Il linguaggio del corpo è “una scorciatoia per ciò che le persone stanno contemplando e sentendo”, ha detto Joe Navarro, ex agente dell’FBI e autore di The Dictionary of Body Language: Joe Navarro, parlando con New York Post.

Secondo Navarro, il linguaggio del corpo può rivelare se una persona sta mentendo, stressata o addirittura insicura.

La salute di una relazione può anche essere determinata esaminando il linguaggio del corpo. Navarro ha rivelato che le persone allontanano le gambe quando siedono vicino a qualcuno che non gli piace. Ha inoltre spiegato, dicendo: “Le coppie che non si amano si tengono per mano ma non lasciano che le loro gambe [si tocchino]”.

Mentre essere in grado di analizzare con successo il linguaggio del corpo è certamente utile quando si cerca di catturare i cattivi, avere una conoscenza rudimentale dei tell del corpo può essere utile per tutti, specialmente se si è nel gioco del dating. Ecco il linguaggio del corpo che attrae di più gli altri, secondo gli esperti.
È stato detto che gli occhi sono la finestra della tua anima. Gli esperti di linguaggio del corpo Barbara e Allan Pease sembrano ess

ere d’accordo. Nel loro libro The Definitive Book of Body Language: Il significato nascosto dietro i gesti e le espressioni delle persone, il contatto visivo è elencato come il primo passo del “processo di attrazione”.

Funziona così: quando una donna chiude gli occhi con un uomo che trova attraente, lei terrà il suo sguardo per circa cinque secondi prima di allontanarsi. “Una donna ha bisogno di dare questo sguardo, in media, tre volte prima che l’uomo medio capisca cosa sta succedendo”, rivela il libro. Oh, uomo. Ma una volta che realizza, il “processo dello sguardo” può continuare per molti altri round e servire come l’inizio del “processo di flirtare”.

Unisciti alla discussione

37 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ciao Sensei, sono in un limbo in cui la ragazza che mi interessa (ora si trova dai suoi genitori a centinaia di chilometri di distanza) mi aveva espresso apprezzamento per il nostro terzo incontro, sbilanciandosi anche in qualche complimento inaspettato e la frequentazione sembrava aver preso una bella piega, parlando di quando sarei andato a trovarla ecc… Poi appena partita per le feste ha cambiato leggermente atteggiamento, mi risponde in modo parziale ai messaggi, non mi ha neppure detto se era andata o meno in un determinato posto a capodanno, non mi dice cosa aveva fatto nel week end e via discorrendo. Risponde a cose futili ma non a ciò che magari mi interessa. Io ho passato le feste in montagna e mi dice s”crivimi quando arrivi” ecc e poi non dice altro. Ed il bello è che l’avevo chiamata due giorni prima di capodanno e sembrava la solita.
    Sono sicuro di sgomitare in mezzo ad altri “pretendenti” ma cosa dovrei fare? Non la contatto più a sto punto? Grazie

  2. Ciao Sensei, mi puoi dare un’opinione, per cortesia?
    C’è una tipa (fidanzata) che, fino a qualche tempo fa, credo fosse interessata a me.
    Dico questo perchè:
    – 2-3 volte, in sede di riunione, si è seduta a fianco a me e mi guardava spesso, mi toccava con scuse, ecc.;
    – era vestita e truccata in maniera particolare; avevo perfino le unghie dei piedi truccate e, guarda caso, dopo aver notato che, 20 giorni prima, io stesso gliele avevo guardate 🙂 (quindi ha notato anche questo);
    – mi ha chiesto di trascorrere una riunione con lei (qualche mese fa), con la scusa che si doveva parlare di un caso particolare (riunione alla quale, per un imprevisto, non ho potuto partecipare…e da allora forse è incavolata con me);
    – pur apparendo incavolata, un giorno, alla presenza di un’altra collega, mi ha comunque detto che voleva venirmi a trovare al negozio di mio padre, e che il suo fidanzato le da grossi problemi\pensieri.
    Ora, appunto, si comporta sempre da incavolata: è fredda e distante ( il primo dell’anno le ho mandato un messaggio d’auguri, ma risponde semplicemente con un ‘altrettanto’..nemmeno grazie. E’ chiaro che vuol interrompere subito la conversazione).
    Come interpreti tutto ciò?
    Ciao, grazie.

  3. Sensei sono una donna sedotta; ma lui non lo sa ancora. Siamo entrambi sposati e io per prima mi rendo conto di che cosa potrebbe succedere ( solo dolore).
    Ma voglio sapere se lui mi ama o almeno se rinpiange di non avermi conosciuta prima. I segnali ci sn tutti dice e fa le cose nei tempi giusti. Ci messaggiamo per molte ore, interi pomeriggi quasi tutti i giorni e mi fa domande con molto interesse. Inizialmente era scontroso con me. Ma un giorno venne da me ( aveva saputo che mia figlia aveva avuto un incidente non grave x fortuna) ero preoccupata e lui mi abbraccio baciandomi i capelli. Ma non dice nulla dei suoi sentimenti. Recentemente ci siamo visti in strada, cosi facemmo un bel po di strada insieme. Lui col suo modo attento si accorse che avevo freddo e mi diede la sua sciarpa per avvolgermi. Nel ringraziarlo, sarà stato per l’imbarazzo mi sn inumidita le labbra, lui fa lo stesso. Poi mi dice sei una tentatrice.
    Quando ci stavamo per lasciare lui mi dice anche… io ti vedo come una cavalla da domare. Ho notato che ha fatto fatica a dirmelo. Io in tutto ciò muta. È un uomo affascinante è sicuro di se, ma credo che non andrà mai oltre, io ho paura a rivelarmi ma vorrei tanto che fosse lui ad agire, io da parte mia ho mostrato apertura, con un pizzico di seduzione velata, e gli scrivo nei miei messaggi “TVB”
    Poi… vabbè… lui mi risponde che non è vero.
    Ti ringrazio per avermi presa in considerazione.

    Ps
    Vabbè che sn una donna e forse non c’entro molto ma ho letto sia i commenti con le richieste di aiuto che le tue risposte e devo dire che sei superlativo e gentile perché rispondi, e con risposte esaustive pertinenti se non che illuminanti.

    1. Non puoi pretendere che qualcuno si riveli a te, è qualcosa che deve avvenire naturalmente. Se non accade ci saranno delle ragioni (es. ama la moglie? Lavorate insieme ecc), per cui devi accettarlo. Poi potrebbe essere che non agisce perché, al contrario di quanto da a vedere, è un insicuro (e il rischio è altro). In questi casi o si gioca il flirt oppure ci si ritira, anche con una leggera spiegazione, rimanere nel mezzo è comodo e un po’ da vigliacchi. Se proprio vuoi farlo esporre, anziché mandare adolescenziali TVB, flirta con lui sessualmente, fai salire la temperatura per poi scomparire: fallo impazzire. Noi uomini veniamo sedotti dal sesso e dalla sfida, tu non sei nessuna delle due per lui.

  4. Ti racconto la mia storia e vorrei un parere,per molto sono uscito con una ragazza, c’era molto feelings ed interesse nonostante per mie insicurezze non è mai sfociato in un rapporto vero. Avevamo una vita molto sopra alle regole ma ad un certo punto ha superato una soglia che non potevo tollerare ed ha iniziato a fare uso di eroina al che io sono dovuto intervenire bruscamente e lei ha deciso di chiudere il rapporto. Per due anni non ci siamo mai più risentiti ne visti. Ora, dopo due anni ci siano risentiti su facebook e ho avuto la certezza che lei non ha mai smesso di pensarmi. Lei sta continuando la sia vita sopra le righe e vive in Francia. Iniziato un corteggiamento virtuale che onestamente trovo molto stressante. So per certo che se avesse potuto sarebbe tornata di corsa da me. So che è ancora molto presa. L’altro giorno però preso dallo stress ho fatto l’errore di bloccarla su facebook dove ci sebtivamo regolarmente e lei che ovviamente controlla ogni minuto le mie azioni mi hasubito scritto un messaggio per chiedermi spiegazioni. Ed li ho ceduto drasticamente le ho detto che non volevo vederla online perche questo rincorrersi virtualmente mi stressava, che io la desideravo ancora troppo e non avevo voglia di vederla online ogni giorno. Molto debolmente ho assunto la posizione di chi non aveva voglia di esserle solo amico e che se non potevo averla meglio non averci niente a che fare ma che comunque se dovesse tornare in Italia avrei piacere di incontrarla. Ho deciso quindi non sentirla più. Ma io la voglio ancora però gli ho messo il cuore in mano pronto per farmi pugnalare. Io la voglio. Lei ora sa che la voglio fortissimamente e giocoforza ha il potere. Come recuperare?

    1. Non voglio e non posso darti un consiglio in una situazione di questo genere. Personalmente lascerei stare, stiamo parlando di droghe pericolose, non di qualche canna, tu sei più importante di lei, se non lo comprendi rischi di farti travolgere.

      1. Sensei so che il tuo consiglio è dato onestamente, ma quello non è il punto della questione io non finisco in quei giri, o meglio dire ci sono dentro ormai da 15 anni e non ho mai avuto la tentazione. So che il mio racconto ed il semplice fatto che io sia qui può farti pensare ad una personalità debole ma ti garantisco che non lo sono. Diciamo che esclusa l’affettività e la sessualità sono uno che non si piega nemmeno con le cannonate. Però lei devo averla e dopo due anni che siamo stati uno dietro all’altra non è ammesso il non riuscirci

        1. Non ho mai detto che tu sia debole, assolutamente. O almeno non come credi tu, perché saper lasciar andare le cose è sintomo di forza e non il contrario. Mi sembra che ti sia fissato con una storia/situazione che è palesemente irrealizzabile, non possiamo salvare tutti ne costringerli a seguire una determinata strada. Lei non cambierà e ti farà a pezzi, non la redimerai, per questo ti posso consigliare di lasciarla andare come unica strategia possibile. E non parlo solo dei problemi legati alle droghe, è troppo che va avanti e se doveva prendere un’altra forma lo avrebbe già fatto. Ti avrei dato comunque lo stesso consiglio anche se fosse stata una cosa “normale”.

          1. Ciao Sensei, volevo ringraziarti per cio che metti a disposizione, per i commenti, l’impegno e l’utilità di ogni schema dal quale si puo’ rinnovare la consapevolezza di una generica netta distinzione tra la sicurezza di una donna(dovuta forse ad esigenze femminili naturali più vincolanti) e quella di un uomo che finisce troppo spesso in conflitto tra cuore, desiderio e razionalità per non voler scegliere. Credo anch’io che nessuno possa convincere un altro neanche per amore a cambiare se non lo vuole per prima lui, soprattutto quando ci sono dipendenze così forti come anche l’alcol o il gioco d’azardo. Ricordo ancora la fatica innaturale di dichiararmi ad una bellissima che mi faceva letteralmente impazzire, ma poi alleggeritomi di quel peso non riuscendo ad esserci amico e volendo per giunta per paura di soffrire solo una cosa seria e quindi non baciandola quando con un po di leggerezza in disco me ne dava l’opportunità decisi per non ricadere in altrettanti tentativi verbali di allontanarmi con suo forte disappunto e fu dura ma necessario, anche se a freddo e vedendo poi con chi si sposo’ pensai che forse resistendo avrebbe ceduto ma a quale prezzo? Ti faccio solo un appunto sulle schede per qualche errore grammaticale, forse dovuto a scrittura o traduzione veloce..

          2. Ti ringrazio del commento. Sono consapevole degli errori che purtroppo ogni tanto mi scappano (anche se io non traduco nulla ma sono contenuti miei), ti pregherei, a questo punto, di porre la medesima attenzione anche nei tuoi commenti… (in modo particolare riguardo l’utilizzo un po’ “leggero” della punteggiatura”).
            Ps: le correzioni sono sempre apprezzate, ma quando sono tali e non per dimostrare agli altri la propria presupposta capacità.

  5. Ho letto con interesse il tuo blog. Purtroppo troppo tardi!
    Mi sono dichiarato con una tipa conosciuta da poco che mi piace e ovviamente mi ha detto di no (l’ho fatto via whatapp adirittura). Poi ho insistito un po e così
    adesso mi dice di non scriverle più! (ma non mi ha ancora bannato)

    C’è modo di recuperare secondo te Sensei ?

    Grazie per l’aiuto.

    1. Hai fatto tanti danni, ma almeno te ne sei reso conto, ora puoi soltanto lasciarle spazio per alcune settimane. Poi si vedrà, anche se c’è il rischio concreto che ti blocchi.

  6. Ciao Sensei,
    nell’ultimo mese mi son reso conto di provare qualcosa per la mia migliore amica. L’ho conosciuta quando era fidanzata e quando si è lasciata nemmeno la consideravo come possibile partner, quindi non ho mai applicato nessuna tecnica di seduzione.
    Attualmente è immischiata in una situazione non meglio definita con un ragazzo che di fatto la fa stare male, ma che comunque le piace visto che continua a frequentarlo. Ora non saprei dire in che termini, visto che da un po’ ha smesso di parlarmene, comunque poco importa perché non stanno insieme.
    Essendomi reso conto del fatto che mi interessava, ho fatto un Reset di un mesetto circa che è durato fino a quando lei mi ha scritto lamentandosi di lui, a quel punto tra una cosa e l’altra le ho esplicitamente detto che mi infastidiva il fatto di vederli insieme. Non sono andato oltre, ma 2+2 non può far nient’altro che 4, in pratica mi sono dichiarato.
    Ci siamo rivisti qualche giorno dopo e sono stato molto tranquillo e leggero, ci siamo fatti qualche risata e abbiamo preso un caffé, l’argomento non è stato sfiorato minimamente. Lei però mi ha chiesto di uscire.
    Ho già deciso che voglio averla come ragazza e che vale la pena di mettere a rischio la nostra amicizia, quello che vorrei chiederti è, per quanto possibile, un feedback sulla questione e magari qualche consiglio sul da farsi. Se devo essere onesto, il fatto di sedurre una ragazza che fino a due mesi fa consideravo una carissima amica (quasi asessuata) mi sembra strano, non riesco a fare a meno di pensare l’effetto che le farò potrebbe non essere dei migliori.
    Grazie mille

    1. E’ una ragazza? Si, allora la seduzione è sempre quella. Se siete amici significa che una parte di te le piace, ora devi solo mostrarle quella da seduttore (che potrebbe non piacerle, capita), ma almeno ci avrai provato e non avrai rimpianti. Durante il reset, cosa hai fatto per migliorare e mostrarle un te rinnovato? Il punto focale sta qui, altrimenti il tuo non era un reset, ma una semplice quanto poco utile pausa di riflessione.

      1. Penso di aver fatto bene a dirle del mio fastidio riguardo alla sua situazione con l’altro, questo dovrebbe averle suscitato qualche emozione.
        A questo punto io proseguirei in questa direzione, senza dirle che mi piace (cosa che inizialmente pensavo di fare) o appesantendo la serata raccontandole di “come mi sono reso conto che mi piace”. Insomma: leggerezza, ironia, risate, contatto fisico e sicurezza.
        Per rispondere alla tua domanda, durante il Reset ho avuto molto tempo per riflettere e individuare i miei errori caratteriali che sto cercando di eliminare (ovviamente in un mese non si possono abolire, ma tenerli sotto controllo sì). Sono un tipo che si tiene sempre curato, quindi mi sono limitato a modificare il taglio di capelli e variare leggermente il look.
        A questo punto direi che non mi rimane che sedurla e prepararmi a incassare la sua reazione da uomo.
        Hai qualche correzione/consiglio da darmi?
        Grazie

          1. Ciao Sensei,
            alla fine, nonostante tutto non è andata. Come era prevedibile mi vede solo come un amico.
            Detto questo ho deciso di fare un altro Reset, ma questa volta molto più lungo. Forse ho fatto un errore dicendole che non ci saremmo dovuti sentire per un po’, magari avrei dovuto smettere di cercarla senza dirle nulla, tu cosa dici?
            Quello che mi lascia perplesso però è il dopo. Come ti ho già detto lei era la mia migliore amica e anche se è passata solo una settimana mi manca parecchio, ma ormai ho deciso che mi interessa averla come compagna. Questo mi porta a pensare a quello che succederà alla fine del Reset, potrei non piacerle ancora, a quel punto che fare? Chiudere definitivamente o cercare di mantenere un rapporto?
            Non ho intenzione di tornare ad essere il suo amico del cuore, ma nemmeno di sparire dalla sua vita, ma dato che il nostro rapporto era in esclusiva, non abbiamo un gruppo in comune, quindi sarebbe molto difficile vedersi a meno che non ci sia la volontà di organizzare, ma in caso di un secondo rifiuto direi che quella si esaurirebbe.
            Cosa ne pensi?
            Grazie

          2. Secondo me è il momento che la lasci andare, basta reset o strategie. Lei non ti vuole e ormai credo che abbia preso una decisione definitiva e avere come amica una per la quale provi qualcosa è una sorta di stupido masochismo che proprio non condivido.

  7. Un paio di giorni fa stavo messaggiando con una ragazza, ad un certo punto le faccia una battuta veramente innocua (ha detto che il suo colore preferito è il blu e io le ho risposto qualcosa che c’entrasse con i puffi, non ricordo precisamente cosa, perché lei è bassa) e se l’è presa ed mi ha mandato un messaggio dove ha criticato la mia persona dicendo un sacco di cose che non c’entravano nulla con il discorso che stavamo facendo, come il fatto di non avere personalità, non avere un minimo di stile (credo intendesse il gusto per quanto riguarda il vestire) etc. Premesso che c’è un pregresso tra di noi, che in passato abbiamo flirtato molto, ma non è mai successo nulla, anche se probabilmente tutti e due eravamo presi (sono praticamente certo di questo), il mio dubbio è: se una ragazza si arrabbia per qualcosa e comincia a comportarsi così, secondo te le sue parole vanno ignorate perché dato l’umore potrebbe aver detto cose a caso che non hanno importanza, oppure quelle cose le potrebbe pensare veramente? Un mese fa mi ha detto che stare con me era una delle cose più spontanee e belle, quindi credevo mi apprezzasse come persona, ora che se n’è uscita con queste parole non so che pensare. Non ti scrivo perché voglio conquistarla o cose del genere, solo perché vorrei sapere la tua sulle cose che si dicono quando si è arrabbiati, ce la si prende per qualcosa.

    1. Non c’è una regola, però una persona deve assumersi la responsabilità di quello che dice e accettarne le conseguenze. Detto questo quando ci si arrabbia ci sono due scenari:
      1. Si dicono cose per fare del male all’altro.
      2. Si dice quello che si pensa.
      Alla fine a te cosa cambia? Quale siano le sue ragioni non credo si debba fare del male a qualcuno neanche nei momenti di furore. E’ lei che dovrebbe scusarsi e chiarirsi con te dandoti spiegazioni, se non lo fa credo abbia qualche problema caratteriale/relazionale oppure nasconde qualcosa (es. è arrabbiata perché non la inviti). Se fossi in te aspetterai se lei si fa avanti e dopo un po’ le spiegherei in modo tranquillo e sereno il tuo punto di vista.

  8. Ciao ho conosciuto un’amica di mia sorella, siamo usciti insieme con mia sorella in amicizia qualche volta… Non parlavamo molto anche perché mi sembrava una ragazza un po timida e molto semplice però ho notato diversi segnali d’interesse (mi ha toccato con forse una scusa, mordendosi dopo il labbro, abbiamo incrociato lo sguardo notando che già mi stava guardando girandosi poi facendo finta di nulla e toccandosi i capelli, spesso ha riso a battute mie stupide, mi ha colpito scherzosamente dopo uno sfottò). Ho provato un paio di volte a contattarla su fb per magari arrivare ad un appuntamento ma dopo la prima risposta non continuava più… Perché?

    1. Non ne ho idea e a dire il vero non dovrebbe importartene, ma tu passi la vita a farti seghe mentali e poi speri che io possa darti una risposta ai perché di una che neanche conosco. Di solito se una non esce con te è perché non vuole, quali siano le sue ragioni sono solo sue.

        1. La soluzione potrebbe anche essere di smettere di farti tutte ste seghe mentali che ti affossano e deprimo e reagire con tanta autoironia (cosa che sembra mancarti). Nella vita c’è di peggio che prendere due di picche, abbi un po’ di fiducia nell’Universo senza voler controllare ogni volta tutto.

          1. Ma credo che tutto questo fallire mi stia facendo ”abituare” ultimamente. Prima soffrivo di più perché le cose mi andavano meglio, poi è iniziata una scia di fallimenti che mi ha destabilizzato. Ora mi sto convincendo che nella vita ci vuole pure una bella dose di culo… Almeno non ho rimpianti.

          2. Il culo serve ma è molto più utile, a mio avviso, imparare a rialzarsi dopo le cadute. Ti piangi addosso, finiscila.

          3. Non so come la definisci autoironia, ma capitano spesso situazioni in cui rispondo più o meno così.. Es. giocando a calcio, io: “ma come? Prendi un palo? Solo io posso prenderli!” a:”ma li prendi con le ragazze?” io:”anche!”. Quando qualcuno mi prende in giro tendo a rispondere dando ragione oppure dando una immagine di me peggiore con un tono semiserio. Capita sempre così, però alla lunga mi viene da pensare se davvero la gente pensi che sia uno sfigato davvero per come rispondo ahah

  9. Ciao Sensei, avrei bisogno di un consiglio. Mi piace una ragazza da un paio di anni, alterno periodi in cui cerco di sedurla a periodi in cui cerco di considerarla il meno possibile. Solitamente facciamo molto contatto fisico, e quando siamo fuori mi cerca anche lei e fa contatto fisico anche lei. A volte penso che un minimo di interesse da parte sua ci sia, e questo me lo confermano anche i suoi amici. Lei sa che mi piace, anche se non mi sono mai dichiarato apertamente, ma beh, le ragazze lo sanno sempre. Il problema è che lei è fidanzata da prima che iniziassi a provarci, e sembra piuttosto innamorata del suo ragazzo, quindi per adesso è difficile ottenere effettivamente risultati concreti. Nel mentre io ho avuto anche qualche storia, niente di serio però, e ogni volta che finiva con una ragazza diversa, mi riniziava a piacere questa. Adesso vorrei mettere fine a questa storia una volta per tutte, o magari chiarirmi le idee con un reset, solo che usciamo nello stesso gruppo di amici, e suoniamo in una band insieme, quindi è difficile tagliare i ponti del tutto, e non averci contatti, però vedendola sempre mi resta difficile dimenticarla. Come posso fare? Grazie in anticipo Sensei.

    1. In tutto questo, secondo me, a parte un po’ di contatto fisico non hai fatto molto per sedurla.

      1. Non so, probabilmente è vero, magari mi illudo di sedurla ma in realtà non faccio niente di particolare, tuttavia non so come io possa cambiare, fisicamente cerco di curare il mio abbigliamento e vado in palestra, solo che forse non riesco a cambiare a livello mentale. Come posso fare?

  10. Effetttivamente hai ragione contano di più i fatti che le parole anche perché le donne non sono stupide capiscono se uno è interessato o meno…. Quindi una volta che ti sei dichiarato hai chiuso i giochi del tutto…..?

  11. Più leggo questo sito è più capisco che le cose scritte al suo interno sono VERE.. mi auguro di farmi una buona cultura per poi applicare tutto alla lettera.. credo comunque che l’Universo potrebbe darmi una mano anche se ammetto che per mancanza di tempo non mi impegno sul piano delle occasioni. Purtroppo sono sempre in giro per lavoro e poi ho anche una bambina che vuole vedere il suo papà. Sul miglioramento personale vado avanti spedito. Sto perdendo peso grazie ad esercizi e a dieta. È una piccola soddisfazione su un percorso che sarà lungo e difficile. Ma credo di dovere molto a queste pagine e agli ebook del Sensei. Il merito (se ci sarà) bisognerà attribuirlo anche ad una faro che ha illuminato (e che sta illuminando) la strada che un tempo era buia. Grazie Sensei

    1. I risultati già ci sono e credo tu te ne stia rendendo conto: in quello che scrivi si legge più serenità e soddisfazione dei commenti precedenti. Sappi però che capiteranno momenti bui, saranno le prove che l’Universo ti mette di fronte durante il tuo percorso: non ti arrendere e non piangerti mai addosso. Goditi la bellezza di avere una bambina, essere una buona persona e un buon padre è, a mio avviso, la dimostrazione di valere davvero.

      1. Grazie Sensei. Le tue parole sono davvero bellissime. Leggerò con sempre maggiore interesse gli articoli e i commenti degli utenti. Scusa se mi permetto ma a volte mi viene da sorridere quando rimproveri certi utenti che non hanno ancora capito come gira l’Universo.. un pizzico di ironia che è presente anche nei tuoi articoli. Ancora una volta voglio ringraziarti per l’impegno e la forza che metti per noi nel tuo “lavoro” di maestro..