“Ecco un altro interessantissimo articolo della nostra cara Geisha, in cui espone il pensiero femminile riguardo a domande importantissime sulla seduzione: Alle donne piacciono i bastardi? E gli orsetti del cuore? Ecco le risposte che tanto aspettavate!”

Il Sensei

Cosa vogliono le donne? Un cinico bastardo che le faccia soffrire o un tenero e dolce orsetto del cuore che le faccia sentire indiscusse regine?

Ad ascoltare gli uomini sembrerebbe che le donne siano tutte delle masochiste devote alla sofferenza, che non sanno apprezzare un bravo ragazzo quando lo incontrano, salvo poi lamentarsi che gli uomini sono tutti bastardi e vogliono una cosa sola. Come donna mi sono sentita in dovere di cercare di capire quanto ci fosse di vero in queste parole: se noi donne avevamo un problema così grosso con la nostra autostima, mi sono detta, io dovevo saperlo, se non altro per iniziare a risparmiare per lo psicoanalista.

Ma le cose stanno davvero così?

Mi ci sono voluti anni di auto-analisi e appuntamenti con gli uomini, zerbini e bastardi (giusto per non farci mancare nulla),  per capire che alle donne non piacciono né gli uni né gli altri: la verità, ragazzi, è che alle donne piacciono gli uomini.

 

Le donne e gli uomini bastardi

Ma allora, vi starete chiedendo, perché il bastardo tromba come un riccio, mentre io non ne rimedio una manco a pagarla?

La risposta a questa domanda va cercata non tanto nella propensione al masochismo delle donne ma in quello che quest’uomo fa, nel suo comportamento, o meglio negli effetti che esso ha sulle donne.

Alcuni tipici comportamenti dell’uomo bastardo, infatti, producono nelle donne forti emozioni e, credetemi, non c’è nulla che confonda una donna più delle proprie emozioni; per questo spesso scambiamo un uomo insicuro, immaturo e vendicativo per un vero uomo, soprattutto quando siamo ancora molto giovani.

Quali sono le azioni che generano emozioni, facendo credere alle donne di avere a che fare con un uomo?

  • Il bastardo è un uomo che non chiede, ma si muove diretto e deciso verso quello che vuole. Non lo sentirete mai chiedere “quando sei libera, sempre se ti va, magari ti telefono e poi chissà, potremmo anche uscire a bere un caffé insieme”; lui dirà piuttosto “quando posso passare a prenderti per uscire a bere un caffé insieme?”. La differenza sostanziale sta nel fatto che, nel secondo caso, lui dà per scontato che lei uscirà con lui e quello che passa alla donna, di pancia, è che si trova di fronte a un uomo sicuro di sé, che sa quello che vuole e non ha paura di prenderselo.
  • Se ne frega del risultato, di fronte a un rifiuto reagisce con ironia, leggerezza e una buona dose di menefreghismo.
  • Alla prima occasione stabilirà con lei un contatto fisico, perché non lascia dubbi sul fatto che è un maschio di fronte a una femmina e, in quanto tale, desidera toccarla. Questo rompe le barriere razionali in modo immediato e naturale e non lascia dubbi sulla posizione di lui: la desidera e non fa nulla per nasconderlo.
  • Ha il giusto linguaggio del corpo.
  • Dopo aver ottenuto il numero non chiama mai il giorno dopo e di sicuro non manda sms del buongiorno ancora prima di essere usciti insieme; a dirla tutta il bastardo non chiama quasi mai, ma mai così poco da fare in modo che la donna non si senta più in gioco. Tutto questo alimenta, simultaneamente, dubbi e speranze; ora immaginatevi che effetto può avere quell’unico e tanto atteso messaggio ricevuto, magari nell’arco di una settimana. Praticamente una bomba emotiva, una bomba che fa da fertilizzante a quello che è il vero principe di ogni seduzione: il desiderio. Per questo noi donne spendiamo tempo, energie e tonnellate di parole per cercare di capire e il resto del tempo lo passiamo a guardare il cellulare, nella speranza che lui si faccia sentire. Purtroppo, in questi casi, invece di correre a leggere due volte di fila il libro “la verità é che non gli piaci abbastanza”, ci attacchiamo a quell’unico messaggio e il peggio è che su un sms possiamo trarne analisi per i successivi sei mesi. Tutte ci siamo passate almeno una volta, perché in fondo vogliamo sentirci desiderate, scelte, in quanto uniche e speciali; talvolta, soprattutto quando insicure, c’illudiamo che sarà l’essere scelta da un uomo “difficile” a darci finalmene la conferma del nostro valore.

 

Chi legge a questo punto potrebbe dedurne che  noi donne preferiamo davvero gli stronzi. NO, niente di più sbagliato. Dietro a uomini di questo tipo solitamente si cela una persona insicura, incapace di vera intimità, immatura, spesso anche vendicativa e svalutante.

I bastardi hanno dei comportamenti che possono essere confusi con quelli dell’uomo sicuro di sè, del maschio alfa, ma solo nell’immediato; alla lunga, a meno che non si abbia a che fare con una donna veramente problematica, se la vostra sicurezza è solo manifesta e non poggia su basi solide, vi sgamiamo, sempre…magari ci mettiamo tempo, ma quando la verità viene a galla non torniamo indietro, mai.

Le donne e gli orsetti del cuore

Che dire invece dei teneri e apparentemente innoqui orsetti del cuore?

Ogni donna dice di volere al proprio fianco un uomo sensibile, dolce, attento e romantico, ma quando inizia ad uscire con uno così le sensazioni più emozionanti che riesce a provare sono la nausea e i conati di vomito.

La verità, lasciatevelo dire da una donna, è che un uomo che inizia ad uscire con noi ingranando questa marcia ci fa lo stesso effetto di un tavor, talmente tranquillizzante che solo a leggere un suo messaggio siamo prese da un attacco narcolettico.

Non che a noi non piacciano le attenzioni e i gesti romantici, intendiamoci, il problema non è quello che quest’uomo fa, ma il tempismo con cui lo fa. I fiori, i messaggini della buonanotte, i complimenti e le mille attenzioni vanno benissimo, quando si ha già una relazione però; se invece vi comportate così ogni volta che uscite con una donna, a noi, più che di essere scelte per la nostra unicità, sembra di essere le protagoniste di un colloquio di lavoro in cui l’annuncio di selezione suona più o meno così:

Cercasi compagna, tranquilla e professionale, per posto vacante in seria relazione con bravo ragazzo, affidabile e desideroso di donare coccole, tempo, complimenti e regali alla prima che passa.  Requisiti richiesti: funzioni vitali funzionanti, possibilmente di sesso femminile, possono bastare“.

Vi giuro che nel mio lavoro ho conosciuto vecchi all’ospizio che esprimevano molta più vitalità di così.

Arrivati a questo punto voglio raccontarvi un aneddoto personale, il tipo in questione infatti è l’Imperatore indiscusso degli orsetti del cuore e credo che possa essere utile a capire cosa passa nella mente di una donna, quando si trova ad uscire con uno che si comporta così.

cestinoNon molti anni fa sono uscita con un tipo conosciuto in una chat, ovviamente, trattandosi di una conoscenza virtuale, prima di uscirci ci ho chiaccherato un po’ in chat e poi al telefono.

Durante una di queste telefonate avevo raccontato, così, tanto per parlare, che avevo un gatto e che il mio “sogno” era possedere un vero cestino vintage da pic-nic, di vimini. Era piacevole parlare con lui per cui ho deciso poi di uscirci, per bere un semplice caffé, ma, sorpresa sospresa, al primo appuntamento me lo vedo arrivare, arrancando per la via, con un enorme cestino da pic-nic di vimini.

Non avete la minima idea dell’imbarazzo quando ho scoperto che era un regalo per me e non un’idea per passare la giornata, anche se questo è niente rispetto alla risata che mi è scappata quando l’ho aperto, il famoso cestino.

Oltre ad averlo corredato di bicchieri di cristallo e piatti di porcellana aveva pensato bene, che vergogna, di aggiungerci anche cibo in scatola e croccantini per il mio gatto.

Che carino vero? Si, talmente carino che i miei amici, pur non conoscendolo, ancora lo ringraziano per le risate che si sono fatti. E io secondo voi ci sono uscita ancora, conquistata dal gesto romantico?

Ma manco per sogno, in seguito ad un attacco di panico sono scappata a gambe levate, ovviamente col cestino da pic-nic.

Il problema di uomini di questo tipo è che spingono alla grande sull’acceleratore della relazione, ma quello che arriva a noi donne è puzza di un carico tale di bisogni e paure che ci vorrebbe Freud in persona per venirne fuori. Un pò come capita a voi con quelle donne che parlano subito di relazione, si mettono a scopare con voi al primo appuntamento con l’unico scopo di legarvi a loro il prima possibile e vi compiacciono su tutto, mancanze di rispetto da parte vostra comprese.

Cosa fate voi quando vi trovate di fronte a donne così? Scappate lontani anni luce, dicendole che è tanto dolce e carina ma che non è scattata la scintilla, pérché la scintilla è il desiderio e fare così il desiderio lo stronca sul nascere.

 

Cosa non fare quindi per non cadere nella trappola dell’Orsetto del cuore?

  1. Non avvicinarti a lei come fosse una creatura caduta dal cielo: non la conosci neanche, per quanto bella non sai nulla di lei. Potresti anche scoprire, uscendoci, che è solo una ragazzina viziata o un’acida arpia.
  2. Prenditi il tuo tempo, senza fretta, per uscirci, conoscerla e scoprire se potrebbe piacerti. Cambia prospetttiva, avvicinati a lei domandandoti se lei potrebbe piacerti, e non viceversa
  3. Usa il cellulare per comunicare con lei il minimo possibile e principalmente solo per scambiarvi informazioni. Frequentala dal vivo ed evita eccessivi e precoci messaggini romantici o dichiarazioni, fanno solo danni. Se devi invitarla fa l’uomo e chiamala, l’sms suona troppo comodo per sortire lo stesso effetto. Facebbok invece, se puoi, evitalo proprio.contatto-fisico-rimorchiare
  4. Fai fin da subito contatto fisico, leggero e graduale. Non serve spieghi io come e perché, trovate abbondanti spiegazioni a riguardo nel sito.  
  5. Lavora sul tuo linguaggio del corpo e cerca di diventare più consapevole di quello femminile.
  6. Non fare regali, in questa fase non serve. Davvero. Non è questo che c’interessa ora, noi vogliamo piuttosto vivervi e sentirci bene, come donne, in vostra compagnia.
  7. Se non risponde a un tuo messaggio o telefonata fatti un favore: spegni il telefono, legati le mani, fa quello che vuoi, ma non farti prendere dall’ansia di continuare a cercarla ancora, per sapere come mai non ha risposto. Dimostrale e dimostrati che sai aspettare e vivere la tua vita nel frattempo.
  8. Usa ironia e leggerezza, con lei come nella vita. Non prendertela per ogni cosa, ridimensiona quello che succede e dai la priorità alle cose veramente importanti; piuttosto che lamentarti come una ragazzina offesa quando qualcosa non ti torna prendine le distanze, coi fatti però. Per esempio non cercandola o non uscendoci per un pò.
  9.  Non cercare effetti speciali per stupirla: non vogliamo essere stupite, stiamo uscendo per un semplice appuntamento mica ci aspettiamo uno spettacolo pirotecnico. Se hai paura di non sapere cosa dire, tranquillo, stai zitto, ascoltala e fai domande su quello che dice. Nella vita se c’è una cosa che ho capito è che spesso, al contrario di quanto appaia, al centro della scena ci sta chi ascolta, non chi si racconta.

 

Non serve fare i bastardi per sedurre una donna, così come non è mettendoci subito al centro del vostro mondo che cadremo a vostri piedi.

La cosa migliore che potete fare, per voi, è intraprendere un personale e globale percorso di crescita, per acquisire sempre maggiore consapevolezza dei vostri limiti e delle vostre paure.

Perché la seduzione non può essere   solo un obiettivo perseguito a suon di studiate e mirate azioni strategiche; la seduzione è semplicemente l’effetto più naturale di questo percorso, durante il quale diventare uomini  sicuri di sé, liberi di esprimere la propria natura ed essere semplicemente quello che si è.

29 Commenti

  1. Sono d’accordo con quanto scritto nell’articolo, specialmente per quanto riguarda la ragazze viziate.
    Ne ho incontrate veramente tante e credetemi, sono veramente insopportabili (ed analogamente sono insopportabili i loro amichetti, che sono regolarmente degli stronzetti arroganti e viziati quanto loro).
    Ovviamente poi queste tipe le senti lamentarsi di cosa si sono (volontariamente) andate a cercare.
    Ma è possibile vedere e sentire persone che a 25/26 anni e a volte anche di più si comportano ancora come dei bambini? Ma è così difficile maturare un po’?
    Io sono veramente stufo di incontrare queste persone. 🙁

  2. Ciao, hai ragione, ho fatto quella domanda perché la ragazza che mi piace sta con uno così, è inutile girarci intorno, fare il bastardo per rimorchiare con le ragazze funziona… io volevo chiederti se secondo te però con il tempo se uno è veramente così non ha speranza che il rapporto duri… se trattare un po’ male le ragazze è così efficace, forse è il caso di provare a bastardizzarsi un minimo, non sto dicendo chissà che cosa, ma un minimo forse sì…

    • Diciamo che un minimo serve, ma come vedrai con il tempo non è un fatto di bastardaggine invece si tratta di “sicurezza” che spesso alcuni identificano con una certa stronzaggine. Il confine è labile e sfumato, a ognuno trovare il proprio.

  3. Se un ragazzo bastardo, od uno che si comporta da tale riesce a generare emozioni ed a piacere ad una ragazza, ma questa poi si dovesse rendere conto razionalmente di com’è fatto, lo lascerebbe? Da quello che ho capito le emozioni sono tutto in seduzione, se le fai provare ad una ragazza lei farebbe di tutto per stare con te, ma in questo caso che succederebbe se in un primo momento, non conoscendolo e non essendo pienamente consapevole di com’è fatto, si infatuasse di lui, ma poi capisse com’è realmente fatto?

    • Mi spieghi a cosa serve questa domanda? Perché sinceramente la trovo infantile, inutile e alquanto contorta: se vuoi una risposta poni un quesito reale e non teorico. Dalle tue parole sembra quasi che tu stia scrivendo in modo generico perché hai paura di scrivere di te (magari sbaglio), sta di fatto che non sono abituato a “fare accademia”, ma a rispondere a commenti che servono a qualcosa.

  4. Buonasera Sensi. Volevo ringraziarla per gli ottimi consigli ricevuti. Dopo essermi impegnato….studiato il percorso e messo in pratica, oggi mi sento dire dalla mia attuale ragazza che riesco a capirla senza che lei apra bocca!
    Per di più ho letto e messo in pratica l’ebook i segreti x farla impazzire….
    Lei, Per le esperienze avute in passato, ha detto ke io riesco a conivolgerla tutta! La faccio sentire a suo agio! Cose ke gli altri non sono riusciti a fare, si sentiva diciamo “usata”! Con me è tutto diverso! Ancora mille grazie! 😀

  5. Io i tuoi articoli li ho letti,e il nuovo ebook sarà il prossimo che leggerò e STUDIERO’ per bene.(Ora sto studiando quello sul linguaggio del corpo)
    Io non è che credo il bastardo piaccia davvero,penso che sicuramente,almeno in una fase iniziale,attrae di più del classico bravo ragazzo buono e gentile (senza scivolare nel zerbinaggio spinto).
    Ti ripeto che per me è una cosa senza senso,ma quando lo senti dire dalle ragazze stesse qualche domanda te la poni….Non c’è dubbio che io punto a diventare un maschio Alpha piuttosto che un bastardo.
    (Dai tuoi articoli sul maschio Alpha ho preso appunti mesi fa e ogni giorno cerco di seguire i tuoi consigli in proposito…)

    • Non serve essere un bastardo, non so più come dirvelo! Uno così è un cavolo di insicuro senza spina dorsale che è costretto a mattere una maschera da finto duro perchè ha paura anche dello sbatter d’ali di una farfalla e allae ragazze a cui piace sono delle povere deficienti simili a lui. Decidi chi vuoi essere e chi vuoi accanto.

  6. Ho letto diversi tuoi articoli sulla questione donne stronze,uomini bastardi e diverse tue risposte a commenti di altri utenti,in particolare uno recente in cui un ragazzo si lamentava del perché gli piacessero davvero solo le ragazze stronze.Ho compreso la tua risposta (che il sistema ce le fa percepire come persone sicure,di carattere,forti…qualcosa del genere) e per questo attirano,ma francamente è una cosa che a me fa impazzire.
    Oggi in università ho sentito un dialogo tra ragazze poco più che ventenni,una chiedeva all’altra cosa la attrae di più in un uomo,la risposta è stata ”la stronzaggine”,seguita da una risata (con la quale non voleva dire che scherzava,ma che la cosa faceva ridere,secondo lei).
    Onestamente io non capisco….cioè ho capito che per molti (me compreso,da quello che ho capito) funziona così spesso,ma qui questa ragazza è arrivata a dirlo apertamente che le piacciono gli stronzi!
    Io un po’ per carattere,un po’ (molto…) per educazione stronzo non lo sono (quasi) mai,con nessuno,figurati se potrei pensare di esserlo con chi mi piace.
    Comunque sia continuo a non farmene una ragione del fatto che persone che si mostrano gentili,disponibili,carine,buone con il loro prossimo (che sia un conoscente o la persona che si vuole conquistare) siano snobbate e trattate a pesci in faccia,mentre si preferiscono gli stronzi/bastardi.
    Tu dici che non dobbiamo puntare a diventarlo,però penso che avere qualche atteggiamento da stronzo,dare qualche risposta da stronzo,possa aiutare anche me,anche se dovrei sforzarmi perché è una cosa contro la mia natura,e poi mi dispiacerebbe per l’altra persona (in particolare se è una a cui tengo molto)…..farà ridere ma io sono fatto così.Comuque mi sforzerò.
    Perché dev’essere tutto (nei rapporti uomo-donna) così maledettamente difficile?

    • Sei nella classica fase di confusione in cui passano tutti, e in cui il 99% dei maschi rimangono, ossia credere sul serio che il bastardo piaccia davvero. Forse dovresti leggere bene gli articoli su TpS sul maschio alfa e in modo particolare l’ebook Diventa un maschio alfa. Ho scritto più volte e risposto a decine di commenti dsimili al tuo…

  7. Salve Sensei, in merito ai messaggi precedenti, mi sto frequentando con la ragazza che ho “diciamo” conquistato. Mi sono visto più volte con lei, e siamo stati bene insieme ed anche continuato a baciarci. Stasera, dopo fatto un giro in paese, ho.praticato un pó di freddo e lei credo proprio che l’abbia notato, perché mi ha detto, “tutto bene?”, iniziando a toccarmi al collo. Io naturalmente le ho risposto si, tutto bene e dopo un pó ho riiniziato col caldo. A metà serata mi dice che lei sta pensando al nostro rapporto e che vuole essere sicura di quello che sta facendo, se veramente mi vuole o meno e naturalmente sapere meglio chi sta frequentando, senza illudermi, quindi di conseguenza avere un pó di tempo per decidere definitivamente. Io le ho risposto, tranquilla, pensaci, ti aspetto, ma fino.ad un certo punto, perché ti mentirei se ti dicessi “ti aspetto tutto il tempo che vuoi”.. Gli ho riferito ancora che, come ha notato, non le sto facendo nessuna pressione. Lei mi ha riferito, mi trovo benissino con te, ed io, avvicinandomi a lei col viso e con tono basso, con un sorrisino, gli ho detto: e quando ti ho baciato? Lei mi risponde: mi sentivo felice ed io a quel punto l’ho baciata, continuando poi a scherzare, coccolarla e baciarla per tutta la serata. Lei come mi consiglia di comportarmi?

    • Con leggerezza e basta, il resto vien da sè se deve venire, perchè tu sei fatto in un modo e a lei o piace o non piace, visto che la seduzione ormai ha dato i suoi frutti ora sta a cose che non sono più “gestibili”.

  8. Buonasera Sensei. In merito ai messaggi precedenti.Dopo un uscita in comune con amici, ho effettuato un pó di caldo/freddo! A fine serata, sono rimasto con lei ancora un pó, effettuando molto contatto fisico, abbassando sempre di più il tono della voce ed avvicinandomi sempre di più al suo viso. Dopo vari tentativi, dopo che lei si spostava mentre stavo per baciarla(almeno per 15/20 minuti)(anche se si vedeva che mi desiderava), sono riuscito a baciarla definitivamente, lasciandosi andare di conseguenza anche lei.Volevo chiderle se domani, mi consiglia di contattarla, o faccio passare un paio di giorni? E la rivedo direttamente al corso giovedì sera?
    Grazie dei suoi ottimi consigli!

    • Sono veramente contento del tuo successo! Bravo, ora dalle fiato giusto per una giornata e giovedi comportati con leggerezza e falla stare bene come hai fatto fin’ora. Se poi oggi si fa risentire lei rispondile senza alcun problema, magari dopo una mezz’ora, un’ora.

  9. Salve sensei, credo di aver ottenuto buoni risultati grazie al percorso e grazie ai sui ultimi consigli dati nell’ultima risposta che ha effettuato! Ho eseguito i 3/4 giorni di reset e l’ho ricontattata, invitata ad uscire e continuata a sedurla! Ha mandato altri segnali positivi! ! più volte ho creato il momento per baciarla, ma l’ho fatta rimanere un pó sulle spine! Infine l’ho baciata, ma dopo s’è spostata, ma non arrabbiata! Ed ho riprovato ancora! Ma comunque dopo s’ è spostata! Ma col sorriso! La rivedo domani ai soliti corsi! ! Lunedì, martedì e Giovedì! Può consigliarmi come comportarmi? Effettuo caldo/freddo?!
    Grazie

    • Caldo/freddo, poi sta ate tararlo in base alla situazione, ma in questi casi c’è solo da provare e vedere cosa succede.

  10. Mi scusi per qualche incomprensioni! Comunque….continueró a sedurla!….e le chiedo anche di uscire io e lei e di conseguenza provare a baciarla fregandomi delle coseguenze visto che lei ha detto che mi vede come amico?
    visto che prima 1 giorno la contattavo ed 1/2 non la contattavo, inizio a contattarla solo una volta a settimana per stuzzicarla e chiederle di uscire?
    Grazie Sensei

  11. Ciao sensei, seguo da un pò il percorso.dopo uscito un paio di volte con una ragazza, aver notato abbastanza molti segni di lei positivi, aver fatto molto contatto fisico, dal semplice tocco, all’abbraccio, carezze e cercato, ma non riuscito a baciarla, a fine serata mi dice, miglior amico! Anche se parlando, ha notato alcune cose da me non da miglior amico, ma comunque lei vuole essere una mia amica.
    Visto che è una persona che vedo obbligatoriamente ad un corso, come devo comportarmi? Faccio finta di nulla, che sia stato un test, ma continuo per la mia strada o faccio un reset, non dandogli confidenza come prima al corso, e tra circa 3 settimane organizzo una serata con amici, compresa lei, e faccio caldo/freddo?
    Grazie

    • A parte che hai scritto in un italiano imbarazzante, la prossima volta o scrivi bene o non rispondo. Un reset fatto subito mi sembra eccessivo solo per quello che ti ha detto, continua a sedurla senza però esagerare, fai magari dei piccoli reset di un paio di giorni giusto per farle sentir la tua mancanza a breve. Se anche così non si smuove allora un reset lungo è d’obbligo.

  12. Sensei scusa ma vorrei porti altre domande… perchè verso luglio mi cercava sempre ed ora in classe non mi rivolge nemmeno la parola? Può darsi perchè ha trovato qualcuno con cui riempire i miei vuoti? Ho qualche possibilità anche se sta insieme a qualcuno o aspetto?Poi in classe il rapporto che aveva con me, ora non lo ha con nessuno…e siamo 18 maschi in classe.
    Grazie, spero sia esaustivo

  13. Penso sia uno dei migliori articoli apparsi sul sito,perche’ condensa in un solo testo tanti concetti espressi ovviamente in maniera piu’ esaustiva in molti articoli del Sensei.Davvero un grande pezzo,da stampare e conservare per rileggerlo ogni tanto.Complimenti!

  14. Ecco infatti credo rifarò un’altra lettura visto che lo letto velocemente prima dell’inizio della scuola. In ogni caso una sorta di freeze l’ho fatto durante l’estate…ora è riniziata la scuola e stiamo in classe insieme… a volte è come se la vedessi pensierosa…non so se sta con qualcuno sentendo qualcuno. Mi consigli di fare un’altro po di freeze? E poi inizio a parlarci?

  15. Ciao Sensei, ho acquistato l’ebook ”Conquista la ragazza che ti piace”… in poche parole a maggio provai a baciare una mia amica di classe ( ex migliore amica) e scattò il solito ”siamo troppo amici etc..”.
    Per tutta l’estate non l’ho considerata e quando mi mandava messaggi rispondevo in modo vago. Verso agosto neanche lei mi cerca più…forse perchè ha trovato qualcuno ed ora che è iniziata la scuola da 2/3 giorni non mi rivolge nemmeno la parola..anche perchè ora ha attenzioni in classe. Cosa mi consigli di fare per far si che sia lei a rompere il reset? Cioè non voglio cominciare io, andargli vicino e applicare le tue tecniche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here