Usciamo in amicizia, però”.
Ecco la frase che in molti di noi, se non tutti, almeno una volta nella vita ci siamo sentiti dire. Credo che la prima reazione comune sia lo scoramento, una certa tristezza dovuta a quella maledetta parola che quando desideriamo una donna non vorremo mai udire: amicizia.

Conosci una ragazza che ti piace, carina, simpatica con cui hai tanto in comune e applichi magari qualche piccola tecnica di seduzione e di lettura del linguaggio del corpo per capire se da parte sua possa esserci un minimo di interesse. Analizzi in modo maniacale qualsiasi frase possa buttarti lì solo per trovarci indizzi sul suo presunto interesse verso di te. In poche parole ti fai un film, ma ci può anche stare.

Allora prendi coraggio in virtù dei segnali (o presunti tali) che ti ha mandato e le chiedi se magari le va di prendere un caffè o un gelato…
La risposta è una sorta di fulmine a ciel sereno, una bomba innescata dentro un negozio di porcellane cinesi, o senza essere troppo metaforici o poetici un fortissimo calcio nelle palle!
“Si, va bene, però usciamo in amicizia“.

 

Usciamo in amicizia: test, verità, o cosa?

Con la sua aria sbarazzina e un po’ da Lolita imbronciata ti colpisce con una randellata mortale e tu rimani impalato di fronte a lei, non sai se essere contento oppure se suicidarti sul posto, magari impiccandoti con i lacci delle scarpe.

Cosa le rispondi?

  1. Ok, in amicizia, mi pare ovvio!
  2. Piangi.
  3. Ridi nervosamente.
  4. Cerchi il primo cavalcavia.

Insomma, questa sua affermazione ti tramortisce e rincoglionisce come non mai. Anni fa io stesso non sapevo che dire e il più delle volte accettavo l’uscita in amicizia solo perchè non sapevo come affrontare questo presunto test. Nella mia mente ipotizzavo che la bendernomoreragazza sapesse lucidamente cosa fare e che quindi mi metteva in difficoltà apposta, oppure che era convinta che non potessimo essere altro che amici e che quindi l’unica cosa che, da subito, mi offriva, era la sua amicizia.

Partivo quindi dal malsano e forviante presupposto che lei sapesse sedurre, essere sedotta, e che fosse convinta e consapevole di quello che diceva, ERRORE! Madornale e gigantesco errore di gioventù e inesperienza.

Le ragioni per cui una ragazza ti risponde “usciamo in amicizia” non solo non le puoi minimamente sapere (forse intuire al massimo) ma non te ne deve fregare nulla perchè il più delle volte neanche loro sanno cosa rispondere. E’ una sorta di salvagente, di risposta di base che ti buttano lì perchè non sanno cosa dire proprio perchè non sanno cosa vogliono, le donne sono così.

 

Alcune possibili ragioni per cui ti ha risposto “usciamo in amicizia”.

Se proprio vogliamo capire quali possono essere le vere ragioni c’è da dire che la verità non la sapremo mai, possiamo solo fare delle ipotesi più o meno giusto che in fin dei conto, però, non servono proprio a nulla.

Plausibili motivi per cui ti ha risposto “usciamo da amici“:

  1. Ti vede davvero già come un amico. Di solito capita se la consoci da tempo e non hai mai fatto nulla per sedurla, in qusto caso ti consiglio di leggere Conquista la ragazza che ti piace, prima di fare altri danni.
  2. E’ fidanzata. Così dicendoti non si preclude la possibilità di capire come sei e conoscerti senza fare la figura della zoccola.
  3. Le hai così martellato l’anima con diecimila inviti che alla fine, presa dalla disperazione ha accettato.
  4. Non sa cosa vuole. così ti ha buttato lì una risposta preconfezionata che la mette al sicuro, perchè se non le piaci può dirti che ti aveva avvertito e se invece le piaci allora…
  5. Varie ed eventuali risposte più o meno sensate.

Per esperienza personale nella maggior part dei casi la risposta più vicina alla verità è la 5. ma non sempre! Fregatene della ragione e da vero maschio alfa vedi il alto positivo della risposta “usciamo in amicizia“, che esce con te e quindi tu hai una possibilità di sedurla e mostrarle quanto vali, di farla stare bene. E’ assai probabile che anche se piaci ad una ragazza moltissimo lei ti proporrà questo clichè per un’infinito numero di sue personali ragioni e che tu non devi fare altro che accettarlo.

Le rispondi semplicemente che per te va bene e cambi discorso, sereno e rilassato perchè sai che quella risposta signifca poco e nulla e che non può una ragazza, con due parole buttate lì, deprimerti. Se poi è lei ad invitarti per un caffè le puoi rispondere tu “va bene, usciamo in amicizia“.

136 Commenti

  1. Ciao Sensei,
    Circa due settimane fa conosco al mare una ragazza, amica di una mia amica e già dal giorno successivo la aggiungo su fb per chattare. Non so se nella prima settimana ci sia stato feedback positivo o negativo, perché spesso tendo a fraintendere. Di certo le sue risposte erano complesse ed aprivano nuovi discorsi, utilizzava spesso emoticon, insomma non dovevo essere per forza io a portare avanti la conversazione. Poi, senza io che le dicessi nulla, dice alla nostra amica che non vuole fare un’uscita a 4 con me il sabato successivo perché si sentirebbe in imbarazzo. Al che io, perplesso dalla risposta, contatto direttamente lei per chiederle quale fosse il problema, dato che comunque mi sembrava si trovasse bene a parlare con me. Lei mi risponde che credeva fosse stata una “tattica” organizzata dalla sua amica per organizzarle un’uscita a 4 dal momento che lei è single, e la cosa l’avrebbe imbarazzata parecchio. Fatto sta che mi dice che dal momento che aveva capito che non era stata la sua amica ad organizzare l’uscita per metterla “in mezzo”, non ci sarebbe stato alcun problema. Facciamo quest’uscita, dove lei l’ho vista molta aperta e a suo agio (forse complice qualche bicchiere di vino) e ci troviamo molto bene. La stuzzico con dei pizzichi, lei mi risponde con dei pugni sul braccio, parliamo molto, ci tocchiamo spesso. Quindi mi sembra di giudicare positiva l’uscita. La ricontatto dopo un paio di giorni, continuiamo a parlare con costanza. Stavolta il discorso finisce sull’oroscopo (non ci credo manco un po, però è un buono spunto per parlare di caratteri e relazioni). Lei tira fuori tutte le caratteristiche del mio segno, io del suo e cerchiamo in cosa potessimo essere compatibili, sempre così per gioco. Insomma non c’è stato nulla perché potesse farmi pensare negativamente sull’esito del flirt. Il giorno dopo mi contatta lei, in realtà rispondendo dopo 24h ad una cosa di cui parlavamo la sera prima, però avrebbe potuto anche non farlo, invece ha ripreso lei il discorso, scusandosi che aveva lavorato tutto il giorno e che spesso si perde i messaggi. Allora le chiedo il numero, così si sarebbe ridotta la probabilità di perdersi dei messaggi. E lì fa la stupida, mi prende in giro e mi dice che il suo numero è ancora segreto per me. A parte il comportamento un po infantile, è stata una cosa che mi ha dato fastidio perché ha voluto ergere un piedistallo nei miei confronti, per il solo fatto d’averle chiesto il numero. E da lì mi sono innervosito. Il fatto è che non provo alcuna empatia, non riesco talvolta a leggere il buono nelle cose. Poi ieri mi ha detto di passare alla gelateria dove lavora, ma non riesco a vederlo com invito ad uscire e Con questa cosa mi ha praticamente bloccato, non saprei come continuare il flirting, perché se adesso le chiedessi di uscire sono sicuro che farebbe lo stesso giochetto del numero di cellulare. E spesso se magari le rispondo dopo qualche ora perché sto lavorando/studiando, lei potrebbe anche non rispondere più. E’ una cosa che non sopporto, perché vorrei che fosse più diretta. E allo stesso tempo mi sento uno stupido a scrivere qui adesso, perché la verità è che non capisco se lei sia interessata ed ho paura di espormi troppo. Vorrei che si facessero un passo per uno le cose, non sempre tutto io.
    Scusa lo sfogo, spero saprai consigliarmi. A presto!

    • Devi crescere, ecco il problema. Sei infantile, lei non ti vuole dare il cell? E tu te ne freghi. Ti invita dove lavora? Vai e vedi come ci comporta, prenditi un buon gelato e quando è tranquilla parlaci dal vivo. Cambia questo atteggiamento da bimbetto arrabbiato che deve avere le cose come dice lui o batte i piedi! E comunque una persona matura agisce in base a quello che desidera e valuta gli altri con oggettività (almeno ci prova), in questo caso se lei si è comportata in un modo che non ti piace (ergersi sul piedistallo), perché ancora ci perdi tempo?

      • Il problema è proprio quello, non riesco a valutare con oggettività le cose. Se da una parte ho visto il suo comportamento come sbagliato, dall’altra forse voleva soltanto giocare o stuzzicare un pò. Anche tu in poche righe mi hai dato consigli agli antipodi: vai a prenderti un gelato e perché ci perdi ancora tempo.
        Diciamo che vivo proprio in quel limbo, fra l’andare a prenderci un gelato e lasciarla perdere, se avessi avuto le idee chiare non ti avrei scritto…
        Grazie per la risposta comunque

  2. Proprio oggi una uscita “in amicizia e solo per un caffè” con una ragazza conosciuta tempo fa ad un compleanno. Giornata perfetta, leggerezza e ironia dosate perfettamente (o quasi), contatto fisico discreto, ma poco, nel senso che pur divertendosi e gradendo la mia presenza in questa giornata passata insieme, sembrava non gradirlo. O comunque non lo ricambiava. Io ero rilassato e sono stato bene. L’ho salutata con un abbraccio (sono uno che ama molto toccare le persone quando parlo e con lei ho visto un po’ di ritrosia, come se avesse delle barriere alzate fino al cielo)
    In questi anni ti ho scritto diverse volte e leggendoti e lavorando sono enormemente migliorato, ma il tempo passa davvero velocemente (c’ho quasi 40 anni) e le mie esperienze sono sempre lo zero assoluto da tanti anni. Non posso chiederti un commento su queste tre righe, ma solo un consiglio. Se dovesse esserci un secondo appuntamento, io la toccherò secondo l’escalation che descrivi in un tuo articolo, una cosa sola non ho capito: devo aspettare che sia per prima lei a toccarmi? O è indifferente?
    Ti ringrazio

    • E’ indifferente e abbi pazienza, negli affari di seduzione la pazienza è senza dubbio l’arma più importante, e difficile, da usare. In questi anni hai lavorato anche su te stesso? Crescita fisica, emotiva, psicologica. Perché sembra, ma potrei sbagliare, che tu ti sia focalizzato maggiormente sul cosa fare, e non chi essere.

      • Sì sono cresciuto, anche se sicuramente la crescita interiore, più legata al sapere chi voglio essere, è partita più in ritardo. Modificare i propri comportamenti per correggerli è veramente tosto!
        Grazie per aver letto e risposo
        Francesco

  3. Ciao sensei. È da circa un anno che ho su facebook una ragazza, originaria di un paese vicino il mio, ma che in realtà studia al nord. Da poco tempo abbiamo prima iniziato a messaggiare su facebook, dopodiché mi lascia il suo numero perché vuole che la contatti su whatsapp, e così faccio. Dopo numerosi messaggi e diverse ore di chiamate, comincio a sentire la necessità di conoscerla meglio. E lo stesso fa lei “voglio conoscerti di persona, mi incuriosisci”. Io le parlo apertamente e le dico che da quel poco che abbiamo parlato, mi attira dal punto di vista mentale e le aggiungo anche “che è come se io fossi un libro e lei mi riuscisse a leggere perfettamente”; lei dopo ciò ha cercato di cambiare discorso, giustificandosi e dicendo che per un attimo ha pensato a male e non.vuole più rifarlo, visto che è fidanzata.
    Domani ci saremmo dovuti vedere, ma sfortunatamente, proprio quando lei scende, io sono fuori città e le ho dovuto dare buca all’ultimo. Inutile dire che ci è rimasta quasi male e mi risponde in maniera più “fredda” ai messaggi.
    Alla fine mi ha invitato da lei al nord, per conoscerci meglio specificando che ognuno dormirà nei propri letti, in quanto, appunto, è fidanzata.
    Ora non so cosa fare: andare da lei e farmi ospitare o aspettare l’estate in modo che scenda. Optando per la prima soluzione non vorrei fare la figura del “pupazzetto”, che stai ai suoi comodi. Che ne dici?

  4. Ciao Sensei! Ci tenevo ad aggiornarti su 3 situazioni 🙂
    La prima riguarda una ragazza con la quale ci sono uscito ormai 3 volte, ci parlo più o meno spesso, tuttavia credo ad entrambi non sia scattata la scintilla sessuale. Nel senso a me sta bene uscirci, berci un drink o fare un apero, ma non mi viene spontaneo provarci, nonostante sia una bella ragazza. Probabilmente l’ultima volta che siamo usciti lei si è sentita anche rifiutata, perché stavamo in macchina e mi sono sbrigato a liquidarla (mi aveva preso un fortissimo ed improvviso mal di stomaco…). Adesso lei si fa sentire molto raramente, sono sicuro che se le richiedessi di uscire accetterebbe, però ho paura che tre uscite senza aver fatto nulla siano un pò troppe, quasi mi sembra stupido provarci alla quarta. E’ una situazione rimediabile?
    La seconda riguarda una tipa con la quale mi sono frequentato 3 anni fa, dopodiché lei non si è sentita pronta per una relazione e dunque è finita li. Le riscrivo la scorsa settimana, due messaggi per risciogliere il ghiaccio e le chiedo subito se volesse bere un drink senza che si facesse strane idee. Lei accetta, continuiamo a messaggiare per diversi giorni, cosa che è stata molto piacevole. Un paio di giorni fa lei mi lascia il numero e mi dice di contattarla su whats app (all’inizio parlavamo messenger) di sua spontanea volontà. Ovviamente non la ricontatto subito, ho avuto un pò da fare, dalla notte precedente le rispondo direttamente la sera dopo. Da quel momento il gelo. Risposte scheletriche, oppure proprio non risposte. Avendo comunque maturato un buon rapporto mi permetto di farle notare quanto fosse di poche parole quella sera e dopo avermi chiesto cosa stessi facendo non mi ha più risposto. Mi aspettavo quantomeno un messaggio d’auguri il 31 a mezzanotte, ma nulla. Le gli auguri faccio oggi, chiedendole come stesse ecc ecc, ma ha continuato a rispondermi molto freddamente. So perfettamente che i motivi di questa “freddura” possono essere milioni e devo fregarmene, però un cambiamento così repentino mi ha spiazzato, anche perché la messaggistica era davvero tranquilla, nulla di pesante. Sinceramente vorrei uscirci con lei, ma cosa dovrei fare ora? Ignorarla?
    La terza situazione riguarda la ragazza russa di cui ti ho parlato tempo fa. Volevo solo dirti che dopo un periodo nel quale mi sono allontanato, mi ha cercato un paio di volte dove io ho risposto molto freddamente. Questa sera le ho riscritto, lei mi è sembrata entusiasta ed ho strappato un appuntamento per giovedì. Ti terrò aggiornato!
    Grazie in anticipo e buon anno!

    • 1. Non c’è un tempo limite al “provarci”, mica ha la scadenza.
      2. Ma provare a capire che forse, ma dico forse, questa non sta bene di cervello? E’ un’ipotesi plausibile e certamente dovrebbe farti riflettere.
      3. Goditi l’appuntamento.

      • Ciao Sensei! Ti aggiorno brevemente sulle 3 situazioni.
        1. Ci siamo risentiti qualche volta, ma ho l’impressione che si sia “stufata”. Forse sono stato troppo indeciso con lei.
        2. L’ho ignorata qualche giorno, dove non le ho risposto per poi chiederle di uscire. Ci mettiamo d’accordo fra fatica per far combaciare studio e lavoro (una volta sono stato costretto a darle buca un’ora prima dell’appuntamento per un contrattempo). Ieri finalmente ci esco, serata PESSIMA. Discorsi sterili, poco contatto, a volte quasi ci siamo infastiditi l’uno dell’altra. Per non buttare proprio al cesso due ore della mia vita, ho provato goffamente a baciarla dal nulla e lei si è prevedibilmente rifiutata. L’ho riportata a casa nell’indifferenza più totale ma con una rabbia dentro indescrivibile. Insomma, non sarà stato l’appuntamento dei sogni, ma addirittura scansarsi per un bacio?
        3. L’appuntamento con la ragazza russa, al netto del suo capo che l’ha chiamata diverse volte per motivi di lavoro, è stato molto piacevole. Lei è molto educata, spesso timida, il suo italiano non perfetto magari a volte rallenta la conversazione, che comunque lei per prima cerca di tenere viva. Non provo a baciarla perché in quel momento ho avuto il timore di buttare tutto all’aria, però ci scriviamo la notte stessa dell’appuntamento. Lei mi chiede se non la consideri troppo vecchia per me, se non fossi spaventato del fatto che è divorziata. Scherzo su queste sue osservazioni, sottolineando che non sono certo un problema. Mi riscrive un paio di giorni dopo, per motivi professionali e mi dice che la sera prima era uscita con il suo ragazzo. In sostanza la conversazione finisce li.
        Come volevasi dimostrare in un modo o nell’altro finisco per sbagliare qualcosa. E mi ricollego con quello che ti scrissi la prima volta: non mi sento brutto, non ho paura di lanciarmi su un potenziale partner… poi però quando si tratta di quagliare svanisce tutto. Sono davvero molto demoralizzato.

        • Si impara dalle sconfitte non dalle vittorie. Certo a volte sarebbe bello vincere…
          Detto ciò credo che tu stia iniziando a vedere alcuni tuoi difetti comportamentali, piccole lacune che ti rendono un po’ troppo “bravo ragazzo”. Tu già sapevi come sarebbero andate eppure, per una masochistica speranza sei andato avanti. Una persona più equilibrata e sicura di sé, soprattutto con la prima, le avrebbe mandato un sms di saluti e baci, non ci sarebbe uscito buttando 2 ore di vita e lanciandosi come un cane sull’osso. Consiglio: se una è fidanzata lasciala subito perdere, se vuole qualcosa stai tranquillo che si farà sentire lei, non ci sprecare energie o altro perché è “speciale”, non lo è.

          • Grazie per gli utili consigli!! Ed in effetti sì, comincio a valutare diversamente alcune mie azioni. Non avevo motivo in fondo di uscire con la prima, l’ho fatto quasi per “necessità” di uscire con qualcuna. E probabilmente è trasparito questo mio stato d’animo. Un’unica osservazione: la ragazza fidanzata io non penso in alcun modo che sia speciale, come non lo penso di nessuna. Se ci sono uscito è proprio perché lei si è rifatta viva! Cosa che ha fatto di recente per altre due volte (la prima non le ho neanche risposto). Le ho richiesto di uscire e lei ha accettato di nuovo. Non dovrei farlo?
            Detto questo a me lei attrae fisicamente. Ma non perché mi trovo male a parlare con lei, solo che non cerco storie d’amore, non sto invischiando attrazione sessuale e sentimenti.

  5. Grazie Sensei della risposta

    Ho ancora una domanda il dubbio del regalo/pensiero mi viene da questo. Dovevamo andare ad un concerto insieme e due giorni prima su mia sollecitazione (pensa ho dovuto scriverle io) per avere una conferma mi informa che non stava bene. Io sono andato con un amico, ma il giorno dopo mi sarei aspettato mi scrivesse o mi telefonasse per chiedermi come era andata
    ad esempio. Nulla di tutto ciò.

    Per me è maleducata. Dovrei comunque farglielo notare? o la lascio proseguire per gli affari suoi?
    E così anche altri episodi…
    Grazie

  6. Ciao. Un consiglio

    Conosco una ragazza da tempo. Non ci ho mai provato con lei e questo mi ha fatto passare in “zona amicizia” Lei mi piace. Volevo sapere se è opportuno visto che siamo sotto le feste farle un regalo, un pensiero. Non Le ho mai fatto nulla fino ad oggi.
    Sono un pò titubante su questa faccenda. Grazie a chi mi da un consiglio

  7. Ciao Sensei, ti scrivo di nuovo perché adesso sto veramente in difficoltà. Ti avevo raccontato di essere alla fine uscita con quella ragazza russa che mi aveva detto di essere impegnata. In questi giorni parliamo, lei mi ha cercato diverse volte, poi al momento dell’uscita mi chiede se mi ricordo di “quella piccola particolarità”. Le rispondo che se lei la definisce piccola particolarità non c’è problema e lei mi dice “sì sì”. Visualizzo e non le rispondo, mi chiede nel caso fosse libera sabato cosa le sarebbe aspettato, continuo a non rispondere e mi incita con un “?”. Alla fine le dico visto che hai vinto la precedente sfida ti meriti un premio, andiamo a cena fuori. Questa volta visualizza lei e rimane inattiva da circa un’ora. Non sto capendo che gioco stia facendo, io non le sto dando particolari attenzioni, mi limito a giocarci e provocarla, le avrò chiesto una volta come avesse passato la giornata. Non la sto pressando, il massimo che le ho offerto è un caffè, capita che non le risponda per diverso tempo ed è lei che mi ricerca, questo per dire che sto facendo tutto tranne che il giocattolino. Per carità anch’io le scrivo, ma è una cosa reciproca.
    Devo affondare o mollare la preda? Non capisco se sto sbagliando qualcosa, o è semplicemente stupida.
    Grazie in anticipo!

    • Essendo russa è differente come atteggiamento rispetto a un’italiana, sono diverse. Dice di essere fidanzata, sarà vero? Detto ciò tu sei convinto di non fare “nulla di strano”, ma per me che leggo dall’esterno è chiaro che ti piace e che stai provando a sedurla: lei lo sa. Secondo me è meglio essere chiari piuttosto che ambigui, decidi cosa vuoi e agisci di conseguenza anche a rischio di mandare tutto all’aria.

  8. Ciao Sensei,ho conosciuto una ragazza ad un aperitivo di lavoro, essendo in tanti non abbiamo parlato molto e al momento essendo concentrato sul lavoro non l’avevo poi “notata” molto…il giorno dopo mi ha chiesto l’amicizia su facebook e mi ha scritto su messenger, da li abbiamo parlato della serata e del nostro lavoro…dopo un paio di giorni le ho chiesto di andare a prendere un caffè insieme e mi ha detto di si per la prossima settimana…a tuo avviso ha capito che mi interessa e secondo te lei può essere interessata a me? Grazie…

    • Forse è meglio che leggi il sito perché mi stai facendo delle domande inutili. Se ti piace la seduci, altrimenti no. Non h i superpoteri per capire cosa passa nel cervello di una che non ho neanche mai visto.

  9. Ciao, sarò molto breve.
    Conosco questa ragazza russa all’università, seguiamo un corso in comune, molto attraente fisicamente e più grande quattro anni rispetto a me. Per circa un mese e mezzo non abbiamo modo di interagire, se non qualche sporadico segnale non verbale (tipo si è seduta qualche volta vicino a me, un paio di sguardi), ma non ero interessato ad andare fino in fondo. La settimana scorsa dovevamo comporre dei “gruppi-ricerca”, lei ed un altro tizio erano soltanto in due, quindi colgo la palla in balzo e mi inserisco nel gruppo. Il giorno stesso la contatto su fb, parliamo un pò di come strutturare il lavoro, poi passiamo a parlare sul personale e le chiedo subito di uscire per farle conoscere meglio la città, dato che si è trasferita da un paio di mesi. Lei accetta, parliamo per un paio di giorni su Fb, lei mi propone di andare a pattinare, poi ci organizziamo per il festival del cinema russo, insomma niente di strano. La prima sera lei mi chiede se la mia ragazza non fosse contraria che uscissimo insieme, io le chiedo perché dava per scontato che io fossi fidanzato e lei si mette a ridere e mi risponde con “beh, poteva essere no?”. Oggi le riscrivo per confermare o meno l’uscita di domani e lei mi risponde che è meglio se faccio venire anche qualcun altro perché saprà dirmi solo in mattinata se dovrà lavorare o meno. Le rispondo tranquillamente che non ce ne è bisogno, nel caso in cui dovesse lavorare avremmo semplicemente spostato l’uscita. E lei mi risponde ok, però un’ultima cosa… “io non sono libera, te lo dico solo per fare chiarezza”. Le rispondo che ha fatto bene a dirmelo, essendo lei una bella ragazza poteva accadere che ci provassi. Lei mi dice se non ho cambiato idea domani mattina mi fa sapere se sarà libera o meno. La prendo un pò in giro, del tipo “sì dai mi piacerebbe uscire per fare “chiarezza”” e lei anche la prende a ridere. Controbatto “vedi se ti faccio ridere è un punto a mio favore, comunque mi farebbe piacere uscire con te”. Lei mi risponde “allora se sei pronto alla sfida domani andiamo a pattinare, sempre se non dovrò lavorare”. Chiudo la conversazione con un “certo, mi piacciono sempre le sfide”. Preciso che la fase messaggistica è durata 3 giorni, non ho assolutamente tirato la cosa per lunghe, anzi.
    Insomma, non mi sento insicuro, non ho paura di stuzzicarla, ne di metterla alla prova. Mi aiuta senza dubbio il fatto di avere un fisico muscoloso (faccio sala pesi da 5 anni), ho gli occhi azzurri, ho pochi capelli ma ho la fortuna che la rasatura mi dona e parecchio, mettendo in risalto i lineamenti del viso. Vesto casual e aderente, sono quasi sempre in tiro e profumato, non trascuro nulla del mio corpo, inoltre ho dei tatuaggi che risaltano ancora di più le forme del mio fisico. Non sono sicuramente Brad Pit, sono alto 174 centimetri, insomma non mi sento un modello, però sono molto sicuro di ciò che ho a disposizione e cerco di valorizzarlo.
    Tuttavia questo mi porta ad un’eccessiva sicurezza, del tipo a volte attendo che sia lei che faccia la prima mossa, cerco di non sbilanciarmi mai, capita a volte che prendo un appuntamento e poi non lo rispetto. Questo, se da una parte fa crescere il mio ego, convincendomi del fatto che posso sempre e comunque dirigere io la situazione a mio piacimento. Inutile negare che a lungo andare questo mi ha provocato una serie di insuccessi, soprattutto se la ragazza mi mette di fronte degli ostacoli.
    Quindi a mente fredda ti chiedo: vale la pena uscire con questa ragazza? Perché se a primo impatto ho saputo gestire il suo ostacolo, rimanendo nello scherzo e lanciando qualche frecciatina, adesso ho la sensazione come se mi abbia già sconfitto. Mi immagino l’appuntamento, nel quale lei non farà nulla perché si è già esposta ed io non farò nulla perché intimorito dalla sua precisazione. Se metabolizzo troppo questo pensiero finirà che le darà sicuramente buca, così il mio ego potrà dire: “Wow che maschio! Ti permetti anche di dare buca ad una fighetta di 28 anni per la quale il 90% del genere maschile sbaverebbe dietro”. E il risultato sarà semplicemente che non concluderò nulla.
    Aspetto un tuo consiglio!!

    • Hai compreso che la tua autostima è sottoterra, è già qualcosa. Cosa fare? Affrontare gli ostacoli anziché fuggire come una minchietta insaponata: esci con lei e seducila pur sapendo che lei sta con un altro e che probabilmente andrai in bianco. Hai il carattere per affrontare una sfida “quasi impossibile”? Vediamo.

      • Ciao Sensei, alla fine abbiamo optato per un’uscita a 4 e sono andato all’appuntamento. Non grandioso, nel senso che non ci siamo baciati, ne siamo andati a letto, ma tutto sommato sufficiente. Durante il pattinaggio c’è stato del contatto fisico, abbiamo “danzato” mano nella mano, ci siamo appartati dalla seconda coppia spesse volte. Dopo 10 minuti che l’ho portata a casa lei mi scrive ringraziandomi e chiedendomi se avessi passato una buona serata. Le dico di sì e che se il suo ragazzo non fosse geloso, avrei avuto piacere a replicare l’uscita. Mi risponde che si è divertita e quale sarà la prossima sfida, quindi in sostanza accetta un secondo appuntamento. Mi sento leggermente più tranquillo, se non altro ora ho la sensazione di essermi ben giocato le poche possibilità che avevo. Tuttavia, l’idea di fare un buco nell’acqua persiste e mi infastidisce, spero che questo non condizioni il mio comportamento.
        PS: perché credi che abbia l’autostima sottoterra? Potrebbe darsi, ma non me ne rendo ancora conto. Cioè non mi sento insicuro o non all'”altezza” di lei, semplicemente non vorrei perdere tempo. Grazie per la risposta!

        • Il discorso di perdere tempo è peggio dell’autostima bassa. Che vuoi la certezza del risultato? Comprendi quanto sia di basso profilo questo modo di pensare e CAMBIALO. Interagire con altri esseri umani non può essere valutato su parametri “temporali” o pratici.

          • Ok forse ci stiamo avvicinando al nocciolo del problema e ti ringrazio. Il fatto è che per come sono fatto io mi sembra un messaggio del tutto evidente se prima di uscire una ragazza dica “non sono libera”, quindi mi sembra tutta una perdita di tempo per i miei scopi (farci sesso). Tuttavia cerco di seguire i consigli dei miei amici da una parte e quelli di questo sito dall’altra, provando ad ignorare ciò che mi ha detto ed andare dritto per la mia strada. Non è facile, spesso sono sconfortato, ma ci sto provando.

  10. Ciao Sensei,
    un paio di settimane fa ho conosciuto una ragazza francese su tinder. Non mi piace questo social e soprattutto non cerco solitamente ragazze che abitano distanti (in questo caso a 200km da me). Fatto sta che facciamo due chiacchere e riesce ad incuriosirmi, così le propongo il weekend dopo di fare una cena io e lei dato che ho un amico che ha la casa vacanze vicino a dove vive lei e così avrei colto l’occasione per andare a trovarlo.
    Premetto che questa ragazza ha una situazione piuttosto complicata dato che ha un figlio e da circa due anni si è lasciata con il padre.
    Comunque la sera stabilita ci vediamo, facciamo un aperitivo e dopodichè facciamo un giro e scegliamo insieme un bel ristorantino dove mangiare. La serata prosegue bene, ottima conversazione, lei parla molto. Finita la cena facciamo due passi e arriviamo alla sua macchina dove parliamo ancora un pò. Ci salutiamo con un abbraccio e due baci sulle guance (non me la sentivo di provarci subito, ragazza troppo per bene), e ci promettiamo che ci rivedremo. Dopo circa un ora lei mi scrive un messaggio ringraziandomi e dicendomi che ha passato una piacevole serata. Apprezzo molto il messaggio e le rispondo. Il giorno dopo sapevo che lei era impegnata come mi aveva già detto con il bambino (che sarebbe tornato a casa dopo un pò di giorni fuori), però essendo ancora dalle sue parti provo lo stesso a proporle di rivederci prima della mia partenza. Lei mi conferma che proprio non riesce causa bimbo…Ci scriviamo ancora un pò di messaggi, dopodichè le dico che comunque vorrei tornare su prossimamente e che mi farebbe piacere davvero rivederla chiedendole se facesse piacere anche a lei…E lei mi risponde la fatidica frase dicendomi che sì le farebbe molto piacere, però in amicizia, perchè comunque la sua è una situazione complicata. Non capisco sinceramente, anche perchè mi aveva dato dei segnali molto positivi direi (tipo il messaggio post incontro). Comunque come da tuo consiglio le ho risposto “ok va bene allora vorrà dire che ci vedremo da amici” continuando poi a parlare ancora un pò del più e del meno. Come comportarsi ora?Scomparire per un pò e aspettare che mi scriva lei?Lasciare perdere?Continuare a sentirla e fissare nelle prossime settimane un altro appuntamento?Grazie!

    • Il suo messaggio post incontro non è un segnale positivo (ne negativo), è solo un atto di cortesia che tu hai travisato creandoti aspettative. Altro errore quello di pensare “ragazza per bene” = non baciarla, scherzi? Se ti bacia invece è una mignotta? Si bacia se c’è chimica, interesse, una connessione o anche soltanto attrazione. E poi hai fatto contatto fisico? Se no, in più ti sei dimostrato poco sicuro di te, sei già finito piè pari in zona amicizia e vista la distanza sarà un vero problema uscirne vivi. Per fortuna alla fine le hai risposto nel modo a mio avviso opportuno. Adesso continua l’interazione come era prima dell’incontro e non forzarne un altro, per ora.

  11. Ciao.
    Per caso sono finito sulla tua pagina e leggo alcune storie simili alla mia.
    Tempo fa conosco a una festa di amici questa ragazza. Mi piace e già lì alla festa iniziamo a parlare e scherzare.
    Tempo dopo ci troviamo ad un’altra festa e anche lì ci troviamo benissimo. Mi aggiunge in FB (per quel poco che possa valere) e iniziamo a scriverci. Poco dopo passiamo a sentirci via whatsapp, parlando del più e del meno, di cose sue o mie…Vabbeh, solite discussioni per iniziare a conoscersi.
    Passa qualche giorno e le chiedo di uscire. Ci troviamo in un posto a cenare e anche lì la serata va benissimo.
    Un giorno si offre di accompagnarmi a prendere il regalo di Natale per una coppia di amici comuni (quelli che ci han fatto conoscere), cosa che non mi sarei mai aspettato.
    Altre uscite fino a quella dove mi lancio. Passo a prenderla a casa, usciamo a bere qualcosa e a fine serata la riporto sotto casa. Lì mi distrugge. Scendo dalla macchina e la accompagno al cancello, cerco di baciarla e si volta. Le chiedo quale sia il problema e mi spiega che usciva con me perché le piace la mia compagnia, parlare con me, la faccio star bene. Ma che da parte sua non c’è nulla. E, cosa che mi lascia di stucco, dice “non avevo capito che da parte tua potesse esserci qualcosa” (ti assicuro che era abbastanza palese il mio interesse).
    Dopo essere rimasto lì fermo, bloccato, la saluto e torno alla macchina.
    Passa del tempo senza sentirci. Dopo un po’, a intervalli magari di giorni, mi arrivano messaggi dove mi chiede come sto, che faccio etcetc.
    Inizialmente evito di discuterci troppo, ma da qualche tempo riiniziamo a sentirci spesso (anche telefondandoci, mentre prima eran solo messaggi).
    Ci rivediamo a una festa e di nuovo si ricreano le situazioni delle altre volte in cui ci siamo visti. Ogni tanto mi chiede se vado a qualche serata (dove ci sono altri amici) e tra pochi giorni andremo a un concerto insieme.
    Come posso leggere questi suoi comportamenti?

    • Le fa comodo avere un principe azzurro quando le serve. Lo so che è brutto sentirselo dire ma, da quello che scrivi, mi da l’impressione che ti stia usando. E puoi star certo che ha capito da tempo il tuo interesse. Cambia atteggiamento, aumenta il contatto fisico, l’ironia e flirtaci più che puoi. Vedi se le cose si evolvono

      • Grazie per la risposta.
        Avrei solo un dubbio sulla questione dell’ironia. Non capisco come mi dovrei comportare. Da cosa mi dicono gli altri/e, pare sempre che io sia troppo ironico. Spesso mi viene detto “devi essere più stronzo” o “sei troppo amico”. Fondamentalmente mi tiro da solo la zappa sui piedi da quello che mi dicono.
        Il fatto è che non mi è chiaro cosa dovrei fare. Può una persona fingersi qualcosa che non è? Elimino l’ironia e poi?
        Anzi, nel caso specifico di questa ragazza l’ironia è quella che ci fa stare più vicini. Ma nel contempo (forse facendomi condizionare da quello che dicono altri) ho sempre paura che questa sia anche il freno, la caratteristica che mi faccia vedere come il simpatico che hai piacere avere vicino per ridere (e si torna a quello che mi diceva: “con te sto bene”)

        • L’ironia non ti porta in zona amicizia, ma la mancanza di contatto fisico che genera tensione sessuale. Quindi aumentalo. Tornando all’ironia è una bella dote se dosata, quando è eccessiva può portare a una sorta di disgusto o abitudine che ne affievolisce la portata, aggiungerei anche che essa, di solito, può essere una forma di difesa per timidezza o mancanza di sicurezza. Prova a capire perché ne fai un uso così importante.

          • 🙂 A questo punto penso tu mi legga nel cervello.
            In effetti la timidezza è un mio problema. Diciamo pure il principale.
            Quindi da quello che dici posso pensare che l’uso dell’ironia sia un modo per nascondere questa timidezza. Dovrei sbloccarmi

          • La timidezza va compresa e accettata e con piccoli esercizi si può imparare a controllarla, è un procedimento lungo ma meno complesso di quanto si pensi, basta avere pazienza.

  12. Ciao, vorrei rivolgerti ( spero di esser breve e coinciso ) un’esperienza tutt’ora in atto con una donna conosciuta da circa 15 giorni ( pur avendola come amicizia su Fb da circa un anno ). Iniziata la piacevole chiaccherata conoscitiva via messenger, ho ipotizzato l’idea di andare a cena insieme una sera. Accettata di buon grado nel giro di una settimana ( nella quale ci siamo messaggiati e parlati per ore al telefono ) Lei dimostrava di esser incuriosita e simpaticamente colpita da me. La serata a cena è trascorsa piacevolmente e si è conclusa, alla mia domanda ” spero di rivederti ” con un deciso ” SI certo ” come risposta, con un bacio sulla guancia da parte sua e un ” ti mando un sms quando sono a casa “. In settimana l’ho invitata a prendere un gelato, occasione accolta con piacere da parte di Lei. ALtra serata piacevole in cui si è parlato di tutto e di più e nell’occasione le ho proposto di passare insieme la pasquetta facendo una gita fuori porta. La sua risposta è stata ” ci pensiamo”. La serata si è conclusa con un informale saluto ( anche se sono certo che Lei si sia predisposta, nel commiato, per un bacio diretto… sono io che ho “piegato” il viso lateralmente per il disimpegnato bacio sulle guance. Ora le ho chiesto se mi confermava la sua presenza per pasquetta e lei mi ha risposto ( cito il messaggio testuale ) ” Ciao Marco, per me potremmo fare questa gita, però, io ti vedo come amico e tu indubbiamente magari vorresti qualcosa in più…insomma non lo so..”. Io le ho risposto ” andiamo a fare un giro, passiamo una giornata assieme, amico o non amico. Al che lei ha aggiunto ” ok, te l’ho detto per correttezza. Ora vorrei se possibile se ci sono margini per modificare la situazione venutasi a creare, se lei sta prendendo tempo ( non è ancora convinta d’andare oltre )..a tal proposito aggiungo che all’inizio mi aveva confidato di aver chiuso da poco una storia e che non voleva al momento impegnarsi nuovamente. O a questo punto, trascorrere questa uscita insieme e poi dimenticarla. Grazie , scusa se mi sono dilungato.

    • Ma sedurla? Sembri un contabile che fa i conti sulle spese ed entrare aziendali! O ti sei dimenticato di dirmi che l’hai sedotta, o ci hai provato, oppure il risultato garantito era ed è: “ti vedo come un amico”.

      • Premesso che quella del contabile trovo sia una risposta simpaticamente disarmante 😁, ti confido che sto giust’appunto provando a sedurla. Mi ha fatto specie e, ovviamente, sorpreso la fatidica frase ” ti vedo solo come un amico” che, solo dopo due incontri ben accettati mi son sentito stampare. Ieri nel mentre c’è stata la terza uscita assieme, abbiamo trascorso una piacevolissima giornata al termine della quale ci siamo salutati bacio sulla guancia ed il suo ” che bella giornata abbiamo passato”. Ora il mio unico dubbio è… procedo come se ” quella frase” non sia mai stata pronunciata ( in fondo resta pur sempre una palese dichiarazione) o prendo le distanze per verificarne in lei la mia assenza/presenza ? Ps : dammi pure del messo tributario 😉 Grazie Marco

        • Caro il mio messo tributario adesso è il momento della fuga! L’hai fatta stare bene e lei, probabilmente, si sente quella forte che già ti ha conquistato. e tu levale le sue certezze da sotto i piedi e vedi cosa accade. E’ rischioso perché potrebbe allontanarsi del tutto, però se capita allora significa che lei non ha mai provato nulla di concreto per te o che che la tua seduzione non era “adatta” a lei.

          • Ero certo di aver messo la voce correttamente a bilancio in partita doppia 😀 … come è evidente il rischio d’interesse passivo che ne potrebbe derivare.
            Grazie per il consiglio

          • Buongiorno Sensei 😉 …. dopo 4 giorni di silenzio, nonchè una mezza dozzina di “like” a miei post fb ed instagram, ecco la “voce in bilancio” inaspettata.
            ” Ciao Gioia, buongiorno come stai ? ”
            Non ho ancora preso in esame la risposta ( è arrivata circa 20 min prima di infomarti sui fatti )
            Consiglio, la archivio con distacco “professionale” o la cestino ?

            ps; te la sei cercata dandomi del ragioniere/messo tributario 😀

          • Oddio, allora ci ho preso che sei un ragioniere (o simili)! Battute a parte secondo me dovresti farla attendere, diciamo fino a dopo pranzo e poi le rispondi in modo garbato ma freddo. Come vedi facendoti un po desiderare e aspettando qualcosina si è smosso, magari nulla di risolutivo ma è già qualcosa.

          • Comunque, per tua conoscenza, siamo davanti ad una “segretaria d’azienda”… interlocutrice che visualizza le risposte “attardate” e che si prende a sua volta la strategica attesa nel rispondere 😀

  13. Cioè, ti dico delle cose in più…nei messaggi non sono stato assillante, se non rispondeva lasciavo stare e riprovavo a sentirla dopo un po’, e ho fatto leva sulla “lamentela” sapendo che gli asiatici sono molto attenti alla forma, all’ apparenza e alla buona educazione: l’ ho fatta sentire “cattiva” e l ho convinta a uscire…per telefono, come altre volte in chat, mi sono mostrato semplice, leggero, scherzoso e alla mano e anche lei ridacchiava e stava a chiacchiera…per dire, le ho anche proposto un reale problema di probabilità in cui le chiedevo le probabilità di uscire se la chiamavo tot volte…lo so che questa non è seduzione ma mi interessava solo ottenere un appuntamento. Secondo te sarà controproducente, oppure ho sbagliato?

  14. Ciao Sensei, domani pomeriggio dovrei uscire “per un caffè e solo in amicizia” con una ragazza cinese. L’ ho conosciuta lo scorso febbraio in biblioteca, siamo usciti 3/4 volte, ci siamo baciati diverse volte ma non siamo mai andati a letto. Lei da un giorno all’ altro si è “vaporizzata”, non è più voluta uscire, non rispondeva ai messaggi e via dicendo. Verso metà ottobre mi sono rifatto vivo su whattsup, alternando vittimismo e ironia: ad esempio le dicevo in chat “hai il cuore di ghiaccio”, “mi fai stare male”, lei si scusava del suo comportamento e poi io sdrammatizzavo con leggerezza. Da metà ottobre le ho chiesto di uscire 3 volte e lei mi ha detto di no. Oggi, come una settimana fa, la chiamo, stiamo a chiacchiera al telefono, le chiedo di uscire e lei accetta ma solo in amicizia per un caffè….che ne dici? A me lei piace e voglio sedurla di nuovo, secondo te faccio bene oppure ho forzato la situazione?

  15. Ciao Sensei,
    a Settembre ho conosciuto una ragazza che studia con me; ho iniziato a conoscerla come semplice amico, dato che all’epoca ero impegnato, ma da Dicembre ci frequentiamo sporadicamente. Dopo essere usciti un paio di volte due settimane fa, sempre con alcuni suoi amici, una sera l’ho accompagnata a casa e le ho chiesto un’uscita a due; lei mi ha semplicemente detto che al momento vede un altro e che non vuole frequentare due ragazzi assieme, ma potremmo comunque uscire come amici.
    La mia impressione sulla faccenda e’ stata negativa: in fondo mi ha detto un no, siamo usciti da soli solamente una volta, mi faccio sentire sempre e solo io (anche se una volta mi ha chiesto lei di uscire, sempre con amici), contatto fisico solo da parte mia. Non di meno, non riesco a togliermi il dubbio che non fosse sincera. Onestamente, che ne pensi? Cosa faresti nei miei panni?
    A complicare il tutto c’e’ un particolare, che non so bene quanta rilevanza abbia: lei non e’ italiana, ma neozelandese e io vivo in Scozia. Ho notato che qui alcune regole sociali sono piuttosto diverse, quindi non so bene che pesci pigliare. Secondo la tua esperienza, queste regole di base son universali o dipendenti dal contesto di riferimento?
    Grazie dell’attenzione

    • Ho viaggiato tanto e vissuto all’estero per un po’ e posso dirti che la seduzione è seduzione ovunque. Ci possono essere piccole differenze che però, raramente, sono fondamentali. Esci con lei da amico e seducila, come? Prima regola flirta tanto, gioca sul sesso, mentre sta con te la sessualità e sensualità devono essere il “core” (visto che stai in Scozia, non era romanaccio!) e poi aggiungi tanto contatto fisico, che mi sembra che il tuo sia solo amichevole, spingi un po’ sull’acceleratore (è un rischio ma lo devi correre). Per un po’ giocatela in questo modo, leggerezza, ironia e sensualità. Se poi tra 2-3 settimane non accade nulla allora potrai modificare strategia.

  16. Caro Sensei, stavo frequentando una nuova ragazza. Dopo un paio di uscite la bacio. Qualche giorno dopo mi scrive che é meglio non frequentarsi più perché il bacio non l’ aveva emozionata. Da lí il l gelo: non si é piú fatta trovare. Mi diceva di essere una ragazza timida, poi ho capito che le piace anche stuzzicare e giocare. Quando uscivamo non ha mai mostrato chiari segnali di interesse…a parte chiedermi lei di uscire. Ho capito che se non la cerco poi si riavvicina. All’inizio non mi prendeva molto come ragazza, ma ora farei carte false per averla!
    Ho letto tutti i tuoi manuali ma quando sono con una che mi piace veramente non mi é facile ad esempio ricordare l’ escalation e fare qualche passo indietro se lei non ci sta…
    Vorrei chiederti consiglio ma credo di sapere già la risposta: reset e uscire con altre ragazze per esercitare armi di seduzione 🙂

    • Mi sembra che sei sulla strada giusta, invece ti do un consiglio divero, non farti sentire (come strategia), finchè non lo fa lei e poi fatti desiderare. Non la invitare, rispondi ai messaggi con ore di ritardo, se dovete uscire dalle buca all’ultimo momento… Bastardizzati un po’.

  17. Buongiorno a tutti, volevo chiedere una cosa…ho conosciuto una ragazza l altra sera, il giorno dopo l’ ho aggiunta su facebook e le ho chiesto di uscire quasi subito e lei mi ha detto ok, mi incuriosisci, piacerebbe anche a me conoscerti e mi fai ridere quando scrivi ma te lo dico già adesso che non sei il mio tipo? cosa vuol dire?
    grazie
    Luca

  18. C’è una ragazza, che ho conosciuto tramite delle mie amiche con la quale ci stavo provando da un po’. Ieri ci siamo distaccati dal gruppo (l’ho invitata ad andarci a prendere un gelato in piazza) e, tra una risata e l’altra, ho provato a baciarla. Lei non ci è stata e dopo qualche minuto se n’è andata.

    Ora: io non sicuro se se sia tornata a casa per un motivo o per un altro, e nemmeno mi interessa più di tanto. Ormai ho imparato che le ragazze fanno cose un po’ a caso. L’unico mio dubbio è se dopo questo comportamento dovrei chiamarla io e invitarla ad uscire da soli (sarebbe la prima volta, finora siamo usciti sempre in gruppo), oppure aspettare che si faccia viva lei. O addirittura, dato che sabato ci rivedremo sicuramente, aspettare fino ad allora e comportarsi come se niente fosse successo e fare un secondo tentativo per poi lasciar perdere se non andasse. Esiste una scelta migliore in questo caso?

    • Come scrivo sempre la seduzione non è azione—>retroazione perchè si basa su rapporti interpersonali che di scientifico hanno poco. Devi imparare ad agire in base al tuo istinto e non facendoti mille paranoie su quale azione intraprendere o meno, devi mirare alla tua alphaness, non a fare quello che le ragazze pensi possano desiderare (anche perchè non lo sanno neanche loro). Seducila! E poi la frase “ci stavo provando da un po’” non si commenta…

  19. Concordo con te che fb non serve a niente. ma come posso sedurla dal vivo se non la vedo mai per caso? per quanto riguarda le possibilità, mi riferivo a quelle che ho che accetti di prendere un aperitivo e che lei abbia aperto ad un aperitivo “tra amici”.
    Grazie. Ciao

  20. Ciao Sensei, ti propongo una conversazione che ho avuto in chat su fb con una donna che mi piace, con cui sono amico su fb ma nella realtà conosco molto poco,non è un’amica(ma ci ho voluto provare cmq):

    IO -Ciao.comunque al matrimonio di ieri la più affascinante eri tu!
    LEI -Ma grazie! Fa sempre piacere ricevere un complimento….
    IO -E la verità
    IO – Purtroppo eri accompagnata…ahhah
    LEI -Sono sposata…e’ un dato di fatto!
    IO- Si appunto.Ma me lo avevi detto anche tu che era relativo, parlando in generale…
    LEI -Ah si…non significa che non posso nemmeno salutare un amico come hai potuto notare!
    IO -Certo.Ma tu ti riferivi alle altre sposate, lasciando intendere che ci sono alcune non contente
    LEI -Scusa non ho capito.
    IO- Niente era un discorso generale, perche io avevo detto che speravo di piacere a qualcuna ma purtroppo erano tutte impegnate…
    LEI- Ah si ora ricordo…ma chi ti piaceva? Non mi sembra che ce ne era qualcuna che meritava
    IO -Solo tu appunto…
    LEI- :-)))
    IO- Se non fossi impegnata ti avrei invitato per un aperitivo almeno .Pero pazienza
    LEI – Eh già……Dai nn disperare…se ci incontriamo me lo offrì!
    IO-Cmq è sempre una bella scusa dire che si è sposati per rifiutare un invito quando magari non ti piace qualcuno…
    LEI- Ma che sono sposata non e’ una scusa….e’ vero!
    IO -Quindi se non lo fossi accetteresti ?
    LEI – Guarda prendere un aperitivo con un amico non mi sembra compromettente…se poi le intenzioni sono altre allora si
    IO – Non ti voglio compromettere…
    LEI – Appunto…appena c’incontriamo me lo offrì…..
    Il fatto è che non ci incontriamo mai…
    Cmq se magari ti va di prenderlo fammi sapere…bye

    Fine della conversazione in chat.
    cosa ne pensi di questa conversazione? ho fatto un buco nell’acqua? pensi che ho delle possibilità con lei? devo abbandonarla e aspettare che si fa viva lei o ricontattarla tra un po?
    grazie

    • A parte il fatto che, scusa la franchezza, per una conversazione su fb non è nulla, solo una noia mortale! Per me la seduzione è dal vivo e prima di tutto sta signora tu proprio non l’hai sedotta quindi come pretendi che lei ti dia anche la minima possibilità? Prima seducila, poi vedi.

  21. Caro Sensei, prima delle vacanze ero riuscito a uscire con lei, serata piacevole, ma a fine serata avevo provato a baciarlama si era scostata rifiutando. Io ho fatto finta di niente tenendo sempre il mio umore allegro. Poi con le vacanze non ci saremmo rivisti per un paio di mesi.dato che poi non mi dava più molto retta ho cominciato un reset. Son passate due settimane dal reset, ma settimana prossima avremo un impegno in comune: cosa mi consigli? Continuò col reset non dando le retta o vedo un po’ lei come reagisce quando ci incontreremo a quell’evento? Cominque Ora mi senti piu “forte” dentro!Grazie x i consigli

  22. Quindi ritieni anche tu inutile fare discorsi di incoraggiamento nei suoi confronti ? Del tipo: “Sei forte e sai andare avanti per la tua strada”. Su facebook ha pubblicato uno status in cui parla di sofferenza e tutti si sono accalcati per commentare con le solite frasi fatte “Vai avanti” “Sei bellissima, non puoi soffrire” “Riprenditi la tua libertà”. La mia assenza su tale argomento può apparire come menefreghismo ? E’ molto probabile che oggi o domani la incontri per le vie del centro mentre passeggia con una o più amiche. Dovrei salutarla e parlarle di tutt’altro ? Questa è la questione: come porsi di fronte alla sua situazione senza sembrare menefreghista e senza far finta di niente. Far finta completamente di nulla e parlare del più e del meno ?

    • Ma che sei sua madre o una sua amica? Ti stai dirigendo verso la sagra degli zerbini senza palle! Tutti che le stanno addosso per dirle le solite frasi del cavolo per poi provare a metterle una mano sul culo, ma fai l’uomo e fregatene che si è lasciata,stai bene con lei anzichè caricarti della sual negatività, invece dalle positività e leggerezza.

  23. Carissimo Sensei,
    una mia “amica” (metto tra virgolette perché per me non lo è) si è da poco lasciata con il ragazzo, da circa 1 mese. Cosa posso fare ?
    Nel senso: non posso approcciaer in modo esplicito, non funzionerebbe. Secondo te può funzionare il parlare della sua storia finita ? Io credo fermamente di no. E allora da cosa posso ripartire ? Sono certo che molti avvoltoi la contatteranno per dire “Vai avanti, riprenditi la tua vita ecc”. Io vorrei un approccio diverso, che non parli MAI del passato. Tu cosa dici di fare ?

    • Per prima cosa non do consigli sul cosa dire o su “nuovi approcci”, il mio è un metodo che ti spinge ad un miglioramento personale e di contro aumenta le tue chance di seduzione. In casi come questo non vedo il problema, sai già che non vuoi parlare del passato e mi chiedi come fare? Semplicemente non facendolo! Ricorda che la leggerezza e il contatto fisico, in modo particolare in casi del genere, fanno molto di più di mille parole, gesti eclatanti, dichiarazioni e zerbinaggio spinto.

  24. Caro Sensei, dopo il reset sono riuscito a uscire con lei. Serata piacevole, riso e scherzato, tanto contatto fisico suo e mio: prima di salutarci ho provato a baciarla ma nn c è stata. Mi sembrava che i segnali di interesse ci fossero, ma mi sembra un po’ confusa. Io son rimasto tranquillo. Ci dovremmo vedere x salutarci prima delle ferie: cosa faccio, se la serata va bene riprovo a baciarla o meglio aspettare, anche se con le vacanze non ci vedremo x parecchio? Grazie per i tuoi preziosi consigli!

    • Non c’è per forza uno schema d’azione, vedi come va il vostro prossimo incontro, se è il caso baciala altrimenti aspetta dopo le vacanze.

  25. Caro Sensei, ho un’amica che conosco da poco e vorrei conquistare ma ho fatto degli errori. Mesi fa per una ricorrenza le ho regalato dei fiori, ma dopo la sua reazione fredda me la sono giocata dicando che era un premio e lei se l’è bevuta. Po ci siamo sentiti e visto un po’ di volte e le cose sembravano andare bene. A un certo punto le ho scritto una lettera e da li il gelo. Ora è da un po’ che dovremmo vederci, per “chiarire” ma dopo un po di volte che rimandava per impegni vari le ho detto che a questo punto è meglio non vederci: nel frattempo ho letto il tuo libro su come conquistare una ragazza. Sto facendo il reset,Mi sto mettendo in forma, flirtando con ragazze, e facendo contatto fisico. Nel libro ho capito che dai suoi messaggi del corpo avrei avuto delle possobilità ma non le ho sfruttate: Se lei rompe il reset e insiste per vedersi che faccio? Prima dei 30 giorni dovremmo avere un impegno in comune, faccio caldo freddo, e se va bene ci provo? Grazie molte

    • Leggendo il tuo commento sembra che tu abbia fatto dei bei danni, in pratica hai fatto tutto quello che io definisco “il male”. A questo punto un reset è d’obbligo, leggi BENE gli articoli attinenti, tutto il sito e soprattutto l’ebook Conquista la ragazza che ti piace in cui troverai tutta la strategia necessaria, poi starà ate applicarla a dovere.

  26. ciao sensei, due settimane fa ho conosciuto una ragazza in discoteca, e ho notato che dopo poco mi mandava i primi segnali di interesse(ovviamente avevo già notato quelli di base per non confondermi ecc…), ho fatto un po’ di caldo/freddo e dopo ho iniziato a vedere un interesse abbastanza forte, mi cercava spesso, contatto fisico abbastanza elevato e molti di quei segnali di cui parli negli ebook.
    sabato scorso mi chiede se sono in discoteca x, non le rispondo ma ci sarei andato in ogni caso.
    in quella serata ho fallito qualche test, notavo che cercava sempre il contatto fisico ma a volte non rispondevo, questi errori qua, non ho accelerato insomma.
    verso fine serata mi ha comunque chiesto
    “ma quand’è che mi scrivi quella cosa sul telefono?”
    io:”ah appena ti vedo fuori da qua!”
    lei:”allora una volta usciamo”
    mezz’ora dopo la ritrovo e mi dice
    “ma tu non vieni mai a paese x?”
    io:”se mi chiami posso anche venire”
    lei:”ok allora una volta ci vediamo la”
    Il giorno dopo le ho scritto, non era fredda ma non continuava la conversazione, comunque dopo 2-3 messaggi le ho detto
    “beh mi devi far visitare posto x”
    e lei: “ok allora una volta vieni che ti faccio fare il tuor :)”
    io: “direi di essere libero venerdì”
    e qua mi ha risposto
    “ok allora ti faccio sapere se sono libera per venerdì”

    le ho risposto un ok ed è finita li.

    ora, senza lanciarsi in seghe mentali da guinnes world record, come mai mi ha risposto così? non mi ha più detto nulla sino ad oggi, io l’ho vista come un rifiuto, dici che era un test?
    quel che non mi spiego sia che mi ha mandato segnali molto chiari ma poi mi ha lasciato con questo messaggio, ho sbagliato a non baciarla subito?
    beh dimmi cosa ne pensi, grazie mille!

  27. Sensei sono uscito con una ragazza alla fine quando ci siamo salutati le ho detto se le faceva piacere di vederci di nuovo lei a detto di si poi in settimana le ho detto se era disponibile la domenica o in un giorno della settimana lei mi ha detto che non poteva quindi abbiamo parlato e scherzato su altre cose dopo le ho detto che impressione ti ho fatto quando ci siamo visti lei ha detto che sono un bravo ragazzo e simpatico poi le ho detto se lei aveva veramente intenzione di continuare a frequentarci perche io da parte mia ho interesse nei suoi confronti lei mi ha detto senti io sono sincera e penso che lo hai capito io ti vedi come un amico io non voglio prenderti in giro perche sei un bravo ragazzo sei simpatico ecc ma non sei il mio tipo poi abbiamo chiarito questa situazione e lei mi ha detto che vuole continuare a frequentarmi ma solo come amici cosa dovrei fare?

  28. Nel reset ho flirtato con altre ragazze, fatto un sacco di attività , sto facendo palestra e ho curato il mio aspetto in generale. Quando ci siamo riavvicinati ho usato il “caldo freddo”. Forse dovrei essere più “distaccato” e farmi vedere meno coinvolto anche quando sono con lei? Insomma dovrei essere un po’ più “cattivello” diciamo?

    • La cattiveria non ha nulla a che vedere con la seduzione, vivila come un gioco altrimenti rischi di farti influenzare da emozioni negative. Prova invece ad amplificare ulterioremente il caldo ed il freddo e magari a farla ingelosire. Ovviamente ricorda che devi sedurla, se anche questo non va allora ti consiglio di lasciarla andare.

  29. Caro Sensei, sono di nuovo qui a chiederti un consiglio. Ho letto i tuoi manuali. Ho fatto un reset e ci siamo riavvicinati ma dopo mesi di tira e molla lei mi ha detto che non sa cosa vuole, sta bene da sola e non crede che abbia tempo per avere una storia. è serena così, non dipende da me, non ci sono altri, ma vuole stare da sola. A parte cercare un altra ragazza, cosa mi consigli di fare per conquistarla?

  30. Oggi ho scoperto che nel periodo in cui non ci siamo sentiti lei è andata dal suo ex e la cosa che mi lascia perplesso è che quando è tornata mi ha cercato lei per chiedermi di parlare e dopo che abbiamo parlato mi ha cercato di nuovo come avevo scritto l’altra volta ed è cambiata anche nelle conversazioni ad esempio si arrabbia di più quando magari la provoco oppure quando ho scritto una cosa carina voleva sapere a tutti i costi perché l’avevo detta e cosa avevo notato… Però io forse perché non mi è mai successa una cosa simile non so che fare, mi sento preso in giro non so se andare avanti, non so se arrabbiarmi o mandarla a quel paese… se non si fosse fatta più sentire l’avrei anche accettato ma così proprio non capisco

  31. Ci siamo visti e abbiamo parlato.Non vorrei soffermarmi su quello che ci siamo detti ma più che altro sulle sue reazioni. Intanto la sera prima avevamo avuto una piccola discussione e la sera in cui ci siamo visti mi ha fatto un sorriso enorme ed era visibilmente rossa in viso; mentre parlavamo ci guardavamo negli occhi, c’è stato un po di contatto fisico quello giusto per rompere il ghiaccio e alla fine ci siamo abbracciati dicendoci che avremmo continuato a sentirci. Il giorno dopo è stata lei a scrivermi e anche gli altri 2 giorni; ho avuto l’impressione che fosse confusa, con le parole diceva della cose ma a reazioni e comportamenti diceva l’esatto contrario. Da quello che mi ha fatto capire ha anche un po’ paura di soffrire. Io penso che un’interesse ci sia anche perché gli argomenti delle nostre conversazioni cominciano a cambiare il problema è che purtroppo non abitiamo nella stessa città quindi è importante gestire questo rapporto a “distanza” quindi per vederci bisogna sempre organizzarsi; ho voglia di vederla e di passare più tempo con lei l’unica mia paura è che succeda quello che è successo l’altra volta ovvero che da un momento all’altro è sparita e non ci siamo più sentiti. Ora è più difficile controllare le mie emozioni anche perché ho avuto buone sensazioni, vorrei stare con lei e per questo motivo non voglio buttare tutto all’aria.

    • Sta a lei mantenere i contatti, tu non puoi obbligarla e stai certo che se si dovesse sentire un minimo di pressione addosso scapperebbe in un istante.

  32. Ciao sensei ti aggiorno sulla mia situazione… ti ho raccontato che mi sentivo con una ragazza e siamo arrivati al punto che dovevamo vederci e che lei doveva farmi sapere quando ci saremmo visti in quanto mi avrebbe promesso che saremmo usciti insieme… Arrivato al giorno in cui doveamo sentirci per organizzare l’incontro le ho scritto ma lei non mi ha più risposto e dopo circa 6 giorni decido di scriverle e le chiedo Come va?? Da un semplice come va lei mi risponde dicendomi che vuole mettere le cose in chiaro che mi vede come un amico dicendo anche che io non ci avevo provato con lei (ci siamo sentiti per 2 mesi, le ho lasciato il mio numero, e dopo una settimana mi ha chiamato lei per non elencare anche le volte che mi ha cercato lei di sua spontanea volontà)… abbiamo iniziato a discutere ed io cercavo di farle capire che si era fatta dei film e che io le persone prima le vivo e poi capisco se mi piacciono o meno in poche parole l’ho un po smontata. Infatti da quel momento la discussione è cambiata, ha iniziato a dirmi che non potevo capire cosa se fosse successo, che non mi conosce, che non me ne fa una colpa e soprattutto che me ne avrebbe parlato di presenza. La conversazione si conclude dicendomi che quando sarebbe venuta nella città in cui vivo mi avrebbe avvisato. Dopo ben 20 se non di più giorni in cui non ci siamo completamente sentiti, lei mi manda un messaggio alle 2 di notte con scritto Sabato sera sono li se sei in giro ci vediamo, vedi che non mi sono dimenticata. Ora al di là del fatto che non si fa sentire per 20 giorni e pretende che io a suo comando vada li la domanda che mi faccio è: ma una ragazza che mi dice che mi vede come amico per quale motivo vuoi venire a parlarmene di presenza soprattutto dopo 20 giorni che non ci sentiamo mi scrive che vuole vedermi?? Lasciando stare il fatto che come ha detto lei io non ci ho provato ma da parte mia era una semplice conoscenza, cosa che lei sa ,mi chiedo perché?? Perché quando io le faccio capire che il suo era un film e che ha fatto tutto lei la situazione si ribalta ed è lei che vuole parlarmi di presenza? Sono sincero mi piaceva ma non al punto tale di dire che avrei fatto follie ma perché ancora non la conoscevo bene comunque io una risposta proprio non riesco a darmela… Scusami per la lunghezza del commento.

    • Troppi perchè! Vedi di agire e di farti meno seghe mentali, come ben sai non sono un telepate che si infila nella mente delle donne per poi dare risposte sui loo comportamenti. Sinceramente, anche nella mia vita privata, ho smesso da anni di provare a capirle e di certo ora non mi ci metto per gli altri. Se conosci TpS avrai capito che quello che conta è cosa vuoi tu, non quello che passa per l’anticamera del cervello alla tipa di turno. Riprendi il controllo e agisci di conseguenza, hai gli strumenti per farlo!

  33. ciao sensei ho un problema urgentissimo ho appena comprato l’ebook ma non ho tempo da leggerlo tutto.
    forse è anche troppo tardi per scriverti ma ci provo lo stesso.la mia ragazza da poche ore ex..
    mi ha scritto un messaggio ” non voglio piu farti star male ci ho pensato bene ora mai è un anno che ci conosciamo e ti voglio bene ma non ti amo quindi non voglio piu che mi porti di qua o di la in poche parole non voglio piu che mi fai tutti i regali che mi fai.
    devi risparmiare e domani alle trme è meglio che non andiamo possiamo andare a berci qualcosa in amicizia e pago io! spero che tu accetti questa mia decisione non voglio che esci dalla mia vita di punto in bianco.ti voglio bene P…”
    io in questo ultimo periodo ho avuto molti problemi di salute che mi hanno portato in uno stato mentale disastroso.ho speso molti soldi per curarmi ma ho sempre cercato di fagli fare la vita piu decorosa possibile anche rinunciano a tutto per lei.
    mi sono ridotto in uno stato disastroso a livello mentale e sollo ora me ne accorgo dopo le sue parol.
    comunque ci sono riuscito a convincerla domani di andare comunque alle terme visto che albergo e tutto era gia stato pagato e se voleva farmi riparmiare quello era il metodo peggioe.
    lei mi ha detto ok vengo pero dormiamo in letti separati e non voglio che provi a fare l’amore con me.
    sono disperato non so da che parte cominciare gli ho detto ok va bene in amicizia e se vuoi prendo pure un altra camera!
    come mi posso comportare?? io ho preso l’ebook ma non penso di riuscire a leggerlo entro le 15 di oggi 18 febbraio.
    io non voglio perderla voglio solo lei e questo il mio problema.
    se mi potessi dare qualke consiglio rapido da mettere in atto domani non tanto per portarla a letto ma proprio per farla tornare da me!!
    Grazie in anticipo!

    • Consigli rapidi per riconquistare una ex non ce ne sono, purtroppo. Anche perchè stai drammatizzando il tutto, esagerando, lei comunque prova qualcosa per te e questo deve essere un punto di partenza. Semplicemente goditi il tempo con lei, senza minimamente provarci, falle sentire un po’ di mancanza e dimostrale che sei forte e in brado di vivere e stare bene anche senza di lei. Una donna vuole accanto un uomo forte e sicuro, non un bambino a cui dover badare, questo trasforma l’amore in affetto e attenzioni che sono antiseducenti. Sorridi, divertiti e sii LEGGERO!

  34. Caro Sensei, sto continuando col mio reset, e a parte un suo sms non abbiamo avuto contatti. A Marzo sarà circa un mese dall inizio del reset, ma avremo una riunione di lavoro in cui saremo a stretto contatto tutto il giorno, con probabile cena… Devo dimostrami distaccato e indifferente o piuttosto giocare col “caldo e freddo”?
    Grazie mille per i tuoi consigli

  35. Ciao Sensei! E’ un po’ di tempo che leggo i tuoi articoli, che trovo molto interessanti, e per la prima volta mi faccio avanti per sottoporti la mia situazione. C’è una ragazza che ho conosciuto qualche mese fa, perché lavoriamo nello stesso stabile (anche se in uffici diversi). Quando l’ho conosciuta ero fidanzato, quindi ai tempi non avevo secondi fini, ma da quando sono tornato single mi è venuta voglia di provarci. Dopo un po’ di volte che ci incontravamo casualmente, e scambiavamo due chiacchiere alle macchinette, le ho chiesto di uscire. Lei ha accettato subito e, non solo, ha anche rilanciato con una proposta, così ci siamo scambiati i numeri con l’intento di metterci d’accordo. Ormai è passato quasi un mese da quel giorno e di fatto non siamo ancora riusciti ad uscire, perché lei aveva sempre una scusa per cui non poteva. Io sono stato molto attento ad ogni mossa: le ho chiesto di uscire di persona, anche una volta ottenuto il suo numero ho evitato di mandarle sms che non fossero necessari (ne avremo scambiati una decina in un mese), perché le persone preferisco conoscerle dal vivo, quando le scrivevo per fissare l’appuntamento l’ho sempre fatto in modo leggero, scherzoso. A questo punto, dopo il terzo rifiuto, mi sto chiedendo quale debba essere la mia prossima mossa. Stavo pensando se rilanciare proponendo altri giorni, ma penso che mostrarmi troppo disponibile, al punto da essere disposto a vederla in qualsiasi momento, anche a costo di spostare un altro impegno, non sia una cosa che gioca a mio favore, anzi. Piuttosto sarebbe meglio ritirare l’offerta dal tavolo e non chiederle più di uscire, almeno per un po’, per vedere come si comporta lei. Però mi piacerebbe sapere il tuo punto di vista sulla faccenda. Grazie Sensei!

    • Credo che la tua “strategia” sia giusta, non le proporre più nulla ma ovviamente vedi di incontrarla dal vivo al lavoro senza però mostrarti diverso da prima degli inviti.

  36. Questo articolo m’é piaciuto molto. Non che gli altri non mi piacciano altrettanto, tutt’altro, ma questo m’é parso mandare un messaggio chiaro sulla definizione di maschio Alfa.
    Date le circostanze descritte nell’articolo (caffè con antipatica e, se vogliamo, “provocatoria” premessa dell’uscita in amicizia) anch’io in una situazione del genere sarei stato tentato dal controbattere con un rifiuto. Per la serie “il mio gioco, le mie regole. Non le tue”. E questo concetto di massima può anche essere valido, in linea generale. La cosa importante é come applicare questo principio, la sottile linea che divide gli alfa dai beta. Rifiutare in virtù di quella precisazione sull’amicizia equivarrebbe al puntare i piedi e batterli per terra come un bambino capriccioso. É da beta. L’alfa, da quanto ho capito, é “subdolamente” più furbo. La sua vera forza sta nel tenere fermo in testa l’obiettivo e seguire la rotta nonostante le sollecitazioni e le pressioni esterne. Deve avere chiaro ciò che vuole LUI, non ciò che lei dice di volere. Assecondare, fatti salvi dignità e rispetto, é il suo vero punto di forza e non affatto -come erroneamente si può pensare- una debolezza. É come dire “accetto le tue regole e non mi pesa farlo, e sai perché? Perché anche se non te lo dico esplicitamente, sono sicuro di poterti battere lo stesso anche partendo da 3-0 per te”. Ecco, credo che questo significhi davvero essere Alfa…grazie per lo spunto di riflessione interessantissimo, come sempre. 😉

  37. Salve Sensei; vorrei aggiornarti sulla mia situazione:
    alla ragazza ho chiesto di uscire ad inizio settimana ed ha accettato. Il problema è che stamane, mi scrive che non se la sente di uscire, perché sta poco bene (voglio crederle). Sto notando comunque che non si fa sentire molto spesso (intendo per chat/messaggi) e sono sempre io che le chiedo come sta, come va. D’altronde quando chattiamo, almeno a me è sembrato che non contraccambiasse. Magari mi sto facendo dei pensieri inutili visto che non si può valutare una persona dal modo in cui scrive in chat (o almeno credo che sia cosi). La cosa un pò mi lascia perplesso ma sento che dovrei insistere. Cosa ne pensi? Dovrei continuare con questa storia? Sinceramente non voglio mollare, ma non vorrei risultare “pesante”

  38. In amicizia, certo, allora perché non esci con la tua amica in amicizia ?
    Se volevo uscire in amicizia lo chiedevo ad un amico o magari ad un parente. L’ipocrisia umana nel linguaggio…

  39. Caro Sensei, dal reset si è fatta sentire dopo due settimane mandandomi sms. Ha usato anche dei modi scherzosi che avevo usato io in passato: il mirroring può anche essere con la “parola scritta” o solo “dal vivo”? Io continuò col distacco in attesa che la vedrò tra un mesetto. Ma mi sembra si sia un po’ “riavvicinata”.

  40. Ciao Sensei;
    Vorrei raccontarti la mia storia: lo scorso anno al liceo ho conosciuto una ragazza; per un periodo ci siamo “studiati”, ma io decisi di non concludere (bravo scemo che sono). Terminato il liceo ognuno va per la sua strada in due università diverse. Verso settembre provo a ricontattarla per chat ma, a parte qualche mia domanda, lei sembra non stare al gioco.
    Anno nuovo vita nuova, ma questa ragazza continua a starmi nella testa e così a fine gennaio, la contatto e con prepotenza (metaforicamente parlando), le dico che ho voglia di vederla per fare 2 chiacchiere di persona. Decido quindi di invitarla a uscire. Con mia grande sorpresa accetta.
    Quella sera siamo usciti: abbiamo parlato molto, ci siamo confrontati su vari argomenti, notato che abbiamo cose e gusti musicali in comune; utilizzando il linguaggio del corpo, ho notato che a tratti lei sembrasse interessata a me (collo scoperto e inclinato, giocherellava con i capelli). Non nego che durante la serata, non mantenevo troppo l’eye contact (e me ne faccio una colpa), però sono riuscito a farla ridere spesso. Onestamente non ho cercato troppo il contatto fisico, per non forzarla troppo (e forse ho sbagliato anche qui, ma teneva le mani in tasca quando camminavamo).
    A termine della serata, la riporto a casa dicendole che sono stato molto bene con lei e chiedendole quando possiamo rivederci, un po scherzosamente mi ha risposto “domani”.
    Nel fine settimana mi sono fatto sentire io (anche se speravo che si facesse sentire lei per chat), chiedendole il sabato di uscire ma stavolta ha rifiutato.
    Vorrei chiederti: dovrei aspettare qualche giorno ancora e poi chiederle di nuovo di uscire?
    Cosa ne pensi della mia storia?

    • Che devi andare con calma ed esporti un po’ tu visto il passato, invitala tra un paio di giorni e vedi cosa dice.

  41. Non mi ha scritto e neanche risposto ad una telefonata; non riesco a capire perché di punto in bianco sia sparita, ho provato a pensare se avessi detto qualcosa di sbagliato ma non mi viene in mente nulla anche perché quando parlavamo era tutto molto tranquillo soprattutto lei non sembrava che mi mandasse segnali di allontanamento o cose simili… l’avrei capito… non so che pensare sinceramente e non so che fare soprattutto

  42. Non riesco a capire quale sia il giusto equilibrio tra far capire il mio interesse verso la ragazza in questione e il non esporsi troppo per evitare di essere scoperti quindi di conseguenza rischiare di mandare tutto all’aria. Perché ci sono momenti in cui penso di non essermi esposto abbastanza altri in cui non voglio espormi per evitare di ritorcermi contro la situazione. Adesso ho la sensazione che lei non mi cerchi più apposta per vedere cosa faccio da qui fino a sabato giorno del possibile appuntamento perché mi ha detto che mi farà sapere. Come ti ho già scritto nei commenti precedenti non mi posso lamentare in quanto anche lei ha preso iniziativa in diversi momenti e ora arrivato a questo punto ho voglia di vederla anche perché credo che sia giusto così e non voglio che si perda tutto.

  43. Ciao sensei… ho ascoltato il tuo consiglio e sono andato avanti a sentirmi con quella ragazza di cui ti avevo detto qualche settimana fa e le cose continuano a migliorare anche perché siamo passati dai messaggi alle telefonate; l’altra mattina sono rimasto sorpreso perché, una volta finito il suo ultimo esame, mi ha chiamato dicendomi che sono stato il primo a saperlo che l’aveva superato e da li abbiamo continuato a parlare anche nei giorni successivi. Oggi le ho chiesto di uscire e mi ha detto che era impegnata ma mi ha promesso che saremmo usciti insieme nei prossimi giorni; ascoltando qualche opinione di amici anche in comune mi hanno detto che sono rimasti stupiti dalle attenzioni datemi da lei e che sicuramente non avrebbe senso cercarmi per amicizia. Adesso ti chiedo quando posso chiamarla per richiederle di uscire? Ho questo dubbio perché non vorrei pressarla e mandare tutto all’aria sarebbe un peccato. Ti ricordo che noi ci conosciamo ma per le vacanze e gli esami l’unico modo per parlare era la chat e fortunatamente siamo arrivati alle telefonate. E poi qualche consiglio per l’eventuale uscita
    Grazie

    • Faipassare un paio di “telefonate” senza accennare all’invito e alla terza glielo chiedi in modo leggero ma diretto.

  44. Sensei, perdonami se insisto, ma non mi era mai capitata una situazione simile. Lei è completamente innamorata di lui. Quando siamo insieme non fa altro che parlarmene. Rinunciare, non rientra nella mia indole, però è snervante. Come posso fregarmene di lui se lei non fa altro che parlare di costui ? Grazie ancora in anticipo. Marco.

  45. Salve sensei, innanzitutto ti voglio ringraziare perchè dopo aver seguito assiduamente il tuo sito ed i tuoi articoli, posso affermare di non aver più problemi con le ragazze.Quindi, GRAZIE. Ora però vorrei un consiglio da te, frequento una ragazza in “amicizia” in cui nutro un interesse particolare. Il problema è che sta dietro ad uno da un anno, il quale l’ha solo baciata, nonostante lei fosse stata molto chiara riguardo i suoi sentimenti. Ora la mia domanda é: come posso conquistarla levando di mezzo quella “mummia” ? Grazie in anticipo, Ciao !

  46. Scusa se insisto Sensei, ma ti devo chiedere come mi devo comportare (non mi è mai capitato che una ragazza della mia età faccia così). Per te farei bene a chiamarla questa settimana un giorno si è uno no, parlarci al telefono per cinque minuti e alla quarta telefonata invitarla?

    • Renditi conto di cosa diavolo stai scrivendo: chiamarla un giorno si e uno no ecc… Se uno inizia a ragionare così, secondo me, significa che non sta proprio bene. Sedurre non è una meccanica precisa, ma sentire e lasciarsi andare rischiando, a volte va male, altre va bene. Ma tu non puoi agire in fuznione di quello che lei possa desiderare.

  47. Ciao Sensei, avevo commentato l’ articolo circa una settimana fa, dopo il secondo appuntamento con una ragazza che nonostante l’ escalation del contatto fisico, non si era concluso con un bacio. Ieri ho avuto il terzo appuntamento e per la prima volta lei ha preso l’ iniziativa, mi ha toccato i capelli, mi ha tenuto a braccietto e si è fatta tenere per mano. A fine serata, davanti a casa sua, stavamo naso contro naso (il classico giochino di chi ha il naso più lungo-dice più bugie), allungo le labbra, lei scansa la bocca e si libera dicendomi “il bacio non te lo do”. Allora le tolgo il cappello dalla testa, aspetto che si riavvicini per riprenderselo e provo a baciarla di nuovo, ma lei si scansa e mi dice “non me la sento”. Allora lascio stare e ci diamo un bacetto sulla guancia. Ora, io ho 20 anni, lei ne ha 22 e ti vorrei chiedere se è normale un comportamento del genere.

    • Si è nomale, vuole solo tempo, per quale ragione non ti deve interessare. Tu non metterle pressione e se le piaci vedrai che non ci saranno problemi.

  48. Caro Sensei, ho appena letto il tuo ebook sul percorso della seduzione e l’ho trovato ottimo, letto tutto d’un fiato! La mia ex mi ha lasciato mesi fa perchè “stava bene anche senza di me”, e spiegandomi (in breve) che non le piaceva il mio comportamento timido e il fatto che fosse lei a prendere molte decisioni. Mi ero lasciato prendere dalla routine e avevo dato le cose per scontate. Ci siamo comunque tenuti in contatto via messaggi e telefonate. A volte lei sembra voler tornare con me, a volte non si fa sentire (un caldo freddo ben fatto.. da lei però!). Ora mi ha proposto di rivederci ad un evento.. ho accettato. Mi piacerebbe tornare insieme a lei e non ripetere gli stessi errori, ma credo di esser partito già male, infatti ha organizzato tutto lei! Non so che fare, non mi piace l’idea di farmi veder passivo (ed io tipicamente, nella vita, non lo sono).. come posso ribaltare i ruoli in questa situazione? Un abbraccio

    • La passività ha una radice molto pericolosa: le paure. Quando uno ha paura tende a non agire, a non fare nulla di nulla, per cui per prima cosa prova a capire quali siano le tue effettive paure che ti fanno comportare così. Il cammino da fare è lungo, assolutamente non immediato ma allo stesso tempo possibile dato che hai piena consapevolezza dei tuoi limiti ed hai una motivazione chiara e precisa. Lo so che pensi che l’evento sia una situazione da non mancare, però dipende tra quanto è, se è tra brevissimo ti consiglio di rinunciare e lavorare su te stesso facendo un bel reset di almeno 3-4 settimane nel quale migliori e affronti le tue paure. Se è invece tra almeno una decina di giorni puoi andare solo se in questo periodo lavori, come già detto, su di te. Leggi Riconquistare la ex, per te è più adatto del PdS.

  49. Mi sto rendendo conto che è difficile fare scelte ragionate, agire in modo strategico e allo stesso tempo evitare di essere coinvolto a livello emotivo. Continuo ad essere un po combattuto dentro; da una parte la voglia di andare avanti perché non c’è stato nessun segnale negativo, dall’altra quella di interrompere tutto,evitare un’altra fregatura e continuare a vivere libero da ogni pensiero. Non so cosa voglio veramente non so se mettermi in gioco in maniera più rischiosa… Sono tendenzialmente confuso.

  50. Caro Maestro Sensei, ho acquistato l ebook che mi hai consigliato “come conquistare una ragazza” e l ho divorato in 2 giorni: mi ha aperto la mente! Ho capito che vado bene nella parte di approccio e di ironia…ma mi manca il contatto e spesso sono “orsetto del cuore”!. Ho trovato due frasi fantastiche che son valse la spesa per l ebook ”
    Il tuo valore non si misura dalle donne che hai, ma
    con quanto ardore e coraggio ti butti e affronti le sfide della vita”… (A me piacciono le sfide, altrimenti non sarei finito nel tuo sito) e “Non sei fatto male, o sbagliato, nemmeno troppo brutto o basso o grasso, il tuo unico vero limite sei tu stesso”.
    Detto questo avrei bisogno di un’ altro paio di consigli: ho iniziato la fase di reset come mi avevi detto, ma la incontrerò quasi sicuramente a una conferenza tra due settimane…come mi comporto dato che non saranno ancora passati 30 giorni: col “caldo-freddo”?
    lei è giovane, poco più che vent enne e abbiamo più di 10 anni di differenza…può essere un problema?
    Grazie Sensei e perdona se mi sono dilungato!

    • L’età non conta. Per il reset anche se la vedi salutata e poi ignorala, non sei ancora pronto per sedurla. Devi ancora migliorare, consocere altre ragazze, flirtarci, sedurle, imparare il giusto contatto fisico ecc ecc. La fretta è una pessima consigliera, la forza sta nel saper attendere, e lo so che è difficile.

  51. Sensei stavo pensando che tra articoli che hai scritto e ebook vari chi ti scrive con domande banali dimostra di non aver letto il sito e di non aver comprato gli ebook.
    Perchè un conto è fare una domanda sensata, un approfondimento su un tema, ecc, un conto è pretendere una risposta risolutiva con un messaggio!
    Penso che sei quasi arrivato ad un punto (visto che ormai hai capito quali sono i dubbi e le domande più frequenti) in cui quando ti fanno una domanda puoi evitare di rispondere e mettere durettamente il link relativo all’articolo o all’ebook dove trovare le risposte… In questo modo dovranno fare almeno lo sforzo di leggere!

    • Non è il mio metodo, prima preferisco far capire alcune cose e poi indirizzare. Lo so che non è il modo più efficiente di fare, però credo sia quello migliore per aiutare davvero.

  52. Ciao Sensei: ti avevo scritto prima di Natale, dopo il primo appuntamento con una ragazza. Era andato bene tranne per il fatto che, nonostante avessi fatto kino, lei era rimasta frigida. Ieri secondo appuntamento a base di pizza e gelato in centro (nel frattempo ci eravamo sentiti per telefono un po’ di volte). Ho fatto contatto fisico e ho provato a baciarla in piedi sotto un monumento, di sorpresa mentre camminavamo, su una panchina in un piazza, prima di salire in macchina e davanti al portone di casa sua: ogni volta (tranne quando sono andato di sorpresa-le ho dato un bacio sulla guancia- e sotto casa sulla fronte) anche se la tenevo dai fianchi o dai capelli, manteneva il volto distante dal mio. Quando sono riuscito sotto casa a darle un bacio sulla guancia (di preparazione a quello sulle labbra) lei ne ha approfittato, me ne ha dato uno sul’ altra, si è divincolata e se ne è andata. Abbiamo camminato mano nella mano, mi ha chiesto come deve essere la mia ragazza ideale e dopo mi ha mandato la buona notte via sms, però niente bacio…non voglio diventare un amico.

  53. salve sensei…volevo solo dire che il percorso richiede tempo davvero tanto non si deve avere fretta…piano piano si entra in una forma mentis che davvero ci cambia radicalmente, si matura davvero…ognuno ha il suo percorso con la sua storia di maturazione…il mio percorso è stato caratterizzaato da interruzioni ad ogni step…. mi bloccavo per un po’ e dopo averlo superato mi sono di solito bloccato allo step successivo per poi superarlo nuovamente…se guardo agli anni passati vedo un me che aveva immense difficoltà a uscire o semplicemnte parlare con una ragazza… ero molto davvero troppo complessato a livello fisico per difetti che poi ho risolto…seguendo il percorso dall’inizio ora alla prima uscita mi risulta semplice limonare anche per parecchio tempo e vedo anche che hanno abbastanza piacere… cosa che per me era impossibile prima…per di più ho fatto l’amore e sono stato quindi “pseudo fidanzato” con una ragazza davvero molto carina che ha preso addirittura aerei per venire da me ;… con le italiane sono uscito con qualche ragazza baciandomi subito …ora però il problema… la mia vera esperienza completa è stata con una ragazza straniera con la quale si facevano “fatti” e poche chiacchiere…non riesco cioè ad avere un rapporto… cioè una storia. Mi sembra che non si fidino non lo so..alla seconda uscita già iniziano a spaventarsi a chiedermi che voglio, se voglio solo sesso etc…. cioè nel senso il contatto fisico ok baciarsi ok toccarsi ok allora penso di piacere !? e quindi cm fare per poi andare a letto con loro!?proprio non capisco…cioè lo ammetto di avere un carattere molto particolare ma questa paura che loro hanno di andare a letto con me e stare con me devo capire come superarla…dare maggiore conferme che loro chiedono?non lo so e pure sono un ragazzo abb tranquillo con una cultura etc etc…come devo comportarmi.

    • Tutte le donne sono insicure e desiderano essere rassicurate, specialmente dopo averti baciato o fatto sesso. Non vogliono ne sentirsi “facili” ne usate. Ti basta semplicemente rassicurarle, le dici che ti piace e che vuoi conoscerla meglio, senza fretta e senza pressioni, se poi le cose dovessero andare tanto meglio.

  54. Ciao sensei…. Ultimamente mi sto sentendo con una ragazza che ho conosciuto circa un anno fa e che ho rivisto verso la fine di novembre ad una festa. Da dicembre ad ora abbiamo cominciato a parlare ed è stato un crescendo poiché le conversazioni man mano aumentavano di durata ma anche il livello dei contenuti è andato via via crescendo, solamente che gli esami e le vacanze hanno contribuito a non farci incontrare. Di questa situazione non posso lamentarmi anche perché lei in alcune circostanze ha fatto il primo passo per farsi sentire. In questi giorni però sto avendo la sensazione di non riuscir ad andare oltre non tanto con lei ma da un punto di vista generico nel senso che non ho voglia di prendere un’abbaglio o un’altra fregatura e credo che questo sia il vero problema; generalmente faccio fatica a fidarmi del prossimo sopratutto di una ragazza è come se avessi un po il “timore”ad affezionarmi. Però sono consapevole del fatto che devo fare qualcosa per far sì che la situazione cambi positivamente ed evitare di cadere nella zona di amicizia. Vorrei cercare di ritrovare un equilibrio ma non so come o cosa sia la cosa più giusta.

    • Non c’è una cosa giusta, solo tante esperienze da fare. L’equlibrio non lo trovi sul divano davanti alla tv, ma in giro, vivendo. Mettiti in discussione magari facendo un po’ di attenzione a non lasciarti andare troppo presto, perchè anche il alsciarsi andare con il tempo diviene un’arte.

  55. Caro Sensei, ho letto l anteprima di alcuni tuoi ebook e a breve ne comprerò alcuni: c è una ragazza che mi piace ma ho fatto degli errori nella conquista, ma voglio cercare di recuperare. La conosco da poco, dopo un po’ che messaggiavamo con toni scherzosi su un social network le ho chiesto il numero di telefono e me l ha dato. Ogni tanto la vedo dal vivo perché abbiamo interessi in comune. Mi sembrava che mi desse retta. Pochi giorni dopo che ho avuto il numero era il suo compleanno e ho fatto una cavolata: le ho spedito dei fiori. Lei mi ha ringraziato, mi ha detto che non se lo aspettava, e che per lei sono un amico. Cosa devo fare, non farmi più sentire finché lei non mi cerca , oppure continuare coi messaggi in tono scherzoso? Grazie!

  56. Bell’articolo e molto divertente per il tuo solito modo di scrivere,la tua ironia (”suicidarti sul posto” 😀 ).
    Stavolta mi dici poco di nuovo,immaginavo perfettamente il modo in cui dobbiamo rispondere in questi casi.Non è facile non farsi un minimo deprimere da risposte del genere (o peggiori…) ma partendo dal presupposto che sono loro stesse spesso a non sapere cosa vogliono risulta più facile ignorare la cosa come dici tu ed andar dritto per la nostra strada!
    P.S. Sto leggendo il ”Percorso”,e devo dire che lo trovo un libro straordinario,secondo me il migliore e più completo tra tutti gli ebook tuoi che ho letto.E’ interessantissimo e pieno di consigli pratici su cosa fare,non fare,come comportarsi,quindi vorrei farti i miei complimenti! Davvero! Avrei dovuto leggere questo per primo e non per ultimo! Consiglio vivamente a tutti di comprarlo,a prescindere dalla situazione in cui vi trovate.Leggerlo (e applicarlo!) non potrà che farvi bene! Inoltre penso valga ben più del prezzo a cui è proposto.Ancora complimenti Sensei!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here