troppo i tempi, e che è giusto che si prenda i suoi spazi.

  32. Sensei ti riassumo: conosco questa ragazza da settembre, ci provo e riprovo ma piovono i due di picche. A capodanno mezzi brilli scatta un bacio. Le chiedo di uscire come amici, lei accetta, e io ovviamente attacco e la bacio. Sembra andare tutto bene, le vvolte successive ci esco solo in gruppo. Oggi la becco in compagnia, irrigidita, provo a sedurla ma comunque percepisco il suo distacco. Le prendo la mano e l’accarezzo mentre parlo con nonchalance con un altro mio amico, la abbraccio, la punzecchio e alla fine della serata nel momento dei saluti, mi avvicino per baciarla, lei non si scosta, ma mi fa ‘in pubblico mi infastidisce’; al che le rispondo, ‘ci frequentiamo oppure no?’. Lei mi risponde ‘non lo so’, facendomi girare le palle ai livelli stratosferici, ma mantengo la calma, le sorrido e le dico ‘pensaci’, tirandole una pacca sulla spalla. Che fare ora?

  33. ciao sensei,ti espongo il mio caso ho conosciuto una ragazza sul lavoro siamo usciti un paio di volte l’ho portata anche a cena la seconda volta,poi lei per le feste è stata via.

    Dopo 10 giorni oggi la risento parliamo via msg del più e del meno a un certo punto mi scrive,ah sai in aeroporto ho conosciuto l’uomo della mia vita mettendomi mille faccine sorridenti,mi fa nn sei contento per me? io ho cercato di sviare il discorso mi pareva quasi mi pigliasse in giro nn so se lo abbia fatto per ingelosirmi o meno.

    Poi aggiunge ci vediamo in settimana ecc..

    Non capisco se mi metta alla prova spronandomi o cosa,mi pare una cosa da ragazzine uscire con ste cose sui colpi di fulmine non è che sia così amica mia da confidarsi la conosco poco ed evidente che la sto corteggiando allora perchè uscire così?lo fa per farmi desistere?

    credo che ci vedremo nei prossimi giorni che faccio?ci provo o la va o la spacca?questa era la mia idea che suggerisci?

    • Ma cosa te ne frega? Invece di farti le solite infinite seghe mentali che vi fate sempre senza ragione agisci in base alle tue scelte e a quello che TU vuoi!

  34. Ahah e anche tu c’hai ragione!
    Io intendevo che la brava attrice è lei! Fa la ferita quando in realtà non ne avrebbe motivo..
    Buona vigilia a te e famiglia!

  35. Ciao Sensei,
    vorrei raccontarti la mia storia. I primi giorni di settembre ho contattato una ragazza su Facebook perché ero interessato a conoscerla. Ho iniziato a parlarci nel primo pomeriggio e la sera avevo già il suo numero e avevo già organizzato un incontro con lei (a cui si è presentata tranquillamente) quattro giorni dopo. Abbiamo parlato anche nei giorni successivi, il problema sta nel fatto che il giorno prima di vederci mi ha detto che aveva accettato di uscire con me ma che voleva solo un’ amicizia, perché non si sentiva pronta per una relazione. Due settimane dopo ci siamo rivisti e mi ha detto chiaro e tondo che mi vedeva solo come un amico e che si faceva le paranoie a dirmelo perché aveva paura che ci restassi male e me ne andassi. Da lì abbiamo continuato a parlare ogni tanto e ho fatto anche qualcosa tipo farmi trovare sotto casa sua con il regalo il giorno del suo compleanno, per vedere se la cosa poteva toccarla un po’, perché lei è abbastanza sensibile, ma mi ha dato di nuovo il due di picche. Da quel giorno, ci siamo sentiti sempre più raramente (praticamente mai) e io ho pensato “va be’, non importa, si cambia obiettivo”, ma una settimana fa mi ha rimandato un messaggio sul cellulare, in cui mi diceva che le mancava parlare con me, voleva sapere come stavo e mi ha mandato un bacio, usando il soprannome con cui la chiamo. Io le ho risposto dopo quasi una settimana in modo distaccato e lei mi ha risposto subito la prima volta e dopo qualche ora alla mia seconda risposta (che ho di nuovo posticipato apposta). Se può servire, ti dico anche che mi ha detto che suo fratello e sua madre le hanno più volte detto di stare con me (cosa che, in principio, pensavo usasse come scusa per dirmi “dai, insisti, sfrutta il loro aiuto). Vorrei un tuo parere sulla questione e, se puoi, qualche consiglio generale. Ti ringrazio molto per l’attenzione e complimenti per il sito, i tuoi articoli sono molto interessanti.
    PS: buon Natale!

    • Ma la vuoi sedurre o devi continuare a fare l’amichetto? Seducila per la miseria, agisci, giocatela anzichè fare lo zerbino dei regalini…

  36. Sensei ma scherzi ?
    Che colpa ne ho io se lei stessa dice di non volere storie serie, non vuole che le amiche sappiano che ci vediamo, non vuole atteggiamenti affettuosi in pubblico, io accetto tutto questo e poi dopo che andiamo a casa mia un paio di volte vuole mettersi con me ?
    Come avrei fatto del male a questa persona ? Lei usciva con altri ragazzi, io capisco solo che secondo me lei non può stare con me perchè non rispetta i miei standard di serietà. Non è capace a fare una storia seria, figuriamoci a distanza!
    La verità è che si diventa tutti bravi attori in certe situazioni!

    • E’ molto semplice: dovete imparare a scrivere i commenti in modo chiaro, non ho la sfera di cristallo per comprendere tutti i risvolti dei vostri racconti. Da quello che si evince dai tuoi commenti, tu ne esci molto male, se invece le cose stanno come scrivi allora ti chiedo cosa vuoi da lei? Se non rispetta i tuoi standard di serietà cosa ci perdi del tempo? Perchè se è per fare solo sesso allora non c’è serietà neanche da aprte tua (e secondo me non ci sarebbe nulla di male in una storia di solo sesso), ma quello che sembra ti manchi è un po’ di coerenza tra quello che scrivi, fai e dici di volere. Magari sei stato solo poco chiaro, ma per ora l’unico che sta recitando una parte sei tu, non io.

  37. Ciao Sen.
    Questa estate ho avuto una storia con una ragazza. Iniziata da parte sia mia che sua (anche se lei non lo ammetterà mai) per solo sesso.
    a circa metà delle vacanze (io la vedo solo per le vacanze) per qualche strana ragione decide che vuole stare con me. Io la rifiuto immediatamente perchè non voglio alcun rapporto serio e lei questo L’HA SEMPRE SAPUTO DAL PRIMO ISTANTE.
    Continuiamo a vederci fin quando non ritorno alla mia vita di tutti giorni, e parto.
    continuiamo a sentirci per qualche settimana ma poi decido di troncare.
    adesso eccomi nuovamente qui. Vacanze natalizie.
    Secondo giorno che sono ritornato vado sotto casa sua e le dico di scendere. Lei scende, parliamo e mi dice che “forse” sta con un ragazzo, che però è stato solo un tappa buchi usato solo per allontanare il male che le ho fatto volendo chiudere con lei (secondo me è solo una sciocchezza questa)
    Non ha voluto che ci baciassimo. Oggi aveva un esame e io credevo che chiamasse in serata poichè più libera. Non è stato cosí.
    Secondo te dovrei chiamarla, o attendere che si faccia sentir lei ?
    P.S.: Non ha voluto dirmi chi è il tizio in questione perchè secondo me lo conosco….

    • Ma che diavolo vuoi da questa ragazza? Sinceramente trovo il tuo comportamento deprecabile, per cui facciamo così: se devi fare del male ad una ragazza e poi chiedi consiglio a me sul come fargliene altro allora proprio non commentare.

LASCIA UN COMMENTO