Ogni tanto mi diletto a inserire tra gli articoli dei commenti, a mio avviso, interessanti. Il seguente come si legge dal titolo “lei non ci sta“, riguarda il classico comportamento da “amicone” che non si mette mai veramente in gioco e finisce in zona amicizia in un lampo.

Alla fine dell’articolo un mio commento, e consiglio.

La storia di un lettore di Tps (diventato tale troppo tardi)

Ciao Sensei,
Ho da poco scoperto il tuo sito. L’ho trovato davvero utile e interessante ( specie per quanto riguarda la crescita personale. Attraverso l’approccio nei confronti dell’altro sesso si svelano parti di sé che erano nascoste!). Ad Aprile dell’anno scorso ho conosciuto una ragazza molto simpatica e solare, oltre che incredibilmente carina. Al tempo stavo vivendo una relazione abbastanza importante e che andava avanti ormai da cinque anni, ma nella quale mi ero rifugiato dalla vita.

Avere incontrato questa ragazza mi aveva riacceso, e allo stesso tempo spaventato. La sola idea di lei e dell’attrazione che provavo, mi ha convinto a darmi una smossa e a riprendere in mano la mia vita e autonomia.

Ho così interrotto la mia relazione, senza troppi drammi e trovato un nuovo lavoro. Ho incontrato la ragazza in questione durante una fiera, vendevamo tutti e due ogetti di design. Abbiamo trascorso una giornata intera seduti accanto e siamo finiti a parlare ininterrottamente.

Avrei voluto nasconderle il fatto che avessi una relazione, ma non mi sembrava onesto. Così quando mi ha chiesto per quale motivo mi trovassi a Berlino, città in cui mi ero da poco trasferito, le ho detto che mi ero trasferito per via della mia compagna ( mi sono maledetto in sessantasei lingue diverse, ma non volevo dire idiozie). Il tempo passa, come ti dicevo interrompo la mia relazione, e io e lei ci scriviamo ( la contatto più io che lei, specie all’inizio).

L’innamoramento facile non porta mai nulla di buono

Preso dall’innamoramento, inizio a commettere tutti gli errori peggiori uno dietro l’altro. Le scrivo sempre io. E’ tutto un blablabla, sperando che lei in qualche maniera mi dia la possibilità di invitarla ad uscire. E invece lei sì replica ad ogni mio messaggio, ma lo fa più per cortesia che per interesse, e io preso dall’insicurezza e dal fatto di non vederla spesso, non riesco a buttare giù un invito.

Finalmente trovo il modo di invitarla ad uscire, lei accetta ma rimane sul vago circa la data ( un modo cortese di rifiutare, pensavo) e alla fine non mi da conferma. Devo dimenticarla e andare avanti, mi dico. Passa un mese.

Magicamente mi scrive e mi invita ad uscire ( “Pensavo dovessimo andare a quella mostra insieme”, scriverà lei. ” Si, ma tu pensavi ad altro e non volevo insistere”, rispondo io) . Passiamo una giornata insieme, in cui non ho molta voglia di parlare, mentre lei invece sembra essere stata presa dal demone della logorrea, e questo quasi cancella qualsiasi mio interesse.

Peggio che mai quando provo a toccarla e lei risponde come un pezzo di legno… insomma, mi dico, mi vedrà come un amico. Noto che durante le conversazioni, specie quando provo a virare verso argomenti legati alle relazioni amorose ( tentativi goffi di comprendere se ha una storia seria con qualcuno) lei cambia argomento.

Al termine di questa nostra uscita, lei mi dice che le aveva fatto molto piacere e che ” sentiva fosse il caso di farlo”. Non mi era piaciuta molto questa frase, perché da come l’aveva detta lasciava intendere che mi avesse concesso un privilegio. ” Ci rivedremo presto?”, mi chiede lei. ” Forse mai”, rispondo io.

Scompaio di nuovo per un po’, però questa volta non in maniera netta. Alle volte capita di incontrarci per lavoro, molto raramente, e io la tratto e la penso come un’amica ( almeno mi sforzo). Nel frattempo incontro un’altra ragazza, e vivo un’avventura intensa e allo stesso tempo tormentata e questo mi tiene distratto dal pensare a lei.

E’ in questo momento che lei mi scrive un po’ di più, ma sempre per messaggi molto brevi a cui non sono in grado di mostrare troppa attenzione. Finalmente prima di Natale ci ritroviamo in un pub, io e lei, dopo avere trascorso il pomeriggio insieme. Era tutto accaduto in modo molto casuale.

In vino veritas, soprattutto per lei…

Siamo brilli. Io mi avvicino a lei, quando mi dice che mi trova sempre troppo sarcastico nei suoi riguardi, le prendo la mano e le dico che non potrei mai ridere di lei. Mi parla di un ragazzo che ci ha provato con lei sull’autobus, e che lei ha trovato inopportuno, al che le domando se trova anche me ridicolo.

E lei mi risponde:” no, tu sei molto carino”. Sarà l’alcool, ma per la prima volta mi sta lanciando dei segnali chiari. Mi avvicino sempre di più, ma lei rimane un pezzo di legno…( e di nuovo quì mi cala un po’ il desiderio).

Mi invita ad una festa a casa sua. E io le dico che andrò. E poi mi chiede se penso di andare alla festa di una nostra conoscente, di cui non mi fregava assolutamente nulla. Le dico:” Vengo solo se ci sei tu”. ” Così però mi fai sentire amata”.

E io le dico che mi piace davvero tanto. Lei deve andare a lavoro, e l’accompagno. Ma al momento di salutarci, quando penso di baciarla, ci abbracciamo e lei si stacca immediatamente. Niente.

La regola è non fare regali se non c’è motivo, oppure spendere massimo 5 euro.

Torno a casa e, sbaglio nuovamente, le scrivo che mi dispiace per qualsiasi cosa abbia potuto dire ( ero veramente brillo, ma credo avrei commesso lo stesso errore da sobrio).

Inutile dire che della festa a casa sua non ha mai più fatto menzione, mentre alla festa della tipa di cui non mi fregava niente ci sono andato pensando venisse anche lei ma, come c’era da aspettarsi, mi ha inviato all’ultimo minuto un messaggio dicendomi che si era addormentata e tanti saluti.

Ad una festa di Natale, le faccio un regalo che lei riceve come fosse un pacco bomba, con tanto di “perché questo regalo?!”. Rassegnato e ormai scocciato, la relego nel campo “amiche”. Mi capita così di sciverle a proposito di una tipa da cui sono stato trattato malissimo.

Lei forse non si aspettava da parte mia questa rivelazione, e si congeda dicendo che le dispiace e che capisce che essendo io un bravo ragazzo ( eh giustamente non è che io mi fossi dato molto da fare per dimostrarle il contrario) alla fine gli altri se ne approfittano.

Mi dice inoltre che la cosa le dispiace perché anche lei non riesce mai ad aprirsi con nessuno per paura di venire ferita… A questo punto penso che forse con me è questo il problema, lei non si riesce ad aprire perché ha paura ( e intanto però, scoprirò dopo, andava a letto praticamente con tutti!!).

La invito al cinema. Di nuovo, mi da un bidone mascherato in modo cortese. Non può perché ci sono i suoi amici che vengono da Timbuctu. Mi invia una lettera di Natale, in cui si scusa per il fatto di essere stata assente, ma a Settembre ( mese della nostra prima uscita insieme) aveva incontrato nuovamente un ragazzo che le piaceva molto e alla fine lui è andato via ( no comment).

Ecco che di nuovo, dopo una settimana di mia assenza, si rifà viva e mi invita ad uscire. Stavolta, però, dice lei, se ho altro di più importante da fare mi prega di non rimandare, perché lei comunque deve aspettare delle consegne ( non mi sembra che stesse impazzendo, dunque, dalla voglia di vedermi).

Usate SEMPRE quel dannato profilattico dannatissimi idioti!

Ed eccola che il giorno designato si presenta con un sorriso a centossessantasei denti, mi stringe forte e mi dichiara di essere appena di ritorno da un laboratorio di analisi. Pensava di avere contratto una malattia grave a seguito di un rapporto non protetto con un tipo che non le interessava neanche… e fortunatamente era risultata negativa.

” Avevo già avvertito tutti quelli con cui ero stata!”. Frustrazione a livelli stellari!! Ed ecco che mi ritrovo alla fine di quella giornata nuovamente al pub con lei… non ci sono più speranze mi dico.

All’improvviso lei va in bagno, e dal nulla delle ragazze si avvicinano a me. Pensavo volessero una sedia, ma avevo capito male. “Siete al vostro primo appuntamento?”, mi chiede una delle due. Rimango perplesso. Avrei dovuto risponderle con un” Perché sei interessata?”, e invece le dico:” no, siamo solo amici”. Ah, ok, mi dicono, e ritornano a sedersi, mentre lei ritorna dal bagno.

Le racconto la storiella, mentre l’accompagno alla fermata dell’autobus. Lei ridendo mi dice:” almeno avresti dovuto chiedere loro perché pensavano questa cosa!”. E io prendendola per i fianchi e ridendo le dico:” Possiamo sempre tornare indietro a chiedere”. E lei allora arrossisce e dice:” No, non se ne parla neanche!”.

Arrivato il momento di lasciarci, mi abbraccia come non mi aveva mai abbracciato prima. Sale sul suo autobus e va via. Capisco nuovamente di essere entrato in confusione, e decido… nuovamente di sparire.

Qualche giorno fa abbiamo lavorato insieme per un evento, e abbiamo bevuto un po’ di vino insieme a dei colleghi. Io e lei ridiamo e scherziamo, destando l’attenzione di una mia amica che alla fine della serata dice che è così palese che sono interessato a lei che se ne sono accorti tutti, e mi aggiorna sul fatto che lei al momento sta uscendo con un altro. Ho scritto questa storia cercando di essere il più breve possibile.

Si può sbagliare, però a un certo punto si DEVE cambiare rotta

Di errori ne ho commessi tanti, primo tra tutti la mia mancanza di chiarezza e confusione rispetto a ciò che volevo da questa persona. Ad oggi, lei mi vede come un amico che può sempre garantirle il giusto consiglio.

Le ho dato una quantità di attenzioni immani, scrivendole troppo! E ora mi ritrovo in una condizione frustrante perché mi sembra di non avere dato il massimo. Io non voglio “archivarla”, perché ho finalmente capito che la desidero sul serio, mentre prima ero spaventato e in balia della situazione.

Prima di dimenticarla voglio almeno farmi avanti in modo efficace, dopo potrò sventolare bandiera bianca in caso di un due di picche, ma almeno avrò fatto tutto ciò che potevo. Ora la mia domanda è la seguente.

Mi conviene applicare un bel reset, oppure tentare il tutto per tutto, provare a incontrarla di nuovo e stavolta baciarla come si deve e in caso di rifiuto archiviare e andare avanti?

La risposta del Sensei (scrivete anche la vostra nei commenti!)

Chiunque, leggendo il commento, vedrà i molteplici errori commessi dal nostro amico. Ma allora perché lui non è stato capace di notarli?

Non è importante. Ciò che si deve sapere, invece, è che quando si è presi (emotivamente o fisicamente), da una persona, si pere lucidità e si fanno cazzate!

Come si evita? Prima di tutto l’esperienza aiuta moltissimo, farne tante, commettere errori e ragionarci su è utilissimo.

https://www.tupuoisedurre.it/prodotto/conquista-la-ragazza-che-ti-piace/Poi si può studiare, certo la teoria da sola non basta, eppure può essere davvero risolutiva. Se avesse letto prima TpS o gli ebook di certo non avrebbe fatto tutti questi errori, anche se non è detto che l’avrebbe sedotta, perché la seduzione non è matematica!

Adesso cosa deve fare? Riprendersi, ritrovare equilibrio concentrandosi su se stesso e poi colpire. Leggi Conquista la ragazza che ti piace!

Io gli consiglio di essere molto più diretto, farle sudare un appuntamento e non stare lì a fare il bambinetto senza spina dorsale: BACIALA.

Faccio un ultimo inciso: a me sembra, potrei sbagliare, che tu ti sia fatto attirare da lei perché è una bella ragazza, perché come essere umano (da quello che scrivi), mi sembra davvero di poco valore.

72 Commenti

  1. Ciao Sensei, innanzitutto complimenti per il sito e per gli e-books! Ne ho acquistati un paio e devo dire che sono davvero fenomenali.
    Ti scrivo per chiederti un parere sulla mia situazione struggente:
    Mesi fa ho conosciuto una ragazza, abbiamo iniziato a vederci in gruppo e sentirci per messaggi e dopo qualche mese, avendole fatto intuire il mio interesse, mi ha detto di non essere interessata. La stessa sera però ha detto alla sua migliore amica che attualmente non provava nulla perché non le piaccio fisicamente (cosa che a detta sua è fondamentale), ma che magari in futuro conoscendomi meglio avrebbe potuto cambiare idea viste le cose in comune (discorso che non mi è mai quadrato perché a mio avviso sono due cose opposte).
    Spinto comunque da questa sua frase ho deciso di continuare a sentirla e vederla da amica con l’intento di farla legare e tentare di portare il nostro rapporto più avanti e in effetti in quei mesi anche lei ha iniziato a cercarmi ogni giorno e a proporre uscite da soli fino a quando però lei ha iniziato a parlarmi di un altro ragazzo e io sono esploso dicendole di presenza tutto quanto, con la conseguenza di aver preso un secondo due di picche, averla messa a disagio e concludendo con la sua iniziativa di allontanarci perché non voleva che stessi male.
    L’allontanamento è durato circa 3 mesi e, sapendo che con questo ragazzo non c’è stato assolutamente nulla, ho deciso di ricercarla con l’intento di riprendere i rapporti d’amicizia e continuare sulla strada di prima. Inizialmente la sua risposta è stata un no (sempre per il fatto che a suo avviso ancora fosse presto, che non poteva esserci amicizia sincera tra noi vista la situazione precedente e che si sarebbe sentita a disagio uscendo da soli eccetera).
    Dopo circa un mesetto l’ho ricontattata io e abbiamo iniziato di nuovo ad uscire soli normalmente come prima e a sentirci per messaggi (in maniera molto meno frequente, si può dire quasi che sia soltanto io a cercarla).
    Qualche giorno fa siamo usciti, mi ha parlato di un altro ragazzo che le interessa, però questa volta ho fatto finta di nulla (cosa palesemente finta perché in realtà sto bruciando vivo).
    Io non ho dubbi sul suo volermi bene ma credimi che sono arrivato ad un punto critico in cui sto davvero male!
    Quello che voglio chiederti è: vale la pena continuare con questa convinzione e speranza che possa cambiare idea? Vale la pena aggrapparsi a quella sua frase iniziale oppure data la sua mancanza di attrazione fisica non potrà mai esserci nulla? C’è ancora qualcosa che io possa fare nonostante i miei frequenti errori? Grazie in anticipo.

    • Ma tutti gli ebook li hai letti davvero o hai solo guardato le immagini? Perché non hai capito un cazzo di come ci si rapporta con una ragazza o di come la si seduce. Hai attuato la fantomatica regola-dell’-amico re dei super Beta. Io non posso consigliarti nulla viso che tu, chiaramente, non ascolti e non vuoi capire che tutto il tuo comportamento non è sbagliato: ma malato! Se vuoi scoparti una ragazza devi essere coerente con quello che desideri! Poi pensi che lei sia incoerente? Ma pensa per te che fai l’amico quando in realtà vuoi altro! Tu di errori ne hai fatti una miriade soprattutto se non c’è attrazione fisica non c’è! Ancora a fare il bimbetto che pensa bastino cose in comune e risatine sceme per stare con una donna? L’attrazione è fondamentale e un Alfa lo sa e accetta quando non c’è. Vedi, se tu avessi dato retta a un centocinquantesimo di articoli e ebook su sto dannato sito avresti compreso che era il momento di prendere le distanze e di lavorare su te stesso perchè tu NON LA FAI BAGNARE! Non vuole scopare con te, non vuole baciarti, non ti vuole e non perché sei brutto o altro, solo che ha gusti diversi, capita a te come a chiunque altro sulla faccia de sta cazzo de Terra.

      • Grazie mille per la risposta! Hai perfettamente ragione.. ancora molte dinamiche le devo capire bene. Purtroppo ho dato troppa importanza a quella sua frase confidata all’amica e ho iniziato a fare stronzate. Perché pensavo dentro di me “visto che ha detto che potrebbe cambiare in futuro, magari una piccola possibilità c’è”

  2. Ciao sensei, vorrei raccontarti questa piccola storia. Ho conosciuto su fb per caso una ragazza, mi incuriosisce e ci chatto… Fino a che decidiamo di incontrarci, stiamo insieme per 4 ore ciononostante non riesco a baciarla, non ci provo nemmeno perché non riesco a raggiungere un contatto molto esteso e più intimo, però c’è comunque un bel po di contatto, lo faccio spesso e volentieri. Tutto sommato passiamo una bella giornata volevo addirittura che venisse stesso la sera a cena a casa e mi dice che dovevo dirglielo prima perché la madre l’aveva chiamata per questo, per la cena. Quindi parliamo della probabile prossima cena. Poi la riporto a casa. Il giorno dopo già sento qualcosina di diverso nei massaggi, non è prolissa come prima. Io la invito a casa mia per il giorno dopo a cena e mi dice di no, che solo a casa di persone che conosce da un bel po ci va, allora le dico di mangiare fuori al che mi fa ” posso chiederti una cosa? Domenica non ci ho pensato ma sarebbe un appuntamento?” allora io le dico di si, e volevo conoscerla al che mi dice che lei pensa ancora al suo ex e che per lei posso essere un amico, solo per questo possiamo vederci… Io faccio finta di niente ed accetto comunque di buon grado la cosa, al che insisto sull’uscita e dice che è raffreddata (lo era già un po quando uscimmo) e che voleva stare a casa perché sarebbe partita a breve (me l’aveva detto già quando ci vedemmo) al che rispondo scherzando che ”ah si, sei la tipa che deve correre dalla mattina alla sera e deve essere piena di energie” (tutto ciò su whatsapp, poi ne avevamo parlato quindi ci stavo scherzando un po su, e le do il buongiorno) non risponde… Ora penso di ricontattarla stasera dicendole che ero ironico e non volevo farle la predica. Comunque la situazione come la vedi? È strano perché all’appuntamento sembrava fosse andata benissimo (devo dire che quando l’aggiunsi aveva ”impegnata” poi non ricordo quando lo tolse. Quindi probabilmente dice la verità… Però non so come comportarmi con lei, ora partirà per un viaggietto.

    • Lei pensa a un altro e tu non le interessi, anche se ha passato una bella giornata con te. Se fossi in te mi metterei da parte e aspetterei che si faccia sentire lei, anche se potrebbe non accadere.

      • Mi ha risposto poi, però dicendo che era occupata e quando sarebbe stata sola ci saremmo sentiti.. Non la sento da ieri pomeriggio. Beh ho pensato di lasciarla perdere un po, poi magari la contatto durante il suo viaggio… Al ritorno se provassi a rivederla e a provarci di più?

          • Volevo farti una domanda più in generale. I test che fanno le donne non si riducono solo ad una domanda, no? Per esempio potrebbe darsi che una ragazza, come nel mio caso, possa dire così per testarmi e vedere come mi comporto nei giorni seguenti? Più in generale volevo sapere se le donne facessero test più prolungati nel tempo e non solo esclusivamente ridotti ad una domanda…

          • I test raramente sono così “cervellotici”, da parte loo sono più istintivi. Se una dovesse farne così a lungo termine sarebbe assai probabilmente una squilibrata (rarissimi casi esclusi).

          • Ciao sensei, ti riscrivo sempre per la stessa persona anche se a distanza di giorni… Magari non ricordi tutto per cui forse è meglio rileggere sopra. A questo punto dopo il ritorno dal suo viaggio, dopo una settimana, la ricontatto e parliamo un po… Le chiedo di rivederci per andare in un bosco (vicino a dove abitavano i miei nonni e dato che ama questi posti) lei mi ringrazia molto per l’invito ma è occupata ringraziandomi con cuori etc. Le chiedo magari di andarci un altro giorno e mi dice che ci penserà e mi farà sapere. Nei giorni successivi mi faccio sentire poco (ogni due giorni per due chiacchiere) scherziamo e vedo che mi manda dei cuori… Anche se parla un po meno rispetto a prima. Comunque aspetto di rivederla e la sua risposta all’invito, ma la cosa si sta dilungando… Non so se mi farà sapere (la invitai sabato per domenica, oggi è martedì). Non so se é ancora combattuta per l’ex o se semplicemente non ha il coraggio di dirmi di no, ma allora che vogliono dire i cuori? Insomma ho un po di dubbi sul suo comportamento contrastante… Non so se continuare a farmi sentire così, un po, ogni due giorni o se sparire proprio e aspettare una sua risposta…

          • Ancora credi che un “cuoricino” su una chat possa significare qualcosa? Ma sei serio? A te delle sue ragioni non ti deve fregare nulla: l’hai invitata, ora aspetta senza più fare nulla.

          • Ciao sensei, ti volevo aggiornare sempre sulla stessa persona di cui ho parlato nei commenti qui. Non la contatto da una settimana circa… Nemmeno lei si è fatta sentire ma ho notato su fb che a giorni andrà a un evento lontano 300 km da qui, nei pressi del luogo dove abita il suo ex… Perciò presumo ci sia stato un loro ritorno insieme. Questa cosa è avvenuta probabilmente molti giorni prima, quando mi parlò del fatto che pensava al suo ex… So che non posso fare molto, ma secondo te qual è il modo migliore di farmi ricordare di me e lasciare aperta una porta? Scomparire proprio non è sbagliato?

          • Ma quale farsi ricordare? che cazzo dei un post it? Ma dimenticala, lei sta con l’ex ora.

  3. Ciao Sensei, allora è da un pò che esco con una ragazza sembrava andasse tutto bene la settimana scorsa al secondo appuntamento ridiamo, scherziamo, tanto contatto fisico e alla fine baci abbracci… aspetto un paio di giorni ( venerdì) e le scrivo che sono stato bene e lei ricambia dicendo che le ha fatto molto piacere che sono speciale e tanti cuori e bacetti dicendomi anche cose molto importanti alla fine parliamo del più e del meno e la saluto.
    Lunedì invece era tutta fredda mi rispondeva dopo ore non mi chiedeva nulla, io non gli do molto peso penso che non avrà voglia di messaggiare o che ha problemi a casa quindi mi congedo con la massima serenità e gli dico che in caso ci vediamo domani all’università e lei ” Va bene comunque ci aggiorniamo” alche aspetto tutta la mattina ma non si fa viva la contatto per chiederle se c’ era o no… lei mi risponde dicendo che quel pomeriggio doveva vedersi con un amico per parlare su delle cose ( Wow! bella botta ho preso non potevo credere a quello che ho letto) per non passare da bisognoso o da geloso gli ho detto va bene sarà per un altra volta, ( Bho fare una scenata sarebbe stata la cosa giusta forse?). Quel pomeriggio sia a lezione che al dipartimento la vedo con questo ragazzo, a lezione mi vede e mi saluta con la mano dopo ritornando a casa la passo a un metro ma non mi guarda neanche in faccia anzi si nasconde il viso con i capelli ( anche qui se è un tuo amico come dici salutami come sempre perchè nasconderti?).
    Oggi la rivedo all’università io la saluto normale da persona educata lei invece la percepivo lontana come se non mi volesse vedere mi ha salutato a distanza e se ne va dicendo ” ci si becca” freddissima quasi con sufficienza… Ora so che devo lasciarle spazio o lasciarla andare ma non capisco questo cambiamento dopo soli 2 giorni !!! Assurdo sembrava un’ altra persona
    La domanda è come si può leggere un comportamento del genere? Ho sbagliato qualcosa io ? Ho cercato di farla sentire importante senza snaturarmi e darmi per scontato.. grazie sensei 😉
    Ps: secondo me cosi per gioco ipotizzando a conosciuto quel ragazzo nel week end e a sfanculato me dimostrando quanto era interessata a me

    • Le interessa un altro. Capita e non puoi farci nulla. Hai due possibilità:
      1. La prendi da parte e con molta calma le chiedi le ragioni del suo comportamento (probabile che ti dica una marea dica cazzate) e tu le fai notare ciò che hai visto.
      2. La ignori, se si fa viva lei a quel punto potrai scegliere se sfancularla ometterla di fronte all’evidenza.
      Non c’èun modo giusto, solo quello che preferisci tu. In generale le scenate a te non servono a nulla e di solito hanno solo l’effetto di farle sentire importanti.

      • Come al solito avevi ragione. Ho deciso per l’opzione 1). Le ho detto ciò che ho visto che è stata molto immatura e ho chiuso la conoscenza ( mi sentivo preso in giro mi dai buca per vedere un amico! Mai visto una roba del genere) anche un pò stuzzicarla e lei prende la cosa al volo dicendo che effettivamente non è scattata la scintilla… grazie al cavolo che non è scattata o davi buche o non rispondevi mah.. Devo ancora migliorare TANTO credo di essere stato uno zerbino ( martedì quando l ho vista con quel ragazzo dovevo fare qualcosa invece lo salutata sorridendo..) e devo farmi desiderare di più! Ormai questa credo sia persa avanti la prossima.. Ho fatto bene a chiudere così drasticamente o dovevo semplicemente sparire?

          • Giorno sensei, ormai sono passati una decina di giorni e non ci siamo cercati, avevo intenzione di scriverle per vedere dalla sua reazione come agire… può essere una buona mossa oppure cercarla è da zerbini? O hai altri consigli?
            Ps: da lei non cerco una relazione ma un rapporto di sesso mi piace molto fisicamente

          • Io aspetterei che si faccia sentire lei. Ma devi imparare tu a prendere delle decisioni!

  4. Ciao Sensei, qualche tempo fa ti scrissi riguardo quella ragazza che conobbi al centro commerciale qui del mio paese, ti raccontai che lei si comportò in modo strano allontanandosi per andare a parlare con altre persone senza scusarsi, e tu mi dicesti che non era interessata e che anzi era stata anche maleducata, ma in realtà non scappava da me, ma dai miei modi di fare, dal mio imbarazzo, dalla mia timidezza, anche lei è un po’ timida e per questo non si lascia andare facilmente, ci sono stati momenti in cui siamo rimasti in un silenzio imbarazzante, e proprio ieri che ci siamo visti nuovamente prima che iniziasse a lavorare, io come al solito coglione che non sono altro passami il termine, mi sono fatto prendere dall’ansia e dall’abitazione, e per cercare di dire qualunque cosa pur di non restare in silenzio ho solo peggiorato la situazione, tant’è che a un certo punto ha iniziato a piangere ed è andata via ed io coglione nuovamente e scusami sempre per il termine poco pulito, non ho fatto nulla. Ora però mi sono reso conto che ho commesso degli errori imperdonabili e voglio farle capire che io tengo a lei, ho provato anche a mandarle un messaggio su Facebook ma niente in questo momento è troppo delusa dal mio atteggiamento, si aspettava che io ci provassi facendo qualcosa in più, che le chiedessi di uscire una sera, ed io cercando di fare il personaggio cosa che non mi è nemmeno riuscita poi, ho rovinato tutto. Secondo te ci sono margini per recuperare? Se la prossima volta le parlo in modo chiaro e netto e le faccio capire, magari prendendole una mano (aggiungo che non c’è mai stato contatto fisico tra noi in tutte le volte che ci siamo visti) potrebbe tornare sui suoi passi e magari perché no lasciarsi andare anche ad un bacio?

    • Tu hai visto troppi film.
      Il suo comportamento fu sbagliato indipendentemente dal tuo. Addirittura arriva a piangere per cosa? Sembra quasi che tu mi scriva solo quello che ti fa comodo dire per darmi una impressione diversa dalla realtà dei fatti e poi te ne esci con il voler parlare con lei in modo diretto quando non sei in grado neanche di intavolarci una conversazione normale? In più vorresti dichiararti quando non servirebbe a nulla visto che ti ritiene un coglione… e vuoi scriverle su fb! Forse dovresti capire davvero i tuoi limiti personali e guardare in faccia il tuo vero io. Leggi Diventa un Maschio Alfa.

  5. Ciao Sensei, vorrei chiederti una cosa, ma secondo te è sbagliato appostarsi sotto casa di lei a distanza, cercando di fare un incontro pseudo-casuale? Mi pare lessi qualche riferimento del genere sul tuo sito, ma era per creare l’occasione, non per fare stalking ovviamente, tu che ne pensi? Mi daresti qualche dritta in merito?

    • Una volta lo puoi pure fare, di certo è il caso che tu abbia una scusa inattaccabile e assolutamente credibile perché le ti chiederà come mai sei lì in zona. Tu le rispondi e basta, senza giustificarti.

      • Ciao Sensei, ti ho posto diversi quesiti in passato tra cose personali e consigli e ti ringrazio molto. Io volevo chiederti: ho 41 anni e la ragazza che mi piace (prima volta in vita mia) ha 26 anni. Credevo ne avesse 34, ne dimostra di più ma mi sono sbagliato e invece ho scoperto che ne ha proprio 26. Non ha il fidanzato, è rimasta fregata più volte e ha paura di rimanere fregata dalle relazioni, io penso che sia solo immatura. Tu che ne pensi invece in merito? Si può fare una relazione con una differenza di età simile? Io essendo un uomo non mi faccio problemi ma lei ancora non si sà cosa vuol fare. Sto valutando, non sono innamorato perso ma mi affascina l’idea anche perché in passato ho avuto relazioni simili ma di una differenza max di 6 anni e non di più. Tu invece hai esperienza in merito con una molto più giovane di te? Cosa mi consiglieresti? Sia chiaro: non sono uno stalker o uno che cerca ragazzine, ma stavolta è capitata così per un’errata valutazione di età. Non mi vergogno di esser un uomo che va a caccia di donne, e che è attratto da quelle più giovani, anzi ci vado fiero cavolo! Però stavolta non saprei come muovermi bene con la tipa in questione. Forse per il suo carattere particolare,diciamo immatura e piena di conflitti interiori ancora da valutare. Un abbraccio

  6. Ciao sensei, vorrei chiederti due cose:
    1) Voglio, diciamo, conoscere meglio una ragazza, lei è palesemente una ragazza che ha bisogno di qualcuno che le vada dietro con insistenza, i suoi allontanamenti, la sua fuggevolezza sono più insicurezza che disinteresse. Io di solito una con cui non riesci nemmeno a starci e parlarci la manderei a pascolare l’erba come dici tu, perchè non è che sono l’assicuratore che ti insegue per venderti la previdenza sociale a tutti i costi… Però stavolta è diverso, sento che l’Universo mi sta dicendo di fare un passo in più.. cosa ne pensi? In generale e nel merito
    2) Ieri sera c’era anche lei ad una festa, e sono stato davvero scarso: le ho ronzato un pò intorno cercando l’occasione di parlarci, il che sarà successo giusto due volte, non sono stato in grado neanche di ballare con lei e non capisco bene il motivo, direi che è mancata l’occasione ma nella mia esperienza so che in genere di occasioni ce ne sono mille… Insomma avevo una bella opportunità, l’Universo che in varie circostanze mi manda segnali chiari, oltre al fatto che vedo, se non il suo interesse, quantomeno la sua “curiosità” nei miei confronti, che ho sprecato malamente in un colossale flop di serata. Mi sembra di essermi comportato come l’ultimo dei perdenti… Come fare quando ci riconosciamo così scarsi?

    • 1. Per me non è l’Universo ma sei tu che ti vuoi autoconvincere. Meglio essere sinceri con se stessi.
      2. Ma perché ti dai un “voto”? Scarso, buono, ottimo? Ma che sei a scuola? Non ti andava o non te la sentivi o altro… ci può stare! Avete tutti questa fissazione che si debba per forza vincere ed eccellere in seduzione, non è così. E’ come in amicizia, che vuoi “vincere” qualcosa? No, semplicemente ti godi i tuoi amici. Poi sta cosa che è “incuriosita”, ma che cazzata è? Su quali siti per decerebrati o film di serie b l’avete vista? Non è curiosa perché potrebbe avere secondi fini o chissà cosa, vede uno che palesemente è interessato le viene il dubbio! Non è strano ne un segnale del destino.

      • Mi è chiaro (direi quasi che ho le prove) che lei cerca le situazioni per incontrarmi, e tuttavia fa la sfuggente, difficilmente riusciamo a stare nello stesso ambiente per più di qualche minuto. Quando posso faccio battute a sfondo più o meno sessuale, sempre davanti agli altri, il prossimo passo è il contatto fisico, che finora non sono riuscito a fare, ma provvederò ad attuarlo.
        A parte questo finora non ho fatto particolari cadute di stile, ho sempre l’iniziativa e faccio “quello che ci prova palesemente”, le mie intenzioni sono chiare come il sole, e faccio sì che il mio linguaggio del corpo mostri questa mia sicurezza, senza contare che continuo da tempo il mio percorso, mi curo, vado in palestra e faccio tante cose.
        Come la vedi?

        P.S. nella risposta al tuo commento ho scritto per sbaglio il mio nome, puoi cancellarlo per favore? Preferirei che non restasse in rete.

    • Sensei ieri sera l’ho invitata con buona faccia tosta e un po’ dal nulla a fare un giro, ho giocato e flirtato con lei facendo un po’ il maniaco e lei ci stava abbastanza, avrei potuto baciarla in qualunque momento se avessi voluto. Mi stupisce quanto una volta che uno è dentro il “percorso” l’unica cosa che bisogna fare è “raccogliere” l’interesse della ragazza, proprio come se fosse un fiore.
      Vorrei dunque farti due domande non tecniche:
      1) Si può fare innamorare una ragazza? Forse ho fatto troppo il maniaco con lei, io non voglio solo una botta e via.
      2) Ho difficoltà a godermi i baci e sentirmi a mio agio, probabilmente perché ho bisogno di coinvolgimento emotivo e di fidarmi della ragazza in questione. Come posso declinare questo nella situazione?

    • Sensei l’ho sedotta, eppure mi sembra che lei voglia un “tipo normale” con cui mettersi, mentre io sono uno piuttosto particolare, mi trovo bene solo con poche persone, sono alla esasperata ricerca di me stesso e del superamento dei miei limiti, e questo mi porta nelle circostanze sociali (non cambio il mio comportamento neanche con/se c’è lei) ad apparire strano. Sicuramente è stato anche questo a sedurla, cioè la maniera sfacciata e anticonvenzionale con cui ci ho provato, comunque lei ad un certo punto mi sembra che abbia bisogno anche di un ragazzo “che non la metta in imbarazzo stando in società”.
      Io pensavo che le uniche qualità che servissero per trovare una ragazza fossero quelle che insegni tu, cioè leggerezza ironia contatto fisico etc (che in effetti hanno funzionato perché potrei portarla a letto in qualunque momento probabilmente) ma fare il tipico ragazzo normale, non è un’abilità che ho acquisito o che mi sembra valga la pena acquisire.
      Cosa ne pensi Sensei?

      • Che non hai capito un cazzo: le cose che insegno servono a sedurre, invece ci si innamora e basta senza tecniche, metodi o altro. Tu vuoi che si innamori quando è chiaro che non sarà (probabilmente) possibile.

  7. Ciao,
    per errore ho cercato il tuo blog su youtube e sono usciti diversi video consigli/interviste.
    C’è qualcosa di tuo?
    Piu’ che un consiglio specifico ti chiedo che rapporto secondo te bisogna avere con la coerenza in seduzione e non solo…
    Virtu’ degli sciocchi o se stessi sempre?
    Grazie

    • Io non faccio video, non vi voglio convincere con una becera comunicazione di serie b, ma con le mie idee. Se stessi sempre con l’intelligenza di imparare, crescere e migliorare (quindi cambiare).

  8. ciao a tutti, sono nuovo. Ho bisogno di capire qual è la situazione. Conosco una ragazza su lovoo, lei mi chiede instagram e continuiamo a parlare li poi mi da anche il numero. Parliamo per giorni fino a quando ci mettiamo d’accordo per un caffè, ci vediamo e ci baciamo la sera stessa. Lei sulla chat spesso mi cercava, anche prima del primo appuntamento, le piaceva chattare spesso. La sera stessa dopo l’appuntamento mi chiede come sia stato con lei, io ero contento ed ero stato bene. Il giorno seguente è andato come al solito, abbiamo parlato tutto il giorno fino a sera. Il giorno dopo ancora sembra essere cambiato qualcosa, io la invito a bere e lei entusiasta accetta in forse perchè aveva un po di febbre e sperava che le passasse la sera… alla fine dice che rimane a casa e mi dice “vai con qualche altra ragazza di lovoo a bere” io le avevo già detto che avevo cancellato l’app, già giorni fa gliel’avevo detto (anche lei l’aveva cancellata, lei me lo dice spontaneamente), e le dico “mi stai snobbando?”… comunque lei risponde quasi a monosillabi e allora lascio cadere la conversazione. La sera tardi mi contatta “mi hai pensato stasera eh! notte.” Il giorno dopo do le anzidette motivazioni e lei comincia a tirare in ballo altre cose: Mi dice che “non so tu cosa voglia da una ragazza, o magari da me… forse vuoi frequentarti, conoscerla. Non so. Io posso solo dirti che non sono pronta ad affrontare nulla, voglio continuare a fare le mie esperienze, senza dover dare conto a nessuno. Non sono pronta per alcun tipo di relazione.” In soldoni voleva stare a fare cazz… solo con gli amici senza dover dare conto a nessuno, e che non ce la fa a frequentarsi con un ragazzo. Io al tempo dico che sono d’accordo cioè che dei ragazzi debbano divertiris ma una frequentazione non preclude queste cose, e lei mi ripete che non dipende da questo e che proprio lei non ha testa di una frequentazione e non sono io il problema. Al che io accedo su lovoo e la trovo online, le rinfaccio la cosa dicendole che poteva dirmi che non le interessassi evitando di dire bugie. Lei replica dicendomi che è li per conoscere amici e che si era appena messa… mah! io non ci ho capito niente di questi suo comportamenti… Pensate mi abbia riempito di bugie? Eppure non avrei mai pensato a una cosa del genere… mi ha fatto del male.

    • Sei tu che le hai permesso di farti del male, non lei. Conoscersi sulle chat provoca nel 99% dei casi solo disastri perché si parte dalla mancanza di fisicità, che è tutto in un rapporto di qualsiasi genere. Io credo che tu non le piaccia a sufficienza e forse non ti ha davvero mentito: non vuole una storia ma solo divertirsi, mentre tu da ogni parola sprizzi bisogno di una relazione. Lei vuole una cosa, tu un’altra: non siete fatti per frequentarvi.

      • In che senso ”le hai permesso di farti del male”? Io penso sono d’accordo, non le piaccio abbastanza e si, ho davvero bisogno di una relazione. Vengo da tanti fallimenti e mi sento solo, nonostante abbia tanti amici… Finisco sempre per non piacere abbastanza, vedrò cosa posso fare per migliorarmi sempre se sia possibile.

          • Lo leggerò senza alcun dubbio, poi magari ti dirò cosa ne penso. Una ultima domanda, ora che ho potuto rifletterci a freddo: Molto probabilmente mi ha detto la verità, ma è possibile pure che abbia perso valore ai suoi occhi perché sono stato troppo un bravo ragazzo? Nonostante credo sia stato bravo nel sedurla dal vivo…

          • Non so che vuol dire pua. Comunque ti volevo aggiornare… Dopo una settimana l’ho contattata tanto per, le ho chiesto come stesse e se fosse ancora convinta di quello chr mi disse al che sembrava si fosse un po innervosita ma io le dico che non volevo convincerla e che volevo solo capirla… Poi ho lasciato cadere la conversazione. Dopo qualche giorno mi ha visualizzato il profilo su lovoo, non so perché… A me fa piacere parlare ogni tanto per whatsapp, credi possa farle cambiare idea?

          • Non si fa cambiare idea, si seduce. Secondo me hai un atteggiamento veramente poco “maschile” e le chat sono un terreno minato dove è concesso qualsiasi comportamento ineducato. Conosci persone dal vivo, mettiti in gioco. I PUA sono gli “artisti del rimorchio”, persone che credono sedurre sia un arte e che applicano come fossero in una catena di montaggio meccaniche banali che portano risultati, nella maggior parte dei casi, per la legge dei grandi numeri.

  9. Ciao Sensei, volevo sottoporti quanto mi sta capitando con una ragazza del mio stesso paese che ho conosciuto da qualche settimana, lei lavora in un negozio di un centro commerciale sempre qui nel paese dove abitiamo, un paio di domeniche fa mi sono avvicinato a lei, e ci siamo presentati, così poi le ho offerto un caffè, poi lei doveva rientrare al lavoro e ci salutammo. Da quella domenica ogni volta che ci siamo visti quando passavo davanti al suo negozio, anche spesso perché mi sento davvero preso da lei, ci salutiamo e lei mi sorride sempre, poi ci siamo incontrati ancora un paio di volte, e non nascondo che non essendo io molto esperto a volte siamo rimasti in silenzio, poi oggi nel primo pomeriggio l’ho incontrata nuovamente poiché lei si anticipa sempre sul luogo di lavoro almeno una mezz’ora prima di rientrare dopo la pausa pranzo, per fumare una sigaretta e stare un pò all’aperto tenuto conto anche che sul luogo di lavoro non può fumare perché è vietato, la incontro già per la strada e la chiamo, lei mi saluta io le chiedo come va e lei mi risponde “si lavora si lavora”, io allora le chiedo “la settimana scorsa avete lavorato un bel pò al negozio vero?” e lei “si si” a quel punto io la prendo un pò in giro simpaticamente e con tono scherzoso le dico “ma allora non è vero quel che si dice in giro che sei tu a far scappare i clienti, che sei antipatica.. :-)” e lei mi fa “no no ancora no” accennando un sorriso, e poi ancora mi fa “perché chi lo dice?” ed io le rispondo “boh, i clienti” (lo dico sempre sorridendo lasciando intendere che stavo scherzando in tutto questo nel frattempo arriviamo fuori al centro commerciale dove lei lavora, restiamo qualche minuto in silenzio mentre lei fuma la sua sigaretta, quindi le chiedo da quanto tempo lavora lì, e lei mi risponde dicendomi che lavora lì da meno di 1 anno, quindi io le chiedo ancora “e nel tempo libero quando non lavori cosa fai? non ti vedo mai in giro qui” e lei mi risponde “infatti non esco mai qui” io allora ancora cercando di stuzzicarla ancora un pò “le chiedo, quindi ti sposti con le tue amiche? e dove andate di bello, a fare stragi di cuori?” (detto sempre sorridendo, ed ha sorriso anche lei) e mi ha risposto mentre sorrideva “in giro, in giro :-)” a questo punto le stavo per chiedere di andare a prendere un caffè insieme al bar del centro commerciale per poi andare via perché entrambi dovevamo rientrare a lavoro, ma non ho fatto in tempo perché qualcuno che lei conosceva l’ha chiamata e lei si è allontanata senza nemmeno dirmi qualcosa del tipo “scusami un attimo” oppure “saluto un attimo questi amici e torno” niente di tutto ciò, io non l’ho seguita per non starle troppo addosso per non fare l’appiccicoso, ho aspettato una decina di minuti, poi mentre lei parlava ancora con una ragazza ed altri 2 ragazzi tra cui anche un addetto alla sicurezza del centro commerciale, mi sono avvicinato e l’ho salutata dicendole che dovevo tornare a lavoro ed augurandole buon lavoro e lei mi ha detto “vai vai, non preoccuparti, grazie buon lavoro e buona giornata anche a te” l’ho ringraziata e ci siamo salutati.

    Ora ho due dubbi:

    1) Ho fatto bene a non seguirla e a non avvicinarmi mentre parlava con questo gruppo di persone, e soprattutto ho fatto una buona interazione, tenendo anche conto di qualche momento di silenzio?

    2) Il fatto che lei si sia allontanata senza nemmeno dimmi una frase di circostanza del tipo “scusami un attimo” o qualcosa del genere, cosa vuol dire? L’ha fatto senza pensarci? Non è interessata? O magari vuole vedere se io ci riprovi con lei? Come devo comportarmi? E devo cercarla o sarebbe meglio non cercarla per un paio di giorni? Grazie in anticipo.

    • Secondo me non le interessi. A questo aggiungerei che sembra u povera stronza maleducata. Ok sarà pure figa, ma se fosse stata un cesso le avresti permesso di trattarti così. Vediamo la sua mossa adesso, tu la tua l’hai fatta. Se non smuove il culetto manco di un centimetro o non le piaci o è una di quelle piene di sé abituata a spasimanti striscianti.

      • Perfetto ti ringrazio, aggiungo solo che non è una ragazza bellissima, cioè carina ed a me piace molto, ma non è quel prototipo di donna che ogni uomo desidera, ed inoltre finora si era dimostrata sempre disponibile e cordiale, non sarà che si è fatta venire mille dubbi e magari spaventata dall’idea di avere una storia è scappata?

        • Tu stai già pensando a una “storia”? Ma resta nel presente e valuta le azioni, non le possibili ragioni che l’hanno portata a un agire poco rispettoso. Una carina ha milioni di spasimanti, ficcatelo in testa, forse più di una strafiga…

          • Io non penso ad una storia, l’ho detto solo per cercare di capire per quale strano motivo si sia comportata così improvvisamente quando fino alle volte prima lei era sempre stata carina nei modi e sempre gentile cordiale e disponibile, forse sarà fatta così proprio lei, agirà a cuore leggero, sia chiaro non sto cercando di giustificarlo, voglio solo capire. Comunque oggi l’ho incontrata nuovamente per strada mentre stava andando a lavoro, e non ha battuto ciglio, io sapevo che mancavano ancora 40 minuti prima che iniziasse a lavorare, perché ormai ho capito che si anticipa sempre, ma le ho detto solo “vai a lavoro” lei mi ha risposto “si” “quindi ci siamo salutati ed è finita lì, ma è stato un incontro casuale non sono andato a cercarla, e quando ci siamo incontrati come puoi constatare, non le ho chiesto di prenderci un caffè, né le ho detto aspetta ti accompagno, che sarebbe significato metterla su di un piedistallo e quindi game over, praticamente non ho fatto nulla, l’ho lasciata andare ed io me ne sono andato per la mia strada. Ora però non vorrei alzare subito bandiera bianca ed arrendermi così in fretta , vorrei comunque provare a conquistarla, quindi c’è qualcosa che posso ancora fare per recuperare e poi invitarla ad uscire? Io finora non ho provato a prendere il suo numero né le ho chiesto di uscire da soli, quindi vorrei provarci ma prima vorrei cercare di recuperare per avere un minimo di chance che possa almeno accettare il mio invito e darmi il suo numero, so che ci sono tante donne e lei non è l’unica, e li valuto i fatti, ed i fatti dicevano che prima di ieri lei non si era mai comportata male, poi sai meglio di me che le donne sono volubili, il che comunque non giustifica il suo comportamento strano e scortese, ma allo stesso tempo ciò non vuol dire che io voglia arrendermi, quindi vorrei provarci più compiutamente, se poi una volta invitata ad uscire per fare una passeggiata o andare a bere qualcosa lei dovesse inventarsi mille scuse o comunque sarebbe sfuggente, almeno c’avrei provato definitivamente ed a quel punto ci metterei una bella pietra sopra e andrei avanti, però non voglio arrendermi subito, quindi cosa posso fare? Tu mi dirai ma perché perdere tanto tempo dietro a lei quando il mondo è pieno di donne, ma io non voglio arrendermi al primo intoppo e voglio andare fino in fondo, se poi dovessi prendermi un 2 di picche, nessun problema, me ne farò una ragione e andrò oltre, forse sarò testardo, caparbio, lo so, ma sono così e d’altra parte non voglio lasciare nulla di intentato.

          • Se c’è una cosa che ho imparato è che arrendersi, in seduzione, è un atto di coraggio. Le minchiette smidollate scrivono “non voglio arrendermi al primo intoppo”… e banalità del genere che ho sentito mille volte. E’ l’ego a fottervi e la paura di non trovare un’altra “come lei”: imparate davvero che il mondo è pieno di ragazze molto meglio di una povera deficiente maleducata! Il due di picche te lo ha già dato, accettalo e impara dai tuoi errori. Leggi il sito e i vari ebook, in modo da non commetterli di nuovo.

  10. Salve sensei, faccio bene a scrivere ad una ragazza con cui mi frequentavo e purtroppo finita malissimo ( sparendo nel nulla bloccandomi) dopo un anno in cui non ci vediamo e sentiamo?
    È quello che mi sento di fare ma allo stesso tempo no perché mi priveró di ogni dignità…. consigli

      • Aggiornamento: Ho voluto ascoltare il mio istinto e le ho scritto, bhe mi è sembrata molto disponibile al dialogo e si è anche scusata per il “modo” con cui mi ha lasciata tirando fuori lei l’ argomento ( Buon segno?)
        insomma ho avuto delle buone sensazione.
        Ora come consigli di procedere? Aspetto che mi scrive lei o le riscrivo fra qualche giorno o settimana con molta leggerezza ? Grazie

        • Aspetta, se si fa sentire lei allora hai qualche possibilità altrimenti significa che la sua chiusura è totale e ti ha risposto per gentilezza.

          • Aggiornamento: Devo dire che leggendo il sito sto imparando sacco di cose e sono contento.
            Allora messaggiando 2 giorni fa di punto in bianco mi scrive se venivo ad una lezione ( che lei frequenta raramente) , ho risposto di sì e lei mi ribatte che ci sarebbe stata anche lei, e che ci si beccava là!
            A lezione il giorno dopo mi scrive, dicendo che si annoiando che forse sarebbe uscita… ( Ok esci perché dirmelo?) Io l’ ho vista come esci anche tu con me.. quindi gli ho detto se gli andava un caffè delle macchinette MA solo 5 minuti perché volevo seguire la lezione… (La prima volta che ci vediamo dopo un anno).
            Ed ecco abbiamo parlato scherzato e poi sono salito, è stato molto rapida la cosa giusto per far vedere il nuovo il look ( mi ha fatto i complimenti per la giacca) e il nuovo me.
            Mi sono sembrati tutti segnali positivi mi sbaglio?
            Settimana prossima vorrei invitarla per un caffè un pò più serio! Secondo te è ancora troppo presto visto che abbiamo messaggiato solo 3 volte? O magari qualche dritta su come procedere..grazie e scusa per la lunghezza.

          • Io non di “dritte”! Sta storia ve la dovete togliere dalla testa perché la seduzione non si basa sul “fare” ma sull’essere. Invitala e giocatela.

  11. Ciao Sensei io vorrei chiederti una cosa, ho acquistato il tuo e-book sul “percorso della seduzione 2.0” sto assimilando le nozioni ma, facendo molti errori, vado imparando, solo che ho una caratteristica particolare, io ho problemi di udito. Sono protesizzato ma non è il massimo dell’ascolto delle parole e devo andare avanti così, con questo compromesso. La sordità a mio avviso può sembrare un ostacolo alla seduzione con l’altro sesso, perché se manca comunicazione e dialogo con le donne allora diventa un vero problema, assieme ai rapporti sociali in generale. Volevo chiederti, hai mai affrontato questo argomento? Nel mondo ci siamo anche noi ipo-udenti ma le difficoltà col mondo femminile nella comunicazione diventano enormi. Hai qualche aneddoto o suggerimento per il mio caso? Come posso impormi nella mia condizione nella seduzione con l’altro sesso?

    • Potevi evitare di insultarmi nel commento seguente che ho cancellato. Il tuo non è il giusto atteggiamento, perché non ho avuto la connessione per circa 24 ore e non mi era possibile rispondervi (cosa che faccio gratuitamente comunque… quindi pretendere mi sembra fuori luogo). Sinceramente non saprei davvero come aiutarti ma immagino che i problemi d’udito siano effettivamente debilitanti ma… ma non devono essere per te un problema (lo so, è facile a dirsi). Eppure, conoscendo un po’ le donne ti assicuro che il tuo atteggiamento, come affronti le difficoltà sia ciò che conta. Poi è ovvio che ci sono quelle che non ti vogliono perché sei ipo-udente, ma è un problema loro sul quale tu non hai controllo.

      • Ti ringrazio molto per il tuo consiglio. Riconfermo, non è una vita facile con questo difetto ma chissà, magari la svolta è dietro l’angolo. Si dice che ogni problema abbia una soluzione e forse troverò un modo per imporre o almeno far accettare questo mio difetto poco simpatico a qualche ragazza di mentalità aperta. Chissà? Se c’è una cosa che ho imparato con questo handicap è il linguaggio del corpo delle persone e delle donne, quelle espressioni visive che parlano più di mille parole una dietro l’altra e che riesco a percepirle subito per istinto e abitudine. Forse devo solo trovare un modo per liberare energia positiva e incanalarla al meglio perché a volte è frustrante l’esser tagliato fuori dai dialoghi e per me ogni giorno è una sfida continua, e sento forte la pressione ansiosa, il disagio. Mi dispiace averti appesantito con queste cose che non tutti conoscono questa realtà, ma è la mia vita o meglio, la mia condizione di vita. Ci sentiamo. Un abbraccio.

        • Non mi hai appesantito, sono situazioni reali e oggettive. Quelli pesanti sono altri, che rompono i coglioni con cazzate astrali. Tu hai una condizione difficile, ma da come parli sono certo che per te non sarà insormontabile. Sfrutta e affina la tua percezione del linguaggio del corpo ti sarà molto utile nella vita e in seduzione. Tempo fa conobbi una bellissima ragazza sorda dalla nascita, ci uscì un paio di volte ma lo sai perché non prosegui la cosa? Perché lei aveva paura e poca autostima, pur essendo molto attratta. A volte i nostri problemi e le nostre paure ci fanno edere cose che non ci sono.

          • Ciao Sensei, interessante questa tua esperienza con la tipa non-udente. Raccontami un aneddoto su questa vostra uscita, come si comportava lei con te? Com’è che ti ha fatto cambiare idea? Mostrava bassa autostima con te in certi contesti pubblici o in un solo contesto tipo un rapporto fisico ecc? Potresti approfondire in breve se ti và questa tua curiosa esperienza? Fammi sapere.

            P.S

            Hai detto bene: “A volte i nostri problemi e le nostre paure ci fanno vedere cose che non ci sono”

            Grazie mille, ciao

          • Io ho un metodo: non dico quello che credo vi vogliate sentir dire, ma quello che penso vi faccia bene. Non penso di avere la verità a disposizione e posso anche sbagliare, nel tuo caso non credo che le tue domande siano utili a qualcosa, sono solo il bisogno di conferme che non ti devo dare io, ma devi trovare in te stesso imparando a fregartene degli altri (lo so, non sono nella tua condizione quindi parlo da esterno). Ti posso rispondere solo che erano uscite normali, “diverse” per alcune cose. Non ho cambiato idea io, ma lei. Aveva paura di se stessa, è difficile da capire ma è un meccanismo autolesionista di chi non è in pace con se stesso, e pensa di non meritare nulla. La mia esperienza non la devi prendere come un metro di paragone per te stesso, ma solo come spunto per renderti conto che, alla fine, se per non era un problema la sua sordità non lo è per tantissime ragazze più dolci e gentili di me.

          • Capisco il tuo punto di vista e il metodo. Le conferme sono la medicina per gli insicuri, ma per alcuni a volte sono come pane quotidiano purtroppo. Per la tipa sorda invece, avendo un conflitto interiore, credeva che a causa del suo handicap non poteva avere il controllo assoluto sulla vostra relazione e ha fatto dietro front. Forse aveva una sorta di fobia di venir lasciata sul più bello, dopo aver maturato e imbastito un certo sentimento verso di te, non ha fatto altro che rinunciare lei per prima. Non è facile entrare nella testa delle persone e interpretare certi atteggiamenti, specie delle donne, direi impossibile, ma alcuni soggetti (usando una certa empatia teorica) reagiscono preventivamente con una ripiegata strategica. Sono delle auto-difese psicologiche per evitare la sofferenza dalla delusione di essere scartati per prima forse, tuttavia è brutta questa condizione del conflitto interiore perché guasta la qualità della vita e dei rapporti interpersonali. Per carattere sono un tipo passionale e sarei andato fino in fondo, perché quando si ama o c’è desiderio, ci si mette passione e si combatte per l’altra persona per tenersela a se, non per perderla. Per star bene assieme e vivere insieme guardando a delle felici prospettive future “insieme”. E’ la qualità del rapporto che conta e della percezione che abbiamo di noi stessi. Hai ragione, meglio fregarsene di tutti, accettarsi per ciò che si è e andare avanti. Un po’ con la testa e un po’ col cuore. Tutto il resto è paranoia. Chiuso il discorso sordità, perché col tuo breve e prezioso consiglio mi hai messo addosso una nuova luce. A presto carissimo e grazie. Dio ti benedica.

          • Tieni duro, sei una persona matura e con doti palesi anche a un cieco (battuta idiota, ma un po’ di ironia non guasta mai!).

  12. Il vostro destino si deciderà dopo la maturità. Negli anni della scuola cominciano i primi innamoramenti (quando cominciano) ma la coppia propriamente detta vive nella memoria collettiva. Quest’intima certezza porta le coppie (che scelgono di essere tali) a staccarsi dal gruppo per consolidare il sentimento e consolidare il dominio della vita perché rispetto ad altri che hanno vissuto tanti amori si configurano come interpreti di un testo scritto per il teatro pagano. La grande storia d’amore nata sui banchi di scuola non è un romanzo a puntate. E’ un atto unico senza azione. La verità è che si potrebbe cambiare partner più volte e la cosa non sarebbe motivo di scandalo perché ad assistere al rito ci sono degli spettatori che compongono una sorta di ecclesia. Il profano ne rimane escluso. In questo dramma liturgico la classe s’identifica con la comunità monastica che partecipa attivamente allo svolgimento dell’azione drammatico-rappresentativa. Quest’azione si deve osservare… è difficile da raccontare.

  13. Se c’è una cosa che mi fa incazzare è ripetere a chi non vuole ascoltare! Ti ho scritto due cose da fare (punti 1 e 2 del mio commento precedente), cosa c’è che non capisci? E in più continui ad arrovellati come una adolescente senza tentare di vedere le cose sotto un’altra ottica. Ti ho fatto anche delle domande ma non hai risposto, sintomo di un livello di ottusità interstellare (in particolar modo ora). Facciamo un passo indietro: devi riprendere in mano le tue emozioni e la tua vita, risvegliare l’Alfa assopito dentro di te (Leggi: Come diventare un Maschio Alfa). E per adesso non fare nulla tranne quei dannati punti 1 e 2!

  14. Si infatti sono scomparso per 10 giorni nei quali ho riacquistato almeno tranquillità ed ho staccato quel mio status da zerbino, difatti lei mi ha detto che mi vedeva molto più tranquillo! Non un vero reset. Io mi sono lasciato a settembre ma mi sentivo pronto ad una relazione poiché lei rappresenta il mio ideale di donna, ecco forse è proprio questo il problema, l’ho idealizzata! Sul fatto del bimbo, ho compreso che probabilmente sarebbe stato difficile accettare, mettendomi in altri panni forse li x li avrei visto anche io la cosa come uno scoglio, ma uno quando ci tiene pensa sempre… Vabbè con il tempo accetterà e non sarà più un problema… Insomma mi trovo ad un vicolo cieco ove non so cosa fare e chiaramente per paura di sbagliare, non mi muovo, non la cerco ecc… Dimmi tu!

  15. Conosco una tipa appena lasciatasi, brutto matrimonio, lei è letteralmente scappata… Io mi ero separato da poco e mi ci attacco, un corteggiamento da zerbini, regali messaggi e mille attenzioni ed è così che dal suo primo interesse iniziale nei miei confronti (mi piacciono i tuoi occhi, il tuo sorriso, il tuo carattere ecc…) , pian piano lei, un po’ perché non pronta un po perché troppo innamorato io, mi relega in friendzone, fino a togliermi qualsiasi speranza dicendo che non sarebbe potuta mai stare con uno che già aveva un figlio… In un mese ha sempre rifiutato il contatto fisico. Reagisco male al suo rifiuto e la tratto male e chiudo il rapporto. Reset per 10 giorni… Ritorno all’attacco deciso e convinto di non ricadere negli stessi errori di zerbinaggio e mi invita a cena (in compagnia di un’amica – del cuore) serata bellissima, tante chiacchiere e ci congediamo con la sua promessa di farmi un dolce e rivederci… Lei mi vede molto più tranquillo e sereno di prima e me lo dice. Sicuro di potermela rigiocare, avendo subito una friendzone, due giorni dopo scrivo all’amica, in stretta confidenza, chiedendole di non farne parola, se avessi ancora qualche speranza… Risposta dell’amica… NO. Da lì, scomparsa, le mando un messaggio due giorni dopo al quale risponde fredda. E poi scompare… Sto attuando di nuovo il reset ma questa volta, anche se in fondo, inutile non essere sinceri, spero sempre che torni, sono consapevole di aver perso… Ho giocato male le mie carte dal principio. Ha goduto delle mie attenzioni e quando mi ha visto un orsacchiotto… Addio. Ho perso, sono stato un beta, ho commesso tanti di quegli errori nel primo step che mi sono chiuso una saracinesca davanti. In più, una buona dose di imprepazione sua all’evento troppo prematuro hanno fatto il resto. Il Pirla (ovvero io) ha perso, tenta di applicare il reset e svagarsi, ma l’essere snobbato in questo modo, mi lascia ancora peggio. Non fate i miei errori… Sensei cosa ne pensi? Tutto irrecuperabile?

    • La vedo complicata. Anzitutto il primo reset non è stato un reset, forse è il caso che lo leggi bene perché sembra che tu non abbia la minima idea di cosa sia in realtà. Sei solo scomparso per 10 giorni, non è un RESET! E in più è poco tempo, minimo dovrebbe duare dalle 2 settimane in su, minimo. Una persona che ha appena divorziato vuole due cose da un’altro:
      1. Che sia sicuro di sé.
      2. Leggerezza.
      A te sono mancate entrambe, vista anche la tua situazione personale. Da quanto ti sei lasciato con tua moglie?
      Aggiungerei che mettere di mezzo i figli, in situazioni del genere, è un campanello d’allarme e un modo davvero osceno per allontanare qualcuno, ma tu vuoi una così accanto? Dopo un matrimonio fallito non hai ancora capito che devi stare con qualcuno per sentirti meglio, non peggio?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here