A tutti, prima o poi nella nostra vita, capita di soffrire per amore. Che tu sia etero o gay non cambia nulla, che tu sia maschio o femmina, giovane o adulto la sofferenza è reale.

La cosa che più spesso accade è di dirsi e dire agli altri in tutti i modi possibili: “soffro per amore”, “sto male”, “sono distrutto” è solo una sequela per altro abbastanza banale e noiosa di piagnistei da beta.

Soffrire fa parte della vita di ognuno di noi, accettalo. La differenza tra le persone mature e forti non sta nel non soffrire, ma nel modo con cui si gestisce il dolore.

Molti ti diranno frasi banali del tipo “il mare è pieno di pesci” ” ce ne sono altri/e che ti meritano” e così a continuare nel fantastico mondo della banalità. Spesso chi parla in questo modo non è mai stato male per amore.

Tu soffri ed è reale, non nascondiamoci dietro ipocrisie e ovvietà da soap opera. Ma c’è un modo pratico per smettere di soffrire per amore? Purtroppo no, al massimo, nel migliore dei casi, potrai alleggerire il peso del malessere, ma nulla di più.

Soffrire per amore: significa stare male

Leggendo su internet avrai trovato anche altri articoli di fenomeni che ti sbattono in faccia teorie psicologiche o mistiche su energie ancestrali per stare meglio: sono solo cazzate.

Se hai una ferita profonda che fai? Nulla, aspetti che guarisca. Il tuo corpo ci metterà il tempo necessario, quello che puoi fare tu, al massimo, è disinfettarla per evitare guai peggiori, proteggerla o metterci su qualche crema cicatrizzante.

In ogni modo anziché metterci una settimana a guarire impiegherà sei giorni: una magra consolazione perché tu vorresti smettere da subito di soffrire per amore, lo so. E’ una di quelle condizioni che crediamo insopportabili e che a volte ci fanno fare anche pensieri davvero negativi.

Sembra un paradosso ma per smettere di sentire quella orribile sensazione puoi solo viverla appieno, affondarci le mani dentro, struggerti, piangere e chiuderti in te stesso.

L’unica medicina che davvero funziona

Qual’è l’unica medicina che funziona davvero con il mal d’amore? Il Tempo! La cosa non ti piace? Non ci possiamo fare nulla. Però se sai che il tempo è l’unica medicina che avvero serve a qualcosa allora significa una cosa: che il dolore cesserà.

Magari non adesso e neanche tra un paio di mesi, ma svanirà così com’è comparso lasciandoti delle cicatrici che significheranno per sempre che sei stato abbastanza forte da tenere duro e andare avanti.

Ovviamente non significa che ti devi buttare sul divano e indossare la stessa felpa unta finché non stai meglio. Chiuderti al mondo e non lasciare entrare nulla. Non ci sono segreti per smettere subito di soffrire per amore, neanche medicine o consigli: chi te li da ti sta prendendo in giro e non sa cosa significhi il tuo dolore.

Soffrire per amore: piccoli aiuti per mitigare il dolore

Qualcosa puoi farla per provare, perché potrebbe non servire, a stare un po’ meglio o almeno:

  • Non chiuderti in te stesso. Quindi parla con gli amici e soprattutto ascoltali perché ci sono passati anche loro. Molti pensano di essere gli unici ad aver sofferto per amore!
  • Goditi e assapora del tempo da solo. Stare in solitudine fa male all’inizio, poi con il tempo però si inizia a pensare, capire e sciogliere i nodi del passato. La solitudine è una medicina potente, ma all’inizio fa molto male.
  • Subito dopo una rottura si è arrabbiati, non fare nulla. Fermati ed evita scenate o azioni insensate, potresti pentirtene.
  • Continua la tua vita, anche se stai male il vero sforzo è non lasciarsi travolgere: studia o lavora, fai sport e i tuoi hobby anche se non ti danno più piacere come un tempo.
  • Conosci altre ragazze: chiodo scaccia chiodo non serve a nulla, però ti permette di alleggerire la testa.
  • Non andare sui social per capire cosa fa e con chi, ti faresti solo del male.
  • Studia ad esempio la seduzione come fosse un gioco, esci e applica quello che hai imparato, senza il fine del sesso ma solo per il piacere dell’interazione. Quando starai meglio vedrai che avrai una marcia in più.

Soffrire per amore è purtroppo qualcosa che fa parte della nostra vita, non possiamo farne a meno o evitare che ci colpisca: accade a tutti, prima o poi. Essere

 

6 Commenti

  1. Ciao, l’ultima frase è stata che io rimango sempre lo stesso, che non cambio mai ma che mi vuole come persona nella sua vita, perché le dispiace perdermi. Lei sostiene che non le davo le giuste attenzioni, ti spiego per me è inutile strabordare di messaggi bisogna esserci nella vita quotidiana. In effetti hai ragione sul fatto che sono confuso, ho giorni in cui non penso e giorni a cui penso a tutto. Ci sono rimasto parecchio male, ti dico la verità, ma non nutro rancore, tutt’oggi ho chiuso ogni rapporto tranne il saluto, io ti chiedo un parere su questo. Io so che lei mi ha già sostituito,questo mi fa male perché io prima di ritornare a me ci vorrà del tempo, fammi sapere se hai qualche consiglio, grazie

    • Dimenticala. Lei ti sta dicendo, con infinito egoismo, che ti vuole accanto solo per quello che le fa comodo. In questo momento devi pensare a l tuo stare bene, non di certo ai vaneggiamenti di una ragazzina egoista. Se salutarla e anche solo incontrarla per caso ti fa soffrire tu non lo fare, è semplice.

      • Grazie per la risposta, un’ultima cosa quando l’ho bloccata e cancellata sai che ha avuto il coraggio di chiamarmi e chiedermi ragioni del mio comportamento, io ho chiesto di rispettare il mio silenzio. Ti ringrazio per il consiglio

  2. Ciao Sensei, sono un ragazzo ho quasi 31 anni e sino stato lasciato da circa due mesi. In generale con le ragazze ho ottenuto dei piccoli successi. Il mio problema è che vengo sempre considerato come il bravo ragazzo un buon cervello ma niente nulla più. Una seconda questione è come dovrei comportarmi quando vedo lei che mi ha lasciato per un’altra persona, confesso che ad oggi la saluto ma ho interrotto ogni contatto. Mi ha fatto male e confesso che vado un poco in crisi se la penso con il nuovo compagno. Premetto che ci siano già lasciati dopo un anno e mezzo e subito dopo lei ha trovato un suo ex per circa sei mesi per poi ritornare da me. Mi sono sentito sempre poco apprezzato nonostante ho provato a creare un rapporto solido, mi sono dichiarato anche con un anello di fidanzamento ma dopo essere ritornati alcuni mesi, mi ha congedato con meglio se rimaniamo amici ci tengo a te come persona. Se mi dai un parere ne sarei molto felice

    • Come faccio a darti un parere se mi ha detto solo la storia di cosa è successo senza spiegarmi i perché e le ragioni per cui lei ti ha lasciato. E poi un parere su cosa? Mi sembri davvero molto confuso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here