Leggendo questo articolo pensi di poter imparare a capire cosa desiderano le donne in un attimo, tipo superpoteri. Farò molto di più per te, ti dirò come essere per non aver bisogno di sapere cosa vogliono le ragazze!

Devo dire che ultimamente, forse per l’esclusione della Nazionale di calcio per i prossimi Mondiali, il numero di minchiette smidollate (ossia uomini con poco carattere), si è moltiplicato esponenzialmente.

Il maschio italiano non c’è più (forse potrebbe essere anche una fortuna), lasciando spazio a una specie di mollusco piagnucoloso privo di spirito d’iniziativa e carattere.

In pratica gli uomini si sono ammosciati e la loro identità distrutta. E’ un bene o un male?

Personalmente credo sia un bene, com’era diventato il maschio negli ultimi decenni non mi piaceva. Era un pupazzo arrogante pieno di sé, senza valori e con il culto del corpo e dell’immagine.

Ora abbiamo la possibilità di crescere, crearci una nuova identità sana, forte e con valori profondi. Cosa c’entra con la seduzione? Se ti stai facendo questa domanda significa che ho ragione, perché sedurre passa per quello che sei, non per quello che fai o hai.

Cosa desiderano le donne: i 1001 commenti

Di recente sono stato bombardato da commenti nei quali mi veniva chiesto di dare un giudizio, di entrare nella mente della ragazza di turno per esprimere il mio parere su un suo eventuale interesse.

Commenti così sono da beta. Sempre e comunque, perché è bello volerla capire, ma non lo è avere il bisogno bambinesco di sapere tutto per far fronte alle proprie paure.

Se sei tra questi, sappi, che il tuo problema è la paura delle donne e del rifiuto causati dalla scarsissima autostima che ti contraddistingue dal punto di vista personale.

Voler sapere cosa desiderano le ragazze non fa di te un miglior seduttore, solo una persona peggiore! Tutta la seduzione, ma proprio tutta, si basa sul valore. L’antropologia ci spiega, in linea di massima, questo: cerchiamo persone che crediamo abbiano un valore simile al nostro o poco superiore, mai inferiore.

Gli scenari possibili

Se stai seducendo una ragazza deve essere perché tu sai di valere e pensi che potresti farla stare bene per quello che sei tu! Non le devi dare quello che lei vuole ma quello che tu hai.

Proviamo con un esempio un po’ banale: lei entra nel tuo negozio e ti chiede un martello. Tu non hai martelli. Che fai? Hai una serie di possibilità.

  1. Le dici che li hai esauriti ma di passare entro qualche giorno. Questo è il tipico caso del reset, c’è il rischio che lei compri il famoso martello da altri, ma tu non puoi farci nulla perché non ne hai. Magari ti lascia il numero, così potrai avvertila, ma a cosa servirebbe contattarla quando ancora non avrai sto benedetto utensile? Tradotto: se sei in reset, e ancora non hai trovato la tua strada, il meglio di te, non avrebbe senso chiamarla perché hai paura di perderla.
  2. Prendi una pinza e le dici che è perfetta come martello, con logica e razionalità tenti di convincerla ma il risultato è chiaro e la figura pessima. E qui ti chiederai cosa desiderano le donne, perché vogliono dei stramaledetti martelli quando tu invece vendi pinze eccezionali?
  3. Tu sai di avere le migliori fottute pinze del quartiere e le vendi solo a chi dici tu perché valgono e sono delle opere d’arte. Anziché convincerla con la razionalità (punto .2), le domandi cosa ci deve fare con un inutile martello? Parli con lei e inizi a capirla, comprendendo i suoi bisogni e allo stesso tempo tempo le mostri le pinze, le trasmetti il tuo entusiasmo e la tua passione per oggetti utilissimi, ma non le dici che si può martellare pure con una pinza! Potrebbe capirlo da sola.

Spero che il senso di questi 3 punti sia chiaro. Nel primo caso conosci una ragazza, ti piace ma palesemente non sei tu il suo tipo. Allora cambi e diventi un altro? NO, cazzo NO.

Con il reset ti prendi tempo per te stesso e stare meglio, conosci altre ragazze e riprendi il tuo equilibrio interpersonale. Quando accadrà andrai direttamente al punto numero 3.

Tu in generale sei nel punto 2, ti ostini a voler capire cosa vogliono le ragazze senza capire che non lo sanno neanche loro, o almeno non in modo così razionale come noi uomini.

Siamo diversi, fattene una ragione

Noi abbiamo un’idea fisica molto precisa di ciò che ci piace e desideriamo, potremmo spiegarlo in modo quasi scientifico. Non è un male, è solo il modo maschile, non c’è giudizio, solo comprensione.

Da qui dovresti riflettere su cosa vogliono e donne perché tu razionalizzi e basta, credi che siano come noi uomini e quindi applichi un metodo su un tipo di persona (femminile) su cui è chiaramente sbagliato.

Loro sono più emotive ed emozionali. Ho conosciuto migliaia di ragazze che mi davano una lista di ciò che volevano (altezza, colore dei capelli, occhi ecc ecc) per poi ritrovarle sempre con uomini assolutamente diversi a quanto specificato.

Sono matte?

Un po’ sì, ma non è tutto. Una donna desidera tante cose, può fantasticare sul principe azzurro ma in lei resterà sempre una parte che necessita in primis di emozioni.

Tra tutte le emozioni possibili e immaginabili lei ha un potente bisogno di sentirsi amata, apprezzata e unica. Ecco che già starai scadendo nello zerbinismo spinto! Il difficile non è dirle queste cose, ma trasmetterle più con i gesti che con le parole.

Uno sguardo potente, intenso e sentito di desiderio vale più di un sonetto. non serve chissà quale genio della poesia o frase a effetto quanto la sicurezza di trasmettere desideri ed emozioni.

Nell’articolo su cosa piace alle donne ci sono spunti “pratici”

diventa maschio alfa
diventa maschio alfa

utili, quello che voglio farti comprendere è invece quando sia più importante migliorare e avvicinarsi alla propria emotività (senza diventare una undicenne impaurita).

Un maschio alfa sa essere così, non ha paura di dare e provare emozioni. E’ colui in grado di vendere delle pinze a una ragazza che dice di volere un martello.

21 Commenti

  1. Bellissimo articolo, ne ho letti molti ed oltre ad essermi divertito ne ho tratto spunti davvero utili! Mi sono immaginato quel genio di Leopardi ai giorni nostri che commentava questo sito e tu che gli davi dell’orsetto del cuore e sono scoppiato in una risata 🙂

  2. Ciao Sensei.
    Nonostante io sia fidanzato, mi fa piacere frequentare ancora il blog e scambiare qualche opinione con te.
    Tra me e me stavo pensando al linguaggio del corpo femminile e nello specifico, gli occhi e lo sguardo.
    È solo una mia impressione oppure ci sono donne che con lo sguardo comunicano ti comunicano qualcosa?
    Ad esempio, a volte ho l’impressione che alcune ragazze “mi salterebbero proprio addosso”… Mi danno l’idea di essere interessate anche solo dal modo in cui mi guardano.
    Altre invece mi danno l’impressione di essere si interessate, ma i loro occhi comunicano comunque timidezza.
    Chiaramente questo non vuole essere il classico ricerca conferme “se fa così allora le interesso?”.
    Ti chiedo solo se anche a te è capitata una situazione del genere, oppure se è il mio… Sesto senso (?) che mi parla

    • “i loro occhi comunicano comunque timidezza”. Se hai questa dote sei a metà tra Xavier, Freud e Casanova… Oppure ti fai dei film degli di Verdone. Si da troppa importanza allo sguardo per via dei media che, incapaci di mostrare l’interesse sensuale in altro modo, lo esplicitano sempre e solo attraverso gli occhi. Ci si guarda intorno, anche senza volerlo e ragazze così esplicite che nello sguardo ci mettono tanto ardore ce ne sono poche perché la maggior part hanno paura. Secondo me volevi fare una domanda più personale e hai fatto il giro largo…

      • La domanda personale era: ti è mai capitato di percepire “l’ardore” di alcune ragazze, solamente guardandole negli occhi?
        Ma probabilmente hai ragione, troppi ragionamenti inutili 🙂

        • Le impressioni sono negli occhi di guarda, anche se una certa “intuizione” può essere veritiera penso sia inutile anche solo pensarci se non si intende agire. Alcune volte posso averla percepita e quando è stato, se lei mi interessava, ho agito. E devo dire che a volte mi sbagliavo… per cui…

  3. Ciao Sensei, cerco di esporre la situazione in maniera piuttosto sintetica
    Conosco questa ragazza più di un anno e mezzo fa (stessa scuola e alcuni amici), la noto ma nulla più
    Qualche mesetto dopo un mio amico mi dice che le piace, così io, che in quel periodo ero fidanzato, lo aiuto facendogliela conoscere e facendo un po’ da tramite
    Fatto sta che tra me e lei c’è sempre stata un minimo d’attrazione, tant’è che anche quando ci conoscevamo da poco talvolta uscivamo e ci vedevamo anche da soli (e non é tipa che esce da sola facilmente con un ragazzo, in generale) per parlare eccetera
    Lei comunque continua la relazione con questo mio amico, per un bel po’ di mesi, nel frattempo ogni tanto ci sentiamo e ci vediamo
    Ora, da relativamente poco non stanno più insieme e abbiamo iniziato a sentirci più frequentemente, e diverse volte é lei che contatta per prima
    A me piace sempre di più, ma essendo una ragazza riservata e per alcuni aspetti timida o comunque poco discorsiva e poco aperta, non so se da parte sua ci sia un rapporto per lo più amichevole, oppure attrazione che potrebbe tramutare in altro..e anche se in tutto ciò potrebbe pesare il mio amico nonché suo ex..cosa ne pensi di tutto questo? E come sarebbe meglio agire?

    • Io non ne penso nulla perché non è chiaro cosa vuoi da me e forse dovresti chiarirti TU nella tua testa che cosa vuoi fare. La vuoi sedurre? Si o no?

      • Sì, e sulla base di quello che ho detto vorrei sapere cosa ne pensi di lei (se secondo te effettivamente c’è interesse o altro) e in che modo dovrei agire considerando la situazione

        • Ancora che mi chiedete se posso sapere se una persona mai vista possa provare interesse??? Ma ti rendi conto della follia e di quanto sia umiliante per te fare quesiti simili che oltretutto sono impossibili! Questo capita perché avete un’idea meccanica, da film, della seduzione che invece si basa più sulle sensazioni e istinti latenti che dovresti risvegliare.

  4. Ciao Sensei. Dopo 15 giorni di studio intensivo del tuo e book (Diventa un maschio alfa) l’ Universo ha deciso di mettermi alla prova. Tramite un amico in comune, quest ultimo mi ha detto che cè questa ragazza che è attratta da me( abitiamo nello stesso paese, ma il fatto che lei ha 16 anni meno di me(io ne ho 39) fa si che la conosca solo di vista) e che le piacerebbe conoscermi. Così decido di Agire e mi faccio dare il suo numero. Le invio un messaggio dove le chiedo di prenderci un caffè. Quindi appuntamento fissato. Sono ultra carico e ultra motivato, anche se non nascondo una certa tensione data dal fatto che è parecchio che non esco con una ragazza. Quindi in sostanza ti chiedo un consiglio? Se tu fossi emotivo come me, ma con la tua esperienza: come gestiresti questo stato d animo? A me comunque; vada come vada, questa mia Ansia la sfido. In altri tempi sarei fuggito, ma stavolta No; ed è anche grazie ai tuoi articoli Che divoro!!

    • Puoi solo andare e basta, accada quel che accada. Ricorda solo che è un essere umano, come te e me, non una creatura angelica e meravigliosa che sfiora l’aria mentre cammina.

  5. Sensei ho acquistato il tuo e-book Diventa un Maschio Alfa. Sono sincero, attualmente sono molto sfiduciato ma allo stesso tempo Motivatissimo nel cambiare questa situazione. Leggerò e metterò in pratica. Se dovessi avere bisogno di chiarimenti o consigli… posso scriverti qua sul blog? Grazie Sensei. Sento nel mio cuore, che sei L.A persona giusta per Questa Mia Grande Sfida di Rinascita.

    • La sfiducia è solo il punto di partenza per arrivare al traguardo, mettiti in gioco e in ogni modo crescerai e migliorerai senza neanche accorgertene. Ma ricorda che ci vuole tempo e per quel che posso qui mi trovi.

  6. Ciao Sensei.
    Sono capitato “a caso” sul tuo blog e devo ammettere che ne sono stato completamente ipnotizzato; sopratutto dalla schiettezza e dalla semplicità dei tuoi articoli. Ma anche, dalla Sicurezza( in te stesso) che mostri nelle risposte ai tuoi “seguaci”.
    Fatta questa premessa, volevo spiegarti la mia situazione difficile e di totale sfiducia( sopratutto in me stesso).
    Per farla breve: in gioventù avevo parecchio successo con le ragazze senza praticamente fare nessuna fatica.(unico imbarazzo era la mia ossessione di soddisfarle a letto e ciò mi creava parecchia ADP e parecchie Figuracce).
    A 28 anni mi fidanzo e per 5 anni ho questa relazione fatta di alti e bassi.
    A 33 torno single e da lì il Buio.
    Ora ne ho 39 e da 6 anni non ho praticamente relazioni neanche sporadiche.
    Mi sento totalmente sfiduciato. Le ragazze che mi conoscono dicono che ho qualità fantastiche per un Uomo, ma che forse fatico a manifestarle( la situazione familiare nella quale ho vissuto non mi ha aiutato ad essere Sicuro di me).
    Per concludere te lo chiedo col cuore in mano: è ancora possibile a 39 anni ripartire da zero?? Se si, e in base alla mia situazione(spiegata a Grandi Linee), che percorso mi consigli di intraprendere??
    Grazie infinite in anticipo per la risposta ( se risposta ci sarà🙂)

    • La risposta da parte mia c’è nel 99% dei casi. A 39 sei giovane, il mondo è cambiato e anche la vita si è allungata dilatando l’adolescenza e l’età adulta. Premesso ciò non intendo dire che sei un ragazzino e che comunque devi darti una svegliata, non per il tempo che passa, ma per la qualità della tua vita. Per esperienza ho imparato che focalizzarsi su un problema non lo risolve, anzi. Adesso è il momento che ti concentri su te stesso e non sul fatto che sei single (che non è un motivo di colpa solo un dato di fatto come il cielo azzurro!). Smetti di rattristarti, fai nuove esperienze, cambia approccio alla vita, mettiti in gioco, riscopri hobby e interessi. Leggi, studia perché da quando ti sei lasciato (da quello che posso intuire), in realtà tu questo non lo hai mai fatto: ti devi innamorare di te stesso, perché se non lo fai tu come possono farlo le donne? Prova gli ebook Diventa un maschio alfa e Il percorso della seduzione, sono creati ad hoc per aiutare a ritrovare autostima e sicurezza, nonché dei metodi seduttivi un po’ più mirati.

      • Quando l’ Allievo è pronto il Maestro si manifesta! Grazie Sensei
        Acquisto subito questi 2 eBook e mi metto subito al lavoro! Analizzandomi, ho notato che in me cè questo forte timore del giudizio delle donne, di “Non essere all’ altezza”, del “chissà cosa penseranno di me e cosa diranno allle amiche”… insomma un sacco di seghe mentali che spero che questi 2 eBook mi aiutino a Risolvere.

        • Sono sicuro di sì, ti posso dire che tantissime persone hanno seguito il percorso e con pazienza e calma hanno avuto risultati insperati. Ciò che conta, questo è il punto focale, è mettersi in gioco e modificare il proprio approccio e punto di vista, anche solo farlo ti darà una soddisfazione incredibile. Non avere fretta, goditi la possibilità di essere la persona che tu desideri, io sono dell’idea che ognuno di noi ci sia un vero Alfa ma che la vita ci costringe spesso a essere dei Beta, ed è normale che sia così. Però possiamo lottare per dare sempre il meglio e volerci bene, amare noi stessi per amare il prossimo (e le donne).

  7. Soccia sensei! Come al solito hai la capacità di precedermi! Stavo per farti una domanda su una curiosità che avevo su un altro articolo (quello su come superare indenni i test delle donne) e tu cosa fai? Un articolo che mi toglie parecchi dubbi a riguardo. Complimenti e oss!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here