Quando ho iniziato ad interessarmi alla seduzione ero entusiasta di quello strano mondo che non pensavo esistesse. Ormai saranno passati quasi 15 anni da quando ho sentito parlare per la prima volta dei PUA (Artisti del rimorchio), delle loro tecniche e routine potenti e precise per conquistare una donna.

Anche se dall’inizio mi resi conto che qualcosa non era molto chiara, mancava un elemento per il quale tutta la loro teoria in Italia non era ancora stata importata a dovere. Così nel mio primo viaggio a Miami ho provato a vedere cosa succedeva se seducevo con le “tecniche” italiane e poi con quelle anglosassoni.

Non c’era alcuna differenza!

E con il tempo mi sono reso conto che ciò che contava e conta erano 2 elementi:

  1. L’atteggiamento.
  2. Il bagaglio culturale.

L’unica cosa che effettivamente ho notato era che avere uno schema, una routine, mi permetteva di fare più approcci, mentre andare un po’ a casaccio mi faceva disperdere un sacco di tempo ed energie.

Però poi mi sono chiesto com’era possibile che pur non applicando tecniche di rimorchio o seduzione riuscivo nel mio scopo? Poi ho capito che quello che avevo imparato meccanicamente a quel punto lo applicavo in modo naturale, quello era il mio percorso, che mi aveva preparato ad andare anche senza paracadute.

Quando andavo impreparato potevo fare affidamento su tutto quello che avevo imparato come salvagente, ma la cosa più interessante era che veniva fuori di più la mia personalità, il mio background, le mie esperienze personali. Riuscivo quindi a creare rapporti più reali, anche se spesso, proprio perché mi lasciavo prendere dalla mia personalità, commettevo qualche errore.

Da qui la mia personale considerazione sul rimorchio e sulla seduzione e la nascita del Percorso che adesso seguo ogni giorno e propongo per migliorarsi ed essere più felici.

Per rimorchiare a rotta di collo, più ragazze possibili, in locali, in giro, è necessaria una preparazione maggiore. Bisogna creare delle vere routine che permettono un’apertura pulita e che incuriosisca, un secondo momento in cui si deve mettere la ragazza a suo agio e poi una chiusura (che sia l’ottenimento di un numero, appuntamento o addirittura un bacio).

Ma quando la ragazza dei nostri sogni già la conosciamo, o anche soltanto di vista o ci si saluta, allora il “rimorchio” vero e proprio non basta più: serve la seduzione. Quindi è utile conoscere qualche metodo base magari per rompere il ghiaccio, ma poi quello che deve gestire l’interazione devi essere tu, il tuo vero IO. È come un incontro di wrestling, immagina che ad iniziare il combattimento sia il tuo alter ego, un gigantesco barbaro muscoloso che si lancia sull’avversario senza neanche pensare alle conseguenze. Non sei tu, ma lui, il tuo avatar appunto. Lui deve rompere il ghiaccio e sfiancare un po’ l’avversario, poi si avvicina al tuo angolo e ti batte il cinque, è il momento in cui sei TU che devi entrare e vincere l’incontro. Se sei in difficoltà potrai sempre chiedere il suo aiuto, in caso metterà alle corde l’avversario per darti il tempo di rifiatare ed organizzare le idee.

Ma se quello che cerchi non è una notte di sesso, ma qualcosa in più, devi essere tu a trovare la forza di vincere e conquistarla. Sei tu che devi sedurre. Ricorda sempre che il Percorso della Seduzione non è la seduzione, ma l’allenamento che devi seguire  per diventare seducente, rilassato e sicuro di te.

 

Unisciti alla discussione

16 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Sensei, potresti scrivere x favore e se ovviamente lo ritieni opportuno..un articolo sugli Shit Test che le donne fanno per testare gli uomini. Su come gestire questo aspetto della seduzione. Grazie.

    1. Sul sito siamo a più di 10.000 commenti, hai vinto il premio per il commento più idiota.
      Leggi un articolo prima di fare domande inutili che tolgono spazio a chi vuole imparare e capire qualcosa in più sulla seduzione.

  2. Ciao Sensei. Voglio illustrarti dei punti che io reputo fondamentali da conoscere molto ma molto bene, oggi mi sono dedicato alla lettura di vari articoli che ritengo molto interessanti e vorrei approfondirli e capirli affondo per sfruttarli al massimo ,ovvero ,cose da
    dire ad una ragazza “una facile routine” e come dici in questo articolo “L’unica cosa che effettivamente ho notato era che avere uno schema, una routine, mi permetteva di fare più approcci” su questo ci siamo e sono pienamente d’accordo con te, ma leggendo altri articoli riguardante lo stesso contenuto ho notato che
    ci fai capire solo quanto sia importante avere una routine ,ne hai illustrare alcune giustamente, anche molto interessanti direi,però non bastano.Un’altro articolo avevi consigliato a noi lettori di leggere “the game di neil strauss” e da come ho letto in alcuni commenti questo libro parla di tutte le possibili routine (non sono sicuro ,sono semplici commenti) Quindi leggere questo libro può EFFETTIVAMENTE dare una mano per quanto riguarda avere delle routine mostruose?
    Poi parliamo di linguaggio del corpo che nei tuoi articolo sono interessanti parliamo di (sguardi,gesti) che ti possono dare non dico certezza ma ci siamo quasi vicini, di capire quella persona se prova attrazione nei nostri confronti, sono molto affascinato dal linguaggio del corpo,ho letto un’articolo dove parla di “pupille” e mi chiedo ancora come mai non hai fatto un’articolo al suo riguardo, si dice ” quando una persona prova attrazione nei nostri confronti oppure forte interesse le pupille si diladano ) quindi ci risulterà più facile capire l’interesse,ho provato a notare questa cosa però i locali dove frequento hanno delle luci soffuse di color giallo scuro che diladano a per se le pupille perchè giustamente sembra quasi di stare al buio,quindi mette maggior difficoltà nel capire l’interesse di quella persona nei tuoi confronti (ovviamente parlo solo delle pupille e non del linguaggio del corpo in generale) , volevo affrontare questo discorso con te, seguo da tempo il tuo bolg e so che potresti darci una grandissima mano. Infine volevo domandarti per quanto riguarda l’ebook (percorso della seduzione) ho scaricato l’anteprima sul sito e sono circa 127 pagine , l’ebook completo se non sbaglio a circa 150 pagine se non ricordo male,nell’anteprima i 7 punti sono scritti in modo velocissimo l’ho letto tipo in 15 minuti,quindi dico che gli articoli sul blog che sono disponibili a tutti sono molto più completi dell’anteprima quindi volevo capire come sono affrontati invece nell’ebook completo. Sempre sul tuo blog ho letto che ci sono esercizi per quanto riguarda la tonalità di voce presi da un esperto in materia e le gestualità ,tu parli di veri e propri esercizi per migliorarli ,in che senso ? ci sono schede e poi quando durano questi esercizi? Sono molto affascinato da queste cose,perchè so che sono un arma potentissima per sedurre , voglio comprare l’ebook ma voglio prima chiarire questi punti che io reputo fondamentalissimi, e se puoi aggiungere altro per quanto riguarda cosa tratta l’ebook completo, Grazie 😀

    1. Le routine “mostruose” non esistono, bisogna saperle proporre nel modo giusto ed adattarle alla situazione. In teoria te ne può bastare una per mille usi. Io vi do 2-3 routine base, da applicare e fare e rifare fino alla noia, con il tempo inizierete a modificarle e adattarle anche in base a voi stessi fino ad inventarne di nuove. Averne un gran numero non ti farà aumentare le tue chance, quello che ti serve è tanta pratica. The Game ti apre, in modo romanzato, un mondo pur non essendo un manuale vero e proprio. Sulle pupille c’è poco da dire, quello è, ma non è che se non le vedi dilatate non ci devi provare, il fatto è che esiste anche il day-game (conoscere e rimorchiare anche di giorno). Poi, ad esempio, ti piace una tua amica/conoscente, è più probabile che tu la veda di giorno che di sera. Allora si che diviene importante vederle le pupille. L’ebook è non solo più completo ma anche più strutturato rispetto al sito, lì il Percorso è delineato punto per punto ed affrontato ogni tema in modo esaustivo. Per la voce ci sono degli esercizi veri e propri, con schede di allenamento. Come in molti ti possono testimoniare nell’ebook non trovi solo un metodo per migliorare le tue capacità seduttive, ma epr migliorare sotto tanti aspetti della tua vita, come all’università o al lavoro. Sedurre è migliorarsi.

  3. @nipo: il dichiararsi è un errore comune e non irreversibile. Evita il reset, visto che secondo te le piaci, comportati come prima e spingi su un contatto fisico più intenso (vedi escalation) e gioca leggermente con il caldo/freddo. Non parlare di voi, che ti piace o farle complimenti. Se questo non porta a nessun risultato concreto allora puoi pensare ad un reset cattivissimo.

  4. sensei ho bisogno del tuo aiuto… conosco questa ragazza… passiamo dei mesi molto belli insieme da amici… c’è stato un avvicinamento da parte di entrambi… baci sulla guancia, il più delle volte vicino la bocca, carezze, tenerci la mano, abbracci… insomma tanto contatto fisico e soprattutto molta sintonia… ho fatto una grande cazzata, cioè dichiararmi via messaggi… questa cosa l’ha un po spiazzata… nel frattempo scopro il sito e non ho dovuto imparare niente oltre al reset… insomma ci vediamo per parlare e lei mi dice ke non se la sente di avere un rapporto ma il suo linguaggio del corpo dice l’esatto contrario… insomma dopo quel giorno, esattamente 5 giorni fa, ho iniziato un reset…. ma penso di sbagliare xk se le piaccio non dovrei stare lontano da lei, proprio xk le piaccio!! insomma il giorno dopo aver parlato e preso un ”2 di picche”, (anke se secondo me non lo è) ho fatto il freddo… pochi giorni dopo eravamo ad una festa insieme… non ci siamo calcolati ma ogni tanto mi guardava e prima di andarsene mi ha cercato x darmi un bacio con le labbra sulla guancia, in maniera molto decisa… chiedo aiuto xk sul reset sono totalmente inesperiente… =) cosa devo fare??? 5 giorni di reset bastano??? devo continuare??? so solo una cosa, io le piaccio, lei mi piace un casino, ho sbagliato solo il modo e forse anche il tempo xk eravamo veramente stretti… sensei aiutami xk sto capendo tutto ma nello stesso tempo non devo più sbagliare…

  5. @carlo: la lettura della mano e quella del 7 invece sono due routine fondamentali che io stesso ho provato centinaia di volte e la loro potenza è incredibile. Devi capire anzitutto che le routine, essendo tali, devono essere semplici e avolte anche un po’ banali. Il loro scopo non è renderti figo e simpatico e rimorchiarle, ma rompere il ghiaccio e basta. In troppi siete dell’idea che in seduzione si debba sorprendere, ma che siete giullari?! La semplicità è l’arma migliore, una cosa è banale se la si fa in modo banale. Per la lettura della mano, ad esempio, non è che devi ripetere a pappardella un manuale di chiromanzia, ma come scrivere un romanzo su un canovaccio che è la ragazza che hai di fronte. Devi saper romanzare quello che vedi e già sai di lei, in modo da irretirla con le parole mentre con il contatto fisico la attiri a te. Lo sapevi nella chiromanzia si legge anche il polso (zona erogena tra le più calde ed immagina di sfiorarla con le dita)? Non giudicare una routine senza averla provata decine di volte.

  6. condivido questa storia delle routine. sembrano delle banalità ma invece rompono davvero il ghiaccio. Mi piace moltissimo il test del cubo che ho abbinato al suggerimento del palmo contro palmo che hai spiegato nel libro del percorso x rompere un po la timidezza di lei (con buoni esiti direi). Non mi piacciono granchè invece la storia dell’ESP o della lettura della mano. Troppo cliscè (anche se non credo si scriva cosi)… suggeriscicene qualche altro sensei… mi piacerebbe provare qualcosa di nuovo 😉

  7. @pp: in vino veritas, solo se non ci eccede. Tu le piaci, questo sembra chiaro. In situazioni del genere è sempre molto difficile muoversi nel modo giusto: se hai tante premure per non metterla in imbarazzo puoi sembrare pauroso, se al contrario non ne hai che te la vuoi portate solo a letto. Proverà a farti “diventare” un amico, come arma hai il contatto fisico (se fatto bene ovvio). Ti sconsiglio di parlare di “voi” o del suo “ragazzo” e se lo fa lei baciala ;). Come dici tu sei in gara 7, quindi rischia, comunque andrà saprai di aver dato il massimo (e di sicuro sarai l’MVP).

    1. tutti pensano che io le piaccia almeno un po’, il problema è che lei vuole nasconderselo… spero di vincere, MVP da perdente è solo un premio di consolazione

  8. Sensei! E’ da poco che ho scoperto questo sito, e vorrei che ascoltassi anche la mia stiuazione. Cercherò di essere breve ma mi sarà difficile, allora ovviamente mi piace una e anche parecchio. Ci siamo conosciuti anno scorso e a lei piacevo (almeno un pochino) ma poi non si è combinato nulla. Dopo di che è stata impegnata circa 9 mesi e non ci siamo quasi mai sentiti manco su fb o per sms e ci saremo incrociati due volte in tutto in giro, due mesi fa invece ci siamo rivisti ad una festa e abbiamo scambiato due parole in pista e ci siamo salutati all’uscita quando andava via. L’esserci rivisti secondo me ha scatenato di nuovo qualcosina in entrambi, infatti con una scusa ci siamo rivisti un pomeriggio e lei pareva contenta e rideva sempre, l’unico problema è che stava già sentendosi con un altro che ora pare stiano quasi insieme da buono. Ci siamo rivisti ad un altra festa e lei mi ha fatto un gran festa a inizio serata ma poi con l’arrivo del “tipo” ha quasi smesso di calcolarmi stando sempre con lui (forse aveva paura della sua reazione se ci avesse visti assieme) . Ci siamo comunque continuati a sentire tramite pc ogni tanto e riincontrati ad un’altra festa pochi giorni fa, lui non c’era, e siamo stati assieme tutta sera circa, ti premetto che eravamo un po’ in là col bere entrambi ma lei mi ha detto che sono bello accennando poi un complimento sui capelli, e un mio amico sostiene di averle chiesto -sei poi andata con (io) stasera?- quando non ero presente e che lei avrebbe risposto -no, lui non vuole- ma quando stavamo per baciarci è stata lei a scostarsi secondo me per paura di essere vista da occhi indiscreti.
    Difatti il suo tipo si è incazzato perchè dice che gli sono arrivate voci che ci sia stato qualcosa.. e lei di ciò non è contenta affatto pare.
    Fatto sta che ci dobbiamo vedere uno di sti giorni perchè io le ho pigliato una cosa dalla borsa di nascosto (ovviamente lei era convinta di averla persa da ubriaca e io gli ho detto il giorno dopo di averla trovata).
    Cosa mi consigli di fare quando ci incontriamo??
    Cosa ne pensi di tutto ciò? lei secondo me si vuole autoconvincere di vedermi solo come un amico… perchè purtroppo è più di un anno che ci conosciamo senza aver combinato nulla.. ciò che ha detto la sera da brilla sarà vero? non sono convinto che in vino veritas…
    Come devo comportarmi quando usciamo per essere convinto poi di non perderla perchè ormai la vedo come una finale in gara 7 di play off NBA, o la va o la spacca.
    Scusa se sono stato troppo lungo, ps siamo entrambi giovanissimi (18 e 17 circa)