Da anni ormai ne sento veramente di tutti i tipi, che per conquistare una ragazza serva essere in un modo o in un altro. Secondo molti tutto sta nell’aspetto fisico, per altri nei soldi e per altri ancora in quanto sei bastardo e diciamolo pure alcune ragazze cercano proprio queste caratteristiche perchè ricordano, nella loro mente distorta, un maschio alfa, senza però esserlo.

Per conquistare una ragazza devi essere bastardo.

cercasi-ragazzo-link-divertenti-per-facebookDa qui anche l’uso, spesso forviante, del detto “in amore vince chi fugge“, che l’essere a tutti i costi antipatico e maleducato sia una sorta di afrodisiaco. Ma perchè si crede che per conquistare una ragazza sia necessaria la bastardaggine? Perchè purtroppo siamo tutti un po’ confusi su ciò che è da vero uomo e cosa invece non lo è.

Un uomo sicuro di sè non perde tempo dietro la stronzetta di turno, come questa gli manca di rispetto, nel migliore dei casi, si gira e se ne va mentre la maggior parte dei maschi ormai accetta le prepotenze delle femmine, sbagliando. Sperano che per conquistare una ragazza prima di tutto lei ti debba apprezzare per quello che sei come persona, le tue qualità interiori, la tua pazienza e che poi si accorgerà di quanto vali e te la darà. Ovviamente sono tutte fesserie. Prima si seduce, si crea attrazione, desiderio, passione, emozioni…

Per conquistare una ragazza devi essere bello.

Ugly-Man-Hot-GirlSu TpS c’è addirittura una sezione del Percorso della Seduzione che si chiama “Migliorare l’aspetto fisico“, per cui è chiaro che ha la sua importanza, ma non per le ragioni che credete! Lo stare in forma, l’essere un minimo più in ordine e piacenti non serve per conquistare una ragazza, ma per stare meglio con se stessi e quindi risultare anche più sicuri.

Mi arrivano centinaia di commenti di ragazzi che non si piacciono e mi chiedono come essere più belli senza capire che la bellezza non è sta grande arma di seduzione, ma più un biglietto da visita che per nel lungo andare perde tutto il suo valore: le donne vogliono emozioni non un tipo bello accanto. Se accetti i tuoi difetti, impari a scherzarci su con tanta ironia vedrai che diverrano dei pregi. Un ragazzo che perde capelli risulta insicuro agli occhi di tutti se si fa il riporto e indossa sempre di cappelli; se invece si fa “la boccia” e scherzando dice che si lava la testa con il “panno daino” anzichè con lo shampoo risulterà simpatico e sicuro di sè.

Per conquistare una ragazza devi essere ricco.

rich-manDi certo la ricchezza (come il potere) è un afrodisiaco e non dirlo sarebbe alquanto ipocrita, questo perchè sin dall’antichità l’uomo abbiente era in grado di provvedere alla donna e alla prole, c’è da dire che in quelle epoche si rischiava anche di morire di fame, non come adesso nel mondo occidentale. Infatti il rischio di non mettere nulla nel piatto ormai è prossimo allo zero, per cui tutti i vantaggi derivanti dalla ricchezza sono paradossalmente inutili! Purtroppo viviamo in una società materialista e alquanto miope e le ragazze vengono affascinate spesso più dal Porche che dai “contenuti” di una persona.

Se non hai tanti soldi, ma fascino, intelligenza e cultura stai pur certo che avrai molte più donne di un uomo ricco e quelle con cui andrai lo faranno perchè realmente sedotte da quello che sei, non quello che hai. Poi se vuoi scopare starlette ed oche siliconate come se non ci fosse un domani smetti di leggere TpS e vai a lavorare (tanto in Italia serve a poco comunque…).

Come devi essere per conquistare una ragazza?

La risposta più di “marketing” che dovrei darti è di essere te stesso e vedrai che un giorno troverai la tua anima gemella…
Al solo scrivere ste idiozie mi si cariano i denti! Sembra paradossale ma in questo sito si parla di seduzione meno di quanto possa sembrare, perchè conquistare una ragazza è la conseguenza di un vero miglioramento personale che ti porterà a generare attrazione e a liberare l’animale seduttivo che è in te.

Io sono dell’idea, avvalorata da millenni di evoluzione, che il maschio migliore ha migliori possibilità di stare con la donna che vuole e che merita. Però per migliore non intendo il più ricco, bello, stronzo, ma il vero maschia alfa che ha anche un’etica ed un carattere che i pupazzi di cui sopra non si rendono neanche conto e per conquistare una ragazza puoi inziare imparando la leggerezza, l’ironia e la voglia di rischiare e di sbagliare.

Unisciti alla discussione

19 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Salve Sensei ,
    Sono all’inizio di un reset che credo sia meglio portare avanti per almeno un mesetto altro , per varie cose successe , nel frattempo potrei usare il reset( già effettuato perchè con alcune non mi sento già da 3 mesi) , diciamo per vedere come va con i consigli presi da lei ?

  2. Ciao sensei , vorrei raccontarti la mia storia per capire cosa posso fare a tuo parere
    Ho conosciuto L al lavoro e dopo poco ho visto (forse solo io) sintonia tra di noi , dopo poche sere siamo stati a fino a sera inoltrata a parlare soli per qualche ora dove diciamo ci siamo conosciuti ed è successo 2 volte , durante Ferragosto siamo stati in spiaggia di notte ( gruppi diversi ) , dopo un paio d’ore che ci siamo salutati torno e le chiedo di fare un giro , lo facciamo e mi chiede di fare un bagno insieme , io accetto e giochiamo in acqua come 2 ragazzini ( abbiamo entrambi 18 anni ) , andiamo a ballare perchè c’era una discoteca all’aperto e dopo tornando sull’asciugamano mi stendo e lei si stende con la testa poggiata su di me , le prendo la mano e rimaniamo così per una mezz’oretta fino a quando non se ne doveva andare.

    Le scrivo giorni dopo e fra un messaggio all’altro le dico ( lei aveva finito di lavorare) che anche io volevo andare a divertirmi e lei mi risponde dicendomi “quando finisci ci divertiamo insieme” , finisco di lavorare , le scrivo di uscire fra qualche giorno e non risponde , dopo 2 giorni mi scrive dicendomi che si sente con un altro e non vuole rischiare di rovinare il rapporto con lui , cosa dovrei fare ? Probabilmente ho frainteso , ma credo che ci fosse un po’ di attenzione , hai dei conigli ? non voglio farmela scappare per nessun motivo .
    Aspetto risposta , ti ringrazio

    1. Lasciala tranquilla per un po’ se effettivamente ha un altro puoi fare poco o nulla. Un reset di un paio di settimane (leggi gli articoli per capire di cosa si tratta davvero)potrebbero portare dei benefici.

  3. Ieri sera, a un aperitivo con un mio conoscente. Incontriamo, in momenti diversi, due ragazze sulle quali nelle scorse settimane ho applicato rigorosamente i consigli del Sensei: contatto fisico, limitare i messaggini, evitare complimenti fisici, mettersi in gioco, invitare a voce, nessuna paura di contraddirle o esprimere opinioni anche molto contrastanti. E allo stesso modo non ho applicato nè aggressività nè stronzaggine nè violenza (sono sempre stato e rimarrò molto buono di carattere). Anche il mio amico aveva provato a sedurle, ma evidentemente in maniera molto diversa dalla mia. Risultato: il discorso finisce sull’uomo “macho”, una all’improvviso si rivolge al mio amico dicendo “Ma dai, Ciccio è un macho, tu sei un tenerone”, mentre l’altra oltre a dirgli una cosa del genere gli dà pure un buffetto sulla guancia. Ho cercato di salvarlo con alcune battute, ma ormai lo avevano distrutto, poverino. 🙁 In quel momento, lo ammetto, mi sono commosso. So bene che senza i consigli del Sensei sarei finito allo steso modo, mentre applicando rigorosamente i suoi consigli osservo ormai innumerevoli conferme della validità degli stessi. Con le donne a volte si può vincere, a volte si può perdere, ma sempre a testa alta.

    1. Grande ciccio! Come vedi basta poco per riscoprire la propira alfaness. Un alfa ha tante buone e sane caratteristiche e in più è un “macho”. Un “macho” non è ne un alfa ne un uomo, solo un bambinetto incazzato.

  4. Ciao Sensei,
    ti ringrazio molto per la risposta!
    Ti aggiorno sulla situazione e sulla sua evoluzione.
    Sono ritornato in gelateria 4 giorni dopo: lei era da sola, sull’entrata, che puliva i tavolini. Arrivo, parcheggio la mia bici e la saluto, con sua sorpresa. Sto per entrare quando vedo che dentro c’è la madre… troppo bello per essere vero! Non c’era nessuno, nemmeno un cliente. Va bene… entro, saluto sua madre (anche lei dopo 14 anni) che appena mi vede rimane sorpresa e mi dice “Ciao… non ti avevo riconosciuto!”. La figlia non entrava, continuava a pulire di fuori. Mi metto quindi a temporeggiare fingendo una telefonata, sperando che lei entrasse. Niente. Ho dovuto quindi procedere: mi faccio preparare una vaschetta di gelato e nel frattempo entra lei, che inizia a parlarmi un po’ del più e del meno. Tra le domande toccate ha saputo quasi precisamente dove vado al mare. Poteva benissimo evitare di farle, eppure le ha fatte. Saluto mamma e figlia e me ne vado.
    Faccio passare 7 giorni, in cui ho meditato su come proseguire. Il ghiaccio l’avevo rotto, e bene. A questo punto, dato che in quel posto c’è sempre gente e una gran fila, non sapendo mai quando andare, mi sono deciso a inviarle un messaggio su Whatsapp. Ho infatti ancora il suo numero da tempo immemore.
    “Ciao, sono Emanuele, ti andrebbe di vederci? Mi farebbe piacere parlare con te e fare due passi… Ovviamente quando sei libera dai tuoi impegni”.
    Risposta, quasi 4 ore dopo (e ci stava!): “Ehi ciao! Non voglio essere antipatica, ma preferirei dirti di no… Immagino che tu non abbia particolari intenzioni, ma in questo momento sto frequentando una persona a cui so che non farebbe piacere… Ci vediamo quando ti va un gelato! Buon weekend :)”.
    Rimango basito perché lei si è spinta un po’ nel suo messaggio, è andata un po’ oltre. E poi mi invita pure a tornare per un gelato. Qualcosa non mi quadra e mi vengono in mente i classici “NO!” che magari non significano “NO!”. Ci penso molto, e alla fine le scrivo: “Era solo un modo sincero per conoscersi meglio e raccontarci di noi. A presto!”.
    Due scenari nella mente: tornare tra una settimana a prenderle un gelato e chiederle di persona se ci ha ripensato o lasciarla perdere, magari aspettando che si faccia viva lei (cosa altamente improbabile).
    Che ne pensi?
    Grazie!
    E.

    1. E’ il caso che concentri le tue energie su altre, mi sembra chiaramente impegnata e poco interessata a te.

  5. Ciao Sensei,
    è da un anno che non scrivo più qui… grazie ai tuoi consigli e libri ho migliorato tantissimo il mio “modus operandi”!
    Finisco quindi per conquistare abbastanza facilmente delle ragazze, uscirci per un po’ per poi disinteressarmi persino dopo poco tempo: alla faccia dei tempi passati, dove per avere ragazze che mi cercavano dovevo patire non poco.
    Il consiglio che ti chiedo riguarda però una questione che da tempo mi pervade.
    Accanto a casa mia abita da sempre una ragazza di 26 anni (io ne ho 27). Siamo stati “fidanzatini” quando avevamo 12-13 anni, un amore platonico, insomma. Poi lei è cresciuta prima di me, soppiantandomi per frequentare qualcuno più grande. Il primo amore non si scorda mai! Era il 2000.
    In tutti questi anni (14) non ci siamo più parlati. Dapprima per rabbia (da parte mia), poi col tempo mi è ovviamenta passata. Qualche sms, poi col tempo Facebook: ci si scriveva raramente, lei rispondeva cordialmente, ma la cosa finiva lì. Il massimo del dialogo a tu per tu è stato un “Ciao!” quando il suo cane è venuto davanti a casa mia. Un bel sorriso, timidezza di entrambi e poi via. Quando ci incontravamo per caso o faceva finta di non vedermi (ma senza cattiveria) o contraccambiava il mio saluto.
    C’è da dire che la bellezza di questa ragazza è davvero notevole, da sempre. C’è anche da dire che i nostri genitori si conoscono da tantissimi anni.
    Passano gli anni quindi. Abitiamo sempre così vicini. Da un mese però nella mia testa qualcosa è cambiato: i suoi genitori hanno aperto una gelateria vicino a dove abitiamo e lei lavora lì con loro. Ci ho riflettuto molto, e giorno dopo giorno aumentava in me il desiderio di andare lì, di affrontarla, di guardarla e parlarle dopo 14 anni di silenzi e timidezze. Ho cercato di capire i suoi orari e ieri, finalmente, sapendo che era di servizio, sono andato a prendere un gelato. Entro, e dopo poco arriva lei: mi tolgo gli occhiali da sole, la guardo e le sorrido, lei mi saluta con stupore. Il mio cuore inizia a tamburellare e io cerco di domarlo. Inizia un dialogo di “conoscenza”: cosa fai ora, lavori, che fai di bello, etc.. Mi ricordavo pure la facoltà universitaria dove ha studiato, ci è rimasta, dicendomi “bravo” tra le righe. In tutto questo sorrisi, si percepiva l’emozione reciproca, e sempre gli occhi di uno sull’altro. Sempre. È stata una cosa pazzesca, e mi batte ancora il cuore mentre ti scrivo. Poi, dopo essersi raccontati un po’ di cose prendo il gelato e mi siedo di fuori, da solo. Una volta finito rientro, le dico che era buono e mi accingo a pagare, ma lei mi blocca dicendo che il primo gelato è offerto a quelli che abitano lì nei paraggi. “Una sorta di fidelizzazione, insomma” le dico io, e lei annuisce sorridendo e dandomi corda. Io aggiungo: “Un po’ come dire <>… beh, allora torno presto!”. “Esatto!”, dice lei. E dopo il suo sorriso la saluto e torno a casa.
    Eravamo entrambi un po’ tesi, si vedeva, ma il bello è che quelle occhiate reciproche non finivano mai. Idem i sorrisi. Dopo 14 anni di oblio mi ripresento sul posto… ed è andata così. Ed eravamo soli.
    Non ci credo, ma il suo oroscopo descrive esattamente la situazione che è accaduta. Fantastico.
    Ora voglio tornarci. Continuare, approfondire, conquistarla. Ma senza fretta, ovviamente. Ma se torno oggi stesso è un problema? Il mio istinto mi dice di farlo, anche se ti confesso che ho pensato di tornarci fra due giorni. Ma che senso ha in effetti? Altro tempo regalato al tempo?
    Grazie mille, Sensei.

    1. Che bella storia…
      Goditela, assaporala e non avere alcuna fretta. L’amore non è un gelato che si squaglia, è più panna che devi montare con calma e senza troppa pressione. In pratica hai fatto un mega reset di 14 anni! Un vero record che come hai visto ha avuto un effetto devastante su entrambi, non credo che se aspetti qualche giorno in più succede qualcosa di strano, come vedi ha fatto tutto l’Universo e nel modo migliore, allora perchè non lasciare che sia lui a condurre il gioco per una volta? E ricorda che tu sei padrone del tuo destino nella misura in cui migliori e lavori su stesso come hai fatto alla grande in questo periodo. In seduzione meglio fare qualcosa in meno che in più…

  6. Ciao sensei! Vorrei chiederti un parere: ho chiesto di uscire ad un’amica della ragazza che frequentavo fino a poco tempo fa (niente di serio e’ durato pochissimo), perche’ e’ lei che mi piaceva davvero; mi ha risp di no perche non le piace sentirsi una seconda scelta e non le sembra neanche bello nei confronti dell’amica. Io penso sia attratta ma viste le circostanze vorrei aspettare un po a farmi risentire. Secondo te e’ meglio una pausa di qualche giorno o piu lunga? Grazie!

    1. In questi casi il miglior giudice sei tu, visto che le conosci entrambe, potresti lasciarle qualche giorno e poi sentirla in modo leggero, senza inviti e magari farle capire che non è una seconda scelta. Credo che voglia essere sedotta, devi investirci un po’ di tempo ma senza starle addosso o inzerbinirti.

  7. Sensei grazie ai tuoi consigli ieri sono finalmente riuscito a baciare una ragazza che mi piace! è stata una serata bellissima, piena di coccole, abbracci e… baci! A fine serata mi dice che è stata benissimo e ci salutiamo. Come detto prima, lei mi piace molto e vorrei cominciare una relazione con lei, come posso fare per farglielo capire? Domani ci vediamo con i nostri amici, pensavo di passare del tempo con lei come ieri sera (divertendomi e stando bene con lei) e poi chiederle se le andasse di provare a frequentarci… cosa dici? Se no come posso fare?

    1. Non dire nulla, non pianificare nulla e non fare nulla di costruito. Viviti l’attimo e il tempo con lei e vedrai che le cose, se devono, verranno da sole.

  8. sensei
    negli ultimi anni sonocambiato parecchio grazie ai tuoi utilissimi consigli e ho avuto un discreto successo con le ragazze il problema èche le uniche con cui ci sono riuscito non mi interessavano minimamente ed erano delle minorate cerebrali! ho notato che le ragazze mi considerano “carino” quelle più grandi bello…. ma allora perch al di fuori di questi apprezzamenti alla fine dei conti non interesso mai a quelle a cui io sono interessato?
    eppure in giro le ragazze mi guardano (spero non sia perché sto loro sulle palle anche se non mi si conosce molto)

    1. Quelllo che ti capita succede a moltissimi ragazzi, credo sia perchè quando una non ti interessa sei te stesso, più leggero e irradi un’energia diversa. Invece quando una ti piace modifichi il tuo atteggiamento e ti “rammollisici” ed hai paura di perderla, di sbagliare e di non piacerle. Rifletti su questo e impara ad osservarti dall’esterno quando sei con questi 2 tipi di ragazze e piano piano ti renderai conto e risucirai a mantenere il tuo equilibrio con quelle che ti piacciono.

  9. Sensei dappertutto leggo(in tutti gli altri siti intendo) “saper influenzare gli istinti sessuali”, “saper influenzarla psicologicamente”, “dipendenza emotiva e psicologica” ,”AMPLIFICARE la tensione sessuale, influenzando la mente della tua donna per portarla di fatto a dipendere psicologicamente da te”, “stimolata emotivamente da un uomo capace di entrare profondamente in empatia con lei”, “coinvolgimento mentale profondo”,”NON si sentiva coinvolta emotivamente in tua presenza”, “INFLUENZARE LA MENTE DI UNA DONNA”. In tutti i siti queste sono le motivazioni per cui non riesci a conquistare una ragazza e per cui quella che già hai ti lascia per un altro.Tutte queste frasi in parole pratiche cosa vogliono dire? E soprattutto cosa bisogna fare in concreto per attuarle?

    1. Bellissimo commento, una serie di frasi ad effetto che però non hanno senso! Il trucco di questi “caciottari” che dicono cose di questo tipo è proprio nel farti credere che esistono delle tecniche segrete di “controllo mentale” ed è per questo che non scopi come un riccio!Però loro le tecniche le conoscono e te le possono insegnare e se non le impari finirai la vita a farti le seghe! Tutti sti soggetti vendono pezzi di PNL (che è quasi sempre aria fritta, anche la PNL intendo) e magici incantesimi a portata di mano che anche tu puoi avere,basta un click: in pratica dicono che sei single perchè sei un coglione e che loro ti possono vendere le strategie giuste e che soprattutto sono istantanee come la super attack ed efficaci come l’aspirina per i tumori. Per quanto mi riguarda ti posso solo dire di diffidare di chi:
      1. Dice che sei single per ragioni mistiche o perchè non sei uno degli X-Men.
      2. E soprattutto di chi ti dice che il tuo non sedurre può essere cambiato in pochi attimi, che ti basta conoscere le tecniche segrete per avere tutte, ma proprio tutte le strafighe che vuoi anche se puzzi, sei bruttissimo e hai paura pure del buio!
      La cosa difficile della seduzione non è il parlare con una ragazza, ma affrontare se stessi e mettersi in discussione per migliorare come persone.

  10. Sono pienamente d’accordo con questo articolo, da quando leggo Tps ho capito in particolare una cosa: l’obbiettivo non è diventare quello che con un battito di ciglia le ha tutte dietro, ma esprimere te stesso a pieno, e non un te stesso qualsiasi, ma il miglior te stesso che si possa esprimere! Grazie Sensei e complimenti per l’articolo.