Quante volte ti piaceva una ragazza ma era così bella da avere decine di spasimanti? Oppure nella tua comitiva la ragazza che volevi era sempre la più ambita e quindi corteggiata? O la bellona a lavoro con sempre intorno tutti gli uomini dell’ufficio alla pausa caffè?litiganti

Molti addirittura pensano che sia meglio porvarci con le bruttine perchè queste non hanno mai nessuno che ci prova: errore. Perchè ogni donna, anche la meno attraente ha vari flirt e uomini a lei interesati, e spesso anche se stai applicando la tua seduzione su una ragazza che apparentemente non ha altri intorno in realtà è solo che tu non lo sai, ma hai almeno un rivale in amore.

Il primo rivale in amore sei tu stesso! O meglio sei tu con ilo tuo bagaglio di paure e complessi che non ti fanno agire come vorresti e dovresti. E’ quel famoso dualismo tra la tua parte istintiva e animale che si scontra con la persona che sei e che questa società ti ha fatto diventare.

Il primo rivale in amore: te stesso.

Quando una ragazza ti piace tendi a rimbambirti, a non agire o a comportarti da orsetto del cuore. Magari conosci anche le famose tecniche di seduzione che tanto vengono sbandierate, eppure con quella che veramente ti piace risultano per quello che realmente sono: inutili.

Quando ti aggredisce l’emotività ti aggrappi ad una serie di strumenti logici e razionli, come le tecniche appunto, o ad una serie di pseudo-regole, consigli e simili che ti sono stati elargiti con tanta sicurezza e dovizia di particolari, però prendi un due di picche, perchè?

Perchè utilizzi un martello per mettere una vite! La vite è la seduzione che devi usare per conquistare la ragazza che ti piace, e non c’è nulla di male. Il martello è un mix tra quello che la società ti ha fatto diventare e la miriade di mezze e banali verità da bancofrigo che ti hanno spacciato come oro colato.

Allora cosa fare?

ebook seduzioneBasta andare a prendere l’attrezzo giusto, il cacciavite! Che non è altro che il tuo istinto, l’animale da seduzione che è dentro di te che non ha bisogno di minchiate strane, ma che devi solo liberare e lui, nel suo ambiente naturale, le emozioni, farà una caccia serrata della tua prede fregandosene di tutto il resto.

Per prima cosa dobbiamo liberarlo! Per questo l’unico strumento è il lavoro su te stesso, il miglioramento personale che troppi dicono di fare ma che in realtà non attuano minimamente. Non è facile, non è immediato e spesso si può anche fallire, ma fallire fa parte della vita e l’unico modo per fallire è mettersi in discussione.

Lo so potrei farti discorso alla “Magnolia” (film con Tom Cruise) per caricarti a mille, per qualche ora, e farti credere che con i miei consigli sarà tutto facile ed immediato: non è così. La strada è impervia, complicata, irta di difficoltà inimmaginabili, una strada che percorreari per tutta la vita (se sei fortunato). Per questo ho scritto Il Percorso della Seduzione che oltre ad essere un manuale ricco di consigli e metodi, per chi lo vuole realmente applicare, è la direzione (per me giusta) verso un vero miglioramento personale.

E il rivale in amore?

Come hai visto il mio focus è su di te, perchè credo che il peggior nemico di ognuno di noi è se stesso, perchè sono fermamente convinto che la maggior parte dei problemi di seduzione ed autostima siano indotti dal mondo in cui viviamo che ci vuole sempre belli, in forma, ricchi, di successo. Io non credo in questo, non ci trovo nulla di male nel dare il massimo in ambito lavorativo o curarsi, anzi, ma credo anche che ci sia qualcosa in più che è poi ciò che fa la differenza tra un uomo di successo e un uomo libero (e quindi felice, sereno e che che genera tanta attrazione).

Essere migliori non ci rende i primi della classe, ma ci libera da preconcetti e ignoranza, e questo lo si impara mettendo in discussione le nostre convinzioni che troppo spesso non sono nostre, ma inculcate nei nostri cervelli dall’esterno.

Poi può capitare di trovarsi in una delle situazioni descritte, con un rivale in amore, all’inzio, in cui effettivamente dobbiamo lottare per avere del tempo in cui sedurre una ragazza ma ci sono altri che hanno lo stesso fine. In quei casi la prima paura che molti hanno è “se gli altri mi vedono“, “se gli altri capiscono che mi piace“, “se gli altri mi prendono in giro o attaccano“, “se gli altri…“.

Come si nota il vero problema diviene il giudizio e le azioni altrui, ma sei tu che seduci una ragazza, cosa c’entrano gli altri? Pensi che lei possa essere influenzata da loro? Personalmente se una è così, se non ha la propria testa per decidere e si fa influenzare negativamente verso di me da qualche frase cretina di alcuni idioti semisconosciuti, allora significa che è una poveretta che non voglio accanto.

Il segreto per affrontare il rivale in amore non è lo scontro, o prenderlo in giro o sminuirlo, perchè dimostrerebbe a lui e soprattutto a lei che ne hai timore. E nessuna ragazza trova attraente la paura! Il segreto per vincere è semplicemente di non combattere: ignoralo, fai come se non esistesse e seducila TU! Il focalizzarti su di lui è sintomo di insicurezze e paure che o risolvi o non esistono metodi mistici o delle cavolo di inutili regole.

Se lei va con lui la cosa è semplice:
1. Non l’hai sedotta.
2. Si è fatta influenzare dagli altri (quindi vuoi una poveretta così?).

L’unica “arma” che puoi usare non per aggredire ma per mettere in ridicolo è l’autoironia. Se qualcuno davanti a lei ti fa delle battute acide o prese in giro non serve rispondergli per fargli del male, è molto meglio ridicolizzarlo facendo leva sulla sua aggressività. Se ad esempio ti prende in giro perchè sei calvo puoi buttargli li una battuta idiota alla Bisio e lui farà la figura del poveretto che è costretto a prendere in giro gli altri per sentirsi forte e tu di quello sicuro di te che non ha paura e non si vergogna di quello che è.

Seducila, dei rivali in amore fregatene.

In più un piccolo segreto che ti aiuterà moltissimo: usa tanto contatto fisico, perchè questo ti avvicinerà a lei come non mai e si sentirà sempre più a suo agio tra le tue braccia e sempre di meno se saranno gli altri a toccarla!

50 Commenti

  1. Ciao Sensei.
    Sto con una donna meravigliosa da 6 mesi. Eravamo in tre a corteggiarla, aveva scelto me. Uno dei tre però, amico sia mio sia di lei, mi ha fatto capire che è ancora interessato, e che non ci prova più solo perché sta con me e rappresenta quindi per me un possibile rivale. (Sono sicuro che ci riproverebbe se lei non stesse più con me).
    Come posso comportarmi con lui per fargli capire di “stare alla larga”? E con lei? Quella volta aveva scelto me, ma mi aveva detto che lui le piaceva. Penso che magari, in un mio momento di debolezza (nella vita capita, a causa di vari problemi), lei potrebbe ripiegare su di lui, perché magari si domanda “chissà se invece era meglio che mi mettevo con l’altro?” Ecco, non vorrei spingerla io a mettersi con lui. Mi rimane l’insicurezza (a lei ci tengo tantissimo). Help 🙂 Grazie

    • Finiscila di fare il beta, se hai questo atteggiamento la perdi. Tu devi imparare a essere più sicuro di te, non a tenerti una persona accanto, è proprio il tuo atteggiamento il problema: se poi lei sceglie un altro non ti viene in mente con fosse davvero innamorata? Ma quante ragazze hai avuto? Se vuoi bene a qualcuno gli stai accanto soprattutto nei momenti difficili, non si deve aver paura di mostrarsi deboli, tutti lo siamo e se lei non ti accetta mandala a quel paese. Se desideri diventare più sicuro di te, sereno e avere un atteggiamento più positivo allora Leggi l’ebook Diventa un Maschio Alfa, troverai un migliore equilibrio.

  2. Sempre complimenti per i tuoi post;sto vivendo proprio in questo periodo una situazione del genere. Sono riuscito ad uscire con una ragazza che mi piace, la quale ha mostrato da subito molto interesse nei miei confronti. Naturalmente ho messo in pratica i tuoi consigli, tantissimo contatto fisico, leggerezza, ironia..e così facendo in quel pomeriggio si è venuta a creare un’atmosfera elettrizzante, naturale ed intima che è durata a lungo. Ho avuto un po’ paura a baciarla, anche se mi sembrava conturbata da me, cosa che mi ha sorpreso poichè, sino ad allora, non aveva mai dato il benchè minimo segno di interesse nei miei confronti. Qual è la cosa strana? E’ che, poco prima di questo nostro appuntamento, ha iniziato ad uscire con un ragazzo conosciuto ad un matrimonio, con il quale si vedrá nei prossimi giorni (l’ho saputo da un’amica in comune). Nel frattempo le ho chiesto di vederci una seconda volta per un aperitivo, ma non mi ha dato una risposta chiara. Certo, dovessi rincontrarla continuerei la seduzione, tuttavia non so come comportarmi in questo casi..lascio che sia lei a rifarsi viva ? Un saluto e…grazie per il tuo tempo

    • Ora lasciala un po’ sulle sue e non farti sentire per nessuna ragione (fb, cell ecc sono banditi). Se poi entro una settimana non da segni di vita allora chiamala.

  3. E se invece fosse una ragazza a voler diventare più importante di altre “amiche” (non so se sia una o più di una) con cui il ragazzo già si vedeva credo da tempo, visto che addirittura lei lascia a casa di lui qualche cosa come latte detergente e un paio di trucchi?

      • In questo articolo si parla di rivali in amore rivolto agli uomini che vogliono conquistare una donna con altri pretendenti.
        Una ragazza come dovrebbe invece fare per essere scelta fra le altre “trombamiche” e quindi rivali, arrivate prima, nel modo più efficace?

        • Diciamo che innanzitutto un discorso così generico non da garanzie di successo, al massimo posso dirti che l’uomo sceglie la donna che è femminile, accogliente non l’arpia incazzata o la fatalona. E in più anche in questi casi, in generale, a vincere davvero è la leggerezza. Stargli addosso e pressarlo lo farà allontanare a massima velocità. C’è un pessimo film di Muccino, Le regole del desiderio o qualcosa di simile, in cui lui aiuta lei a conquistare un uomo sposato e fa leva anche sul sesso, perché è un’arma che voi potete usare con grande maestria e delicatezza, senza diventare degli avanzi di bordello! L’uomo, sempre in linea di principio, vuole una donna che lo accoglie e coccola ma anche una che ha attenzioni per lui, che lo stuzzica sessualmente ma non lo giudica. Si è vero, siamo tutti un po’ bambini.

          • Ok, grazie mille veramente!

            Probabilmente per noi la leggerezza in alcuni casi è difficile da mantenere, ma lavorarci non farà altro che bene.

            Immagino che pressarlo possa intendere anche avere eccessive attenzioni? E la questione “dare attenzioni” potrebbe causare l’essere date per scontate e quindi non portare l’uomo a prendere una posizione più decisa?

            Oltretutto avere un piede in due scarpe è estremamente comodo e allettante, no?

          • Dovresti “dosare” le attenzioni, senza eccedere. Quelle giuste fanno sentire amati e apprezzati che è un grande afrodisiaco. Personalmente credo che un uomo così non meriti molto, il suo comportamento è da egoista insicuro che prende tutto quello che può, e poi cosa da? Forse l’idea, un sogno di un vero rapporto, ma pensi che possa essere davvero in grado di darlo?

  4. Qualche tempo fa in un altro articolo,parlai di un personaggio che conoscevo soprannominato il “Botanico”…era chiamato così perchè se le coltivava tutte cercando di mettere in cattiva luce i possibili rivali in amore…penso che lo abbia fatto anche con me…un giorno all’ingresso della scuola parlavo con un ragazzo di nome Paolo quando ad un certo punto arriva il “Botanico” che entra salutandoci con aria di sufficienza…io a Paolo dico “quello non lo sopporto”,Paolo mi risponde “vero,anche a te sta antipatico?Ma lo sapevi che lui e Mirko (compagno di classe ed ex amico del Botanico) non si parlano più”?…io rispondo “questa mi è nuova,come mai?Dai dai racconta”!…Paolo comincia a raccontare..”il Botanico per l’ultimo dell’anno invita Mirko ad una festa a cui sarebbe venuta anche una sua conoscente,una ragazza di nome Veronica”…”il fatto è che il Botanico disse a Mirko di non provarci con Veronica perchè era cinque anni che gliela stava battendo”!..io esclamai “come cazzo si permette uno di dire di non provarci con una,poi cinque anni che gliela batte?!ma io dopo un mese se vedo che non ci sta lascio perdere”!! Paolo disse: “Mirko se ne fregò e dopo poco durante la festa Mirko e Veronica si stavano già baciando!!..e pensa,dopo un paio di mesi sono andati anche a convivere”!!io mi misi a ridere e dissi a Paolo “deve essere stato un bell’affronto per il Botanico,in effetti avevo notato che da un pò di mesi che non si parlavano più tra loro durante l’intervallo o durante i cambi dell’ora”…avrei voluto stringere la mano al ragazzo di nome Mirko ma non lo feci,dell’altro posso solo dire che gli sta bene…ha agito da sotto Beta…vi posso assicurare che la storia è vera,così come me l’hanno raccontata…e personaggi come il Botanico,ahimè esistono…morto di figa,viscido,pieno di sè ecc ecc…una ragazza all’epoca si lamentò con me dicendomi che il Botanico le aveva chiesto in che modo lei facesse sesso con il ragazzo (lei pure minorenne )…buona serata.

  5. Ahah grazie del “complimento”…
    Non smettero’ mai di ringraziarti per quello che fai. Le tue risposte possono essere difficili da accettare ma e’ proprio questo che ci fa migliorare: o accetti e cresci oppure ti offendi e magari te ne vai pure. Per fortuna ho avuto l’ intelligenza di capire che stavo sbagliando.

  6. Penso veramente che tu abbia ragione. Le convinzioni che ho non le ho sperimentate a dovere eppure pretendo di propinare le mie idee a te che hai molta piu’ esperienza di me in questo campo. In piu’ non sei l’ unico a dirmi che sono presuntuoso. E non nego che dico idiozie perche’ purtroppo il mio italiano e’ scarno.

    • Se l’italiano di tutti fosse scarno come il tuo il nostro bel Paese starebbe sicuramente molto meglio, ne puoi essere certo! Non credo si tratti di presunzione, solo di una forma di chiusura mentale causata da un po’ di paura. Cambiare punto di vista terrorizza, capita anche a me e ci sto lavorando da una vita, ma credo che faccia parte delle persone che si mettono in discussione. E’ giusto difendere le proprie idee con le unghie e con i denti, restando il fatto che si dovrebbe cambiarle se si capisce che non sono valide.

    • Non mi devi credere ma SOLO mettere in dubbio le tue convinzioni. Se dopo averci riflettuto, come sei capace di fare, riterrai ancora che la tua visione sia quella giusta ben venga allora. Non sono qui per giudicare ma per proporre differenti punti di vista perché ritengo che la verità non sia ad appannaggio di nessuno.

  7. I NO delle ragazze li ho sempre accettati con leggerezza e ironia. Solo non accetto che mi si manchi di rispetto facendomi passare per stupido. Comunque approvo quello che dici sul formulare i commenti.
    Per quanto riguarda le risposte, secondo me, il far capire le cose con sensibilita’ senza dare per forza una risposta non guasta…quante persone si sono offese per i tuoi modi e non ti hanno piu’ scritto perdendo tu la possibilita’ di farle crescere. Sono del parere che con la diplomazia, forse si, si perde piu’ tempo, ma i risultati sono anche migliori.

    • Vabbè, proprio non se ne può più. Ti ho fatto passare per stupido? Cresci. Sensibilità? Ma hai idea di cosa sia, la confondi con la diplomazia e fai un mix insensato delle due. La sensibilità sta nel capire cosa serve all’altro, non a indorargli la pillola, come avresti voluto per te stesso. Devo dire che di commenti pesanti, strani, immaturi e quant’altro ne ho ricevuti moltissimi ma nessuno come i tuoi era di una idiozia, presunzione e sufficienza così estreme. Mi devo mettere a fare il diplomatico? Così poi non ti offendi e non vai a dire in giro che sono cattivo che vi tratto male? Vai su altri siti dove ti dicono le cose che vuoi sentirti dire, come accade a troppi che si perdono nella loro immaturità e tutto questo perché vuoi sapere come comportarsi se la tua ragazza ti potrebbe tradire? Ti do la risposta diplomatica: amala con tutto te stesso, falla stare bene e si sincero con lei. E poi quella non diplomatica: scopatela a dovere o lasciala. E basta!

  8. Io ti ho solamente chiesto cosa farebbe un maschio alfa nel caso in cui dubitasse della fedeltà della propria ragazza. Ti chiedevo semplicemente un comportamento giusto da adottare e che quindi risulterebbe “seducente”. La risposta poteva essere anche: fregatene perche’ se assumi atteggiamenti difensivi e indagatori nei suoi confronti, lei avra’ realmente una ragione per tradirti perche’ si sentira’ oppressa e sotto accusa. Questa risposta per me e’ relativa alla seduzione, e sicuramente meglio della tua risposta che mi fa sembrare anche stupido a dire il vero…
    Comunque non pretendo che tu mi risponda ma vorrei che capissi che non ti ho mancato di rispetto perche’ per me questa era una domanda relativa alla seduzione. Non ti ho offeso. Non ho niente contro di te, anzi, ti ringrazio per i vari punti di vista dati. Dico solo che hai usato un tono troppo diretto senza che ce n’ era bisogno secondo me…

    • Invece ce ne era bisogno visto che da solo sei stato capace di dare una risposta plausibile. Prova a mettere in pratica quanto imparato sin qui con un po’ più di sicurezza nei tuoi mezzi invece di chiedere conferme, avresti dovuto scrivere cosa hai intenzione tu di fare (e farlo) e chiedere una mia opinione, questo sarebbe stato il modo sano per affrontare una situazione della quale solo tu puoi conoscere varie sfaccettature. Essere diretto fa parte di me, odio perdere tempo in inutili giri di parole solo per non offendere qualcuno. La diplomazia serve solo a far perdere tempo a tutti noi (in questo ambito). Per rispetto intendo la capacità e maturità di saper accettare i NO senza per forza pretendere risposte, questo serve a diventare anche migliori seduttori: saper accettare i no delle ragazze con leggerezza e ironia, invece di prendersela. In decine di migliaia di commenti che sono arrivati su TpS ti posso assicurare che una grande percentuale è focalizzata sulla pretesa di una risposta, una pillola magica che risolva tutto neanche fossimo dentro Matrix! Secondo me non sono le risposte ad aiutarvi, ma il modo con cui imparate a formulare le domande.

  9. Guarda che la mia era semplice curiosita’, non relativo al mio rapporto di coppia.
    Comunque grazie lo stesso della risposta, anche se, a mio avviso, troppo aggressiva.
    E il “come evitare che cio’ accada” al mio paese e’ relativo alla seduzione.

    • Non so più come spiegarlo, non faccio la posta del cuore, non aiuto nei rapporti di coppia. Purtroppo siete troppo abituati ad avere sempre risposte (giuste o sbagliate che siano) da parte mia. Non è relativo alla seduzione ma a te come persona, alle tue insicurezze e a tutto quello che riveste il tuo rapporto con lei. Secondo te come diavolo faccio a darti una risposta VALIDA?!!?!? Per me avere rispetto nei vostri confronti passa per l’attenzione che do alle risposte e se non posso darvi una risposta “perfetta” preferisco non darvela, come accade per i rapporti di coppia. Ricorda che esistono psicologi che lo fanno per mestiere e il loro aiuto costa tantissime ore di lavoro a contatto con le persone, e secondo te in 2 righe posso risponderti? Raramente mi arrabbio ma questi atteggiamenti mi fanno infuriare, abbiate rispetto!

  10. Ciao Sensei, come capire se la tua ragazza ti sta tradendo, cosa farebbe un maschio alfa? Come evitare che cio’ accada?

    • Questa è veramente una domanda che non ha nulla a che vedere con TpS… Non è che se metti “maschio alfa” nella frase questa diventa coerente con il sito. Aiuto a sedurre e migliorare NON faccio consulenza di coppia, l’ho scritto ormai migliaia di volte.

  11. Ho capito… mentre si sta innamorando è meglio lasciar perdere. Ma suppongo che non si abbiano possibilità anche se lei non si sta innamorando in quel periodo, ma lo è da tempo. Se ama qualcuno non credo che andrebbe con qualcun altro

  12. Precisamente cosa intendi quando dici:

    “C’è un momento, nelle persone, in cui ci si sta “invaghendo” di qualcuno. Quello è il periodo in cui, per mia esperienza, quella persona è quasi immune a qualsiasi forma di seduzione portata avanti da altri.”

    Se una ragazza ha una cotta per un altro è meglio lasciar perdere? Seecondo te dopo quanto tempo bisogna agire in una situazione del genere per avere delle chance?

    • Intendo dire proprio questo, quando ci si sta innamorando non ce ne frega nulla di nessun altro che non sia la persona delle nostre attenzioni. questa è una banalità che conosce chi, però, si è veramente innamorato almeno una volta nella vita. In quei casi meglio farsi da parte, le tempistiche sono soggettive.

  13. Ciao Sensei.
    Ho conosciuto una ragazza; iniziamo a frequentarci e l’interesse sembra reciproco. Da parte mia seguo i tuoi consigli (ironia, leggerezza, contatto fisico ecc.) e tutto sembra andare per il meglio. Un giorno dovevamo uscire (ammetto che solitamente ero io quello che organizzava le uscite con lei che comunque si è sempre mostrata disponibile) ma, prima di confermare mi scrive che da qualche tempo ha conosciuto un ragazzo e che forse sta diventando più di un’amicizia. Detto ciò mi dice che non se la sente di vederci quel giorno e la cosa finisce qui. Cosa dovrei pensare? I presupposti erano buoni sotto tutti i punti di vista e ho addirittura interpretato questa cosa come una sorta di “test” nei miei confronti. Tu cosa ne pensi?

    • C’è un momento, nelle persone, in cui ci si sta “invaghendo” di qualcuno. Quello è il periodo in cui, per mia esperienza, quella persona è quasi immune a qualsiasi forma di seduzione portata avanti da altri. Se per lei è così le tue chance sono veramente poche, se non nulle. Mettermi a pensare che è un test mi sembra solo un modo per darsi false speranze. Se una, poi, fa test di questo genere, non sta assolutamente bene. Dico sempre che la dovete agire in base ai vostri desideri, in modo risoluto e chiaro, fregandovene degli altri. Solo così sarete liberi e soddisfatti delle vostre azioni, anche degli errorri e dei due di picche. Ti piace? Seducila facendo finta di nulla. Ti parla di lui? Cambia discorso.

      • Sensei: hai ragione a dire che quella di farla passare come un “test” è una falsa speranza.
        Onestamente io mi sento apposto con la coscienza sapendo di aver fatto il mio (ammettendo anche che magari ho sbagliando qualche passaggio che l’ha portata a “non scegliermi”); a me però non va neanche di essere un “piano B” (probabilmente è orgoglio quello che sto provando adesso).
        A giorni comunque avrò un confronto con lei e ti farò sapere.
        Grazie ancora.

        • Questo è l’atteggiamento giusto, prendi questa situazione come uno spunto per un miglioramento personale e non per deprimerti.

  14. Ciao Sensei, cerco di riassumere…
    sul finire di una serata in un locale conosco una ragazza con la quale mi sembra ci sia reciproco interesse e un accenno di contatto fisico… ma deve andare e rimaniamo per la settimana dopo sempre li appuntamento “fisso” settimanale.
    La volta dopo ci si intravede da lontano ma per un motivo o per l’altro non succede nulla.
    La volta dopo ancora deciso ad affondare il colpo la vedo flirtare con un altro e mi sembra di capire una sua disponibilita’ con lui, me ne frego e attendo il momento propizio ma…..
    niente da fare lui non molla le sta appiccicato come una calamita e lei sembra apprezzare, io faccio la mia serata e amen.
    Ultimo episodio solito scenario: riesco ad intercettarla parla, e’ disponibile, principio di contatto fisico, ma mi devo allontanare un attimo ed ecco comparire il baccala’… le si attacca ed e’ fatta non si schioda più’…
    i due sembrano in sintonia e lei si accorge che lo noto (con lo sguardo)…
    Ora ti chiedo, pensando di aver commesso l’errore di essere stato poco incisivo ma non volevo sembrare disperato e troppo appiccicoso, cosa dovrei fare ora:
    1)ripresentarmi come se nulla fosse e aspettare il momento giusto per giocare le mie carte (ma come fare se i due rimangono incollati? inoltre non c’e il rischio di metterla sul monte baldo?)
    2)ripresentarmi come se nulla fosse e dimostrarmi piuttosto indifferente usando magari l’arma della gelosia flirtando con altre e poi si vedra’…
    3)praticare una sorta di reset sparendo per un po’
    Aspetto un tuo prezioso suggerimento
    Grazie

    • Meno giochetti da bambino, se la vuoi prendila, altrimenti a casa a giocare alla playstation! E se c’è lui presente tanto meglio, sei un uomo o un mollusco?

  15. Ciao sensei
    Volevo chiederti un consiglio siccome seguo da un po tps e mi ha insegnato parecchie cose devo dire che purtroppo non riesco a capire una cosa che purtroppo non è la prima volta che mi capita sono molto lontano dalla mia città, ovviamente per lavoro e ho conosciuto sta ragazza circa 3 giorni fa molto simpatica e attraente ho iniziato a sedurla con ottimi risultati un buon linguaggio del corpo molto contatto visivo e un po di contatto fisico la sera dopo sono riuscito con qualche escamotage a “dormire” con lei eravamo soli sdraiati e nella stanza accaneo c’erano dei nostri amico abbiamo parlato moolto vicini quasi a sfiorarci le labbra poi è partito l’abbraccio, carezze e un paio di bacetti qua è la però quando mi avvicino per baciarla “bene” si volta dall’altra parte e da li ho iniziato un filino a staccarmi poi siamo comunque rimasti abbracciati ecc ecc.
    il giorno dopo è venuta a salutarmi sul posto di lavoro con tutti i nostri amici e ho notato che stava seduta in braccio e abbracciava un altro ragazzo che ha conosciuto dopo di me è non capisco come devo comportarmi se spingere sul pedale dell acceleratore oppure fare finta di niente … Però vedo che quando mi avvicino a loro lei un po si stacca da costui e parliamo mi sorride sempre comunque sembra molto interessata non capisco che fare sensei gradirei con molto interesse una sua risposta grazie in anticipo.

      • Nono assolutamente arrendermi mai ho pensato che magari ho spinto troppo all inizio e magari si è messa sulle difensive e ho pensato che magari era il caso di lasciar correre un attimino però continuerò a sedurla e vediamo che salta fuori

      • Niente sensei purtroppo non é a data secondo i piani io ho continuato a sedurla per quel poco tempo che lo vista in questi giorni ma adesso ha diciamo iniziato una “relazione” con quest’altro quindi bho non so più come muovermi credo che sia meglio non intromettersi… A meno che c’è un modo ma non credo ci sia

  16. Ciao Sensei, ho 1 domanda da porti, riguarda me e la mia ragazza: è già successo che un rivale ci prova su facebook con lei ed io scoprendolo ho parlato con la mia ragazza dicendole che mi dava fastidio che lei rispondesse a questi messaggi perché per me è una mancanza di rispetto nei miei confronti e lei mi disse di mettere “fidanzato” su fb così non le avrebbero scritto più ma io le ho detto che non voglio perché non mi va di far sapere tutti i particolari della mia vita privata, alla fine mi assicurò che non gli avrebbe più risposto. Poi però questo avvenimento è successo di nuovo ed io sono infastidito dal suo comportamento. Cosa fare quindi? Dovrei fregarmene del tutto o chiarire ancora una volta in modo più diretto?
    Grazie…buona serata!

    • Se non sai tu cosa fare con la tua ragazza. Dovresti agire in base a quello che tu ti senti di fare,non ci sono azioni giuste o sbagliate, ma solo personali.

  17. Ciao Sensei,ma se il rivale è più sdolcinato di me che cerco di mettere in pratica quanto leggo dai tuoi articoli, come mai non riesco ad ottenere la meglio? Ciò significa che quando c’è un rivale, bisogna sedurla con più dolcezza e gentilezza?

    • Quando c’è un rivale devi sedurla. Sedurre non è solo una questione di “fare”, ma di “essere”. Puoi anche applicare alla lettera quello che dico ma se PRIMA non hai lavorato su te stesso e per molto tempo, allora sarà tutto inutile.

  18. Caro Sensei, non sono solito lamentarmi e scaricare sulla gente i miei problemi e so anche che questo non è da alfa ma ho veramente bisogno di scrivere per sfogarmi e magari ricevere un tuo consiglio in merito o una tua opinione. Per via di vari problemi di salute e soprattutto in ambito lavorativo, vedo crollare pian piano tutta la mia sicurezza che avevo conquistato un anno e mezzo fa… Non riesco più a migliorare in niente, tutti i miei sforzi sembrano vani, la mia autostima si sta lentamente abbassando e questo fa si che io diventi pigro…La mia attuale ragazza ha notato queste mie insicurezze e che non sono sereno ma io non voglio perderla. Non riesco a trovare il modo per calmarmi e non esternare la mia rabbia. Forse con uno psicologo serio potrei risolvere ma al momento non ho disponibilità economica e non voglio che i miei spendano ulteriori soldi. Ho provato a cercare un lavoretto part time per mantenermi anche agli studi ma purtroppo ancora non l’ho trovato… Comincio a sospettare anche che la mia ragazza stia cercando altrove ed io non riesco a fregarmene… Forse devo solo aspettare che il momentaccio passi ma nel mentre non vorrei fare stupidaggini.

    • So che non è facile ma secondo te, se una ti lascia nel momento di difficoltà, quanto vale e quanto realmente tiene a te? Momenti così hanno uno scopo: mettere alla prova noi e chi ci sta accanto. E’ una magra consolazione ma è già qualcosa.

  19. diciamo che questa ragazza la conosco e mi piace già da un paio d’anni, ma ho cominciato ad agire decentemente poco tempo fa (prima era solo un salutarsi o, se capitava, di parlare dell’uni, con discorsi che non duravano neanche 2 minuti). Stando alle linee che hai indicato tu nei vari articoli ho saputo essere ironico e leggero, ad esempio a volte mi capita di prenderla un pò in giro, ed è anche questo che l’ha fatta aprire di più nei miei confronti, ho diminuito drasticamente le mie insicurezze nei sui confronti (e in generale) ed ho saputo assumere un buon linguaggio del corpo. Per quanto riguarda il contatto fisico invece sono rimasto a bassi livelli, al massimo solo tocchi amichevoli (spintarelle ecc.) che lei sembra anche gradire, ma non ho saputo evolvere tanto da dire che “l’ho sedotta”. Per questo ho pensato che fosse arrivato il momento di mettermi un pò in gioco chiedendola di uscire in modo di creare un pò più di “empatia” in modo da essere più disinibito nel toccarla (penso infatti che il contatto fisico, oltre che una causa, sia soprattutto una conseguenza, toccare dovrebbe venire naturale se c’è un buon feeling tra 2 persone, se non avviene il contatto vuol dire che c’è un problema di fondo).
    Tu cosa dici, che dovrei sedurla di più dato che quello che ho fatto è ancora insufficiente per chiederla di uscire? che se la seduco veramente, il ritrovarmi a uscire con lei avvenga senza che io ci abbia pensato?

    • Prima devi aumentare il contatto fisico. Tu hai paura di farlo e per questo provi a scappare da ciò che ti terrorizza invitandola ad uscire, le tue sono tutte scuse da beta.

  20. Ciao sensei. C’è una amica all’università con cui ho deciso di uscire assieme. Le avevo scritto un sms proponendole un uscita sul momento ma lei aveva rifiutato dicendo che doveva preparare degli esami in quei giorni e che sarebbe stata disponibile dopo. Ora io avrei intenzione di proporre un’altra volta, ma questa volta a voce ( odio dovermi nascondere dietro uno schermo per proporre un uscita) ma c’è un problema: quando la incontro è tutto il tempo insieme ad un altro amico e io non riesco mai a chiederglielo quando è da sola. Fregandomene che intenzioni abbia con lei questo amico o che rapporti abbia, secondo te cosa converrebbe fare, proporlo anche davanti a lui,cercare un modo per isolarla o usare di nuovo sms per mancanza di alternative?
    In un altro articolo avevi scritto che nei casi dove lei è in compagnia di altri bisognerebbe chiederlo lo stesso dimostrando così di non aver paura del giudizio degli altri, ma in questi casi lei potrebbe rifiutare solo perché imbarazzata e quindi non posso capire se veramente non le piaccio o mi dica di no solo per il contesto e/o il momento sbagliato, tu cosa dici?
    p.s. mi scuso se ho pubblicato due volte lo stesso messaggio, ho riscritto perché ho visto che precedentemente la mia domanda non è stata pubblicata

  21. Tematica interessante.Però non tiene conto di un aspetto: i rivali veri non li vedi quasi mai. Magari si trattasse solo dei colleghi d’ufficio piuttosto che dei compagni di università! Al giorno d’oggi le donne sono in grado di intessere un numero di relazioni che sfuggono alla più attenta osservazione/”investigazione”.
    E’ quasi impossibile farsi un’idea della situazione, proprio perchè i migliori candidati la donna in questione, finchè non ha scelto, li tiene ben nascosti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here