Come far Innamorare una Stronza

Le ragazze e le donne stronze — come gestirle? e come farle innamorare? É forse vero che tutte le donne lo sono — o solo le più belle?

Con questo incipit provocatorio ti introduco ad una questione a cui non è facile dare risposte semplici. Vi sono indubbiamente donne “stronze” e ve ne sono altre che, pur non essendolo davvero, si comportano come se lo fossero.

Ipotizziamo che tu, l’uomo della situazione, conosca una ragazza e arrivi a conoscerla con la dovuta gentilezza e gradualità impiegando l’ironia e l’umorismo e non costruendole il famoso piedistallo di cui parliamo spesso su TuPuoiSedurre. In altre parole, effettui la normale seduzione da uomo che sa cosa sta facendo e che si rivolge ad una donna che presume normale e non “stronza”.

Ma dopo qualche tempo la dinamica fra te e lei comincia ad alterarsi per qualche motivo. La vostra intesa precedente si offusca. Tu, ammorbidito, cominci ad abbassare le difese emotive e ti concedi interamente ai suoi bisogni.

Lei dal canto suo — e mi perdonino le lettrici che non ritengono che le donne si comportino così — comincia a confidarsi, a confessarsi, a chiedere consiglio e aiuto, a scaricare i propri bisogni emotivi su di te, malcapitato, che ti trovi incomprensibilmente a curare i suoi traumi e combattere gli scheletri nel suo armadio.

Assalito da questo acquazzone di sentimenti, segreti e passioni di cui forse non ipotizzavi nemmeno l’esistenza, fai la scelta malsana di non scappare, di non ripararti e non demarcare il perimetro sicuro intorno a te. Tutt’al più ti convinci di essere coraggioso perché la ascolti e l’aiuti.

Magari arrivi, del tutto ignaro, a giocare la parte del cavaliere senza macchia che non può non soccorrere di continuo la principessina in perenne difficoltà. Lungi dal metterla sul piedistallo che spesso si deride, la metti in cima ad una torre che tu stesso le hai costruito. Magari la catapulti direttamente sulla sommità per poi arrampicarti a mani nude.

Così finisci per inscenare l’eclissi, o suicidio se preferisci, della dignità maschile, un teatrino molto comune e altrettanto noto. Tutto questo per una persona che ti ha solamente chiesto aiuto e ha mostrato un po’ di debolezza.

Devi essere “Bastardo” con le donne stronze?

Di fronte ad una donna così golosa di attenzioni l’uomo comincia a chiedersi quale sia la cosa giusta da fare. Mandarla a pascolare le pecore in Aspromonte? Fissarla mentre parla ma studiare mentalmente lo schema di Fantacalcio? Sorridere e annuire pensando a quando la porterai finalmente a letto (in un’altra vita magari)?

I più incoscienti decidono di fare i bastardi.

Fanno presenza mentre la donna espone gli infiniti problemi della sua vita perché vogliono quella cosa precisa, compagnia o sesso che sia, che lei può darli. Si prendono il meglio che pensano di poter avere, che è in pratica ciò che è più facile prendersi. Hanno poca empatia per i bisogni profondi della donna in questione e proprio nessuna pietà per lo sfigato che verrà dopo e che, ammorbato allo stesso modo dai disturbi della stessa donna, non avrà però nessuna chance di portarsela a letto.

Senza pensare di poter esaurire un argomento che è potenzialmente infinito, queste sono le ragioni che trovo essere le principali per cui la donna decide di riversare sull’uomo che frequenta le sue problematiche esistenziali:

  • É una donna molto tediosa che viene ascoltata esclusivamente per via dell’attrazione fisica che esercita. Gli uomini di regola fanno di tutto per poterla ascoltare ma questa passione dura soltanto finché non si accorgono che c’è qualcuno anche solo vagamente migliore nei paraggi. La donna di questo tipo probabilmente soffre molto dal senso di incomprensione la cui vera ragione è del tutto incapace di capire. Il problema fatale è però che l’uomo che volentieri la ascolta perde per lei velocemente ogni fascino e viene diretto alla sala d’attesa mentre lei si guarda intorno per un nuovo ascoltatore. Non le andrà mai bene nessuno.
  • É una donna normale che ha davvero sofferto, magari anche ingiustamente, e che da un uomo vuole serenità, allegria e soddisfazione. L’uomo ideale per lei sarà quindi allegro, energico, un maschio Alfa. Verrà messo alla prova quando la donna vorrà finalmente rivelargli, solitamente entro poche settimane, tutti i suoi traumi e tutte le sue cicatrici. Lei lo fa perché vuole essere capita, senza malizia e in totale sincerità. L’uomo che sceglie di comportarsi da bastardo comincia a creare il problema per cui, prima o poi, questa relazione si autodistruggerà. Il rapporto mancherà di onestà: mentre lei fingerà di essere capita lui fingerà di capirla. Magari, nel migliore di questi casi negativi, lui esibirà, nelle sue devozioni a lei, una qualità che non di rado viene vista come un difetto: la pazienza. Di questa ti dirò ancora.
  • É la donna lamentosa, pesante e miserabile che davvero preferisce parlare dei suoi problemi personali piuttosto che di qualunque altra cosa. Non importa quanto seri, i suoi problemi sono il senso della sua vita. Segretamente adora trasmettere le sue sofferenze agli altri perché gode delle attenzioni che riceve e della propria condizione di vittima. Di solito non le piace ascoltare gli altri quando parlano. É la persona che non guarirà mai dai mali che la assillano e sceglierà sempre di essere infelice. A te potrà portare solo problemi e trasformare la tua vita in un incubo senza uscita.

Capirai ovviamente che una donna potrà essere una combinazione di queste tipologie così come potrà non appartenere a nessuna. Ci possono anche essere ragioni profonde e serie alla base del suo malessere che vanno approcciate senza alcuna traccia di superficialità.

Avere pazienza con le ragazze stronze

Ho menzionato la pazienza poco fa. Ritengo che sia il principale tipo di forza che un uomo può dirigere verso la donna che gli piace. Forse è una perla di saggezza d’altri tempi ma quando si frequenta una donna da poco, per appena due mesi o meno, è necessario portare pazienza — anche in quel momento strano ma magari effimero in cui la donna si comporta da stronza.

Non esiste una procedura standard nel caso di una donna o una ragazza stronza. Non c’è ad es. un tempo limite oltre il quale rifiutarsi di aspettare che lei superi le sue difficoltà o apparenti fobie. Non si conosce nemmeno il lasso di tempo tipico entro cui ciò avviene. In certi casi è necessario applicare il potente reset, in altri invece basta la tua presenza sostenuta e allegra. Nei casi limite può anche essere richiesto l’intervento più difficile: il confronto diretto.

Cosa fare per far innamorare una donna stronza?

Affrontarla verbalmente per scuoterla è difficile e pericoloso. É possibile che reagisca decidendo che sei per lei un nemico e non qualcuno con cui potrebbe mai stare. Ma è anche possibile che si renda conto, magari dopo un periodo di riflessione, che il tuo gesto, così come tutta la tua pazienza precedente, era giustificato e dovuto al tuo affetto.

Ricordati che avere pazienza per una donna a cui ci tieni, e quindi tollerare i capricci e accettare i bocconi amari, non è di per sé un comportamento da zerbini. La differenza consiste nel fatto che tu sai il perché di ciò che stai facendo. Hai riflettuto e deciso che ne vale la pena. Un maschio Alfa riconosce il momento giusto per mettere da parte le sue prerogative da Alfa per il bene di una donna che ritiene valga la pena.

La linea di differenza è sottile e sfumata, tra pazienza e zerbinaggio, ragionevolezza e umiliazione. La sospensione della propria dignità (perché è quello di cui stiamo veramente parlando) e la prostrazione di fronte alla donna sono il sacrificio più grande che puoi fare. Esibirti senza difese e senza pretese è una concessione enorme che può rappresentare il più grande atto di forza che compi per una donna.

Conclusione

Se la donna in questione non è capace di capire o accettare quello che stai facendo per lei, è arrivato il momento di lasciarla andare augurandole di trovare pace e felicità.

E lo stesso vale per te.

Lascia un commento