In realtà è solo buon senso, in realtà: se hai intenzione di chiudere l’accordo, il primo passo che devi compiere è ottenere il suo numero di telefono in modo da poter organizzare un altro incontro.

Diamo un’occhiata ad alcuni modi per prendere questo importantissimo, fondamentale primo passo:

Tecnica di seduzione:
1. Il modo più semplice per ottenere il suo numero di telefono è farlo: chiedilo.

Ok, sembra sarcastico, ma quello che sto cercando di dire è che spesso le persone hanno paura di chiedere semplicemente quello che vogliono nella vita. Non puoi essere arrabbiato perché non ottieni quello che vuoi, se non lo hai mai chiesto.

Essere ottimista. Non otterrai nulla nella vita senza chiederlo. Credimi, nessuno ci darà niente su un piatto d’argento. Quindi il primo passo per ottenere quello che vuoi è chiedere.

2. Sii disposto a rischiare il rifiuto. Sii disposto a farle dire no invece di sì. Renditi conto che il suo “no” significa che lei è quella che si sta perdendo. Lei è stata l’unica a fare l’errore. Ricorda che questo è vero. Non ti sta giudicando perché non ha abbastanza informazioni su di te per esprimere un giudizio, quindi ha commesso un errore nell’essere così veloce nel dirti di no. Prendete il cuore in quella realizzazione e comprendete anche che nessuno ha il potere di farvi sentire inferiori se non date loro quel potere.

3. Pratica un approccio semplice e memorizzalo in modo che venga naturale quando ti avvicini a una donna e chiedi il suo numero. Di ‘qualcosa, come questo: “Ehi, è stato un piacere conoscerti.” Poi inizia ad andarsene. Fermare. Torna indietro. Di ‘: “Sai, potremmo voler continuare questa conversazione in un secondo momento. Qual’è il tuo numero?”

Attrarre le strategie delle donne – Come attrarre una donna
4. Comprendi che a questo punto è completamente fuori dalle tue mani. Hai fatto la tua parte, ora tocca a te. L’unico controllo che hai ora è come reagisci a ciò che dice. Se è interessata a te, ti darà il suo numero. Qualunque cosa in meno è un no, nonostante qualsiasi scusa possa esserne legata. Non mi interessa se lei dice che non distribuisce il suo numero di casa agli uomini o che è nel servizio segreto e deve mantenere la sua privacy. Nulla di meno che darti il ​​suo numero non ha importanza.
5. Memorizza e pratica la tua reazione a un no e poi dillo con fiducia. Ecco una grande affermazione che ti fa solo sembrare bella e che forse le lascia pentirsi delle sue azioni:

Di ‘: “Beh, la notte è giovane.” Poi le fai un occhiolino e si allontana.

Dentro, dillo a voce alta: “Avanti”. E vai avanti.

9 Commenti

  1. ciao sensei… credo i aver bisogno del parere di un esperto. ebbene ci sono cascato pure io, lei mi ha mollato. Abbiamo litigato per motivi stupidi e ce ne siamo dette di ogni. I primi giorni sono stati una sorta di liberazione ma poi io ho messo da parte l’orgoglio e sono tornato da lei 7 giorni dopo trovandomi la porta sbattuta in faccia. Non ne vuole + sapere e che non si fida + di me. La sua reazione mi ha disturbato parecchio e sono sparito altri 7 giorni passandoli però male a riflettere su come rimetterla a posto. d’altronde si conviveva da un pò e si facevano progetti di un certo genere, non poteva finire tutto così in fretta. Al secondo tentativo le ho fatto la posta fuori da lavoro rendendole impossibile non parlarmi. ancora chiusura totale anche se meno freddezza e distacco rispetto alla settimana prima. Anche qualche consiglio di amici e alcuni suoi status di facebook mi davano l’impressione che lei ancora rosicasse ma non avesse chiuso ogni varco. Così pochi giorni fa mi contatta con una banale scusa x vederci. ci vediamo e stavolta non è risentita, anzi direi gentile. Passiamo assieme un paio d’ore e riparliamo della situazione, lei è sempre decisa a chiudere ma dice cose come “se tu avessi fatto questo o quello” … i miei tentativi di rassicurarla e dimostrazioni di voler riprovare con nuovo entusiasmo non sono serviti ancora e anche un sms in serata ribadiva la sua convinzione nella scelta presa. Ora io sono davvero esausto, non sono tipo da gesti eclatanti ma li farei anche se non andassi sempre a schiantarmi contro un muro. Tu come la vedi e cosa mi suggerisci di fare? grazie

  2. Sensei vorrei un suo parere. Brevemente, ho conosciuto una ragazza 2 mesi fa, agli albori siamo usciti e dopo poco la relazione sembrava essere stabile. Facendola veramente breve due settimane fa lei mi ha fatto una sclerata perchè non sono il migliore nel dimostrare affetto soprattutto in pubblico, non per un fattore di timidezza ma semplicemente perchè prima di lei non ho mai avuto relazioni che superavano la settimana sempre per il mio poco interesse. Questa volta l’ho preso in tasca io. Lei non vuole ne vedermi ne sentirmi. Premetto che ho capito il problema sostanziale però non ho l’opportunità di rimediare visto che lei continua a dirmi cavolate come trovatene un’altra, non voglio vederti e cose simili. Mi piacerebbe moltissimo la tua opinione. Grazie

    • Se le cose stanno realmente come dici allora anche io ti consiglio di trovartene un’altra: questa non sta bene. Spiegale il tuo punto di vista, se proprio vuoi fare un ultimo tentativo, attraverso un email/lettera (preferibile lettera),evita sms o simili. Fagliela trovare, ad esempio a casa o spediscila e aspetta, spiegale bene quello che ha detto a me e poi lasciale il tempo di cui ha bisogno. Da quel momento in poi starà a lei. Oppure incontrala per strada e baciala davanti a tutti, con passione.

  3. Buonasera sensei, sono un ragazza di 18 anni e sono fidanzato da 7 mesi, il mio problema è basilare, dopo una relazione che tutto sommato non era male, ieri c’è stato il culmine di tutto, io ero uscito tranquillamente per andare a fare scuola guida e stavo messaggiando con lei, fino a che alle 18.30 il cellulare mi si spegne senza fare in tempo a scriverlo..nel frattempo avevo incontrato un mio carissimo amico e siamo stati insieme fino alle 8, fino a quando ritorno a casa e la mia ragazza chiede dove sono stato..io giustamente le dico che sono stato in compagnia di un mio amico,qua succede la scintilla..la mia ragazza chiede al mio caro amico dove sono, e lui gli risponde che non mi ha proprio visto! potete immaginare la reazione di lei, incavolata nera non credeva alle mie parole (vere) ed è partita dandomi del bugiardo, io sbagliando mi sono arrabbiato e le ho urlato al telefono, convinto della mia ragione..ma alla fine non c’è stato verso, sono stato pesantemente insultato da lei, in tutti i modi, io semplicemente gli davo il contentino e gli rispondevo che quello che gli avevo raccontato era vero..stamattina gli ho inviato un messaggio, ma credo sarà l’ultimo, aspetto che mi cercherà lei, anche se una persona che mi ha mancato cosi tanto di rispetto mi da davvero fastidio, per questo chiedo un consiglio a lei sensei..grazie

    • Fare scenate da bimbetto non serve a nulla. Vedi di capire perchè il tuo amico avrebbe mentito, parla con lei e confrontati da adulto.

      • Risolta la situazione, abbiamo risolto felicemente con una bella serata sotto le coperte ;). Il mio amico mentiva per una questione di sicurezza, anche se ancora non ho capito bene,secondo me aveva semplicemente paura che stessi nei casini e per salvarmi la pelle avrebbe fatto cosi, quando non c’era nulla da nascondere…comunque mai arrabbiarsi secondo me, mi porta solo in uno stato di confusione dove non si risolve nulla e porta la persona che sta difronte a te a non capirti mai, davvero grazie sensei, un riferimento mentale davvero fenomenale, grazie di tutto

  4. Salve sensei,
    Ti chiedo il tuo parere riguardo a quello che per esperienza ho visto e vissuto su chi vuole una ragazza. Ho notato che nei momenti brutti della vita sento il bisogno di una ragazza; invece normalmente mi verrebbe da scopare come un riccio lasciando i momenti di relax, appagamento e quant’altro a me stesso. Non è che chi vuole una ragazza (tralasciando chi lo fa per fare esperienze nuove, ad esempio io che ho 19 anni e ne voglio fare anche di queste) voglia una storia seria perchè non si sente appagato da se, volendo anche beta e in cerca di sicurezza

    • Credo che sia solo una fatto di maturità sentimentale, che a 19 anni è difficile avere. E’ normale, nei momenti di difficoltà, chiedere aiuto, per cui in quello che tu scrivi non ci vedo nulla ne di strano ne di sbagliato. Certo potresti, quando sei sereno, riflettere su come ti sentivi quando eri giù di morale e perchè volevi una persona vicino. Chiedere aiuto è anche da Alfa, certo se ne abusi e non agisci mai allora c’è qualcosa che non va.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here