Se sei come la maggior parte degli uomini, probabilmente vorresti imparare e padroneggiare le abilità per far salire le donne. Questa guida alla seduzione ti aiuterà a farlo. È necessario avere una buona comprensione di come funziona la seduzione e padroneggiare le tecniche di seduzione per raccogliere le donne. Qui ci sono 3 tecniche di seduzione estremamente potenti che ogni uomo dovrebbe conoscere.

Il tuo gioco interiore è il primo passo per attirare le donne. Il gioco interiore parla di come ti senti dentro. Questo ha un forte impatto sulle tue abilità esterne per il recupero delle donne. Hai bisogno di un buon gioco interiore per sedurre le belle donne.

Devi sapere chi sei, cosa apprezzi, cosa rappresenti e dove vai nel mondo e nella tua vita. Devi dimostrare e vivere questi valori in tutto ciò che fai nella tua vita. Non è possibile modificare i valori in cui credi di volta in volta per la propria convenienza. Le donne vogliono essere sicure di essere una persona su cui contare. Questo è il motivo per cui testano spesso per vedere se si rinuncia facilmente ai propri valori e credenze. Se lo fai, dimostrerai che non sei affidabile e questo farà perdere le donne.

La seconda potente tecnica di seduzione è essere fiduciosi, potenti e giocosi. Devi fare i conti con ciò che ti viene incontro con eleganza e farti scuotere. Se qualcuno ti dà del filo da torcere o cerca di competere con te non presti loro attenzione e continua a divertirti. Questo è uno dei tratti più difficili per gli uomini da sviluppare come orgoglio è una forza così potente in noi. Tuttavia, la capacità di prendere la vita con leggerezza, ridere, ed essere così ok con te stesso che niente di ciò che qualcuno dice o ti infastidisce è un tratto che le donne mangeranno.

Queste non sono tecniche di seduzione particolare, lo ammetto. Questi tratti sono assolutamente essenziali per raccogliere le donne. Devi prima guadagnare sicurezza e personalità Le tecniche di seduzione sono inutili se non hai un buon gioco interiore

Il consiglio finale è imparare a usare correttamente la tua lingua. Le donne sono esseri emotivi e la loro mente lavora sulle immagini. Devi essere in grado di usare la tua lingua in un modo che alimenta la loro dipendenza emotiva, in altre parole, dà loro l’esatta esperienza emotiva che vogliono, desiderano e hanno bisogno di te. Avrai bisogno di imparare come creare immagini nella mente delle donne usando le tue parole in modo che possano provare forti emozioni.

Queste sono le tecniche di seduzione più basilari e la tua capacità di apprenderle e usarle è essenziale per la tua capacità di attrarre e raccogliere le donne. Più bella è la donna, più avresti bisogno di queste tecniche per sedurre le donne. Perfeziona queste abilità di base, prima di mettere le mani su cose più avanzate. Queste tecniche sono molto utili per raccogliere belle donne.

Unisciti alla discussione

17 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ho sognato di essere ad una festa insieme alla mia ex scopamica e non ci consideravamo di striscio, sapete il significato, e poi sempre nello stesso sogno è stato aggiunto un sogno precedente ovvere quello di ritrovare il telefono di un mio amico e restituirlo per la seconda volta essendo ovviamente ringraziato nei migliori dei modi

  2. Ho avuto una relazione con il mio ex durata circa 5 anni,da cui è nato uno splendido bambino,da circa due anni lui se ne andò di casa qnd il piccolo aveva 4 settimane e da lì l ho rivisto solo a Natale 2017 poi più nulla,nn cerca nemmeno il figlio!!fatto sta che (non spessissimo) io continuo a sognarlo,anche se nel frattempo ho conosciuto un uomo che prima di amare me ama mio figlio!!! preciso che cn il mio ex ho molta rabbia x il menefreghismo che ha nei confronti del bambino,sara forse qst che mi spinge sognarlo ancora?

    1. E’ molto comune sognare situazioni irrisolte e la rabbia è un interruttore che scatena l’attività onirica. Rabbia a parte mi sembra che in te ci sia ancora troppa confusione e poca chiarezza nei sentimenti che provi per il tuo partner. Sembra, ma potrei sbagliare, che più che altro tu non sia sicura di cosa provi per il compagno e sogni il tuo ex perché vorresti agire come ha agito lui: scappando via.

  3. salve, vorrei solo un consiglio, perchè un mio ex amore dopo quasi 30anni continua ad odiarmi, eppure mi ha tradito, perchè mi odia ho solo subito è continuo a subire, il fatto che mi odia così tanto è perchè dopo che mi ha tradito lo lasciata? perchè devo subire il danno e la beffa? puo darmi un consiglio o un chiarimento, però ho il vago sospetto che mi ami ha sempre messo bastoni in mezzo le ruote in relazioni che ho avuto dopo di lei oltre a mostrare gelosie evidenti. ho sono uno stupido a pensare ciò?

    1. Sperare che possa aiutarti su una questione che dura da 30 anni è veramente ottimistico. Ma è possibile che ancora dai modo a questa persona di farti male, di metterti il bastone tra le ruote? Se fossi in te l’avrei già allontanata, quando una storia finisce, a meno di casi particolari, le strade devono dividersi per sempre.

  4. Con il mio ex ho avuto una storia stra-ordinaria, e non solo nel significato bello della parola. Ci conosciamo al mattino su Facebook, ci incontriamo la sera e, per me, è già idillio. 24h dopo eravamo nel suo letto, a casa sua, come se ci conoscessimo da sempre. Il giorno dopo ancora, era già per sempre. Facciamo un viaggio, ed ancora ed ancora, lo guardo e immagino una vita intera con lui. Un mese dopo mi chiede di sposarlo, in ginocchio a casa mia, in lacrime e niente mi era mai parso più bello nella vita, come quell’uomo con cui, ormai potevo riposare davvero. Passa un altro mese ancora e tutto cambia. Lui cambia. Bugie, uscite di nascosto, priorità rivoluzionate, poco interesse. Parla male di me con tutti, salvo scusarsi e dirmi che è la paura a spingerlo a dire bugie agli altri. La paura di questo “forte sentimento”. Inizio ad avere problemi di salute, vengo messa in lista per un’operazione, sto spesso male e mi riempio di psicofarmaci e medicine per attenuare il dolore fisico e mentale. Ritiro i valori dei marker tumorali, valori alti, molto alti, gli mando un messaggio, seduta su quella panchina d’ospedale, da sola, mi dice “Spero che non sia nulla di grave, buona giornata e buon lavoro”.

    Sono ancora seduta su quella panchina, e sono passati cinque mesi.

    Una sera… Facciamo sesso e non mi guarda in faccia, lì capisco che è finita. Non l’ho mai più rivisto da quella sera. Prima che se ne andasse mi misi a piangere, – non ti rivedrò mai più -, – sta’ tranquilla, pian piano risolveremo tutto -.
    Torno a casa e scopro, ancora, che ha cercato altre ragazze, mente di fronte all’evidenza. Passa qualche giorno ancora e – pare – sia decretata la fine. Dico “pare” perché è scomparso, lentamente e laconicamente: non me ne sono accorta. Ha voluto l’anello di fidanzamento, lo ha venduto, si è tenuto la moto regalatagli da me di € 6.000,00 ed è andato in crociera un mesetto dopo. Ho curato il mio corpo, la mia mente per quanto ho potuto. Ma i sogni non si sono mai attenuati. Durante i primi mesi, riempirmi di sonniferi ed ipnotici era fondamentale perché riuscissi a dormire e non sognare. Piano piano ho scalato, a causa anche della mia malattia cronica, la cui cura è ormonale e che già comporta scompensi umorali. Per ogni notte in cui mi sono addormentata naturalmente, ho sognato lui. Ho il terrore, di nuovo, di andare a dormire la sera perché so che lo sognerò. Desiderio o ossessione?
    Un mese fa ho conosciuto un ragazzo, diametralmente opposto a lui: tranquillo, poco passionale, gentile, educato, mai scorretto anche quando me lo meriterei; ed i sogni sono in netto aumento. Sognare il mio ex mi causa agitazione, perché è come se fosse quotidianamente presente nella mia vita: anzi, lo è, perché sognarlo ogni notte è come vederlo ogni giorno. Sogno di stare con lui come coppia, niente dolore e lacrime, solo una coppia che vive cose normali. Allontano questo ragazzo che, razionalmente, so potermi dare una pace sconfinata, ma che emozionalmente non mi suscita, ahimè, nulla.
    E’ la persona sbagliata, è il momento sbagliato, ho ancora paura del mio ex, paura di rivivere quelle atroci giornate, paura di desiderare di morire, paura di essere sola in quattro mura ed impotente come la terra quando su ci cade la pioggia, paura che nulla più sarà com’è stato?
    Pensavo fosse finita, la mia ansia, la mia tristezza, il mio mostro, morto.
    Ma è di nuovo qui, un mese e mezzo dopo aver pensato di averlo sconfitto, è ancora padrone di me.

    I sogni son desideri, o ossessioni?

    1. Non sono uno psicologo, quindi non posso darti risposte “certe” o consigli clinici, sono dovuti dalla mia esperienza e studi personali. Detto questo i sogni, nella maggior parte dei casi, vengono mal interpretati perché i soggetti che ne fanno parte non sono altro che una proiezione di te stessa. In pratica il tuo EX che vedi non è altro che una parte di te, non è lui. In esso proietti le tue idee, paure, angosce. Su tutte credo, ma potrei sbagliare, la paura di rimanere sola. Il mio personale consiglio è di provare a capirli questi sogni piuttosto che scansarli, il tuo inconscio ti sta urlando qualcosa mentre ti tappi le orecchie, così è costretto a gridare più forte: ascoltali. Vedo troppe persone che hanno tanta paura della solitudine, invece credo che stare bene da soli sia un atto d’amore necessario per il proprio equilibrio personale. Accetta la solitudine come un dono, non una costrizione, essa è libertà che ti permette di coltivare i tuoi interessi e amarti. Detto questo, che sono solo il mio personale punto di vista, credo che potrebbe giovarti andare in terapia e parlare con chi è più esperto e sa come gestire e interpretare i tuoi sogni in modo professionale.

  5. Mi perdoni per gli errori grammaticali.. ero troppo preso dal fatto di scriverle tutto velocemente.. come posso tornare con lei?

  6. Ciao Sensei..
    Da poco ho lasciato la mia ragazza dopo due mesi e mezzo.. I primi due mesi andava tutto a gonfie vele.. pensa che parlavamo di sposarci.. abbiamo entrambi una collana con mezzo cuore l’uno.. lei con la mia iniziale e io con la sua.. purtroppo per la distanza ed io minorenne abbiamo potuto vederci poche volte.. in queste volte tutto è andato a meraviglia.. quando ci siamo fidanzati l’ho sedotta abbastanza bene e abbiamo iniziato la relazione dopo aver fatto l’amore.. ma già ci amavamo.. il fatto è che noi ci siamo conosciuti ad una gara sportiva in un palazzetto dello sport.. sguardi intensi.. e io le sono andato a parlare con una domanda banale.. ma tutto è finito li.. arrivo a casa e mi trovo la sua richiesta d’amicizia.. la accetto e mi mette mi piace alla foto.. la cerco e dopo due giorni siamo finiti su WhatsApp.. due settimane dopo ci siamo visti e ci siamo subito baciati.. quindi non ci siamo conosciuti a fondo prima di stare insieme.. non ci siamo frequentati..

    Ultimamente mi sono comportato da bambino… lei su sentiva stressata e io piangevo.. lei voleva stare da sola e io piangevo.. finché ho deciso di essere forte e lei mi ha detto tra la sua confusione che mi ama e vuole me..

    I giorni passano e riceve commenti negativi da tutti.. perché io sono più piccolo di tre anni.. si sentiva chiamare pedofila e un giorno non ne ha potuto più e si è scatenata controppo di me dicendo di voler stare da sola e trovare se stessa.. (lei prima di stare con me si era lasciata da poco dopo un fidanzamento durato più di un anno con un ragazzo molto più grande di lei..) io le dissi che le davo tutto il tempo necessario e che però le rimanevo sempre al suo fianco.. (tutto questo per telefono.. non ci vediamo dal 23 agosto).. e lei giorno dopo giorno di che era dolce.. di che era fredda… di che parlavamo di sesso di che si bloccava.. di che mi desiderava di che voleva di nuovo stare sola..

    Un giorno da Facebook ha tolto la nostra foto insieme nel profilo e se ne è messa una da sola.. ma non ci ho dato importanza per non peggiorare la situazione.. pochi giorni dopo tramite WhatsApp era freddissima.. e mi ha detto di botto ” Notte notte” togliendo da WhatsApp la nostra foto e cambiando lo stato.. e io le dissi “Hai cambiato foto..” E lei.. “Si ti piace?”.. e io.. “si.. ma io non ci sono più però” .. e lei.. “che vorresti dire? ” e io ” nienteee” e lei “ah mi sembravaa”.. mi ha iniziato a dire che ero troppo appiccicoso.. poi l’indomani mi ha trattato alla stessa maniera per tutta la mattinata fino a quando mi ha ricercato chiedendomi scusa e dicendomi che mi amava.. e si è iniziata a scusare per tutti gli atteggiamenti avuti.. mi ha detto che non sapeva le piacessi veramente o meno.. e se ci poteva essere qualcosa di più importante.. e che forse è successo tutto troppo velocemente tra di noi.. e io le dissi che volevo frequentarla e conoscerla da capo e che al momento volevo rimanerle amico. Poi con i giorni a seguire sembrava che tutto stesse migliorando.. le mancavo.. mi diceva di pensarmi e io le dissi che volevo vederla presto.. poi ho fatto una cavolata.. un giorno flirtavamo su WhatsApp e io le ho detto che le sue guanciotte mi mancavano e che volevo farle di nuovo compagnia.. e le ho inviato due foto.. una di quando eravamo abbracciati con le guance poggiate e una di quando ci stavamo baciando sensualmente e le ho detto che lei doveva essere mia.. e lei “Frena Frena Frena Frenaa per favore.. così mi allontani e basta”.. poi ci siamo chiariti dicendole che non succedeva più.. e proprio quella notte lei tolse tutte le nostre foto da Facebook.. io l’indomani non ho voluto cercarla più e la sera le dissi che mi ero stufato di stare appresso a una che di me non c’è né frega niente… le ho detto che le ho dato troppo quando non meritava niente e che mi inca*** ancora di più per averle dato la mia verginità.. non sono il cagnolino di nessuno e se le interesso bene sennò si attacca al tram.. e che per me era finita.. lei mi ha risposto standoci molto male.. veramente male.. mi ha fatto capire che a me ci teneva.. ma dal troppo dolore al cuore è uscita fuori.. perché stava piangendo a casa.. l’indomani le ho detto che mi sono sfogato e che realmente voglio un rapporto con lei.. e che per qualsiasi cosa lei stesse passando io ero lì al suo fianco ma allo stesso tempo a lasciarle il suo spazio.. poi le dissi che prima di stress bene con lei dovevo stare bene con me stesso e che ho molto rispetto di lei e mi dispiace davvero tanto di averla fatra soffrire molto.. e l’ho fatto perché temevo di perderla.. lei mi ha detto che mi aveva perdonato.. da li in poi tutto è andato a migliorare.. mi sono fatto sentire meno… lei si lamentava perché secondo lei prendevo sempre una scusa per non parlarle ma ero realmente impegnato.. il giorno dopo fece il compleanno e io le ho detto chiaramente per telefono che la andavi a trovare.. lei non ha voluto.. perché ancora non aveva assorbito la botta… poi ci siamo passati un intera serata a ridere e scherzare per WhatsApp.. l’indomani per il suo compleanno vedevo che si parlava con un altro su Facebook.. in due post.. ma ho fatto finta che lui non esistesse.. comunque adesso siamo rimasti che dobbiamo vederci.. solo che lei al momento è troppo impegnata tra studio e esami di guida e che appena possibile ci saremmo visti.. okay.. adesso come devo comportarmi per attrarla di nuovo e ritornare insieme?

    Grazie, Maurizio

    1. Sinceramente non ci ho capito nulla, e non è un problema di grammatica (anche la sintassi è un delirio), ma a parte questo si evince un tuo livello di immaturità da primato mondiale. Prima la lasci tu, poi la ricerchi, poi la allontani, poi le dici che le vuoi stare accanto, poi di nuovo che non sei il cagnolino e ancora che la vuoi. Fammi capire ma questa come dovrebbe reagire? Sei umorale come poche persone al mondo e anziché “attrarre” lei forse dovresti lavorare su te stesso. Lasciala in pace, così la massacri.

  7. Buonasera, vorrei un consiglio: venerdì ho conosciuto una ragazza alla laurea di mio cugino ma siccome lui ha perso da poco il padre e si è emarginato un po socialmente non volevo stargli lontano in una giornata del genere quindi non ho avuto molto modo di interagire molto con lei. Però parlando mi ha detto che viene alla mia stessa università quindi qualche giorno dopo (non avendo il numero) l’ho aggiunta su facebook e le ho chiesto di prendere un caffè e lei mi ha detto che gli faceva piacere e forse sarebbe venuta mercoledì. Ora devo continuare a farmi sentire o devo aspettare che lei mi contatti? Grazie.

  8. Caro sensei,
    ho conosciuto una ragazza grazie a blablacar e abbiamo fatto un paio di viaggi insieme dove abbiamo riso e scherzato. Durante i viaggi in macchina però il contatto fisico è praticamente impossibile, d’altronde uno dei due deve pur guidare. Più avanti faremo altri viaggi insieme ma ho intenzione di chiederle di uscire prima del prossimo viaggio per evitare di aggiungere un altro “incontro” totalmente privo di contatto fisico che potrebbe essere deleterio, sei d’accordo? A parte questo, la prossima volta che dovrò fare un viaggio con una sconosciuta come dovrei comportarmi per essere diciamo seduttivo dal primo istante? Te lo chiedo perchè con blablacar mi capita circa una volta al mese di fare un viaggio con una ragazza “nuova”.

  9. Io odio l’amore, o meglio una parte, quella in cui hai il pensiero fisso sull’altro e un legame molto forte. Per me questo peso (che non potrebbe esserlo per un altro) forse pende di più sulla bilancia rispetto alla leggerezza e lo stare bene che l’amore dona…. E di amore ho sofferto parecchio: quando si è tanto giù che resta solo da scavare ho visto che la lotta non serve. Se si vuole salire l’accettazione di tutto quello che hai passato, che sei diventato e di adesso è molto migliore di una lotta immaginaria contro l’idea(le) di una persona, e con tutto l’egoismo che si ha in corpo non ci si frega nulla di ciò che è cambiato (tanto sei sempre tu) e si va avanti con la più soddisfacente e (crederai?) peggior faccia da schiaffi di sta terra

    1. Lo si odia quando si soffre e lo si ama quando si sta bene. Con il tempo lo accetterai e sarai capace di gestire meglio questi sbalzi e il dolore sarà meno intenso a scapito della felicità che sarà meno potente, si chiama crescere.

  10. Caro Se sei continuo a seguito anche se ancora non ho scaricato nessun e ok..Vorrei chiederti una cosa in merito ad una ragazza molto più giovane di me di cui non ho ancora scambiato una parola…Due o tre volte c’è stato il contatto oculare diretto ma oggi in vicinanza lei da vicino ha fatto qualcosa che somigliava al raschiamento anche se a me è sembrato un camuffare di tosse per attirare l’attenzione su di lei perché A distanza lei continua a cercare il mio sguardo. TU come la interpreti la situazione raschiamento per allontanare o tosse per attirare l’attenzione.Non ho problemi ad avvicinarmi a nessun tipo di donna ma voglio sincerarsi che la sua non è semplice curiosità ma interesse reale quindi continuerò a giocare con lo sguardo fino a che il suo linguaggio del corpo non diventa palese e io non mi accetto che è libera prima di avvicinarmi. CoMUNQUE grazie alla mia apertura alla VITA anche le situazioni femminili li vivo con distacco.